Il Milan vince anche a Brescia, ancora decisivo Rebic

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ La Repubblica.it

BRESCIA - Si chiama Ante ed è una sentenza. Ante porta a pensare al latino: prima. Nel calcio, prima di tutto, conta fare risultato. Si chiama Ante, Ante Rebic. Uno specialista: entra e sbanca San Siro assaltato dall'Udinese. Entra a Brescia, nel miglior momento della Cenerentola di Corini, e in mischia trova il corridoio giusto: gol, altri tre punti. L'immagine in casa rossonera, però, è quella di un Pioli arrabbiatissimo con i suoi, soprattutto con un centrocampo svogliato, travolto dalla generosità dei ragazzi di Corini. Vista dall'altra parte, l'ennesima sconfitta, la sesta di fila, è molto dolorosa. Perché il Brescia farà, come accade spesso, incetta di complimenti e di pacche sulle spalle, ma senza portare a casa un solo punto.  La storia dice che l'ultima vittoria sul Diavolo è datata 2003, con gol di Appiah. Dopo di che 18 partite e solo nove pareggi.   Aspetti il Milan e trovi il Brescia
Aspetti il Milan e Ibra, e invece, nel primo tempo, fa meglio il Brescia. In avvio non si direbbe. Lo svedesone si cala nel match come un fine rifinitore e i suoi tocchi in area incutono timore iniziale sui padroni di casa. Ma col passare dei minuti la pressione rossonera, puntellata più da iniziative personali che da una manovra corale (Pioli è spesso costretto a richiamare la sua linea mediana) si affievolisce. E il Brescia, che l'ha preparata bene (non concedere spazio a chi può accelerare e sfruttare un tasso tecnico individuale molto più alto), esce dal guscio, puntellato com'è sulla regia preziosa del solito Tonali, sempre più simile al Pirlo della maturità; ma anche da un Torregrossa che è un'auto ibrida, perché a volte accende il motore dell'attaccante, ma il più delle volte agisce da collante, facendo salire la squadra ben sostenuta sui lati da Bisoli e Sabelli a destra, da Dessena e Mateju a sinistra. Di Ayé si avverte, in avvio, solo il ronzio. Ma quando nella parte centrale del tempo, la crisalide di Corini diventa farfalla, e arriva un perfetto cross in area sul secondo palo, il francese si fa trovare pronto e quasi bolla il primo gol stagionale, non fosse che Donnarumma - quello ospite - continua sulla scia di prodigi visti con l'Udinese e con un balzo toglie dalla porta il preciso colpo di testa.  Ibra, che errore
Anche il Milan ha la sua grossa chance, che nasce sull'unica amnesia - grave però - di Sabelli su Hernandez, l'esterno va sul fondo e mette un pallone solo da spingere dentro sul piede più giusto: Ibrahimovic rifiuta l'omaggio, forse sorpreso dall'eccesso di libertà e il suo tocco morbido finisce fuori di pochissimo. Al Milan mancano giri del motore, è una fuoriserie che non riesce ad alzare i giri. Ma per merito del Brescia cui Corini dà una concretezza vista assai poco quest'anno sul campo di casa.  Il Brescia alza la voce
Nell'intervallo non ci sono cambi, il Milan non decolla. Il Brescia invece parte con più veemenza e al 51' una girata di Torregrossa, in area di rigore, sfiora il palo a Donnarumma battuto. Quattro minuti e il Brescia ci riprova, assist di Tonali per Bisoli che si presenta davanti a Donnarumma, posizione defilata, tiro, il portiere chiude. Un minuto dopo Tonali calcia ancora dalla distanza, sulla palla fiondata si avventa Torregrossa che di piatto infila. Esulta il Rigamonti ma il capitano è in fuorigioco. Il Milan non perviene. Bisogna cambiare. Ci vuole l'elemento che scardini il gioco scolastico. Ecco allora uscire Leao, entra Rebic, insidioso, nel suo essere un po' trequartista e un po' punta. Cioè nel suo porsi tra le linee.   Rebic, soluzione del rebus rossonero
Ma il Brescia non ci fa caso. Insiste. Tira Tonali, blocca a terra Donnarumma, poi è la volta di Torregrossa, un gran sinistro, vince ancora il portiere rossonero. Joronen vede solo un tiro di Calhanoglu uscire di poco. Ma col Brescia sbilanciato, Ibra si fa trovare solo all'ala destra e mette un pallone teso e radente in area, si accende un batti e ribatti da cui esce vincente Rebic, girata sporca e palla in gol.  Beffa per le Rondinelle
Una beffa per il Brescia, un premio immeritato per il Milan. Il Brescia paga dazio nell'ultima occasione in cui si fa trovare sbilanciato. Il finale è ancora a una sola porta, ma Torregrossa è esausto e Donnarumma, subentrato a Ayé, non incide. Il Milan trova gli spazi che bravamente l'avversario gli aveva negato, Hernandez va via centralmente in modo perentorio ma anche estemporaneo, arrivato al limite scarica un siluro che finisce sulla traversa a Joronen battuto. E' l'ultimo brivido del match. Il Milan avvicina l'Atalanta dopo il terzo successo di fila. Gloria o fortuna che sia, sta di fatto che con Ibra il Milan ha vinto tre volte e pareggiato una. Un caso?  

BRESCIA (4-3-1-2): Joronen; Sabelli, Cistana, Chancellor, Mateju; Bisoli (88' Skrabb), Tonali, Dessena (70' Ndoj); Romulo; Torregrossa, Ayé (78' A. Donnarumma).  All. Corini.
MILAN (4-4-2): G. Donnarumma; Conti, Kjaer, Romagnoli, Hernandez; Castillejo, Kessie, Bennacer, Calhanoglu (77' Krunic); Ibrahimovic, Leao (58' Rebic).  All.Pioli.

ARBITRO: Valeri di Roma.
MARCATORI: 26' st Rebic (M), 38' st Castillejo (M).
NOTE: Ammoniti: Sabelli, Skrabb; Conti, Kjaer, Hernandez, Bennacer. Recupero: 1' e  3'.

Tag: #Sport #Calcio #Serie-a #Milan

Altri articoli pubblicati da La Repubblica.it

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ La Repubblica.it

Per la terza settimana consecutiva, il Pd accorcia le distanze rispetto alla Lega. Lo rivela il sondaggio di Ixè sulle intenzioni di voto commissionato dal progamma Cartabianca su Raitre. Rispetto a sette giorni fa il partito di Matteo Salvini è in...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ La Repubblica.it

E' stata sempre presente: dolce, con quel suo sorriso, e determinata. Solo lo scorso 2 agosto non è riuscita a salire sul palco della stazione, la sua salute ormai era fragile. E' morta a Terni a 96 anni Lidia Secci, una delle fondatrici...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ La Repubblica.it

“Sos, Sos... siamo i poveri cristi della Sicilia occidentale e questa è la radio della nuova resistenza. Qui si sta morendo…». Il 25 marzo del 1970 - sì esattamente cinquant’anni fa - furono in pochi, anzi pochissimi, ad ascoltare il messaggio...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ La Repubblica.it

Non si attenua il forte vento che proviene dalla Russia e che ha portato un brusco e consistente calo delle temperature in tutta Italia da lunedì scorso. Per oggi e domani la Protezione civile ha diramato l'allerta meteo su alcune regioni proprio per...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ La Repubblica.it

Si sono ammalate senza che nessuno se ne accorgesse, senza che qualcuno abbia capito come il virus si è insinuato tra le mura di quel convento di Tortona. E sono morte in silenzio, come in silenzio sono vissute. In due settimane è salito a cinque il...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ La Repubblica.it

WASHINGTON - La maggioranza repubblicana al Senato degli Stati Uniti ha annunciato oggi di aver raggiunto con i democratici e la Casa Bianca un accordo su uno "storico" piano da 2.000 miliardi di dollari per rilanciare la prima economia...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ La Repubblica.it

KABUL -  Un gruppo di kamikaze e uomini armati hanno assaltato un tempio della minoranza Sikh a Kabul. Circondati dalle forze di sicurezza, si sono asserragliati nel tempio prendendo in ostaggio almeno 150 fedeli "che stiamo cercando di...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ La Repubblica.it

Una forte scossa di terremoto di magnitudo 7.5 è stata registrata alle 14:49 ora locale (le 3:49 in Italia) al largo della penisola russa della Kamchatka. L'epicentro si troverebbe al largo delle isole Curili, arcipelago della Russia vicino...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ La Repubblica.it

Si aggrava l'epidemia di coronavirus negli Stati Uniti. Sono stati registrati 52.381 casi di coronavirus e 680 decessi (di cui 139 nell'ultimo giorno). Numeri che però non preoccupano Donald Trump: "Stiamo già cominciando a vedere la luce in fondo al...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ La Repubblica.it

BARCELLONA - In questo periodo di quarantena il Barcellona sta provando a portare avanti la trattativa per la riduzione dell'ingaggio dei giocatori a seguito delle conseguenze economiche della crisi da coronavirus. La squadra ha dato la...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ La Repubblica.it

ROMA - La corsa dei consumatori a fare scorte, nell'ipotesi di una progressiva chiusura delle attività a causa del coronavirus, ha fatto registrare nell'Eurozona l'aumento più significativo di prelievo di contante dall'ottobre del...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ La Repubblica.it

"Ti sei accorta anche tu, che in questo mondo di eroi, nessuno vuole essere Robin", canta Cesare Cremonini in una delle sue più belle canzoni, e per molti versi è spiacevolmente vero. Ma è altrettanto vero che ad amare Robin nei molti ...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ La Repubblica.it

ROMA - Una speranza per Alex Schwazer. Il rinvio delle Olimpiadi di Tokyo al 2021 deciso oggi dal Cio, seppur in un momento drammatico come quello che stiamo vivendo a causa della pandemia di coronavirus, apre una chance per il...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ La Repubblica.it

 BERGAMO - Marco Sportiello è il primo giocatore dell'Atalanta positivo al coronavirus. Lo rende noto il club nerazzurro sul sito ufficiale. Il portiere aveva giocato titolare a Valencia il 10 marzo scorso nella gara di ritorno degli...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ La Repubblica.it

La procura di Brescia ha firmato la richiesta di archiviazione nei confronti di Mario Balotelli dall'accusa di violenza sessuale. Per il pubblico ministero Barbara Benzi, infatti, la ragazza che ha denunciato l'attaccante del Brescia non sarebbe...