César, si dimettono i vertici dell'oscar francese

Pubblicato giovedì, 13 febbraio 2020 ‐ La Repubblica.it

PARIGI -  Il cinema francese è scosso da una fronda inedita che ha portato all'azzeramento dei vertici dei César. A sorpresa, l'accademia che organizza l'equivalente degli Oscar in Francia ha infatti annunciato ieri sera le "dimissioni collettive" dei vertici.


A pochi giorni dalla cerimonia prevista a Parigi è un terremoto. Tutto è nato da un appello pubblicato qualche giorno fa da Le Monde firmato da oltre quattrocento attori, registi, autori ed esponenti del cinema per denunciare una "gestione opaca ed elitista". Tanti i nomi che hanno sottoscritto la protesta, da Léa Seydoux a Gilles Lellouche, da Bertrand Tavernier a Omar Sy a Marion Cotillard.


Il testo pubblicato chiedeva un rinnovo completo dei vertici dopo alcuni incidenti. Uno degli episodi scatenanti, secondo quanto riferito dall'attrice Marina Fois che ha partecipato all'appello, è stato il rifiuto da parte dell'Accademia di prendere come madrina per un giovane attore la scrittrice Virginie Despentes. L'effetto della protesta è stato dirompente. Nell'annunciare l'azzeramento dei vertici, l'accademia dei Césars ha spiegato di voler favorire il "ritorno alla serenità e rendere la festa del cinema una celebrazione".


"Queste dimissioni collettive - si spiega nel comunicato - consentiranno un completo rinnovamento della gestione". Tra i punti sollevati nel testo su Le Monde ci sono le "disfunzioni", "l'opacità dei conti" o gli statuti basati sulla "cooptazione". L'elenco dei membri dell'Accademia, composto da 4.700 professionisti del cinema, è segreto. Per farne parte, servono due sponsor interni e aver partecipato ad almeno tre film in cinque anni.


L'edizione di quest'anno dei César era già stata al centro di polemiche per le 12 nomination assegnate a Roman Polanski con il suo film "J'accuse" (uscito in Italia col titolo "L'ufficiale e la spia") dopo che il regista era stato oggetto di nuove accuse di violenza sessuale. Polanski è anche tra i membri della direzione dell'accademia dei César formata da 47 professionisti, di cui 39 uomini. Un altro motivo che ha alimentato le tensioni in una fase in cui si fa strada l'esigenza della parità anche nella settima arte. Diversi gruppi femministi avevano minacciato di voler boicottare la cerimonia prevista il 28 febbraio alla Salle Pleyel. Nei prossimi giorni il Centre national de Cinéma guiderà il rinnovamento dell'accademia e le modifiche allo statuto, con la promessa di una rivoluzione all'insegna della trasparenza e della parità.

Tag: #Spettacoli #Cinema

Altri articoli pubblicati da La Repubblica.it

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

"È un giorno per prendersi una pausa per una onesta, riflessiva e produttiva trasformazione riguardo le azioni che, collettivamente, dobbiamo fare per supportare la comunità nera": così le dirigenti musicali Jamila Thomas e...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

Roma. Il titolo Tiffany è crollato a fine seduta a Wall Street, arrivando a perdere oltre il 13% del proprio valore. A causare la caduta delle quotazioni, le indiscrezione pubblicate dal sito specializzato Women's Wewar daily (WWD),...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

PARIGI - Come l'America per George Floyd, anche la Francia oggi è scesa in piazza. In migliaia hanno manifestato a Parigi in nome di Adama Traoré, 24enne nero morto il 19 luglio 2016 nella caserma di Persan, nella Val...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

Un lungo periodo di lockdown, molto tempo a disposizione, l'obbligo di rimanere a casa e la possibilità di ritrovarsi a sistemare ricordi e organizzare archivi, attività rimandate per anni. E così Gino Castaldo, critico musicale di...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

E' successo di notte, ma loro se ne sono accorti la mattina dopo quando hanno trovato alla finestra la bandiera arcobaleno bruciata e hanno visto il nero del fumo sul muro della loro casa a San Giuliano Terme in provincia di Pisa. "Qualcuno aveva...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

ROMA - Cresce ora dopo ora, in vari Paesi, l'indignazione del calcio e del mondo dello sport in genere, così come la solidarietà nei confronti della vittima, per l'uccisione di George Floyd, 46enne afroamericano morto soffocato...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

"Mi sono offerto volontario per aiutarli, visto che non avevano proprio nulla e dormivano sui cartoni. Non sono qui per combattere una guerra morale, sociale, di razza o colore. Ho inviato il denaro necessario affinché abbiamo un tetto sotto cui...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

Immuni parte in quarta e nel primo giorno scala la classifica delle app più scaricate per iPhone. La soluzione creata dall’azienda milanese Bending Spoons e scelta dal Governo per arginare la pandemia, fin dalla mattina aveva superato tutti e nella...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

Si è aperto con l'Inno di Mameli il concerto organizzato nel cortile dell'ospedale Spallanzani di Roma alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. A eseguirlo il tenore internazionale Francesco Grollo. L'evento è...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

È morto a Milano a 82 anni, dopo una lunga malattia, lo scrittore e giornalista Roberto Gervaso. Autore di numerosi libri di successo, in particolare biografie di celebri personaggi, è stato tra i primi protagonisti della grande divulgazione storica in ...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

Sembra la trama di un feuilleton, invece è la realtà, rivelata da un prosaico, sebbene avanzatissimo, scanner. "Addio mia buona amica, non cesserò di adorarvi": queste dolci, malinconiche parole furono redatte in fondo a una lettera, datata 12 ottobre ...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

Siamo a un passo dall'accordo. Ma serve più tempo. Il governo argentino ha bisogno ancora di trattare, vuole limare qualche mezzo punto al tasso di interesse sul debito. Perché al di là del default tecnico già dichiarato il mese scorso, in queste ore ...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

 La Metropolitan Opera di New York rinuncia alla stagione autunnale a causa dell'emergenza coronavirus, proiettando il famoso palcoscenico della lirica mondiale nella sua peggior crisi finanziaria in 137 anni di storia. Il Met ha chiuso ...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

BERLINO – Un nuovo focolaio di coronavirus è esploso a Gottinga, nella Bassa Sassonia: 36 persone sono state contagiate, una in modo grave, dopo aver frequentato un locale dove si fuma il narghilé (la pipa ad acqua chiamata anche “shisha” o...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

SPEZZETTANO il cibo nel piatto in mille bocconi. Contano le calorie e sentono di aver mangiato troppo. Ogni pasto viene consumato lentamente, perché anche se sono leggeri si vedono sovrappeso. C'è chi invece vuole solo pochi alimenti che seleziona in...