'Alla mia piccola Sama', una mamma e una figlia sotto le bombe di Aleppo

Pubblicato mercoledì, 12 febbraio 2020 ‐ La Repubblica.it

"Nella calma che precede il massacro, quando mi sembra di soffocare, porto Sama fuori dall’ospedale e prendo con me la videocamera. Ho soltanto il bisogno di vedere persone vive. Cercare di vivere qui in modo normale significa resistere al regime". Waad Al-Kateab è una giovane siriana che dal 2012 al 2016 ha filmato gli anni della rivolta e l'assedio ad Aleppo, i ribelli e la resistenza, i feriti e le vittime, le macerie. Filmando, al tempo stesso la propria vita, l’esperienza di studentessa ribelle, l’amore che nasce con il medico attivista e compagno d’infanzia Hamsa, la nascita della loro figlia Sama (il nome significa “cielo”), proprio nell’ultimo anno della guerra che si rivela il più duro. Quando il regime i suoi alleati russi intensificano gli attacchi aerei e gli ospedali vengono bombardati, compreso quello in cui la giornalista ventenne e il marito vivono con la figlioletta.Alla mia piccola Sama è una lettera d’amore a questa bimba nata sotto i missili russi e i barili bomba, simbolo del genocidio dei bambini siriani, arriva in sala oggi.

'Alla mia piccola Sama', il doc nominato agli Oscar arriva in sala in riproduzione.... Condividi  

È il documentario più premiato di sempre e dopo aver vinto l'Efa europeo e il Bafta britannico, è tra i cinque candidati all'Oscar. Ad aiutare Waad Al-Keteab a trasformare in racconto l’enorme mole di documentazione è stato l’inglese Edward Watts, che firma da co-regista. Waad è la voce narrante di Aleppo, nella versione italiana l’ha doppiata Jasmine Trinca. “Questo non è solo un film per me, è la mia vita. Ho iniziato a raccontare la mia storia personale senza un piano preciso. Filmavo le proteste in Siria con il cellulare, come tanti altri. E non avrei mai immaginato che quei giorni di felicità sarebbero diventati un viaggio di perdita e orrore per i crimini inimmaginabili commessi dal regime di Assad”. La giornalista spiega alla figlia, per quando diventerà adulta, quello che è successo e perché hanno deciso finché è stato possibile, di restare ad Aleppo. Continua a filmare tutto quello che vede intorno a sé, dalla gioia di una ribellione che sembrava possibile alla disillusione rispetto al silenzio del mondo che è rimasto a guardare di fronte alla loro disperazione. Conosciamo gli amici e colleghi della coppia, li vediamo nei momenti di umorismo e tenerezza, di alcuni scopriremo la morte, camminiamo al fianco della cineasta, sul pavimento dell’ospedale pieno di sangue piccoli feriti.


Condividi  

Ci sono momenti strazianti, in cui è difficile non girare lo sguardo. Davanti a una madre e un bambino morti, Waad dice “Detesto confessarlo, ma invidio la madre di quel ragazzino. Almeno è morta prima di dover seppellire suo figlio”. Si vedono bimbi feriti, i piccoli corpi di quelli che non ce l’hanno fatta, i piedi tenuti insieme da lembi di stoffa bianca. Ma anche la straordinaria emozione di fronte a una donna ferita che partorisce d’urgenza, il neonato esanime che, per miracolo, torna a vivere. Per la mia piccola Sama consegna anche la prova concreta che il regime mirava strategicamente agli ospedali, come documentato dalle organizzazioni per i diritti umani, a partire da Amnesty international. Waad, Hamsa, Sama e alcune famiglie di amici con cui nel film abbiamo condiviso momenti quotidiani, il cibo che scarseggia, le confidenze, l’umorismo che uomini e donne trovano anche nelle situazioni più tremende, hanno alla fine dovuto abbandonare Aleppo devastata e rifugiarsi all’estero. Waad e Hamsa accompagnano nel mondo il film che è testimonianza della loro storia e manifesto di resistenza, sul tappeto rosso dei festival espongono un cartello: “Non bombardate gli ospedali”.

Tag: #Spettacoli #Cinema

Altri articoli pubblicati da La Repubblica.it

Pubblicato mercoledì, 05 agosto 2020 ‐ La Repubblica.it

MILANO - La proroga del blocco dei licenziamenti causa-Covid fino al 15 ottobre divide in due il mondo del lavoro. Confindustria è pronta ad alzare le barricate contro il provvedimento: “Andava bene per la fase uno e forse come...

Pubblicato mercoledì, 05 agosto 2020 ‐ La Repubblica.it

Scatta un nuovo assalto tariffario nei confronti dei clienti di operatori virtuali per la telefonia mobile. A lanciarlo sono i gestori tradizionali che vogliono recuperare quote di mercato strappate loro da chi offre tariffe più basse. La condizione...

Pubblicato mercoledì, 05 agosto 2020 ‐ La Repubblica.it

MILANO - I sindacati si schierano in trincea contro un possibile ripensamento del governo sulla proroga del blocco dei licenziamenti, inizialmente previsto nell'imminente decreto agosto ma su cui è in corso uno scontro all'interno della ...

Pubblicato mercoledì, 05 agosto 2020 ‐ La Repubblica.it

Le hanno rubato il cellulare e lei ha deciso di lanciare un appello sui social network, non tanto per riavere il telefono quanto per il valore affettivo di ciò che conteneva, ovvero le foto delle sue bambine: Valentina Colombo ha pubblicato il suo post...

Pubblicato mercoledì, 05 agosto 2020 ‐ La Repubblica.it

Si sono intrufolati nel parco archeologico del Colosseo scavalcando i cancelli all'altezza dell'Arco di Tito. I quattro turisti inglesi, uno 17enne e gli altri tutti tra i 18 e i 19 anni, sono stati sorpresi dal personale addetto alla vigilanza privata e ...

Pubblicato mercoledì, 05 agosto 2020 ‐ La Repubblica.it

A 26 anni Enrico Camosci è sul tetto del mondo. Si parla di giochi, nello specifico di Wsop, acronimo di World Sweries of Poker, che in gergo per gli italiani sono "I campionati del mondo di poker". Ragazzo bolognese con la passione per il gaming on...

Pubblicato mercoledì, 05 agosto 2020 ‐ La Repubblica.it

La Federazione olandese di calcio ha ha detto sì: una calciatrice potrà giocare in una squadra maschile nella Quarta Divisione del paese: l'obiettivo è in una maggiore partecipazione futura delle ragazze ai gruppi maschili. Sarà Ellen Fokkema, 19...

Pubblicato mercoledì, 05 agosto 2020 ‐ La Repubblica.it

ROMA - Quaranta articoli cambiano profondamente la vita delle toghe italiane. La "cura" del Guardasigilli Alfonso Bonafede -  una riforma di cui il Pd, ancora ieri, cantava le lodi -  mette lacci e lacciuoli molto stretti per evitare futuri casi...

Pubblicato mercoledì, 05 agosto 2020 ‐ La Repubblica.it

Qualcuno grida al miracolo; altri temono si tratti di uno scherzo fuori luogo. Per don Rocco Arnesano, parroco della chiesa di Sant'Antonio Abate a Carmiano, il vero miracolo è la "processione di persone che, per curiosità o per fede, sono uscite da...

Pubblicato mercoledì, 05 agosto 2020 ‐ La Repubblica.it

Stefano Bonaccini vuole i miliardi di Mes per rifondare la sanità dell'Emilia-Romagna e non esita a sfidare Matteo Salvini e Giorgia Meloni ad un confronto pubblico sui fondi della discordia. Quei fondi "sono anche cantieri che aprono, imprese che...

Pubblicato mercoledì, 05 agosto 2020 ‐ La Repubblica.it

Non è un punto qualunque di Beirut quello che è stato devastato ieri dall'esplosione. Il porto è il cuore economico della città e saltando in aria ha trascinato via con sè quello sociale e culturale: la piazza dei Martiri teatro delle rivolte del...

Pubblicato mercoledì, 05 agosto 2020 ‐ La Repubblica.it

PARIGI - È una storia di silenzi duranti anche anni, e di presunti abusi, quella che il ministero dello Sport ha scritto in un lungo rapporto reso noto martedì e che sta scuotendo il mondo del pattinaggio francese. Ventuno tecnici di...

Pubblicato mercoledì, 05 agosto 2020 ‐ La Repubblica.it

MILANO - Ripartenza positiva per le Borse europee. Sul mercato si registra positivamente l'allentamento delle tensioni tra Stati Uniti e Cina, con i due Paesi che hanno concordato colloqui ad alto livello il prossimo 15 agosto per...

Pubblicato mercoledì, 05 agosto 2020 ‐ La Repubblica.it

BEIRUT - La capitale del Libano è stata devastata da due enormi esplosioni nei pressi del porto, dov'erano custodite 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio, scaricate al porto nel 2013 e poi depositate in un container, che l'hanno...

Pubblicato mercoledì, 05 agosto 2020 ‐ La Repubblica.it

La nave quarantena è rimasta a largo di Lampedusa. Ieri, dopo che i primi 350 migranti sono stati fatti salire sulla Gnv Azzurra, le operazioni sono state interrotte per il maltempo: troppo vento. “Prima o poi dovrà tornare qui a prendere gli altri...