'Alla mia piccola Sama', una mamma e una figlia sotto le bombe di Aleppo

Pubblicato mercoledì, 12 febbraio 2020 ‐ La Repubblica.it

"Nella calma che precede il massacro, quando mi sembra di soffocare, porto Sama fuori dall’ospedale e prendo con me la videocamera. Ho soltanto il bisogno di vedere persone vive. Cercare di vivere qui in modo normale significa resistere al regime". Waad Al-Kateab è una giovane siriana che dal 2012 al 2016 ha filmato gli anni della rivolta e l'assedio ad Aleppo, i ribelli e la resistenza, i feriti e le vittime, le macerie. Filmando, al tempo stesso la propria vita, l’esperienza di studentessa ribelle, l’amore che nasce con il medico attivista e compagno d’infanzia Hamsa, la nascita della loro figlia Sama (il nome significa “cielo”), proprio nell’ultimo anno della guerra che si rivela il più duro. Quando il regime i suoi alleati russi intensificano gli attacchi aerei e gli ospedali vengono bombardati, compreso quello in cui la giornalista ventenne e il marito vivono con la figlioletta.Alla mia piccola Sama è una lettera d’amore a questa bimba nata sotto i missili russi e i barili bomba, simbolo del genocidio dei bambini siriani, arriva in sala oggi.

'Alla mia piccola Sama', il doc nominato agli Oscar arriva in sala in riproduzione.... Condividi  

È il documentario più premiato di sempre e dopo aver vinto l'Efa europeo e il Bafta britannico, è tra i cinque candidati all'Oscar. Ad aiutare Waad Al-Keteab a trasformare in racconto l’enorme mole di documentazione è stato l’inglese Edward Watts, che firma da co-regista. Waad è la voce narrante di Aleppo, nella versione italiana l’ha doppiata Jasmine Trinca. “Questo non è solo un film per me, è la mia vita. Ho iniziato a raccontare la mia storia personale senza un piano preciso. Filmavo le proteste in Siria con il cellulare, come tanti altri. E non avrei mai immaginato che quei giorni di felicità sarebbero diventati un viaggio di perdita e orrore per i crimini inimmaginabili commessi dal regime di Assad”. La giornalista spiega alla figlia, per quando diventerà adulta, quello che è successo e perché hanno deciso finché è stato possibile, di restare ad Aleppo. Continua a filmare tutto quello che vede intorno a sé, dalla gioia di una ribellione che sembrava possibile alla disillusione rispetto al silenzio del mondo che è rimasto a guardare di fronte alla loro disperazione. Conosciamo gli amici e colleghi della coppia, li vediamo nei momenti di umorismo e tenerezza, di alcuni scopriremo la morte, camminiamo al fianco della cineasta, sul pavimento dell’ospedale pieno di sangue piccoli feriti.


Condividi  

Ci sono momenti strazianti, in cui è difficile non girare lo sguardo. Davanti a una madre e un bambino morti, Waad dice “Detesto confessarlo, ma invidio la madre di quel ragazzino. Almeno è morta prima di dover seppellire suo figlio”. Si vedono bimbi feriti, i piccoli corpi di quelli che non ce l’hanno fatta, i piedi tenuti insieme da lembi di stoffa bianca. Ma anche la straordinaria emozione di fronte a una donna ferita che partorisce d’urgenza, il neonato esanime che, per miracolo, torna a vivere. Per la mia piccola Sama consegna anche la prova concreta che il regime mirava strategicamente agli ospedali, come documentato dalle organizzazioni per i diritti umani, a partire da Amnesty international. Waad, Hamsa, Sama e alcune famiglie di amici con cui nel film abbiamo condiviso momenti quotidiani, il cibo che scarseggia, le confidenze, l’umorismo che uomini e donne trovano anche nelle situazioni più tremende, hanno alla fine dovuto abbandonare Aleppo devastata e rifugiarsi all’estero. Waad e Hamsa accompagnano nel mondo il film che è testimonianza della loro storia e manifesto di resistenza, sul tappeto rosso dei festival espongono un cartello: “Non bombardate gli ospedali”.

Tag: #Spettacoli #Cinema

Altri articoli pubblicati da La Repubblica.it

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

"È un giorno per prendersi una pausa per una onesta, riflessiva e produttiva trasformazione riguardo le azioni che, collettivamente, dobbiamo fare per supportare la comunità nera": così le dirigenti musicali Jamila Thomas e...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

Roma. Il titolo Tiffany è crollato a fine seduta a Wall Street, arrivando a perdere oltre il 13% del proprio valore. A causare la caduta delle quotazioni, le indiscrezione pubblicate dal sito specializzato Women's Wewar daily (WWD),...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

PARIGI - Come l'America per George Floyd, anche la Francia oggi è scesa in piazza. In migliaia hanno manifestato a Parigi in nome di Adama Traoré, 24enne nero morto il 19 luglio 2016 nella caserma di Persan, nella Val...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

Almeno cinque autobus della rimessa Atac di via Candoni, alla Magliana, hanno preso fuoco, per cause ancora da precisare, tra le 20 e le 21. Sul posto, oltre ai vigili del fuoco che fino a tarda serata hanno lavorato per far sì che le fiamme non...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

Un lungo periodo di lockdown, molto tempo a disposizione, l'obbligo di rimanere a casa e la possibilità di ritrovarsi a sistemare ricordi e organizzare archivi, attività rimandate per anni. E così Gino Castaldo, critico musicale di...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

E' successo di notte, ma loro se ne sono accorti la mattina dopo quando hanno trovato alla finestra la bandiera arcobaleno bruciata e hanno visto il nero del fumo sul muro della loro casa a San Giuliano Terme in provincia di Pisa. "Qualcuno aveva...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

ROMA - Cresce ora dopo ora, in vari Paesi, l'indignazione del calcio e del mondo dello sport in genere, così come la solidarietà nei confronti della vittima, per l'uccisione di George Floyd, 46enne afroamericano morto soffocato...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

"Mi sono offerto volontario per aiutarli, visto che non avevano proprio nulla e dormivano sui cartoni. Non sono qui per combattere una guerra morale, sociale, di razza o colore. Ho inviato il denaro necessario affinché abbiamo un tetto sotto cui...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

Immuni parte in quarta e nel primo giorno scala la classifica delle app più scaricate per iPhone. La soluzione creata dall’azienda milanese Bending Spoons e scelta dal Governo per arginare la pandemia, fin dalla mattina aveva superato tutti e nella...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

Si è aperto con l'Inno di Mameli il concerto organizzato nel cortile dell'ospedale Spallanzani di Roma alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. A eseguirlo il tenore internazionale Francesco Grollo. L'evento è...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

È morto a Milano a 82 anni, dopo una lunga malattia, lo scrittore e giornalista Roberto Gervaso. Autore di numerosi libri di successo, in particolare biografie di celebri personaggi, è stato tra i primi protagonisti della grande divulgazione storica in ...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

Sembra la trama di un feuilleton, invece è la realtà, rivelata da un prosaico, sebbene avanzatissimo, scanner. "Addio mia buona amica, non cesserò di adorarvi": queste dolci, malinconiche parole furono redatte in fondo a una lettera, datata 12 ottobre ...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

Siamo a un passo dall'accordo. Ma serve più tempo. Il governo argentino ha bisogno ancora di trattare, vuole limare qualche mezzo punto al tasso di interesse sul debito. Perché al di là del default tecnico già dichiarato il mese scorso, in queste ore ...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

 La Metropolitan Opera di New York rinuncia alla stagione autunnale a causa dell'emergenza coronavirus, proiettando il famoso palcoscenico della lirica mondiale nella sua peggior crisi finanziaria in 137 anni di storia. Il Met ha chiuso ...

Pubblicato martedì, 02 giugno 2020 ‐ La Repubblica.it

BERLINO – Un nuovo focolaio di coronavirus è esploso a Gottinga, nella Bassa Sassonia: 36 persone sono state contagiate, una in modo grave, dopo aver frequentato un locale dove si fuma il narghilé (la pipa ad acqua chiamata anche “shisha” o...