The Umbrella Academy: tutti per uno, nessuno per tutti

Pubblicato lunedì, 11 febbraio 2019 ‐ Wired.it

La vedremo il 15 febbraio su Netflix, e... sì, è un’altra serie di supereroi, ma con enfasi su “altra”. The Umbrella Academy è incentrata su un severo miliardario, Sir Reginald Hargreeves, il quale adotta sette bambini nati in diverse parti del mondo lo stesso giorno, nell’ottobre del 1989. Dei fratelli, - Luther, Diego, Allison, Klaus, Numero 5, Ben e Vanya – tutti manifestano poteri sovrumani meno l’ultima. Addestrati severamente per diventare paladini della giustizia, crescono sotto le luci della ribalta finché i rapporti si incrinano tanto da portarli alla separazione, ma sono costretti a mettere da parte i rancori per fermare la fine del mondo.Supereroi con i problemi dei comuni mortali, quale novità. Eppure The Umbrella Academy, serie tratta dai bizzarri e deliziosi fumetti pubblicati una decina di anni fa e ideati dal cantante dei My Chemical Romance Gerard Way (anche produttore dello show) non è scontata quanto sembra. Nei dieci episodi che compongono la prima stagione - trasposizione dei primi sei volumi - di belle idee ce n'è più di una, a partire da un incipit cacofonico dove l’esibizione musicale di Vanya, virtuosa del violino alle prese con un medley da Il fantasma dell’opera di Webber, si sovrappone ai chiassosi squarci sulle frenetiche vite dei fratelli. Educati da un tutore che si rivolgeva loro chiamandoli con un numero (Luther, il leader, Numero Uno, e così via…), con una robotica “Stepford wife” come mamma e uno scimpanzé come maggiordomo, sono diventati adulti psicologicamente fragili, traumatizzati, delusi e arrabbiati.Con queste premesse, sempre sulle note del violino di Vanya e delle composizioni di Jeff Russo (Star Trek: Discovery), The Umbrella Academy scorre su due binari, due linee narrative che si intersecano e seguono – la prima – le imprese degli Hargreeves per scoprire e fermare le cause dell’apocalisse, – la seconda – le dinamiche che sottendono alle spinose relazioni dei fratelli.Ognuno con un specifico trauma da superare e un bagaglio di risentimento da elaborare, fanno della serie un dramma familiare tanto quanto un cinecomic formato Netflix. Nell'ucronia (la storia è ambientata in una realtà leggermente diversa dalla nostra) di The Umbrella Academy tutto gira intorno a un concetto ribaltato di ordinario e straordinario: chi, come Vanya, è cresciuto tra superumani, ha patito decenni di umiliazioni perché in minoranza, essendo l'unica “non speciale”.Tuttavia, il ribaltamento non è così netto: anche Klaus, disadattato (in inglese diremmo “misfit”, come lo era Robert Sheehan, l’attore che lo interpreta, lanciato appunto dalla serie Misfits) amante delle droghe ricreazionali e affezionato paladino della promiscuità sessuale, è vittima dei pregiudizi degli Hargreeves meno eccentrici. Sotto questo aspetto la serie dà il suo meglio e il suo peggio: è impossibile affezionarsi o entrare in empatia con i frustrati Luther (Tom Hopper di Black Sails) e Allison, noiosi e asettici alfa del gruppo, mentre funziona alla grande, per carisma e presenza scenica, il reietto Klaus e in misura minore la complessata Vanya (Ellen Page, già mutante degli X-Men, qui mesta testimonial del fashion genderless) e il macho mammone Diego (David Castañeda, Soldado).L’irlandese Sheehan era già stato un mutante sboccato, logorroico e amante degli eccessi in Misfits, ma qui conquista il livello superiore: stravagante, svanito, isolato e incompreso nella sua infinita malinconia, vive ai margini della società perennemente sminuito dai fratelli convinti che l’abito – in particolare le gonne a portafoglio, le striminzite magliette psichedeliche e i pantaloni di pelle alla Jim Morrison in pendant con l’occhio bistrato – facciano il monaco.La declinazione più supereroistica e action di The Umbrella Academy si rifà senza eclatanti guizzi ai canovacci escatologici (ovvero incentrati sulla fine del mondo) del genere: di serie sui supereroi sono saturi i media, e inventarsi qualcosa di memorabile è sempre più arduo. Il ruolo di showrunner è stato affidato a Jeremy Slater (già sceneggiatore di Fantastic 4 – I fantastici quattro e Death Note, una filmografia che non gioca a suo favore) e Steve Blackman (il quale può fregiarsi di aver lavorato a Fargo e Legion ma – purtroppo – anche ad Altered Carbon e Private Practice).Alla fine, l’appeal dei personaggi, rappresenta il vero motivo di coinvolgimento della serie; per cui, se questa verrà rinnovata, c’è da aspettarsi una seconda stagione più avvincente, quando non vedremo l’ora di sapere cosa ne sarà degli Hargreeves dopo gli eventi esiziali illustrati nella prima.

Tag: #Tv

Altri articoli pubblicati da Wired.it

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Wired.it

Il nuovo metodo taglia lunghi frammenti di dna e promette di essere efficiente, ancora più delle tecniche tradizionali Crispr-Cas9, per le manipolazioni del genoma a lunga distanza. Per la prima volta è stato testato su cellule umane. Ma la tecnica...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Wired.it

Il pianeta che orbita intorno alla stella più vicina al nostro pianeta, potrebbe avere le condizioni adatte per ospitare la vita. A riferirlo è uno studio statunitense secondo cui i raggi Uv sarebbero meno intensi di quelli che riceveva il nostro...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Wired.it

Un gruppo di azionisti chiede di limitare i contratti di Rekognition, il software di riconoscimento facciale sviluppato dal colosso dell ecommerce, bloccando la vendita a governi che potrebbero abusarne. Ma Bezos non vuole far saltare gli appalti. Guerra ...

Pubblicato sabato, 13 aprile 2019 ‐ Wired.it

Perché ci scandalizziamo quando governi e colossi del tech vìolano la nostra privacy? Siamo stati noi, in primis, a permettere a parenti e amici di farlo, con app e software, in nome del diritto di sapere. Dall archivio di Wired, un analisi dell autore ...

Pubblicato sabato, 13 aprile 2019 ‐ Wired.it

Abraham Lincoln è forse il più celebre presidente degli Stati Uniti, ed è anche il più studiato. Ma sulla sua monumentale figura sono nate anche diverse leggende; dalle speculazioni sulla sua sessualità ai complotti governativi per la sua...

Pubblicato mercoledì, 10 aprile 2019 ‐ Wired.it

Fraintesa e sminuita, la depressione è la prima causa di disabilità al mondo, e in Italia colpisce una persona su 20. Per aiutare un depresso si deve guardare in faccia il suo dolore: la storia di chi convive con la più incomunicabile delle sofferenze

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

Non si tratta di prevedere il futuro ma di produrre simultaneamente, attraverso un complesso algoritmo quantistico, tutti i potenziali esiti di una determinata operazione, per poter scegliere al meglio. Un gruppo di fisici è riuscito a realizzare un...

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

È stata analizzata la chiavetta usb della donna arrestata mentre cercava di intrufolarsi nel resort in Florida del presidente degli Stati Uniti: era caricata con un malware autorun. E altri software di attacco sono stati trovati nella sua stanza di...

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

Nel 1999 veniva proposta, per la prima volta, la possibilità di catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera per contrastare l’avanzata del riscaldamento globale. Klaus Lackner, autore di quel primo, seminale, paper ci racconta oggi a...

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

Secondo una ricerca americana, i nutrienti assunti tramite gli alimenti sarebbero in grado di portare a un minor rischio di morte per tutte le cause, incluso il cancro. Un dato che non è stato però osservato per i nutrienti contenuti negli integratori...

Pubblicato lunedì, 08 aprile 2019 ‐ Wired.it

Una ricerca su animali potrebbe spiegare perché l Mdma - o ecstasy - è risultato efficace nelle persone con disturbo post-traumatico da stress. Il composto riapre particolari finestre temporali, legate alla crescita, in cui gli stimoli esterni...

Pubblicato lunedì, 08 aprile 2019 ‐ Wired.it

Leggendo loro 5 libri al giorno arriveranno alle scuole elementari avendo sentito un milione e mezzo di parole, mentre se non si legge mai ne avranno ascoltate solo 4.600. Un vocabolario più ampio è importante anche per parlare meglio e per imparare a...

Pubblicato sabato, 06 aprile 2019 ‐ Wired.it

Con il fragore di un tuono, si abbatte sui cinema italiani Shazam!, il film più scanzonato e ironico dell universo cinematografico dedicato ai supereroi Dc Comics. Ma chi è Billy Batson? Ecco le saghe per scoprire tutti i retroscena dell eroe teenager

Pubblicato venerdì, 05 aprile 2019 ‐ Wired.it

Lo stop è una forma precauzionale, visto che per ora non è stato provato il nesso causale tra protesi mammarie macro-testurizzate e una rara forma di tumore al sangue. Intanto il ministro della salute ha richiesto un parere del Consiglio superiore di...

Pubblicato venerdì, 05 aprile 2019 ‐ Wired.it

Nei laboratori dell università della Georgia sono venute al mondo le prime lucertole geneticamente modificate. Un passo importante per studiare la genetica dei rettili, ma anche per migliorare il trattamento di malattie legate agli occhi degli esseri...