Se le auto elettriche si parlano con gli elettrodomestici

Pubblicato lunedì, 11 febbraio 2019 ‐ Wired.it

In un mondo digitale, in cui l'elettrificazione delle macchine è in costante aumento, la necessità di una lingua comune è imprescindibile. A tutto ciò sta pensando Eebus, progetto europeo per la promozione di una rete di dialogo per la gestione energetica nell'Internet of things. All'interno di un edificio, per esempio, le auto elettriche, gli elettrodomestici, i sistemi di climatizzazione e le altre applicazioni dovranno condividere e coordinare le esigenze di alimentazione per scongiurare sovraccarichi di linea o peggio ancora blackout. In sintesi, dovranno avere la capacità di parlarsi per spostare l'energia dalla rete elettrica ai sistemi di stoccaggio, e viceversa, con l'obiettivo di garantire a tutti un approvvigionamento energetico affidabile.In questa prospettiva l'auto elettrica giocherà un ruolo di primo piano nel definire i confini dell'energia digitale del futuro. Come dispositivo di accumulo, infatti, l'auto può assorbire i picchi di carico della rete. Le vetture – ferme per gran parte della giornata – sono soggetti ideali per la ricarica flessibile. Percepiti come un aggravio per la rete elettrica, fungono anche da dispositivi di stoccaggio capaci di adattarsi in funzione della disponibilità "variabile" delle fonti di energia rinnovabile come quella solare ed eolica.Tutto ciò richiede l'esistenza di una connessione tra le grandi fonti di energia e gli utilizzatori così da garantire una gestione intelligente dei fabbisogni. Questa è la ragion d'essere di Eebus: una comunicazione intersettoriale e senza soluzione di continuità all'interno del sistema energetico del futuro che porterà alla creazione di uno standard europeo capace di garantire la massima connessione trai principali fautori d'energia in ambito domestico.Un futuro che è già stato testato durante il Plugfest e-mobility del 28 e 29 Gennaio presso lo stabilimento Audi di Bruxelles. Nel sito produttivo della nuova auto elettrica e-tron, i membri del progetto Eebus, tra cui appunto Audi, hanno testato il nuovo standard di comunicazione “aperto” per verificare la capacità di dialogo degli impianti fotovoltaici, dell’infrastruttura di ricarica, delle auto elettriche e dei sistemi di climatizzazione domestica.I dispositivi sono stati connessi mediante la piattaforma Hems (Home Energy Management System) di terze parti. Tramite connessione wi-fi, i loro input sono confluiti alla centrale di controllo che ha consentito a tutti i dispositivi di condividere le informazioni in merito al fabbisogno energetico individuale.  Questa soluzione permetterà alle auto elettriche di sfruttare la massima potenza consentita dall’impianto elettrico di casa tenendo conto delle altre utenze collegate alla rete domestica ed evitando il sovraccarico dell’impianto. Tra le prime a sfruttare questo nuovo standard ci sarà sicuramente Audi e-tron, che raggiungerà presto le prime concessionarie.

Tag: #Energia

Altri articoli pubblicati da Wired.it

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Wired.it

Il nuovo metodo taglia lunghi frammenti di dna e promette di essere efficiente, ancora più delle tecniche tradizionali Crispr-Cas9, per le manipolazioni del genoma a lunga distanza. Per la prima volta è stato testato su cellule umane. Ma la tecnica...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Wired.it

Il pianeta che orbita intorno alla stella più vicina al nostro pianeta, potrebbe avere le condizioni adatte per ospitare la vita. A riferirlo è uno studio statunitense secondo cui i raggi Uv sarebbero meno intensi di quelli che riceveva il nostro...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Wired.it

Un gruppo di azionisti chiede di limitare i contratti di Rekognition, il software di riconoscimento facciale sviluppato dal colosso dell ecommerce, bloccando la vendita a governi che potrebbero abusarne. Ma Bezos non vuole far saltare gli appalti. Guerra ...

Pubblicato sabato, 13 aprile 2019 ‐ Wired.it

Perché ci scandalizziamo quando governi e colossi del tech vìolano la nostra privacy? Siamo stati noi, in primis, a permettere a parenti e amici di farlo, con app e software, in nome del diritto di sapere. Dall archivio di Wired, un analisi dell autore ...

Pubblicato sabato, 13 aprile 2019 ‐ Wired.it

Abraham Lincoln è forse il più celebre presidente degli Stati Uniti, ed è anche il più studiato. Ma sulla sua monumentale figura sono nate anche diverse leggende; dalle speculazioni sulla sua sessualità ai complotti governativi per la sua...

Pubblicato mercoledì, 10 aprile 2019 ‐ Wired.it

Fraintesa e sminuita, la depressione è la prima causa di disabilità al mondo, e in Italia colpisce una persona su 20. Per aiutare un depresso si deve guardare in faccia il suo dolore: la storia di chi convive con la più incomunicabile delle sofferenze

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

Non si tratta di prevedere il futuro ma di produrre simultaneamente, attraverso un complesso algoritmo quantistico, tutti i potenziali esiti di una determinata operazione, per poter scegliere al meglio. Un gruppo di fisici è riuscito a realizzare un...

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

È stata analizzata la chiavetta usb della donna arrestata mentre cercava di intrufolarsi nel resort in Florida del presidente degli Stati Uniti: era caricata con un malware autorun. E altri software di attacco sono stati trovati nella sua stanza di...

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

Nel 1999 veniva proposta, per la prima volta, la possibilità di catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera per contrastare l’avanzata del riscaldamento globale. Klaus Lackner, autore di quel primo, seminale, paper ci racconta oggi a...

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

Secondo una ricerca americana, i nutrienti assunti tramite gli alimenti sarebbero in grado di portare a un minor rischio di morte per tutte le cause, incluso il cancro. Un dato che non è stato però osservato per i nutrienti contenuti negli integratori...

Pubblicato lunedì, 08 aprile 2019 ‐ Wired.it

Una ricerca su animali potrebbe spiegare perché l Mdma - o ecstasy - è risultato efficace nelle persone con disturbo post-traumatico da stress. Il composto riapre particolari finestre temporali, legate alla crescita, in cui gli stimoli esterni...

Pubblicato lunedì, 08 aprile 2019 ‐ Wired.it

Leggendo loro 5 libri al giorno arriveranno alle scuole elementari avendo sentito un milione e mezzo di parole, mentre se non si legge mai ne avranno ascoltate solo 4.600. Un vocabolario più ampio è importante anche per parlare meglio e per imparare a...

Pubblicato sabato, 06 aprile 2019 ‐ Wired.it

Con il fragore di un tuono, si abbatte sui cinema italiani Shazam!, il film più scanzonato e ironico dell universo cinematografico dedicato ai supereroi Dc Comics. Ma chi è Billy Batson? Ecco le saghe per scoprire tutti i retroscena dell eroe teenager

Pubblicato venerdì, 05 aprile 2019 ‐ Wired.it

Lo stop è una forma precauzionale, visto che per ora non è stato provato il nesso causale tra protesi mammarie macro-testurizzate e una rara forma di tumore al sangue. Intanto il ministro della salute ha richiesto un parere del Consiglio superiore di...

Pubblicato venerdì, 05 aprile 2019 ‐ Wired.it

Nei laboratori dell università della Georgia sono venute al mondo le prime lucertole geneticamente modificate. Un passo importante per studiare la genetica dei rettili, ma anche per migliorare il trattamento di malattie legate agli occhi degli esseri...