Sacrifichereste una vita umana per un robot?

Pubblicato lunedì, 11 febbraio 2019 ‐ Wired.it

Robot contro essere umano: quanto vale un androide? E saremmo disposti a sacrificare una vita umana per una macchina? Questa la domanda che si sono posti alcuni scienziati della università di Radboud nei Paesi Bassi e dalla università Ludwig Maximilian di Monaco. Per rispondere hanno interpellato un gruppo di partecipanti umani. La sorpresa è che in certi casi i partecipanti non metterebbero a rischio un robot, soprattutto se dalle sembianze umane, per salvare un gruppo di persone. Il risultato, solo teorico e frutto di risposte a un questionario, mostra come i robot stiano entrando a far parte della società e come sia necessario affrontare anche aspetti morali sul loro uso nella nostra vita. I risultati sono pubblicati sulla rivista Social Cognition.I robot sono ormai utilizzati nei campi più disparati, da quello militare, per disattivare bombe e mine antiuomo, a quello domestico, per le faccende di casa, dalla medicina fino all'intrattenimento e all'educazione. Così questi robot, dalle fattezze sempre più simili a quelle dell'essere umano, sta entrando nella nostra quotidianità. “Siamo a conoscenza del fatto che il personale militare possa piangere un robot utilizzato per disattivare mine antiuomo”, spiega la scienziata Sari Nijssen, prima autrice del paper ed esperta di scienze comportamentali. “Per loro vengono organizzati dei funerali”.Per questa ragione, prosegue la ricercatrice, il gruppo ha voluto comprendere fino a che punto si spinge l'empatia verso i robot e quali principi morali influenzano le scelte e i comportamenti messi in atto verso queste macchine. “Finora poche ricerche sono state svolte in questo ambito”, sottolinea Nijssen. Gli autori hanno individuato la domanda centrale da indagare: in quali circostanze e in quale misura le persone sarebbero pronte a sacrificare un robot per salvare degli esseri umani? Per capirlo hanno svolto alcuni esperimenti, prospettando a partecipanti umani scenari diversi a partire da questa situazione.I ricercatori hanno selezionato un gruppo di quasi 100 studenti dell'università di Radboud cui sono state mostrate delle immagini di diversi robot sugli schermi dei loro computer. Ai partecipanti è stato chiesto se e quanto fossero pronti a sacrificare un essere umano, un robot umanoide – una macchina intelligente la cui struttura riproduce quella umana – con una fisionomia antropomorfa (con il viso umano e in tutto e per tutto uguale ad un essere umano) e in ultimo ancora un robot qualsiasi chiaramente riconoscibile come una macchina. Il tutto per salvare un gruppo di persone ferite, che rimangono anonime e non vengono visualizzate sul computer. Il robot in certi casi è stato descritto come un essere compassionevole o con le sue percezioni, esperienze e pensieri.Quando il robot era percepito dai partecipanti come essere senziente, con pensieri e emozioni, i partecipanti erano propensi ad impedire (circa nella metà dei casi) che il robot fosse sacrificato piuttosto che salvare “persone rimaste anonime”. “Quanto più il robot veniva presentato come umano e quanto più gli venivano attribuiti sentimenti”, illustra Markus Paulus, docente di Psicologia dello sviluppo all'Università Ludwig Maximilian di Monaco e coordinatore dello studio, “tanto meno i partecipanti erano disposti a sacrificarlo. Questo risultato indica che il nostro campione attribuisce in qualche misura uno stato etico al robot”. Una possibile implicazione di questo risultato, prosegue Markus, è che il tentativo di umanizzare i robot potrebbe non andare molto lontano: lo sforzo di farlo somigliare all'essere umano entra in conflitto con l'obiettivo del robot, quello di salvarci – almeno in ambito militare.“Un robot dalle sembianze umane”, conclude Nijssen, “può suscitare sensazioni e spingere a comportamenti che sono in contrasto con la funzione per cui è stato sviluppato - aiutarci. Ed ora la questione è se questo sia desiderabile per noi”.

Tag: #Lab

Altri articoli pubblicati da Wired.it

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Wired.it

Un nuovo studio ha analizzato il dna delle popolazioni che abitavano l’Inghilterra nel neolitoco, quando venne edificato il celebre circolo di pietre megalitiche. Rivelando che giunsero sull’isola dopo una lunga migrazione, iniziata, appunto, dalle...

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Wired.it

Il nuovo metodo taglia lunghi frammenti di dna e promette di essere efficiente, ancora più delle tecniche tradizionali Crispr-Cas9, per le manipolazioni del genoma a lunga distanza. Per la prima volta è stato testato su cellule umane. Ma la tecnica...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Wired.it

Il pianeta che orbita intorno alla stella più vicina al nostro pianeta, potrebbe avere le condizioni adatte per ospitare la vita. A riferirlo è uno studio statunitense secondo cui i raggi Uv sarebbero meno intensi di quelli che riceveva il nostro...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Wired.it

Un gruppo di azionisti chiede di limitare i contratti di Rekognition, il software di riconoscimento facciale sviluppato dal colosso dell ecommerce, bloccando la vendita a governi che potrebbero abusarne. Ma Bezos non vuole far saltare gli appalti. Guerra ...

Pubblicato sabato, 13 aprile 2019 ‐ Wired.it

Perché ci scandalizziamo quando governi e colossi del tech vìolano la nostra privacy? Siamo stati noi, in primis, a permettere a parenti e amici di farlo, con app e software, in nome del diritto di sapere. Dall archivio di Wired, un analisi dell autore ...

Pubblicato sabato, 13 aprile 2019 ‐ Wired.it

Abraham Lincoln è forse il più celebre presidente degli Stati Uniti, ed è anche il più studiato. Ma sulla sua monumentale figura sono nate anche diverse leggende; dalle speculazioni sulla sua sessualità ai complotti governativi per la sua...

Pubblicato mercoledì, 10 aprile 2019 ‐ Wired.it

Fraintesa e sminuita, la depressione è la prima causa di disabilità al mondo, e in Italia colpisce una persona su 20. Per aiutare un depresso si deve guardare in faccia il suo dolore: la storia di chi convive con la più incomunicabile delle sofferenze

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

Non si tratta di prevedere il futuro ma di produrre simultaneamente, attraverso un complesso algoritmo quantistico, tutti i potenziali esiti di una determinata operazione, per poter scegliere al meglio. Un gruppo di fisici è riuscito a realizzare un...

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

È stata analizzata la chiavetta usb della donna arrestata mentre cercava di intrufolarsi nel resort in Florida del presidente degli Stati Uniti: era caricata con un malware autorun. E altri software di attacco sono stati trovati nella sua stanza di...

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

Nel 1999 veniva proposta, per la prima volta, la possibilità di catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera per contrastare l’avanzata del riscaldamento globale. Klaus Lackner, autore di quel primo, seminale, paper ci racconta oggi a...

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

Secondo una ricerca americana, i nutrienti assunti tramite gli alimenti sarebbero in grado di portare a un minor rischio di morte per tutte le cause, incluso il cancro. Un dato che non è stato però osservato per i nutrienti contenuti negli integratori...

Pubblicato lunedì, 08 aprile 2019 ‐ Wired.it

Una ricerca su animali potrebbe spiegare perché l Mdma - o ecstasy - è risultato efficace nelle persone con disturbo post-traumatico da stress. Il composto riapre particolari finestre temporali, legate alla crescita, in cui gli stimoli esterni...

Pubblicato lunedì, 08 aprile 2019 ‐ Wired.it

Leggendo loro 5 libri al giorno arriveranno alle scuole elementari avendo sentito un milione e mezzo di parole, mentre se non si legge mai ne avranno ascoltate solo 4.600. Un vocabolario più ampio è importante anche per parlare meglio e per imparare a...

Pubblicato sabato, 06 aprile 2019 ‐ Wired.it

Con il fragore di un tuono, si abbatte sui cinema italiani Shazam!, il film più scanzonato e ironico dell universo cinematografico dedicato ai supereroi Dc Comics. Ma chi è Billy Batson? Ecco le saghe per scoprire tutti i retroscena dell eroe teenager

Pubblicato venerdì, 05 aprile 2019 ‐ Wired.it

Lo stop è una forma precauzionale, visto che per ora non è stato provato il nesso causale tra protesi mammarie macro-testurizzate e una rara forma di tumore al sangue. Intanto il ministro della salute ha richiesto un parere del Consiglio superiore di...