Sacrifichereste una vita umana per un robot?

Pubblicato lunedì, 11 febbraio 2019 ‐ Wired.it

Robot contro essere umano: quanto vale un androide? E saremmo disposti a sacrificare una vita umana per una macchina? Questa la domanda che si sono posti alcuni scienziati della università di Radboud nei Paesi Bassi e dalla università Ludwig Maximilian di Monaco. Per rispondere hanno interpellato un gruppo di partecipanti umani. La sorpresa è che in certi casi i partecipanti non metterebbero a rischio un robot, soprattutto se dalle sembianze umane, per salvare un gruppo di persone. Il risultato, solo teorico e frutto di risposte a un questionario, mostra come i robot stiano entrando a far parte della società e come sia necessario affrontare anche aspetti morali sul loro uso nella nostra vita. I risultati sono pubblicati sulla rivista Social Cognition.I robot sono ormai utilizzati nei campi più disparati, da quello militare, per disattivare bombe e mine antiuomo, a quello domestico, per le faccende di casa, dalla medicina fino all'intrattenimento e all'educazione. Così questi robot, dalle fattezze sempre più simili a quelle dell'essere umano, sta entrando nella nostra quotidianità. “Siamo a conoscenza del fatto che il personale militare possa piangere un robot utilizzato per disattivare mine antiuomo”, spiega la scienziata Sari Nijssen, prima autrice del paper ed esperta di scienze comportamentali. “Per loro vengono organizzati dei funerali”.Per questa ragione, prosegue la ricercatrice, il gruppo ha voluto comprendere fino a che punto si spinge l'empatia verso i robot e quali principi morali influenzano le scelte e i comportamenti messi in atto verso queste macchine. “Finora poche ricerche sono state svolte in questo ambito”, sottolinea Nijssen. Gli autori hanno individuato la domanda centrale da indagare: in quali circostanze e in quale misura le persone sarebbero pronte a sacrificare un robot per salvare degli esseri umani? Per capirlo hanno svolto alcuni esperimenti, prospettando a partecipanti umani scenari diversi a partire da questa situazione.I ricercatori hanno selezionato un gruppo di quasi 100 studenti dell'università di Radboud cui sono state mostrate delle immagini di diversi robot sugli schermi dei loro computer. Ai partecipanti è stato chiesto se e quanto fossero pronti a sacrificare un essere umano, un robot umanoide – una macchina intelligente la cui struttura riproduce quella umana – con una fisionomia antropomorfa (con il viso umano e in tutto e per tutto uguale ad un essere umano) e in ultimo ancora un robot qualsiasi chiaramente riconoscibile come una macchina. Il tutto per salvare un gruppo di persone ferite, che rimangono anonime e non vengono visualizzate sul computer. Il robot in certi casi è stato descritto come un essere compassionevole o con le sue percezioni, esperienze e pensieri.Quando il robot era percepito dai partecipanti come essere senziente, con pensieri e emozioni, i partecipanti erano propensi ad impedire (circa nella metà dei casi) che il robot fosse sacrificato piuttosto che salvare “persone rimaste anonime”. “Quanto più il robot veniva presentato come umano e quanto più gli venivano attribuiti sentimenti”, illustra Markus Paulus, docente di Psicologia dello sviluppo all'Università Ludwig Maximilian di Monaco e coordinatore dello studio, “tanto meno i partecipanti erano disposti a sacrificarlo. Questo risultato indica che il nostro campione attribuisce in qualche misura uno stato etico al robot”. Una possibile implicazione di questo risultato, prosegue Markus, è che il tentativo di umanizzare i robot potrebbe non andare molto lontano: lo sforzo di farlo somigliare all'essere umano entra in conflitto con l'obiettivo del robot, quello di salvarci – almeno in ambito militare.“Un robot dalle sembianze umane”, conclude Nijssen, “può suscitare sensazioni e spingere a comportamenti che sono in contrasto con la funzione per cui è stato sviluppato - aiutarci. Ed ora la questione è se questo sia desiderabile per noi”.

Tag: #Lab

Altri articoli pubblicati da Wired.it

Pubblicato martedì, 23 luglio 2019 ‐ Wired.it

Le coperture vaccinali sono in aumento, anche grazie all obbligo del 2017. Ma per il morbillo non si è ancora arrivati a una percentuale di vaccinati a 2 anni di età del 95%, la soglia minima Oms che individua l immunità di gregge. Tutti i dati...

Pubblicato martedì, 23 luglio 2019 ‐ Wired.it

Facciamo sentire la nostra voce! , Vogliamo cambiare i trattati Ue! tuona il ministro nei comizi (reali e virtuali). Un proclama che nasce e muore lì. Nella scorsa legislatura Ue, nessun rappresentante della Lega ha preso parte alle 22 riunioni...

Pubblicato martedì, 23 luglio 2019 ‐ Wired.it

Dal video decontestualizzato che mostra un bambino portato via dalla famiglia fino alla foto di Maria Elena Boschi con una persona estranea ai fatti, passando per il discorso attribuito a un prete ma in realtà tenuto da un sedicente esorcista, ecco...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Wired.it

In due interventi su Facebook le popstar avvalorano la tesi del silenzio dei media sull inchiesta Angeli e demoni , uno dei cavalli di battaglia degli avvelenatori da social. Semplicemente non è così: basterebbe sfogliare un giornale, di carta o...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Wired.it

La tv commerciale potrebbe aver avuto un impatto sulla politica. A dirlo è un nuovo studio appena pubblicato sull American Economic Review, che ha analizzato l impatto di Mediaset sui voti elettorali degli italiani per Forza Italia e Movimento 5 stelle

Pubblicato domenica, 21 luglio 2019 ‐ Wired.it

Come si prepara la prossima generazione di data scientist? Quali competenze devono essere trasmesse agli studenti per prepararli al mondo del lavoro che verrà? Ecco cosa ne pensa l università Bocconi, a partire dall esperienza del propri centri Bidsa e ...

Pubblicato venerdì, 19 luglio 2019 ‐ Wired.it

Nessuno è mai morto a causa della materia oscura. Oggi un nuovo studio di tre fisici statunitensi simula una situazione in cui particelle macroscopiche di materia oscura possano venire in contatto col corpo umano e causarne la morte. Per ora nessun...

Pubblicato venerdì, 19 luglio 2019 ‐ Wired.it

Difficile fare un conto esatto, ma tutte le stime oscillano tra i 25 e i 28 miliardi di dollari. Tenendo conto dell inflazione, si parla di una cifra che dovrebbe stare tra i 150 e i 250 miliardi di euro attuali, che è grossomodo quanto ci costa ogni...

Pubblicato venerdì, 19 luglio 2019 ‐ Wired.it

Dal cappellino con ventilatore che funziona a energia solare a quello con pannelli fotovoltaici integrati nella visiera che carica lo smartphone fino a quello che deumidifica la testa scongiurando le gocce di sudore, ecco la top ten di berretti perfetti...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Wired.it

That s one small step for a man, one giant leap for mankind , incluso il controverso articolo indeterminativo inglese a . Abbiamo messo insieme 7 motivi per cui ha senso includere quella parola un davanti a uomo , anche se c è chi continua a...

Pubblicato mercoledì, 17 luglio 2019 ‐ Wired.it

Tra l ideatore del metodo Stamina e il guru dello stile di vita Life 120 le analogie non mancano. Allo stesso tempo, però, ci sono elementi che fanno di Panzironi una versione più evoluta dello stesso trend, soprattutto in termini di strategie...

Pubblicato giovedì, 11 luglio 2019 ‐ Wired.it

Un piccolo studio inglese riporta l’attenzione sul bisogno di sangue anche in ambito veterinario: i proprietari spesso non sono consapevoli del problema. Ma quando c’è disponibilità ci sono anche gli strumenti, all’estero come in Italia. Ecco...

Pubblicato giovedì, 11 luglio 2019 ‐ Wired.it

Impersonando alla perfezione l archetipo del mago, il guru dello stile di vita Life 120 è protagonista di un sistema di comunicazione auto-celebrativo. Grazie a format creati ad hoc e all assenza di un vero contraddittorio, è facile illudersi che stia...

Pubblicato mercoledì, 10 luglio 2019 ‐ Wired.it

Quello del giudice barese che imponeva contratti di schiavitù sessuale , ripropone le dinamiche e domande etiche del caso Weinstein: da una parte l orco, dall altra la vittima che accetta di non sottrarsi al sistema in nome di una carriera, che qui non ...

Pubblicato mercoledì, 10 luglio 2019 ‐ Wired.it

Tra annunci esagerati e previsioni catastrofiche, a leggere le notizie di IlMeteo.it ci sarebbe poco da star tranquilli. Per fortuna si tratta perlopiù di enfasi giornalistica, con qualche escamotage strategico ben studiato per avere successo online