Riprendono due studi che potrebbero rendere più pericolosa l’influenza aviaria

Pubblicato martedì, 12 febbraio 2019 ‐ Wired.it

Dopo più di quattro anni di pausa, riprenderanno due studi di laboratorio che hanno l'obiettivo di modificare i virus dell'influenza aviaria in modo da renderli più potenti, più trasmissibili e quindi più rischiosi per noi esseri umani. Ad annunciarlo è uno speciale della rivista Science, secondo cui uno dei due progetti avrebbe già ricevuto finanziamenti dall'Istituto nazionale per le allergie e le malattie infettive (Niaid) del National Institutes of Health (Nih) e inizierà tra qualche settimana, mentre l'altro è ancora in attesa di un finanziamento.L'intento di questi studi, ricordiamo, è proprio quello di rendere i virus dell'influenza ancora più forti e più trasmissibili, per riuscire a sviluppare strategie efficaci contro i patogeni in rapida evoluzione che rappresentano una minaccia per la salute globale. Questa tipologia di studi, conosciuti anche come gain-of-function (Gof), avrebbe lo scopo di creare super-virus più mortali e facilmente trasmissibili, di modo che si possa studiare il preciso meccanismo con cui questi virus si evolvono e capire come interagiscono con l’ospite. Usando tutte queste informazioni, la comunità scientifica potrà provare a fermali, sviluppando farmaci antivirali in grado di allontanare la possibilità di un’epidemia.Ma non tutti sono d'accordo: molti studiosi, infatti, ritengono che alcuni di questi studi siano così tanto rischiosi da dover essere limitati o addirittura vietati. Tuttavia, come vi avevamo raccontato tempo fa, lo statunitense Nih aveva annunciato a dicembre del 2017 di voler revocare la sospensione (indetta dall'amministrazione Obama nel 2014) dei finanziamenti per le ricerche che prevedono, appunto, la produzione in laboratorio di virus più letali. Nel 2015, un report pubblicato dal National Science Advisory Board for Biosecurity (Nsabb), aveva evidenziato che la maggior parte delle ricerche Gof non rappresentano una seria minaccia per la salute pubblica. E, un report rilasciato in seguito a una massiccia valutazione dei rischi di mille pagine che aveva esaminato praticamente tutto, dalla probabilità che il guanto di un ricercatore si perforasse a un criminale che irrompeva in un laboratorio, includeva una serie di linee guida per l’approvazione futura di queste ricerche in futuro, che sono oggi alla base di quelle del Nih.“Siamo lieti che il governo degli Stati Uniti abbia valutato i rischi e i benefici di questa tipologia di studi e sviluppato nuovi meccanismi di supervisione. Sappiamo che comporta dei rischi, ma riteniamo che sia importante per proteggere la salute umana” , ha commentato uno dei ricercatori dello studio appena approvato, Yoshi Kawaoka dell'Università del Wisconsin- Madison e dell'Università di Tokyo. L'altro gruppo di ricercatori che riceverà il via libera a breve è coordinato, invece, da Ronald Fouchier dell'Erasmus Medical Center di Rotterdam, in Olanda.Ricordiamo che nel 2011 Fouchier e Kawaoka avevano allarmato il mondo intero, rivelando di aver condotto ricerche nelle quali avevano modificato il virus dell'influenza aviaria H5N1 in modo tale da renderlo capace di trasmettersi da un furetto all'altro per via aerea (sperimentazioni che erano state entrambe sospese). E ora, il comitato del dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti (Hhs) ha approvato proprio gli stessi studi di Kawaoka e Fouchier che scatenarono il panico ben 8 anni fa: il 10 gennaio scorso, infatti, Kawaoka ha ricevuto dal Nih il suo finanziamento, mentre Fouchier lo riceverà solamente dopo un'ispezione del suo laboratorio da parte dell'Hhs, prevista per marzo prossimo. Entrambe le sperimentazioni includeranno l'identificazione delle mutazioni di H5N1 che consentono di trasmetterlo tramite via aerea, dei cambiamenti molecolari che rendono il virus più virulento e le mutazioni che compaiono quando viene trasmesso in un gruppo di furetti.Ovviamente, i due ricercatori dovranno rispettare l'elenco di requisiti che riflettono i nuovi criteri di revisione dell'Hhs. Per esempio, dovranno immediatamente notificare al Niaid se si identifica un ceppo H5N1 che è in grado sia di diffondersi tramite via aerea nei furetti, sia altamente patogeno, sia che sviluppa una resistenza ai farmaci antivirali.

Tag: #Biotech

Altri articoli pubblicati da Wired.it

Pubblicato martedì, 23 luglio 2019 ‐ Wired.it

Le coperture vaccinali sono in aumento, anche grazie all obbligo del 2017. Ma per il morbillo non si è ancora arrivati a una percentuale di vaccinati a 2 anni di età del 95%, la soglia minima Oms che individua l immunità di gregge. Tutti i dati...

Pubblicato martedì, 23 luglio 2019 ‐ Wired.it

Facciamo sentire la nostra voce! , Vogliamo cambiare i trattati Ue! tuona il ministro nei comizi (reali e virtuali). Un proclama che nasce e muore lì. Nella scorsa legislatura Ue, nessun rappresentante della Lega ha preso parte alle 22 riunioni...

Pubblicato martedì, 23 luglio 2019 ‐ Wired.it

Dal video decontestualizzato che mostra un bambino portato via dalla famiglia fino alla foto di Maria Elena Boschi con una persona estranea ai fatti, passando per il discorso attribuito a un prete ma in realtà tenuto da un sedicente esorcista, ecco...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Wired.it

In due interventi su Facebook le popstar avvalorano la tesi del silenzio dei media sull inchiesta Angeli e demoni , uno dei cavalli di battaglia degli avvelenatori da social. Semplicemente non è così: basterebbe sfogliare un giornale, di carta o...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Wired.it

La tv commerciale potrebbe aver avuto un impatto sulla politica. A dirlo è un nuovo studio appena pubblicato sull American Economic Review, che ha analizzato l impatto di Mediaset sui voti elettorali degli italiani per Forza Italia e Movimento 5 stelle

Pubblicato domenica, 21 luglio 2019 ‐ Wired.it

Come si prepara la prossima generazione di data scientist? Quali competenze devono essere trasmesse agli studenti per prepararli al mondo del lavoro che verrà? Ecco cosa ne pensa l università Bocconi, a partire dall esperienza del propri centri Bidsa e ...

Pubblicato venerdì, 19 luglio 2019 ‐ Wired.it

Nessuno è mai morto a causa della materia oscura. Oggi un nuovo studio di tre fisici statunitensi simula una situazione in cui particelle macroscopiche di materia oscura possano venire in contatto col corpo umano e causarne la morte. Per ora nessun...

Pubblicato venerdì, 19 luglio 2019 ‐ Wired.it

Difficile fare un conto esatto, ma tutte le stime oscillano tra i 25 e i 28 miliardi di dollari. Tenendo conto dell inflazione, si parla di una cifra che dovrebbe stare tra i 150 e i 250 miliardi di euro attuali, che è grossomodo quanto ci costa ogni...

Pubblicato venerdì, 19 luglio 2019 ‐ Wired.it

Dal cappellino con ventilatore che funziona a energia solare a quello con pannelli fotovoltaici integrati nella visiera che carica lo smartphone fino a quello che deumidifica la testa scongiurando le gocce di sudore, ecco la top ten di berretti perfetti...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Wired.it

That s one small step for a man, one giant leap for mankind , incluso il controverso articolo indeterminativo inglese a . Abbiamo messo insieme 7 motivi per cui ha senso includere quella parola un davanti a uomo , anche se c è chi continua a...

Pubblicato mercoledì, 17 luglio 2019 ‐ Wired.it

Tra l ideatore del metodo Stamina e il guru dello stile di vita Life 120 le analogie non mancano. Allo stesso tempo, però, ci sono elementi che fanno di Panzironi una versione più evoluta dello stesso trend, soprattutto in termini di strategie...

Pubblicato giovedì, 11 luglio 2019 ‐ Wired.it

Un piccolo studio inglese riporta l’attenzione sul bisogno di sangue anche in ambito veterinario: i proprietari spesso non sono consapevoli del problema. Ma quando c’è disponibilità ci sono anche gli strumenti, all’estero come in Italia. Ecco...

Pubblicato giovedì, 11 luglio 2019 ‐ Wired.it

Impersonando alla perfezione l archetipo del mago, il guru dello stile di vita Life 120 è protagonista di un sistema di comunicazione auto-celebrativo. Grazie a format creati ad hoc e all assenza di un vero contraddittorio, è facile illudersi che stia...

Pubblicato mercoledì, 10 luglio 2019 ‐ Wired.it

Quello del giudice barese che imponeva contratti di schiavitù sessuale , ripropone le dinamiche e domande etiche del caso Weinstein: da una parte l orco, dall altra la vittima che accetta di non sottrarsi al sistema in nome di una carriera, che qui non ...

Pubblicato mercoledì, 10 luglio 2019 ‐ Wired.it

Tra annunci esagerati e previsioni catastrofiche, a leggere le notizie di IlMeteo.it ci sarebbe poco da star tranquilli. Per fortuna si tratta perlopiù di enfasi giornalistica, con qualche escamotage strategico ben studiato per avere successo online