Quali sono gli 8 competence center in Italia per sviluppare l’industria 4.0

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Wired.it

I competence center erano una priorità del primo piano industria 4.0, presentato dall’ex ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda. La rete burocratica e le altalene politiche ne hanno ritardato la partenza.  Ora è definitiva la graduatoria, pubblicata sul sito del ministero dello Sviluppo economico (Mise), con i finanziamenti attribuiti ai progetti presentati, e potranno essere messe a fattor comune le competenze 4.0. Competence center nasceranno, o sono nati, a Torino, Milano, Bologna, Pisa, Padova, Napoli, Roma, Genova. Come da progetto, lo scopo è orientare le imprese e formare gli imprenditori verso progetti di innovazione e ricerca. Si tratta di centri costruiti in parternariato pubblico-privato.L'11 gennaio 2019 è stato presentato Made, il competence center per l’industria 4.0 della Lombardia. In testa il Politecnico di Milano, al lavoro con 39 aziende e le università di Bergamo, Brescia e Pavia. Aprirà i battenti a settembre del 2019 nel campus Bovisa, nella cintura nord ovest del capoluogo lombardo, vicino a realtà dedicate all’innovazione, come PoliHub, l’acceleratore dell’ateneo milanese che ospita 113 realtà imprenditoriali, e la Joint Platform del Politecnico di Milano con la Tsinghua University di Pechino.“Non lo consideriamo un competence center regionale, ma nazionale fino ad ambire a essere anche internazionali”, dice Ferruccio Resta, rettore del Politecnico di Milano. “Stiamo pensando di fare rete con altri competence center europei sul tema del manifatturiero. Creeremo anche altri centri satelliti grazie alla presenza delle università di Pavia, Bergamo e Brescia”, aggiunge.L’obiettivo è ambizioso: in tre anni intercettare più di 7mila imprese, 85mila euro di formazione per ogni persona, raggiungere più di 10mila persone attraverso attività di divulgazione sulle potenzialità delle tecnologie digitali, sviluppare più di 390 progetti e 200 assessment digitali coinvolgendo circa 15mila aziende italiane. Per un arco di tre anni è stato previsto il finanziamento di 22 milioni di euro, di cui 11 milioni dal ministero dello Sviluppo economico e altrettanti da soggetti privati. Circa 14 milioni di euro saranno destinati a personale e attrezzature e 8 milioni di euro a progetti di ricerca applicata e trasferimento tecnologico.“Le imprese saranno il motore del competence center. Non si tratta di un laboratorio universitario ma una condivisione di soluzioni e competenze. Per noi questo progetto è l’ennesimo tassello di una visione innovativa. Crediamo che questo sia il ruolo oggi di un’università”, aggiunge Resta.Presidente del centro è il professor Marco Taisch, che ha illustrato come il progetto voglia essere alla portata di chi, come numerose pmi, non si sono ancora coinvolte nella rivoluzione 4.0 e per le quali è stata pensata una formazione adeguata ad accompagnarle. Servizi differenti per chi, invece, ha già compiuto dei passi tecnologici grazie al piano industria 4.0. “I 2000 metri quadrati sono suddivisi in 14 isole tecnologiche con l’obiettivo di far toccare con mano vari tasselli di questo sistema 4.0: si approfondiranno la robotica collaborativa, i big data, l’efficienza energetica, la cybersecurity, l’interfaccia uomo-macchina e molto altro”, spiega.Gli altri centriIn totale sono otto i competence center in Italia. In prima linea il progetto Manufacturing 4.0 del Politecnico di Torino e dell’università di Torino assieme a ventiquattro aziende private. Finanziato con 10,5 milioni di euro dal Mise, svilupperà progetti innovativi servendosi di tecnologie additive per i settori automotive, energia e aerospazio.L'Alma Mater di Bologna guida il Progetto Bi-Rex con un consorzio di 57 soggetti tra cui atenei quali Modena-Reggio Emilia, Ferrara, Parma. 9,2 milioni di euro è il finanziamento del ministero dello Sviluppo economico al quale si aggiungono 15 milioni di euro di partner privati.Artes 4.0 è il progetto della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa con tredici tra università e centri di ricerca e ben 146 imprese.Il progetto Smact, focalizzato sulle tecnologie digitali, è l’iniziativa dell'Università di Padova e vede anche la partecipazione di Verona, Venezia Cà Foscari e la Iuav, Trento, Udine, la Sissa di Trieste, la Libera Università di Bolzano, la Fondazione Bruno Kessler di Trento e l'Istituto nazionale di Fisica nucleare locale. Hanno ottenuto dal ministero dello Sviluppo economico un finanziamento pari a 7 milioni di euro.La Sapienza di Roma scende in campo con Cyber 4.0, il competence center destinato a sviluppare progetti dedicata alla cyber security. Sono più di 37 i soggetti coinvolti tra cui Inail, Cnr e l’Università dell’Aquila.Il Cnr è anche il capofila del competence center dedicato alle infrastrutture 4.0 che prende nome Start 4.0, dedicato a settori come quello idrico, produttivo, trasporti e porto. Coinvolte la Regione Liguria e alcune realtà del territorio genovese e non solo.Meditech, invece, è il titolo del progetto di competence center delle Regioni Campania e Puglia. A guidarlo saranno l’Università Federico II di Napoli e il Politecnico di Bari, assieme all’università di Salerno, università della Campania Luigi Vanvitelli, università del Sannio, università di Napoli Parthenope, università di Bari Aldo Moro. Ad affiancarle 150 partner di cui molte imprese.

Tag: #Business

Altri articoli pubblicati da Wired.it

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Wired.it

Peterloo è la storia di un massacro poco familiare al pubblico non-britannico ma molto noto in patria. Si trattò di una manifestazione pacifica in favore dell’estensione del diritto di voto e di altre rimostranze che fu repressa nel sangue ad opera...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Wired.it

Adidas e Game of Thrones si stringono in una delle più curiose e originali collaborazioni per unire da un lato il celebre marchio sportivo d’abbigliamento e dall’altro una delle serie più amate dell’ultimo decennio, ormai prossima al lancio...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Wired.it

E luce fu. Amazon ha annunciato oggi il nuovo Kindle, il primo ereader con luce frontale a un costo accessibile (80 euro). Rinnovato nel design, ma soprattutto nella tecnologia, visto che consente di regolare la luminosità dello schermo per adattarsi a...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Wired.it

Alcuni hacker hanno sfruttato la popolarità del nuovo gioco della Electronic Arts, Apex Legends, per creare delle finte applicazioni malevole che si spacciano per versioni mobile del videogioco e hanno invece l'obiettivo di rubare dati...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Wired.it

Nella notte appena passata, tra il 20 e 21 marzo, la Luna è apparsa nuovamente più grande del solito. Succede quando il momento in cui è più vicina alla Terra (perigeo) coincide con la Luna piena, creando il fenomeno etichettato come superluna. Il...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Wired.it

Stavolta Matteo Salvini ha ragione. Anche se forse dovrebbe darci qualche contestualizzazione in più invece di scandalizzarsi come un qualsiasi cittadino, cavalcando il giusto sconcerto per il fatto che Ousseynou Sy fosse alla guida di un autobus che...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Wired.it

La saga che ha raccolto in questi anni il testimone di Jurassic Park, ovvero la serie intitolata Jurassic World e che vede come protagonista principale Chris Pratt, ha riscosso un grande successo: il primo film uscito nel 2015 e il seguito, Il regno...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Wired.it

Non ci vuole molto per capire che Il professore e il pazzo è un film realizzato inseguendo stili, standard e idee appartenenti ad un’altra era. Bastano le prime cento inquadrature di pennini intinti nell’inchiostro ripresi da vicinissimo (pura...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Wired.it

La tragedia è stata evitata. Ousseynou Sy, l'uomo che il 20 marzo ha provato a dirottare l'autobus che stava guidando, prendendo in ostaggio i 51 ragazzi di una scuola media di Crema che si trovavano a bordo insieme ai loro insegnanti, è stato...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Wired.it

Un team di ricercatori al lavoro tra il Mit di Boston e la Columbia University ha sviluppato un insieme di piccoli robot che presi singolarmente dicono poco ma, quando attivi in gruppo, si trasformano in unica entità capace di compiere funzioni...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Wired.it

La robotica è parte integrante della nostra vita ma il suo impatto è destinato a crescere nel futuro prossimo. Ciò significa che imparare i concetti base oltre a essere importante potrà garantire ai bambini dei vantaggi rispetto a coetanei, così...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Wired.it

Wikipedia in Germania è oscurata dal 21 marzo esattamente come lo è stata in Italia il 3 luglio. Il motivo è lo stesso: protestare contro la riforma europea del copyright che vedrà il suo atto finale martedì 26 marzo a Strasburgo, con il voto del...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Wired.it

Dopo molta attesa è stato finalmente pubblicato il trailer ufficiale della terza stagione di Stranger Things. Come già sapevamo ritroveremo i nostri protagonisti nell'estate 1985, più precisamente nei giorni attorno al 4 luglio, ovvero la festa...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Wired.it

Nato il 31 marzo 1685 in Turingia, Johann Sebastian Bach è universalmente considerato uno dei maestri indiscussi della storia della musica classica. Il compositore e musicista fu uno degli esponenti di spicco del Barocco musicale fra Seicento e...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Wired.it

Gli unicorni, insieme con i gattini, conquisteranno il mondo. Lo sappiamo bene tutti noi, e lo sa bene anche il celebre portale di viaggi Booking.com, che per celebrare la Festa mondiale dell'unicorno, in calendario per il 9 aprile, ha deciso di proporre ...