Jabra Evolve 65t, gli auricolari wireless per i professionisti

Pubblicato lunedì, 11 febbraio 2019 ‐ Wired.it

Nonostante il proliferare di auricolari true wireless degli ultimi anni, ancora mancava sul mercato un dispositivo pensato per i professionisti. Ci ha pensato Jabra a idearlo, portandolo sul mercato in queste settimane: si chiama Jabra Evolve 65t ed è il primo paio di auricolari true wireless progettato per funzionare sia all'interno di uffici e postazioni professionali che nella vita di tutti i giorni.Basati su un design elegante e su un peso complessivo di appena 12 grammi, da indossare sono decisamente confortevoli: si infilano nel padiglione auricolare senza forzature e si dimentica presto di averli indosso. Controllarli è semplice e richiede l'utilizzo di soli tre pulsanti. Il primo — sull'auricolare destro — accoglie le chiamate, attiva l'assistente vocale, accende e spegne il dispositivo e attiva la modalità di accoppiamento bluetooth; il secondo e il terzo — sul sinistro — sono dedicate al controllo del volume e delle tracce musicali. Infine, rimangono al loro posto anche durante l'utilizzo in movimento, da casa al lavoro e viceversa. Certo, se l'ultimo treno utile per arrivare in orario è in partenza e serve correre per acchiapparlo resta comunque consigliabile togliere gli auricolari prima dello sprint, ma in generale i pendolari non avranno di che lamentarsi.L'aggeggio si può collegare a due dispositivi in contemporanea, che nella maggior parte dei casi saranno lo smartphone e il pc. Per le postazioni fisse — spesso prive di bluetooth — la società ha inserito una minuscola chiavetta Jabra Link 370, che si infila in una delle porte usb libera e si accoppia direttamente con gli auricolari. È dall'app per smartphone però che si possono controllare al meglio le impostazioni del dispositivo. L'equalizzazione si può controllare manualmente o tramite impostazioni predefinite, impostando un profilo diverso per tre diverse modalità d'uso — generica, da ufficio o da viaggio — e perfino modificando la riproduzione di acuti e bassi quando è in corso una chiamata.Da questo punto di vista, gli auricolari Evolve 65t sono estremamente completi e unici nel panorama true wireless: sono infatti certificati per l'utilizzo sia con Skype for Business che per la comunicazione unificata (UC), ovvero per tutte le piattaforme e i prodotti di comunicazione e collaborazione più diffusi in ambito professionale — un aspetto che, unito alla doppia connettività, li rende già preziosi.Tecnicamente poi sono ineccepibili, sia dal punto di vista della riproduzione audio — di buona qualità e priva di interruzioni — sia perché all'interno ospitano quattro microfoni, che permettono non solo di catturare l'audio in chiamata (e di riprodurlo nelle proprie cuffie insieme all'audio del chiamante), ma anche di ridurre al minimo il rumore all'esterno, oppure di attivare una speciale modalità accessibile con un doppio tocco del pulsante principale che permette ai suoni ambientali di filtrare attraverso gli auricolari — particolarmente utile quando si sta camminando per strada oppure quando occorre mantenere l'attenzione su ciò che sta accadendo in ufficio. Per chi invece desidera schermarsi completamente da quel che succede nei dintorni, le evolve possono riprodurre in sottofondo una serie di suoni preimpostati, che siano rumore bianco o rosa, oppure audio preregistrati di cascate, pioggia, cinguettii e molto altro.Dotati di 15 ore di autonomia massima (5 ore su singola carica, con possibilità di ricarica wireless attraverso la custodia), gli Evolve 65t hanno un solo problema: costano molto. Proposti al prezzo di 362 euro sul sito del produttore, offrono qualcosa di inedito ai professionisti che desiderano rimanere connessi senza fili al proprio lavoro, ma sono comunque un acquisto impossibile da prendere alla leggera.WiredLa soluzione all in one per gestire vita lavorativa e personale senza ingombriTiredPrezzo elevato. Il software per pc non è molto intuitivoVoto8

Tag: #AudioETv

Altri articoli pubblicati da Wired.it

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Wired.it

Un nuovo studio ha analizzato il dna delle popolazioni che abitavano l’Inghilterra nel neolitoco, quando venne edificato il celebre circolo di pietre megalitiche. Rivelando che giunsero sull’isola dopo una lunga migrazione, iniziata, appunto, dalle...

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Wired.it

Il nuovo metodo taglia lunghi frammenti di dna e promette di essere efficiente, ancora più delle tecniche tradizionali Crispr-Cas9, per le manipolazioni del genoma a lunga distanza. Per la prima volta è stato testato su cellule umane. Ma la tecnica...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Wired.it

Il pianeta che orbita intorno alla stella più vicina al nostro pianeta, potrebbe avere le condizioni adatte per ospitare la vita. A riferirlo è uno studio statunitense secondo cui i raggi Uv sarebbero meno intensi di quelli che riceveva il nostro...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Wired.it

Un gruppo di azionisti chiede di limitare i contratti di Rekognition, il software di riconoscimento facciale sviluppato dal colosso dell ecommerce, bloccando la vendita a governi che potrebbero abusarne. Ma Bezos non vuole far saltare gli appalti. Guerra ...

Pubblicato sabato, 13 aprile 2019 ‐ Wired.it

Perché ci scandalizziamo quando governi e colossi del tech vìolano la nostra privacy? Siamo stati noi, in primis, a permettere a parenti e amici di farlo, con app e software, in nome del diritto di sapere. Dall archivio di Wired, un analisi dell autore ...

Pubblicato sabato, 13 aprile 2019 ‐ Wired.it

Abraham Lincoln è forse il più celebre presidente degli Stati Uniti, ed è anche il più studiato. Ma sulla sua monumentale figura sono nate anche diverse leggende; dalle speculazioni sulla sua sessualità ai complotti governativi per la sua...

Pubblicato mercoledì, 10 aprile 2019 ‐ Wired.it

Fraintesa e sminuita, la depressione è la prima causa di disabilità al mondo, e in Italia colpisce una persona su 20. Per aiutare un depresso si deve guardare in faccia il suo dolore: la storia di chi convive con la più incomunicabile delle sofferenze

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

Non si tratta di prevedere il futuro ma di produrre simultaneamente, attraverso un complesso algoritmo quantistico, tutti i potenziali esiti di una determinata operazione, per poter scegliere al meglio. Un gruppo di fisici è riuscito a realizzare un...

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

È stata analizzata la chiavetta usb della donna arrestata mentre cercava di intrufolarsi nel resort in Florida del presidente degli Stati Uniti: era caricata con un malware autorun. E altri software di attacco sono stati trovati nella sua stanza di...

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

Nel 1999 veniva proposta, per la prima volta, la possibilità di catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera per contrastare l’avanzata del riscaldamento globale. Klaus Lackner, autore di quel primo, seminale, paper ci racconta oggi a...

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

Secondo una ricerca americana, i nutrienti assunti tramite gli alimenti sarebbero in grado di portare a un minor rischio di morte per tutte le cause, incluso il cancro. Un dato che non è stato però osservato per i nutrienti contenuti negli integratori...

Pubblicato lunedì, 08 aprile 2019 ‐ Wired.it

Una ricerca su animali potrebbe spiegare perché l Mdma - o ecstasy - è risultato efficace nelle persone con disturbo post-traumatico da stress. Il composto riapre particolari finestre temporali, legate alla crescita, in cui gli stimoli esterni...

Pubblicato lunedì, 08 aprile 2019 ‐ Wired.it

Leggendo loro 5 libri al giorno arriveranno alle scuole elementari avendo sentito un milione e mezzo di parole, mentre se non si legge mai ne avranno ascoltate solo 4.600. Un vocabolario più ampio è importante anche per parlare meglio e per imparare a...

Pubblicato sabato, 06 aprile 2019 ‐ Wired.it

Con il fragore di un tuono, si abbatte sui cinema italiani Shazam!, il film più scanzonato e ironico dell universo cinematografico dedicato ai supereroi Dc Comics. Ma chi è Billy Batson? Ecco le saghe per scoprire tutti i retroscena dell eroe teenager

Pubblicato venerdì, 05 aprile 2019 ‐ Wired.it

Lo stop è una forma precauzionale, visto che per ora non è stato provato il nesso causale tra protesi mammarie macro-testurizzate e una rara forma di tumore al sangue. Intanto il ministro della salute ha richiesto un parere del Consiglio superiore di...