Gli insetti potrebbero sparire entro un secolo. E le conseguenze sarebbero disastrose

Pubblicato lunedì, 11 febbraio 2019 ‐ Wired.it

La fine del mondo potrebbe essere causata dagli insetti, per meglio dire dalla loro scomparsa. È la denuncia accorata di diversi esperti mondiali a seguito dell'analisi – pubblicata sulla rivista Biological Conservation - di 73 studi scientifici che ha rivelato come il 40% delle specie di insetti stia scemando di numero e un terzo sia addirittura in pericolo di estinzione. Con un calo del 2,5% all'anno (secondo le stime più ottimistiche), gli insetti potrebbero scomparire entro un secolo.Una crisi globaleE chi ci pensava a una simile eventualità? In fondo ci erano stati proposti persino come il cibo del futuro. Invece, revisionando 73 dei principali studi sulle popolazioni di insetti in Europa, Stati Uniti, Sud America, Cina e Australia, Francisco Sánchez-Bayo dell'Università di Sydney e Kris Wyckhuys dell'Accademia cinese delle scienze agrarie di Pechino hanno calcolato che il tasso di estinzione di questi animali è 8 volte superiore a quello di mammiferi, uccelli e rettili. La massa totale di insetti a livello mondiale starebbe calando del 2,5% all'anno, una contrazione che riguarderebbe il 40% di tutte le specie, un terzo delle quali starebbe rischiando l'estinzione.Farfalle e falene, per esempio, sono in crisi in Inghilterra, dove tra il 2000 e il 2009 il numero di specie sui campi coltivati è diminuito del 58%. Un altro caso emblematico sono le api, la cui moria è già stata denunciata più volte e in diverse parti del globo.“Tra 10 anni avremo un quarto di insetti in meno, tra 50 anni ne rimarrà la metà e tra 100 anni non ce ne saranno più”, ha commentato Sánchez-Bayo al Guardian. Dati che preoccupano gli esperti perché questi animali, per quanto fastidiosi possiamo considerarli, sono davvero essenziali per la sopravvivenza di tutti gli ecosistemi e, alla fine della catena, dell'umanità: fertilizzano il terreno, riciclano le sostanze, sono cibo per altri animali e impollinano.Urge un cambiamentoQuesta tendenza “conferma che la sesta estinzione di massa della storia sta influenzando profondamente le forme di vita sul nostro pianeta”, sostengono gli autori dell'analisi. “A meno che non cambiamo i nostri modi di produrre cibo, gli insetti nel loro insieme percorreranno il sentiero dell'estinzione in pochi decenni. Le ripercussioni che questo avrà per gli ecosistemi del pianeta saranno a dir poco catastrofiche”.Una delle cause del declino degli insetti secondo gli scienziati è l'agricoltura intensiva, cioè quella che elimina gli alberi e gli arbusti che circondano i campi, che sfrutta terreni quasi aridi utilizzando concimi di sintesi e cosparge di pesticidi (come i neonicotinoidi) che sterilizzano il suolo e uccidono anche le larve.Anche il cambiamento climatico però ha la sua dose di responsabilità: ai tropici, per esempio, gli insetti si sono evoluti in condizioni climatiche molto stabili e non hanno le risorse e il tempo per adattarsi all'innalzamento delle temperature, come dimostra la situazione di Portorico dove proprio per questo motivo in 35 anni le popolazioni di insetti si sono ridotte del 98%.

Tag: #Ecologia

Altri articoli pubblicati da Wired.it

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Wired.it

Un nuovo studio ha analizzato il dna delle popolazioni che abitavano l’Inghilterra nel neolitoco, quando venne edificato il celebre circolo di pietre megalitiche. Rivelando che giunsero sull’isola dopo una lunga migrazione, iniziata, appunto, dalle...

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Wired.it

Il nuovo metodo taglia lunghi frammenti di dna e promette di essere efficiente, ancora più delle tecniche tradizionali Crispr-Cas9, per le manipolazioni del genoma a lunga distanza. Per la prima volta è stato testato su cellule umane. Ma la tecnica...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Wired.it

Il pianeta che orbita intorno alla stella più vicina al nostro pianeta, potrebbe avere le condizioni adatte per ospitare la vita. A riferirlo è uno studio statunitense secondo cui i raggi Uv sarebbero meno intensi di quelli che riceveva il nostro...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Wired.it

Un gruppo di azionisti chiede di limitare i contratti di Rekognition, il software di riconoscimento facciale sviluppato dal colosso dell ecommerce, bloccando la vendita a governi che potrebbero abusarne. Ma Bezos non vuole far saltare gli appalti. Guerra ...

Pubblicato sabato, 13 aprile 2019 ‐ Wired.it

Perché ci scandalizziamo quando governi e colossi del tech vìolano la nostra privacy? Siamo stati noi, in primis, a permettere a parenti e amici di farlo, con app e software, in nome del diritto di sapere. Dall archivio di Wired, un analisi dell autore ...

Pubblicato sabato, 13 aprile 2019 ‐ Wired.it

Abraham Lincoln è forse il più celebre presidente degli Stati Uniti, ed è anche il più studiato. Ma sulla sua monumentale figura sono nate anche diverse leggende; dalle speculazioni sulla sua sessualità ai complotti governativi per la sua...

Pubblicato mercoledì, 10 aprile 2019 ‐ Wired.it

Fraintesa e sminuita, la depressione è la prima causa di disabilità al mondo, e in Italia colpisce una persona su 20. Per aiutare un depresso si deve guardare in faccia il suo dolore: la storia di chi convive con la più incomunicabile delle sofferenze

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

Non si tratta di prevedere il futuro ma di produrre simultaneamente, attraverso un complesso algoritmo quantistico, tutti i potenziali esiti di una determinata operazione, per poter scegliere al meglio. Un gruppo di fisici è riuscito a realizzare un...

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

È stata analizzata la chiavetta usb della donna arrestata mentre cercava di intrufolarsi nel resort in Florida del presidente degli Stati Uniti: era caricata con un malware autorun. E altri software di attacco sono stati trovati nella sua stanza di...

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

Nel 1999 veniva proposta, per la prima volta, la possibilità di catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera per contrastare l’avanzata del riscaldamento globale. Klaus Lackner, autore di quel primo, seminale, paper ci racconta oggi a...

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

Secondo una ricerca americana, i nutrienti assunti tramite gli alimenti sarebbero in grado di portare a un minor rischio di morte per tutte le cause, incluso il cancro. Un dato che non è stato però osservato per i nutrienti contenuti negli integratori...

Pubblicato lunedì, 08 aprile 2019 ‐ Wired.it

Una ricerca su animali potrebbe spiegare perché l Mdma - o ecstasy - è risultato efficace nelle persone con disturbo post-traumatico da stress. Il composto riapre particolari finestre temporali, legate alla crescita, in cui gli stimoli esterni...

Pubblicato lunedì, 08 aprile 2019 ‐ Wired.it

Leggendo loro 5 libri al giorno arriveranno alle scuole elementari avendo sentito un milione e mezzo di parole, mentre se non si legge mai ne avranno ascoltate solo 4.600. Un vocabolario più ampio è importante anche per parlare meglio e per imparare a...

Pubblicato sabato, 06 aprile 2019 ‐ Wired.it

Con il fragore di un tuono, si abbatte sui cinema italiani Shazam!, il film più scanzonato e ironico dell universo cinematografico dedicato ai supereroi Dc Comics. Ma chi è Billy Batson? Ecco le saghe per scoprire tutti i retroscena dell eroe teenager

Pubblicato venerdì, 05 aprile 2019 ‐ Wired.it

Lo stop è una forma precauzionale, visto che per ora non è stato provato il nesso causale tra protesi mammarie macro-testurizzate e una rara forma di tumore al sangue. Intanto il ministro della salute ha richiesto un parere del Consiglio superiore di...