Foodora dovrà pagare a 5 ex rider stipendi e contributi

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Ribaltata in parte in appello la sentenza sul ricorso di alcuni ex fattorini di Foodora contro la multinazionale delle consegne del cibo a domicilio. I giudici della Corte di appello del tribunale di Torino hanno condannato la app di food delivery (che nel 2018 ha chiuso le attività in Italia e si è fusa con Glovo) a rifondere cinque ex corrieri di una somma parametrata sul contratto collettivo della logistica e dei trasporti, per compensare paghe e contributi previdenziali di cui non avevano potuto beneficiare a causa del rapporto di lavoro autonomo instaurato allora con la app. Il verdetto in parte rovescia le conclusioni del giudizio di primo grado. L'11 aprile 2018 i giudici avevano respinto del tutto le richieste di sei ex fattorini della piattaforma tedesca.Cinque di loro hanno impugnato il verdetto. Il giudizio d'appello riconosce ai lavoratori un risarcimento per il loro operato. Nello specifico, interviene sull'aspetto monetario, basando la retribuzione su parametri identici a quelli dei contratti collettivi nazionali e ancorando quindi il pagamento di queste prestazioni agli standard del settore. Un principio innovativo nel campo della gig economy. Foodora dovrà versare ai cinque ex corrieri quando dovuto sulla base di stipendio e contributi previdenziali previsti dal quinto livello del contratto collettivo nazionale della logistica e dei trasporti. Quello a cui i fattorini italiani guardano per stabilizzare la propria posizione con le app di consegna di cibo. La multinazionale quindi dovrà versare anche ferie, tredicesima e malattia, come se si trattasse della busta paga di un lavoratore dipendente. E non di un autonomo, com'è considerata la figura del corriere delle app.Inoltre Foodora dovrà indennizzare i ricorrenti di un terzo delle spese legali, nella somma di 15.840 euro per il primo grado e 10.400 euro per il secondo grado.La sentenza di appello accoglie solo in parte le istanze dei corrieri. I lavoratori avevano anche chiesto il reintegro, con il riconoscimento di un rapporto di lavoro subordinato, e un indennizzo per la violazione della privacy legata all'uso della app. Due istanze respinte, come è avvenuto nel primo grado.“È in parte una vittoria. Si è deciso di trattare i fattorini come fattorini, pagandoli come da contratti colletivi e applicando l'articolo 2 del Jobs Act. Hanno respinto le istanze su sicurezza, licenziamento e privacy, capiremo dalle motivazione perché. Questo è un primo traguardo. Ci sono voluti due gradi di giudizio ma ci siamo arrivati”, le parole dell'avvocato dei fattorini, Giulia Druetta, raccolte a margine della sentenza da Wired.Su Facebook Deliverance Project, la rappresentanza autonoma dei corrieri, commenta: “Vittoria parziale. Ma pur sempre una vittoria! Foodora è stata condannata a pagare secondo gli standard fissati dai contratti collettivi nazionali, però non deve essere la sola adeguarsi a questi standard. Glovo, Deliveroo, Uber Eats, Just Eat e ogni altra compagnia che finora si è arricchita sulle spalle di migliaia di lavoratori e lavoratrici dovrà pagare e riconoscere rapporti di lavoro subordinati e relative tutele”.Il processo di Torino è iniziato dopo che sei ex lavoratori hanno chiesto il reintegro e la stabilizzazione. Collaboratori dell'azienda e coinvolti nelle proteste del settembre 2016 contro le condizioni di lavoro di Foodora, dopo pochi mesi, alla scadenza del contratto, non era stato offerto loro il rinnovo.

Tag: #Lavoro

Altri articoli pubblicati da Wired.it

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Pubblicato nel 2016, La paranza dei bambini è il terzo romanzo di Roberto Saviano (edito da Feltrinelli) e si focalizza su un gruppo di ragazzi napoletani, fra Forcella e Ponticelli, che come i piccolissimi pesci vengono attratti e poi catturati dalle...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Chi fa da sé, fa per tre. Se lo devono essere detti un po' tutti dentro Google, e hanno capito che era arrivata l'ora di rimboccarsi le maniche un'altra volta. E accelerare sul mercato degli smartwatch, che tra l'altro stanno per diventare qualcosa di...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

In ballo c’era un piatto molto ricco: tre voucher da 180mila euro ciascuno in servizi. Da investire, ovviamente, nello sviluppo dell’idea che li ha condotti a convincere la giuria. È il premio assegnato oggi al ministero dello Sviluppo economico ai...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Ha combattuto strenuamente per anni contro Alexa e l'Assistente Google, ma da oggi Cortana — l'assistente digitale made in Microsoft presente su tutti i dispositivi Windows 10 ma disponibile anche su smartphone — si ritirerà dalla competizione e...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

La maturità 2019 sarà inedita per tutti. Per la prima volta, infatti, la seconda prova verterà su più di una materia: al classico la prova comprende sia latino che greco, allo scientifico sia matematica che fisica – e anche negli altri indirizzi è ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Facebook ha annunciato di aver rimosso centinaia di pagine, gruppi e account di origine russa e ucraina a causa di “comportamenti inautentici coordinati” sulla propria piattaforma e su Instagram.I troll russi hanno agito in diversi paesi mentre...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Il 2019 è l'anno di Leonardo da Vinci. Il prossimo 2 maggio segnerà 500 anni dalla morte del genio rinascimentale per eccellenza, ma le iniziative in calendario per il cinquecentenario sono già moltissime. Sono inoltre già usciti i primi libri,...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Nessuno sa quante persone vivano nella Chinatown di Manhattan a New York: secondo alcune stime si parla di circa 100mila persone, ma un censimento preciso, a causa dell'alto numero di individui che vivono in condizioni di illegalità, è praticamente...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Buzzfeed – un sito che in Italia abbiamo a lungo associato ai i suoi contenuti generalisti e alle sue famigerate liste acchiappaclick – ha sganciato una vera e propria bomba capace di far tremare una volta di più la presidenza degli Stati Uniti....

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

La società italiana H-Farm, incubatore di imprese, centro di formazione e hub per l'innovazione dal 2005, ha annunciato ieri l’uscita totale dal capitale della britannica Depop, tra le più importanti aziende di ecommerce per quanto riguarda abiti e...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Il Grillo parlante è un noioso saputello, non lo nego. Coscienza di un burattino che alla fine si trasformerà in un bambino in carne ed ossa. Lungi da me tenere lezioni di letteratura, o fare discorsi filosofici. Attraverso la mia vocina interiore,...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Il 17 gennaio in Consiglio dei ministri sono state definite le due misure a cui Lega e M5S tenevano di più: Quota 100 – la possibilità, per alcuni, di andare in pensione prima rispetta a quanto previsto dalla Legge Fornero – e il reddito di...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Il Team per la trasformazione digitale del governo italiano ha creato il prototipo di un sito internet per i Comuni italiani. Il primo a ricorrere al nuovo modello sarà il municipio di Cagliari.La creazione di questo standard deriva da una necessità...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Hashtag virali al servizio dell’ambiente. Praticamente chiunque abbia un account social l’ha fatto, e se anche non l’avesse fatto è stato quantomeno tentato (ammettetelo): postare una propria foto del 2009 a confronto con una attuale. Per vedere e ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

È dal 2015 ormai che il tablet compatto iPad Mini non viene aggiornato. La categoria delle tavolette mignon ha sicuramente perso popolarità con l'aumentare delle dimensioni medie degli smartphone, ma più di tre anni senza un nuovo modello sono...