Esiste ancora la Lega o c’è solo Salvini?

Pubblicato lunedì, 11 febbraio 2019 ‐ Wired.it

Secondo gli ultimi sondaggi, se oggi si tenessero le elezioni Salvini potrebbe ottenere il 35% dei voti. Dico "Salvini", e non "la Lega", perché ormai il leader del Carroccio ha cannibalizzato il suo stesso partito. Parlare di Lega ha sempre meno senso. Ci troviamo davanti a una personalizzazione di un movimento politico che non si vedeva dai tempi di Silvio Berlusconi. E il successo che Salvini... cioè, scusate, la Lega, insieme al centrodestra, ha ottenuto alle regionali d'Abruzzo, ne è l'ennesima prova.Salvini ha creato una rottura con la Lega "vecchia", offrendo un prodotto nuovo che si identifica nel suo volto. Il partito padano un tempo era fatto dal leader carismatico Bossi, ma anche dai Calderoli, dai Borghezio e dai Maroni. Oggi, dietro a Salvini, c’è il vuoto: Lega e Salvini sono infatti diventati sinonimi, un destino a cui non è stata sottoposta la vecchia Lega Nord. Ecco perché l’attuale Ministro dell’Interno non sente ragioni quando gli si mette davanti la storia dei 49 milioni. Ritiene che non gli riguardi, come se la Lega condannata a quel risarcimento fosse un altro partito rispetto al suo.In effetti tante cose sono cambiate nel partito. L’indipendenza padana è stata sostituita dal sovranismo, la guerra ai meridionali è diventata una battaglia allo straniero e il partito ha assunto una dimensione nazionale. Alle elezioni del 2018, Salvini è stato eletto senatore in Calabria - qualcosa di inammissibile per un leghista fino a pochi anni fa. E la Lega ha preso consensi superiori al 20% in alcune aree del Mezzogiorno. In Abruzzo, alle regionali, col 27,5% porta a casa il titolo di partito più votato. La trasformazione della Lega da partito locale a nazionale, portata avanti da Salvini, sta dunque pagando e il 35% dei consensi odierni sono dovuti anche e soprattutto all’ampliamento del bacino dei potenziali elettori. Mentre Salvini disegnava un profilo nazionale al suo partito, ne dava però anche una connotazione personale che oggi ha raggiunto il suo apice.La Lega è il suo leader e poco altro. È lui che si espone sull’affaire Battisti, o sulla questione dei porti chiusi, o sul dossier venezuelano, o sulla Tav, o sui diritti civili in Italia. È Salvini, insomma, che si fa portavoce di tutto, mettendo nell’ombra i suoi colleghi di partito. Quella di Salvini è una leadership quasi autoritaria, che non lascia spazio ad altre voci. Il politico milanese ha prima fatto fuori la frangia bossiana, poi ha ridimensionato i vecchi dirigenti, affiancandoli a nuovi esponenti meno esposti. La Lega è diventata sempre più un partito gerarchico, verticale, tenuto in piedi da quello che di conseguenza è diventato il Capitano - un soprannome che rende bene l’idea del one-man-party. Salvini è poi il politico che mangia Nutella e pizza bruciacchiata, guarda la tv su un banale 32 pollici e parla come il popolo, un uomo qualunque che ha costruito il successo del suo partito su questo modo di comunicare.In autunno erano circolate voci su un cambio di nome del partito, da Lega a “Lega per Salvini premier". Inserire il nome dell’attuale Ministro dell’Interno nel simbolo sarebbe l’ultimo passo della salvinizzazione del partito. Il Capitano, insomma, gode di ampio consenso in Italia e la forza attuale della Lega dipende esclusivamente dalla potenza del suo leader. “Oggi senza un frontman, un progetto politico ha grandissime probabilità di risultare velleitario”, ha spiegato Angelo Baiocchi, esperto di comunicazione politica. Questo però vuol dire che quando viene meno il frontman, il suo consenso, il partito rischia di implodere. Nei decenni passati, Silvio Berlusconi ha fatto più o meno lo stesso con il suo partito, Forza Italia. Ci sono stati i momenti d’oro, ma venuto meno il consenso verso l’imprenditore di Arcore il partito è naufragato sotto quel 10% che oggi gli attribuiscono i sondaggi. Forza Italia era Berlusconi e la tenuta del primo dipendeva da quella del secondo. Il destino della Lega di Salvini, quando la bolla di consenso dovesse sgonfiarsi, rischia di essere lo stesso.Un fallimento dell'uomo si tradurrà nel naufragio di un movimento, in quanto ormai il primo e il secondo sono perfettamente interdipendenti. Leadership sfrenata, arroganza, cannibalizzazione del partito sono fattori che pagano nei primi tempi, ma che non durano in eternità - la storia insegna. Il rottamatore Matteo Renzi, colui che doveva rivoluzionare il centro-sinistra, in pochi mesi di segreteria del Pd era riuscito a portare il suo partito a un clamoroso 40% alle elezioni europee del 2014. Tre anni dopo, la debacle al referendum costituzionale, da lui trasformato in un voto sulla sua persona. Oggi il suo partito è in alto mare, la stessa spirale negativa che ha investito Forza Italia. Venuti meno i leader, i rispettivi movimenti sono crollati. Ecco perché il successo della Lega, basato esclusivamente sul culto di Salvini, rischia di rivelarsi un boomerang.

Tag: #Politica

Altri articoli pubblicati da Wired.it

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Wired.it

Il nuovo metodo taglia lunghi frammenti di dna e promette di essere efficiente, ancora più delle tecniche tradizionali Crispr-Cas9, per le manipolazioni del genoma a lunga distanza. Per la prima volta è stato testato su cellule umane. Ma la tecnica...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Wired.it

Il pianeta che orbita intorno alla stella più vicina al nostro pianeta, potrebbe avere le condizioni adatte per ospitare la vita. A riferirlo è uno studio statunitense secondo cui i raggi Uv sarebbero meno intensi di quelli che riceveva il nostro...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Wired.it

Un gruppo di azionisti chiede di limitare i contratti di Rekognition, il software di riconoscimento facciale sviluppato dal colosso dell ecommerce, bloccando la vendita a governi che potrebbero abusarne. Ma Bezos non vuole far saltare gli appalti. Guerra ...

Pubblicato sabato, 13 aprile 2019 ‐ Wired.it

Perché ci scandalizziamo quando governi e colossi del tech vìolano la nostra privacy? Siamo stati noi, in primis, a permettere a parenti e amici di farlo, con app e software, in nome del diritto di sapere. Dall archivio di Wired, un analisi dell autore ...

Pubblicato sabato, 13 aprile 2019 ‐ Wired.it

Abraham Lincoln è forse il più celebre presidente degli Stati Uniti, ed è anche il più studiato. Ma sulla sua monumentale figura sono nate anche diverse leggende; dalle speculazioni sulla sua sessualità ai complotti governativi per la sua...

Pubblicato mercoledì, 10 aprile 2019 ‐ Wired.it

Fraintesa e sminuita, la depressione è la prima causa di disabilità al mondo, e in Italia colpisce una persona su 20. Per aiutare un depresso si deve guardare in faccia il suo dolore: la storia di chi convive con la più incomunicabile delle sofferenze

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

Non si tratta di prevedere il futuro ma di produrre simultaneamente, attraverso un complesso algoritmo quantistico, tutti i potenziali esiti di una determinata operazione, per poter scegliere al meglio. Un gruppo di fisici è riuscito a realizzare un...

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

È stata analizzata la chiavetta usb della donna arrestata mentre cercava di intrufolarsi nel resort in Florida del presidente degli Stati Uniti: era caricata con un malware autorun. E altri software di attacco sono stati trovati nella sua stanza di...

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

Nel 1999 veniva proposta, per la prima volta, la possibilità di catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera per contrastare l’avanzata del riscaldamento globale. Klaus Lackner, autore di quel primo, seminale, paper ci racconta oggi a...

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

Secondo una ricerca americana, i nutrienti assunti tramite gli alimenti sarebbero in grado di portare a un minor rischio di morte per tutte le cause, incluso il cancro. Un dato che non è stato però osservato per i nutrienti contenuti negli integratori...

Pubblicato lunedì, 08 aprile 2019 ‐ Wired.it

Una ricerca su animali potrebbe spiegare perché l Mdma - o ecstasy - è risultato efficace nelle persone con disturbo post-traumatico da stress. Il composto riapre particolari finestre temporali, legate alla crescita, in cui gli stimoli esterni...

Pubblicato lunedì, 08 aprile 2019 ‐ Wired.it

Leggendo loro 5 libri al giorno arriveranno alle scuole elementari avendo sentito un milione e mezzo di parole, mentre se non si legge mai ne avranno ascoltate solo 4.600. Un vocabolario più ampio è importante anche per parlare meglio e per imparare a...

Pubblicato sabato, 06 aprile 2019 ‐ Wired.it

Con il fragore di un tuono, si abbatte sui cinema italiani Shazam!, il film più scanzonato e ironico dell universo cinematografico dedicato ai supereroi Dc Comics. Ma chi è Billy Batson? Ecco le saghe per scoprire tutti i retroscena dell eroe teenager

Pubblicato venerdì, 05 aprile 2019 ‐ Wired.it

Lo stop è una forma precauzionale, visto che per ora non è stato provato il nesso causale tra protesi mammarie macro-testurizzate e una rara forma di tumore al sangue. Intanto il ministro della salute ha richiesto un parere del Consiglio superiore di...

Pubblicato venerdì, 05 aprile 2019 ‐ Wired.it

Nei laboratori dell università della Georgia sono venute al mondo le prime lucertole geneticamente modificate. Un passo importante per studiare la genetica dei rettili, ma anche per migliorare il trattamento di malattie legate agli occhi degli esseri...