Esiste ancora la Lega o c’è solo Salvini?

Pubblicato lunedì, 11 febbraio 2019 ‐ Wired.it

Secondo gli ultimi sondaggi, se oggi si tenessero le elezioni Salvini potrebbe ottenere il 35% dei voti. Dico "Salvini", e non "la Lega", perché ormai il leader del Carroccio ha cannibalizzato il suo stesso partito. Parlare di Lega ha sempre meno senso. Ci troviamo davanti a una personalizzazione di un movimento politico che non si vedeva dai tempi di Silvio Berlusconi. E il successo che Salvini... cioè, scusate, la Lega, insieme al centrodestra, ha ottenuto alle regionali d'Abruzzo, ne è l'ennesima prova.Salvini ha creato una rottura con la Lega "vecchia", offrendo un prodotto nuovo che si identifica nel suo volto. Il partito padano un tempo era fatto dal leader carismatico Bossi, ma anche dai Calderoli, dai Borghezio e dai Maroni. Oggi, dietro a Salvini, c’è il vuoto: Lega e Salvini sono infatti diventati sinonimi, un destino a cui non è stata sottoposta la vecchia Lega Nord. Ecco perché l’attuale Ministro dell’Interno non sente ragioni quando gli si mette davanti la storia dei 49 milioni. Ritiene che non gli riguardi, come se la Lega condannata a quel risarcimento fosse un altro partito rispetto al suo.In effetti tante cose sono cambiate nel partito. L’indipendenza padana è stata sostituita dal sovranismo, la guerra ai meridionali è diventata una battaglia allo straniero e il partito ha assunto una dimensione nazionale. Alle elezioni del 2018, Salvini è stato eletto senatore in Calabria - qualcosa di inammissibile per un leghista fino a pochi anni fa. E la Lega ha preso consensi superiori al 20% in alcune aree del Mezzogiorno. In Abruzzo, alle regionali, col 27,5% porta a casa il titolo di partito più votato. La trasformazione della Lega da partito locale a nazionale, portata avanti da Salvini, sta dunque pagando e il 35% dei consensi odierni sono dovuti anche e soprattutto all’ampliamento del bacino dei potenziali elettori. Mentre Salvini disegnava un profilo nazionale al suo partito, ne dava però anche una connotazione personale che oggi ha raggiunto il suo apice.La Lega è il suo leader e poco altro. È lui che si espone sull’affaire Battisti, o sulla questione dei porti chiusi, o sul dossier venezuelano, o sulla Tav, o sui diritti civili in Italia. È Salvini, insomma, che si fa portavoce di tutto, mettendo nell’ombra i suoi colleghi di partito. Quella di Salvini è una leadership quasi autoritaria, che non lascia spazio ad altre voci. Il politico milanese ha prima fatto fuori la frangia bossiana, poi ha ridimensionato i vecchi dirigenti, affiancandoli a nuovi esponenti meno esposti. La Lega è diventata sempre più un partito gerarchico, verticale, tenuto in piedi da quello che di conseguenza è diventato il Capitano - un soprannome che rende bene l’idea del one-man-party. Salvini è poi il politico che mangia Nutella e pizza bruciacchiata, guarda la tv su un banale 32 pollici e parla come il popolo, un uomo qualunque che ha costruito il successo del suo partito su questo modo di comunicare.In autunno erano circolate voci su un cambio di nome del partito, da Lega a “Lega per Salvini premier". Inserire il nome dell’attuale Ministro dell’Interno nel simbolo sarebbe l’ultimo passo della salvinizzazione del partito. Il Capitano, insomma, gode di ampio consenso in Italia e la forza attuale della Lega dipende esclusivamente dalla potenza del suo leader. “Oggi senza un frontman, un progetto politico ha grandissime probabilità di risultare velleitario”, ha spiegato Angelo Baiocchi, esperto di comunicazione politica. Questo però vuol dire che quando viene meno il frontman, il suo consenso, il partito rischia di implodere. Nei decenni passati, Silvio Berlusconi ha fatto più o meno lo stesso con il suo partito, Forza Italia. Ci sono stati i momenti d’oro, ma venuto meno il consenso verso l’imprenditore di Arcore il partito è naufragato sotto quel 10% che oggi gli attribuiscono i sondaggi. Forza Italia era Berlusconi e la tenuta del primo dipendeva da quella del secondo. Il destino della Lega di Salvini, quando la bolla di consenso dovesse sgonfiarsi, rischia di essere lo stesso.Un fallimento dell'uomo si tradurrà nel naufragio di un movimento, in quanto ormai il primo e il secondo sono perfettamente interdipendenti. Leadership sfrenata, arroganza, cannibalizzazione del partito sono fattori che pagano nei primi tempi, ma che non durano in eternità - la storia insegna. Il rottamatore Matteo Renzi, colui che doveva rivoluzionare il centro-sinistra, in pochi mesi di segreteria del Pd era riuscito a portare il suo partito a un clamoroso 40% alle elezioni europee del 2014. Tre anni dopo, la debacle al referendum costituzionale, da lui trasformato in un voto sulla sua persona. Oggi il suo partito è in alto mare, la stessa spirale negativa che ha investito Forza Italia. Venuti meno i leader, i rispettivi movimenti sono crollati. Ecco perché il successo della Lega, basato esclusivamente sul culto di Salvini, rischia di rivelarsi un boomerang.

Tag: #Politica

Altri articoli pubblicati da Wired.it

Pubblicato martedì, 23 luglio 2019 ‐ Wired.it

Le coperture vaccinali sono in aumento, anche grazie all obbligo del 2017. Ma per il morbillo non si è ancora arrivati a una percentuale di vaccinati a 2 anni di età del 95%, la soglia minima Oms che individua l immunità di gregge. Tutti i dati...

Pubblicato martedì, 23 luglio 2019 ‐ Wired.it

Facciamo sentire la nostra voce! , Vogliamo cambiare i trattati Ue! tuona il ministro nei comizi (reali e virtuali). Un proclama che nasce e muore lì. Nella scorsa legislatura Ue, nessun rappresentante della Lega ha preso parte alle 22 riunioni...

Pubblicato martedì, 23 luglio 2019 ‐ Wired.it

Dal video decontestualizzato che mostra un bambino portato via dalla famiglia fino alla foto di Maria Elena Boschi con una persona estranea ai fatti, passando per il discorso attribuito a un prete ma in realtà tenuto da un sedicente esorcista, ecco...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Wired.it

In due interventi su Facebook le popstar avvalorano la tesi del silenzio dei media sull inchiesta Angeli e demoni , uno dei cavalli di battaglia degli avvelenatori da social. Semplicemente non è così: basterebbe sfogliare un giornale, di carta o...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Wired.it

La tv commerciale potrebbe aver avuto un impatto sulla politica. A dirlo è un nuovo studio appena pubblicato sull American Economic Review, che ha analizzato l impatto di Mediaset sui voti elettorali degli italiani per Forza Italia e Movimento 5 stelle

Pubblicato domenica, 21 luglio 2019 ‐ Wired.it

Come si prepara la prossima generazione di data scientist? Quali competenze devono essere trasmesse agli studenti per prepararli al mondo del lavoro che verrà? Ecco cosa ne pensa l università Bocconi, a partire dall esperienza del propri centri Bidsa e ...

Pubblicato venerdì, 19 luglio 2019 ‐ Wired.it

Nessuno è mai morto a causa della materia oscura. Oggi un nuovo studio di tre fisici statunitensi simula una situazione in cui particelle macroscopiche di materia oscura possano venire in contatto col corpo umano e causarne la morte. Per ora nessun...

Pubblicato venerdì, 19 luglio 2019 ‐ Wired.it

Difficile fare un conto esatto, ma tutte le stime oscillano tra i 25 e i 28 miliardi di dollari. Tenendo conto dell inflazione, si parla di una cifra che dovrebbe stare tra i 150 e i 250 miliardi di euro attuali, che è grossomodo quanto ci costa ogni...

Pubblicato venerdì, 19 luglio 2019 ‐ Wired.it

Dal cappellino con ventilatore che funziona a energia solare a quello con pannelli fotovoltaici integrati nella visiera che carica lo smartphone fino a quello che deumidifica la testa scongiurando le gocce di sudore, ecco la top ten di berretti perfetti...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Wired.it

That s one small step for a man, one giant leap for mankind , incluso il controverso articolo indeterminativo inglese a . Abbiamo messo insieme 7 motivi per cui ha senso includere quella parola un davanti a uomo , anche se c è chi continua a...

Pubblicato mercoledì, 17 luglio 2019 ‐ Wired.it

Tra l ideatore del metodo Stamina e il guru dello stile di vita Life 120 le analogie non mancano. Allo stesso tempo, però, ci sono elementi che fanno di Panzironi una versione più evoluta dello stesso trend, soprattutto in termini di strategie...

Pubblicato giovedì, 11 luglio 2019 ‐ Wired.it

Un piccolo studio inglese riporta l’attenzione sul bisogno di sangue anche in ambito veterinario: i proprietari spesso non sono consapevoli del problema. Ma quando c’è disponibilità ci sono anche gli strumenti, all’estero come in Italia. Ecco...

Pubblicato giovedì, 11 luglio 2019 ‐ Wired.it

Impersonando alla perfezione l archetipo del mago, il guru dello stile di vita Life 120 è protagonista di un sistema di comunicazione auto-celebrativo. Grazie a format creati ad hoc e all assenza di un vero contraddittorio, è facile illudersi che stia...

Pubblicato mercoledì, 10 luglio 2019 ‐ Wired.it

Quello del giudice barese che imponeva contratti di schiavitù sessuale , ripropone le dinamiche e domande etiche del caso Weinstein: da una parte l orco, dall altra la vittima che accetta di non sottrarsi al sistema in nome di una carriera, che qui non ...

Pubblicato mercoledì, 10 luglio 2019 ‐ Wired.it

Tra annunci esagerati e previsioni catastrofiche, a leggere le notizie di IlMeteo.it ci sarebbe poco da star tranquilli. Per fortuna si tratta perlopiù di enfasi giornalistica, con qualche escamotage strategico ben studiato per avere successo online