Dall’assegno tech al cambia-bitcoin, 5 app per pagare in digitale

Pubblicato mercoledì, 05 dicembre 2018 ‐ Wired.it

Lasciare a casa i contanti e le carte. Fare la spesa al super senza passare per la cassa. E pagare in bitcoin in meno di un secondo. Possibile? Sì, grazie ai nuovi sistemi di pagamento presentati qualche giorno fa a Milano al Salone dei pagamenti. App soprattutto, che ci permettono di usare lo smartphone come un portafogli virtuale, a prova di Arsenio Lupin, grazie ai nuovi sistemi di riconoscimento biometrico.A tracciare la strada, sono stati prima i sistemi di e-payment dei big come Apple Pay e Google Pay, seguiti a ruota da app come Satispay, Circle e Tinaba, che permettono anche di dividere il conto della cena. E i nuovi metodi di pagamento in quanto a utilità non sono da meno.MuyiSe avete mai provato a pagare qualcosa in bitcoin ci avrete fatto caso: le transazioni non sono immediate, perché la sicurezza ha i suoi tempi e possono volerci anche 10 minuti per un passaggio di soldi, che non sarà neppure totalmente gratuito. Muyi è un’app made in China, paese dove la criptoeconomia è floridissima, che semplifica il tutto, riducendo al minimo i tempi di verifica e tagliando le commissioni. I bitcoin arrivano a destinazione dopo pochi secondi e gratis. E con la stessa rapidità, è possibile anche pagare da bitcoin in altre valute al tasso di cambio attuale (che è sempre bene verificare, ndr), a patto naturalmente che entrambe le parti della transazione abbiano scaricato Muyi sul cellulare.Drop PayL’ultima arrivata tra le app per pagare con lo smartphone non si appoggia a nessun conto corrente, ma ha un Iban tutto suo che le permette anche di ricevere pagamenti via pos. Nei negozi convenzionati si paga inquadrando un qr code e non ci sono commissioni. Ma possiamo anche inviare soldi ai nostri contatti che non hanno l’app (l’iban serve proprio a quello), fare ricariche telefoniche e pagare bollettini. Last but not least, c'è Grant, la funzione che permette di creare un fondo spese per qualcun altro, da spendere per determinate categorie di acquisti. A occhio e croce sembra fatta apposta per i figli (o i dipendenti) spendaccioni.PlickMandare soldi a qualcuno di cui conosciamo solo il numero o l’email? Plick permette di farlo in tutta Europa. Sarà poi il ricevente a dover inserire il proprio Iban e finalizzare la transazione. Un sistema che sembra pensato per proteggere le compravendite online: il pagamento una volta partito è irrevocabile e sicuro. Ma potrebbe anche essere l’alternativa “tech” agli assegni, visto che non c’è limite all’importo delle transazioni e si può stabilire una data per il passaggio di soldi. Creato dalla startup PayDo, per ora Plick è usato da Banca Mediolanum e Creval, ma altri istituti bancari potrebbero proporlo presto alla clientela.UtegoPiù che a pagare in realtà ci aiuta a monitorare le nostre finanze. È un'app che aggrega tutti i conti correnti, le carte prepagate, gli investimenti e i prestiti e ci offre uno sguardo d’insieme su liquidità, attività e passività. Non solo: Utego funziona anche da comparatore per chi cerca prestiti, finanziamenti, mutui e carte di credito. Ma la funzione più interessante è (forse) quella che permette agli utenti di fare community tra loro, per strappare condizioni migliori a banche e istituti finanziari. L’app esiste già ma funzionerà a pieno regime entro i primi mesi del 2019 quando entrerà in vigore la nuova regolamentazione europea Psd2 (Payment Services Directive 2), che impone a banche e istituti finanziari di rendere disponibili i dati dei propri clienti a terze parti.AuchanSpeedy Anche il modo in cui facciamo la spesa sotto casa è destinato a cambiare. Le prime a sparire potrebbero essere proprio le file alla cassa del supermercato. Gli acquisti in corsia si fanno con un’app e il pagamento è immediato, cosa già possibile in alcuni punti vendita Auchan, grazie a un accordo con Mastercard. Questo permette anche di tenere d’occhio il conto, voce per voce, e non avere sorprese al momento di pagare. Dopo un test positivo a Milano e Brescia, entro fine anno la spesa veloce si potrà fare in 50 negozi in tutta Italia. E altri di altre catene seguiranno. Questo non vuol dire che le casse scompariranno: il pagamento via app si aggiungerà semplicemente a quelli più tradizionali. Ma nel paese dove nel 2017 l’86% dei pagamenti è avvenuto in contanti è comunque un bel passo avanti.

Tag: #Finanza

Altri articoli pubblicati da Wired.it

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Pubblicato nel 2016, La paranza dei bambini è il terzo romanzo di Roberto Saviano (edito da Feltrinelli) e si focalizza su un gruppo di ragazzi napoletani, fra Forcella e Ponticelli, che come i piccolissimi pesci vengono attratti e poi catturati dalle...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Chi fa da sé, fa per tre. Se lo devono essere detti un po' tutti dentro Google, e hanno capito che era arrivata l'ora di rimboccarsi le maniche un'altra volta. E accelerare sul mercato degli smartwatch, che tra l'altro stanno per diventare qualcosa di...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

In ballo c’era un piatto molto ricco: tre voucher da 180mila euro ciascuno in servizi. Da investire, ovviamente, nello sviluppo dell’idea che li ha condotti a convincere la giuria. È il premio assegnato oggi al ministero dello Sviluppo economico ai...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Ha combattuto strenuamente per anni contro Alexa e l'Assistente Google, ma da oggi Cortana — l'assistente digitale made in Microsoft presente su tutti i dispositivi Windows 10 ma disponibile anche su smartphone — si ritirerà dalla competizione e...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

La maturità 2019 sarà inedita per tutti. Per la prima volta, infatti, la seconda prova verterà su più di una materia: al classico la prova comprende sia latino che greco, allo scientifico sia matematica che fisica – e anche negli altri indirizzi è ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Facebook ha annunciato di aver rimosso centinaia di pagine, gruppi e account di origine russa e ucraina a causa di “comportamenti inautentici coordinati” sulla propria piattaforma e su Instagram.I troll russi hanno agito in diversi paesi mentre...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Il 2019 è l'anno di Leonardo da Vinci. Il prossimo 2 maggio segnerà 500 anni dalla morte del genio rinascimentale per eccellenza, ma le iniziative in calendario per il cinquecentenario sono già moltissime. Sono inoltre già usciti i primi libri,...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Nessuno sa quante persone vivano nella Chinatown di Manhattan a New York: secondo alcune stime si parla di circa 100mila persone, ma un censimento preciso, a causa dell'alto numero di individui che vivono in condizioni di illegalità, è praticamente...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Buzzfeed – un sito che in Italia abbiamo a lungo associato ai i suoi contenuti generalisti e alle sue famigerate liste acchiappaclick – ha sganciato una vera e propria bomba capace di far tremare una volta di più la presidenza degli Stati Uniti....

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

La società italiana H-Farm, incubatore di imprese, centro di formazione e hub per l'innovazione dal 2005, ha annunciato ieri l’uscita totale dal capitale della britannica Depop, tra le più importanti aziende di ecommerce per quanto riguarda abiti e...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Il Grillo parlante è un noioso saputello, non lo nego. Coscienza di un burattino che alla fine si trasformerà in un bambino in carne ed ossa. Lungi da me tenere lezioni di letteratura, o fare discorsi filosofici. Attraverso la mia vocina interiore,...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Il 17 gennaio in Consiglio dei ministri sono state definite le due misure a cui Lega e M5S tenevano di più: Quota 100 – la possibilità, per alcuni, di andare in pensione prima rispetta a quanto previsto dalla Legge Fornero – e il reddito di...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Il Team per la trasformazione digitale del governo italiano ha creato il prototipo di un sito internet per i Comuni italiani. Il primo a ricorrere al nuovo modello sarà il municipio di Cagliari.La creazione di questo standard deriva da una necessità...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Hashtag virali al servizio dell’ambiente. Praticamente chiunque abbia un account social l’ha fatto, e se anche non l’avesse fatto è stato quantomeno tentato (ammettetelo): postare una propria foto del 2009 a confronto con una attuale. Per vedere e ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

È dal 2015 ormai che il tablet compatto iPad Mini non viene aggiornato. La categoria delle tavolette mignon ha sicuramente perso popolarità con l'aumentare delle dimensioni medie degli smartphone, ma più di tre anni senza un nuovo modello sono...