Cosa dicono gli ultimi studi disponibili sulla Tav

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Il destino della linea ferroviaria Torino-Lione rischia di segnare l'ennesimo motivo di scontro all'interno della maggioranza gialloverde, e di portare qualche grana non da poco in casa del Movimento 5 stelle. Da sempre contrari alla grande opera, i grillini si ritrovano a dover fare i conti con un bilancio di governo che finora li ha costretti a molte retromarce e compromessi.Il cuore della vicenda politica è, da un lato, la preoccupazione di Salvini di ritrovarsi contro i Sì Tav e i fautori dell'autonomismo settentrionale; da parte di Di Maio, la preoccupazione di mettere nei guai la maggioranza pur di non cedere sull'ennesimo fronte simbolico. Una partita complicata in cui le valutazioni costi-benefici dell'opera di cui si parla in queste ore sembrano ridotti a pura formalità: il leader della Lega ha già fatto sapere che se il parere dei tecnici dovesse essere negativo, si potrà procedere con un referendum consultivo. Il quale, però, rischia di spaccare ancora di più i due partiti di governo. Ma cosa dicono gli ultimi studi disponibili sulla Tav? Continuare coi lavori ha senso? Insomma, proviamo a guardare ai dati.L'ultimo (misterioso) rapporto e quelli precedentiIn questo momento è arrivato al ministero delle Infrastrutture un rapporto preliminare sulla convenienza economica sulla sostituzione del vecchio e obsoleto tunnel del Frejus con un nuovo tunnel ferroviario sotto il Moncenisio, consegnato dal presidente della commissione incaricata, Marco Ponti, al dicastero. Attorno al verdetto si è creata molta attesa, e non sono stati ancora resi noti tutti i contenuti del rapporto (che sarà rivelato a fine gennaio) ma l'esito negativo è ormai dato per certo.Per ora si sa che i costi costi a carico dell'Italia sono stati ridotti rispetto a quelli previsti dal progetto iniziale: non ammonterebbero più a 9 miliardi di euro ma a 2,9 miliardi di euro per il tunnel e 1,9 per l'adeguamento della linea che arriva da Torino.Ma è giusto chiamarla Tav? I treni che viaggeranno sulla nuova linea – tecnicamente "una linea mista con specifiche tecniche d’interoperabilità" – non saranno ad alta velocità, perché ci saranno limiti di 220 km/h per i treni passeggeri e 120 km/h per i treni merci: dunque, parlare di linea ad alta velocità non ha più molto senso, come notava anche l'attuale commissario governativo Paolo Foietta davanti alla commissione Affari esteri della Camera a dicembre 2016.Secondo un articolo dello stesso Ponti pubblicato su Lavoce.info nel giugno 2018, la nuova Torino-Lione non sarebbe conveniente sul piano economico non solo perché non si riuscirebbe a coprirne i costi, ma porterebbe a notevoli perdite per la collettività. In due modi: meno entrate fiscali per lo stato a causa della riduzione dei consumi di benzina, e la contrazione del volume d'affari delle società che gestiscono i tunnel autostradali. C'è inoltre la questione carburanti. Ponti afferma che "l'attuale livello di prelievo fiscale sui carburanti è tale per cui le esternalità risultano ampiamente recuperate".Altri contributi tecnici, come quello dell'Osservatorio asse ferrioviario Torino-Lione del 28 dicembre 2018, hanno, al contrario messo in risalto questo aspetto: come, cioè, "il passaggio dei convogli nel tunnel di base del Moncenisio permette di avere risparmi energetici di trazione di grande portata". Per questa ragione, concludeva, "risulta quindi confermata a tutti gli effetti la superiorità dal punto di vista energetico del nuovo tunnel di Base del Moncenisio rispetto alla linea storica di valico del Frejus".Se il progetto venisse realizzato i tracciati apparirebbero più ridotti, alcuni già esistenti verrebbero riutilizzati, diminuirebbe il consumo di suolo, l'imbocco della galleria verrebbe trasferito da Venaus a Chiomonte, oltre alla riduzione di consumi di benzina e pedaggi autostradali.Il problema è che ogni analisi costi-benefici sembra influenzata non solo dai freddi numeri ma dai rapporti di forza all'interno della maggioranza e nel paese, col risultato di venire sbandierata come una clava dalle parti interessate. Secondo l'economista Carlo Alberto Carnevale-Maffè, "l'analisi costi-benefici su Tav, decisa da Toninelli senza gara aperta e con criteri non trasparenti, va sottoposta a verifica indipendente sulla metodologia usata e sulla valutazione delle esternalità. È comunque incompleta senza analisi dei rischi legali".Ogni decisione sulla linea ad alta velocità che dovrebbe collegare Torino a Lione verrà infatti presa nel rispetto di un trattato internazionale approvato  dai parlamenti di Parigi e Roma, che per essere cancellato dovrebbe nuovamente passare dal voto della Camera e dal Senato.

Tag: #Politica

Altri articoli pubblicati da Wired.it

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Pubblicato nel 2016, La paranza dei bambini è il terzo romanzo di Roberto Saviano (edito da Feltrinelli) e si focalizza su un gruppo di ragazzi napoletani, fra Forcella e Ponticelli, che come i piccolissimi pesci vengono attratti e poi catturati dalle...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Chi fa da sé, fa per tre. Se lo devono essere detti un po' tutti dentro Google, e hanno capito che era arrivata l'ora di rimboccarsi le maniche un'altra volta. E accelerare sul mercato degli smartwatch, che tra l'altro stanno per diventare qualcosa di...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

In ballo c’era un piatto molto ricco: tre voucher da 180mila euro ciascuno in servizi. Da investire, ovviamente, nello sviluppo dell’idea che li ha condotti a convincere la giuria. È il premio assegnato oggi al ministero dello Sviluppo economico ai...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Ha combattuto strenuamente per anni contro Alexa e l'Assistente Google, ma da oggi Cortana — l'assistente digitale made in Microsoft presente su tutti i dispositivi Windows 10 ma disponibile anche su smartphone — si ritirerà dalla competizione e...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

La maturità 2019 sarà inedita per tutti. Per la prima volta, infatti, la seconda prova verterà su più di una materia: al classico la prova comprende sia latino che greco, allo scientifico sia matematica che fisica – e anche negli altri indirizzi è ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Facebook ha annunciato di aver rimosso centinaia di pagine, gruppi e account di origine russa e ucraina a causa di “comportamenti inautentici coordinati” sulla propria piattaforma e su Instagram.I troll russi hanno agito in diversi paesi mentre...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Il 2019 è l'anno di Leonardo da Vinci. Il prossimo 2 maggio segnerà 500 anni dalla morte del genio rinascimentale per eccellenza, ma le iniziative in calendario per il cinquecentenario sono già moltissime. Sono inoltre già usciti i primi libri,...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Nessuno sa quante persone vivano nella Chinatown di Manhattan a New York: secondo alcune stime si parla di circa 100mila persone, ma un censimento preciso, a causa dell'alto numero di individui che vivono in condizioni di illegalità, è praticamente...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Buzzfeed – un sito che in Italia abbiamo a lungo associato ai i suoi contenuti generalisti e alle sue famigerate liste acchiappaclick – ha sganciato una vera e propria bomba capace di far tremare una volta di più la presidenza degli Stati Uniti....

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

La società italiana H-Farm, incubatore di imprese, centro di formazione e hub per l'innovazione dal 2005, ha annunciato ieri l’uscita totale dal capitale della britannica Depop, tra le più importanti aziende di ecommerce per quanto riguarda abiti e...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Il Grillo parlante è un noioso saputello, non lo nego. Coscienza di un burattino che alla fine si trasformerà in un bambino in carne ed ossa. Lungi da me tenere lezioni di letteratura, o fare discorsi filosofici. Attraverso la mia vocina interiore,...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Il 17 gennaio in Consiglio dei ministri sono state definite le due misure a cui Lega e M5S tenevano di più: Quota 100 – la possibilità, per alcuni, di andare in pensione prima rispetta a quanto previsto dalla Legge Fornero – e il reddito di...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Il Team per la trasformazione digitale del governo italiano ha creato il prototipo di un sito internet per i Comuni italiani. Il primo a ricorrere al nuovo modello sarà il municipio di Cagliari.La creazione di questo standard deriva da una necessità...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

Hashtag virali al servizio dell’ambiente. Praticamente chiunque abbia un account social l’ha fatto, e se anche non l’avesse fatto è stato quantomeno tentato (ammettetelo): postare una propria foto del 2009 a confronto con una attuale. Per vedere e ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Wired.it

È dal 2015 ormai che il tablet compatto iPad Mini non viene aggiornato. La categoria delle tavolette mignon ha sicuramente perso popolarità con l'aumentare delle dimensioni medie degli smartphone, ma più di tre anni senza un nuovo modello sono...