Come bloccare gli spoiler su Facebook e Twitter

Pubblicato martedì, 12 febbraio 2019 ‐ Wired.it

Dopo l’uscita di un film o una serie tv, ma in realtà anche prima, evitare gli spoiler sui social network è diventato sempre più difficile. È molto probabile che, durante un semplice scorrimento del feed delle notizie, ci s’imbatta nel conoscente di turno che pubblica la classica frase rivelatrice del colpo di scena.Fortunatamente i due social network più prolifici di brutte sorprese hanno involontariamente fornito gli strumenti per la perfetta difesa dagli spoiler. Twitter e Facebook dispongono di impostazioni che aiutano gli utenti a bloccare determinati contenuti. Sfruttandole al meglio è possibile usarle per impedire che gli spoiler approdino sul proprio feed delle notizie rovinando tutto.Su TwitterTwitter, già dal 2016, permette di silenziare delle parole chiave bloccando così tutto ciò che è collegato ad esse. Per farlo è possibile accedere dal menù delle impostazioni. Tramite app è raggiungibile cliccando l’icona dell’ingranaggio mentre tramite web bisogna cliccare la propria foto, in alto a destra, accedendo così al menù cliccando sulla voce Impostazioni e privacy.Una volta nel menù delle impostazioni cercate la voce parole silenziate. Accedendo a questo sotto menù potrete visualizzare la lista delle parole già silenziate oppure è possibile aggiungerne di nuove. Premendo il tasto Aggiungi, si aprirà una finestra che permetterà l’inserimento della parola inerente allo spoiler che si vuole evitare. È possibile inoltre aggiungere delle opzioni al silenziamento dello spoiler per renderlo più efficiente.Ora è necessario inserire le parole che potrebbero saltare fuori in uno spoiler. Ogni fandom ha il suo slang e i nomignoli che vengono dati ai vari personaggi: ricordate bene che pure quelle parole potrebbero condurre ad una fonte di spoiler.Su FacebookFacebook, a differenza di Twitter è leggermente più complicato in quanto non ha ancora un’opzione specifica per disattivare le parole calde.Bisogna quindi usare la testa ed essere creativi andando ad agire direttamente sulle possibili fonti di spoiler. In ogni pagina o profilo utente c’è la possibilità di attivare un’opzione che ne nasconde completamente i post.Per attivare questa opzione via desktop è necessario cliccare sul pulsante Segui della pagina o del profilo e successivamente sull'icona della matita vicino alla voce Sezione notizie. Si aprirà una finestra nella quale potrete selezionare la voce che permette di nascondere i post di tale profilo o pagina.Dalla versione mobile di Facebook il processo è più semplice e può essere attivato anche per un determinato lasso di tempo (solitamente 30 giorni). Basterà cliccare sull'icona della i presente sul profilo che si vuole silenziare e successivamente premere la voce Silenzia per 30 giorni. Ogni azione eseguita tramite l’app mobile avrà lo stesso effetto anche sul social web.

Tag: #SocialNetwork

Altri articoli pubblicati da Wired.it

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Wired.it

La startup italiana Kellify ha sviluppato un algoritmo che studia l andamento delle aste e delle vendite di opere d arte e artisti e sa individuare i pezzi che possono garantire la migliore liquidità nel breve periodo agli investitori. Ecco come...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Wired.it

Un nuovo studio ha analizzato il dna delle popolazioni che abitavano l’Inghilterra nel neolitoco, quando venne edificato il celebre circolo di pietre megalitiche. Rivelando che giunsero sull’isola dopo una lunga migrazione, iniziata, appunto, dalle...

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Wired.it

Il nuovo metodo taglia lunghi frammenti di dna e promette di essere efficiente, ancora più delle tecniche tradizionali Crispr-Cas9, per le manipolazioni del genoma a lunga distanza. Per la prima volta è stato testato su cellule umane. Ma la tecnica...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Wired.it

Il pianeta che orbita intorno alla stella più vicina al nostro pianeta, potrebbe avere le condizioni adatte per ospitare la vita. A riferirlo è uno studio statunitense secondo cui i raggi Uv sarebbero meno intensi di quelli che riceveva il nostro...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Wired.it

Un gruppo di azionisti chiede di limitare i contratti di Rekognition, il software di riconoscimento facciale sviluppato dal colosso dell ecommerce, bloccando la vendita a governi che potrebbero abusarne. Ma Bezos non vuole far saltare gli appalti. Guerra ...

Pubblicato sabato, 13 aprile 2019 ‐ Wired.it

Perché ci scandalizziamo quando governi e colossi del tech vìolano la nostra privacy? Siamo stati noi, in primis, a permettere a parenti e amici di farlo, con app e software, in nome del diritto di sapere. Dall archivio di Wired, un analisi dell autore ...

Pubblicato sabato, 13 aprile 2019 ‐ Wired.it

Abraham Lincoln è forse il più celebre presidente degli Stati Uniti, ed è anche il più studiato. Ma sulla sua monumentale figura sono nate anche diverse leggende; dalle speculazioni sulla sua sessualità ai complotti governativi per la sua...

Pubblicato mercoledì, 10 aprile 2019 ‐ Wired.it

Fraintesa e sminuita, la depressione è la prima causa di disabilità al mondo, e in Italia colpisce una persona su 20. Per aiutare un depresso si deve guardare in faccia il suo dolore: la storia di chi convive con la più incomunicabile delle sofferenze

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

Non si tratta di prevedere il futuro ma di produrre simultaneamente, attraverso un complesso algoritmo quantistico, tutti i potenziali esiti di una determinata operazione, per poter scegliere al meglio. Un gruppo di fisici è riuscito a realizzare un...

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

È stata analizzata la chiavetta usb della donna arrestata mentre cercava di intrufolarsi nel resort in Florida del presidente degli Stati Uniti: era caricata con un malware autorun. E altri software di attacco sono stati trovati nella sua stanza di...

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

Nel 1999 veniva proposta, per la prima volta, la possibilità di catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera per contrastare l’avanzata del riscaldamento globale. Klaus Lackner, autore di quel primo, seminale, paper ci racconta oggi a...

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

Secondo una ricerca americana, i nutrienti assunti tramite gli alimenti sarebbero in grado di portare a un minor rischio di morte per tutte le cause, incluso il cancro. Un dato che non è stato però osservato per i nutrienti contenuti negli integratori...

Pubblicato lunedì, 08 aprile 2019 ‐ Wired.it

Una ricerca su animali potrebbe spiegare perché l Mdma - o ecstasy - è risultato efficace nelle persone con disturbo post-traumatico da stress. Il composto riapre particolari finestre temporali, legate alla crescita, in cui gli stimoli esterni...

Pubblicato lunedì, 08 aprile 2019 ‐ Wired.it

Leggendo loro 5 libri al giorno arriveranno alle scuole elementari avendo sentito un milione e mezzo di parole, mentre se non si legge mai ne avranno ascoltate solo 4.600. Un vocabolario più ampio è importante anche per parlare meglio e per imparare a...

Pubblicato sabato, 06 aprile 2019 ‐ Wired.it

Con il fragore di un tuono, si abbatte sui cinema italiani Shazam!, il film più scanzonato e ironico dell universo cinematografico dedicato ai supereroi Dc Comics. Ma chi è Billy Batson? Ecco le saghe per scoprire tutti i retroscena dell eroe teenager