Codice della strada, cosa cambierà per le bici in caso di approvazione

Pubblicato martedì, 12 febbraio 2019 ‐ Wired.it

La forte attenzione alle biciclette da parte del governo giallobruno è senz’altro una buona notizia. Il nuovo Codice della strada potrebbe consentire alle due ruote – il testo è in discussione alla commissione Trasporti della Camera, dunque nulla è definitivo – di andare contromano nei centri abitati (dove il limite sia fissato ai 30 km/h) e soprattutto accordando precedenza ai semafori, con linee di stop avanzate rispetto alle auto. Ci sarà pure la possibilità di percorrere le corsie preferenziali per i trasporti pubblici e i taxi.Peccato che in Europa l’Italia sia ancora 17esima nella classifica dei Paesi più bike friendly e dunque se, stando ai dati del Centro studi Continental, i chilometri di piste ciclabili sono saliti appena del 22% in sette anni. Ancora molta strada rimane da fare per trasformare l’urbanistica delle città italiane, restituendola a pedoni e ciclisti. Basti vedere le durissime resistenze per la realizzazione di alcune piste ciclabili, per esempio a Roma sulle principali vie consolari.Provvedimenti giusti e sensati, quelli suggeriti, in gran parte in linea con quanto si fa in Europa – è per esempio il caso della striscia di arresto avanzata agli incroci o ai semafori, chissà se i comuni rispetteranno mai queste prescrizioni – ma del tutto fuori dal contesto generale rispetto ai nostri vicini. Si parla, con queste iniziative, di circolazione stradale senza ricordare che la soluzione più sicura sarebbe quella delle piste ciclabili. La loro diffusione nel Paese è a macchia di leopardo: si va, dati del 2016, dai 1.285,8 km dell’Emilia-Romagna ai 707,6 della Lombardia fino ai 25 della Calabria, ai 3 del Molise, ai 27 dell’Umbria o ai 4,5 della Basilicata. Sarebbe bene intervenire anzitutto su quel fronte, anche in chiave cicloturistica, perché le nostre città – con alcune pregevoli eccezioni – non sanno accogliere chi vuole usare la bici.Senza contare che, pure quando ci sono, le piste sono spesso lasciate in condizioni pietose e che non tutte sono uguali: quei numeri includono infatti anche delle (finte) piste ciclabili, corsie ricavate dalla carreggiata di strade pericolose e non riservate alle due ruote. Questo per dire che la precedenza ai semafori, così come la possibilità di parcheggiare in aree adibite dai comuni o sui marciapiedi e all'interno delle zone pedonali e gli incentivi per l’acquisto del casco, che diventerebbe obbligatorio, sono senza dubbio ottime notizie. La guida contromano, invece, divide gli esperti. In ogni caso, tutte queste proposte rispondono a bisogni successivi a quelli basilari: trasformare le nostre città, disintossicandole dai mezzi a motore.Qualche idea su cosa ci servirebbe davvero e di più si trova in una petizione da poco lanciata su Change.org dall’Associazione corridori ciclisti professionisti italiani, col supporto di tanti campioni delle due ruote, da Matteo Trentin ad Elia Viviani. L’iniziativa è nata in ricordo di un altro campione: Michele Scarponi, investito a morte da un furgone il 22 aprile 2017 quando aveva 38 anni. Si tratta dunque di indicazioni destinate alla sicurezza di tutti di cui nella riforma del Codice della strada non c’è traccia.Per esempio, occorrerebbero sanzioni all’interno della legge n. 366/1998 per gli enti che non provvedono a realizzare percorsi ciclabili nel caso di strade di nuova realizzazione o non provvedano alle manutenzioni straordinarie. Poi, bisognerebbe definire una distanza minima di 1,5 metri per il sorpasso dei velocipedi, modificando l’art. 148 del Cds, in sostituzione del termine “distanza adeguata” citato nello stesso. Ancora, sarebbe necessario definire misure minime di sostegno psicologico alle vittime e ai loro parenti durante tutto il percorso post trauma e riconoscere questo percorso come patologia con i diritti economici, di lavoro e di tutela che ne conseguono. E dunque modificare il Codice di procedura penale assicurando ai parenti delle vittime di poter partecipare a pieno titolo al processo penale conseguente e adeguare le tabelle di indennizzo per le vittime che subiscono danni permanenti, l’istituzione di un percorso di sostegno psicologico e i loro familiari a carico del Servizio sanitario nazionale.Con il disegno di legge M5s-Lega anche gli skate, i monopattini (a proposito, stiamo per assistere a un boom, sono almeno tre le piattaforme di condivisione degli monopattini pronte a partire in Italia: Helbiz, Lime e Flash) e gli hoverboard entrano a far parte per la prima volta del Codice della strada. Anche in questi casi, forse di più, serviranno regole certe. L’ideale sarebbe consentirne la circolazione solo sulle piste ciclabili ma questo, i dati citati sopra lo spiegano in modo lampante, renderebbe del tutto impossibile il loro utilizzo.

Tag: #Ambiente

Altri articoli pubblicati da Wired.it

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Wired.it

Il nuovo metodo taglia lunghi frammenti di dna e promette di essere efficiente, ancora più delle tecniche tradizionali Crispr-Cas9, per le manipolazioni del genoma a lunga distanza. Per la prima volta è stato testato su cellule umane. Ma la tecnica...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Wired.it

Il pianeta che orbita intorno alla stella più vicina al nostro pianeta, potrebbe avere le condizioni adatte per ospitare la vita. A riferirlo è uno studio statunitense secondo cui i raggi Uv sarebbero meno intensi di quelli che riceveva il nostro...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Wired.it

Un gruppo di azionisti chiede di limitare i contratti di Rekognition, il software di riconoscimento facciale sviluppato dal colosso dell ecommerce, bloccando la vendita a governi che potrebbero abusarne. Ma Bezos non vuole far saltare gli appalti. Guerra ...

Pubblicato sabato, 13 aprile 2019 ‐ Wired.it

Perché ci scandalizziamo quando governi e colossi del tech vìolano la nostra privacy? Siamo stati noi, in primis, a permettere a parenti e amici di farlo, con app e software, in nome del diritto di sapere. Dall archivio di Wired, un analisi dell autore ...

Pubblicato sabato, 13 aprile 2019 ‐ Wired.it

Abraham Lincoln è forse il più celebre presidente degli Stati Uniti, ed è anche il più studiato. Ma sulla sua monumentale figura sono nate anche diverse leggende; dalle speculazioni sulla sua sessualità ai complotti governativi per la sua...

Pubblicato mercoledì, 10 aprile 2019 ‐ Wired.it

Fraintesa e sminuita, la depressione è la prima causa di disabilità al mondo, e in Italia colpisce una persona su 20. Per aiutare un depresso si deve guardare in faccia il suo dolore: la storia di chi convive con la più incomunicabile delle sofferenze

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

Non si tratta di prevedere il futuro ma di produrre simultaneamente, attraverso un complesso algoritmo quantistico, tutti i potenziali esiti di una determinata operazione, per poter scegliere al meglio. Un gruppo di fisici è riuscito a realizzare un...

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

È stata analizzata la chiavetta usb della donna arrestata mentre cercava di intrufolarsi nel resort in Florida del presidente degli Stati Uniti: era caricata con un malware autorun. E altri software di attacco sono stati trovati nella sua stanza di...

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

Nel 1999 veniva proposta, per la prima volta, la possibilità di catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera per contrastare l’avanzata del riscaldamento globale. Klaus Lackner, autore di quel primo, seminale, paper ci racconta oggi a...

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

Secondo una ricerca americana, i nutrienti assunti tramite gli alimenti sarebbero in grado di portare a un minor rischio di morte per tutte le cause, incluso il cancro. Un dato che non è stato però osservato per i nutrienti contenuti negli integratori...

Pubblicato lunedì, 08 aprile 2019 ‐ Wired.it

Una ricerca su animali potrebbe spiegare perché l Mdma - o ecstasy - è risultato efficace nelle persone con disturbo post-traumatico da stress. Il composto riapre particolari finestre temporali, legate alla crescita, in cui gli stimoli esterni...

Pubblicato lunedì, 08 aprile 2019 ‐ Wired.it

Leggendo loro 5 libri al giorno arriveranno alle scuole elementari avendo sentito un milione e mezzo di parole, mentre se non si legge mai ne avranno ascoltate solo 4.600. Un vocabolario più ampio è importante anche per parlare meglio e per imparare a...

Pubblicato sabato, 06 aprile 2019 ‐ Wired.it

Con il fragore di un tuono, si abbatte sui cinema italiani Shazam!, il film più scanzonato e ironico dell universo cinematografico dedicato ai supereroi Dc Comics. Ma chi è Billy Batson? Ecco le saghe per scoprire tutti i retroscena dell eroe teenager

Pubblicato venerdì, 05 aprile 2019 ‐ Wired.it

Lo stop è una forma precauzionale, visto che per ora non è stato provato il nesso causale tra protesi mammarie macro-testurizzate e una rara forma di tumore al sangue. Intanto il ministro della salute ha richiesto un parere del Consiglio superiore di...

Pubblicato venerdì, 05 aprile 2019 ‐ Wired.it

Nei laboratori dell università della Georgia sono venute al mondo le prime lucertole geneticamente modificate. Un passo importante per studiare la genetica dei rettili, ma anche per migliorare il trattamento di malattie legate agli occhi degli esseri...