Alita – L’angelo della battaglia non vuole essere solo la favoletta del futuro

Pubblicato martedì, 12 febbraio 2019 ‐ Wired.it

Erano letteralmente decenni che James Cameron cercava di realizzare Alita - L’angelo della battaglia. Il manga originale gliel’aveva segnalato Guillermo Del Toro e da quel momento era diventato ossessionato all’idea di farne un film, tuttavia tempo, impegni e molti Avatar gli hanno impedito di farlo partire, così ha deciso di prendere la sua sceneggiatura e i suoi soldi e farlo fare a qualcun altro, più o meno come l’avrebbe fatto lui. Robert Rodriguez è stato il prescelto.Il risultato è il frutto dell’incontro delle loro due sensibilità. La trama risente molto di James Cameron (che l’ha scritta), di quella sua semplice regolarità classica, del percorso dell’eroe molto canonico e di una schiettezza nel dar forma a personaggi che incarnano virtù decise (insomma c’è ben poca complessità e molta maestria), invece la realizzazione ha il tono visivo di Robert Rodriguez e la sua grande moltitudine di stimoli, citazioni, echi e rimandi. Non è quindi un film godereccio ed esagerato come Planet Terror o Once Upon a Time in Mexico ma uno che cerca in ogni dove di rimanere uno spettacolo per famiglie con un tono un po’ più adulto della media.Quel che la sceneggiatura di Cameron abbassa, in termini di grettezza, la messa in scena di Rodriguez alza. Così nella storia di questa ragazza con il cervello umano ma un corpo robotico, messa insieme da un dottore del futuro (che fa protesi robotiche) dopo aver ritrovato solo la testa in una discarica, che non ricorda niente di sé e del suo passato ma che scopre subito di avere incredibili doti di guerriero, c’è tantissima violenza che il film manipola per non essere disturbante. Vediamo arti staccati ma sono robotici (niente sangue, solo olio che schizza), vediamo la morte ma sono tutti cattivi, vediamo un clima di ostilità, pericolo e tenebre ma sempre con un risvolto positivo.Il vero lavoro di questo film sta infatti nel design più che nel racconto, non è tanto in quel che succede (facile prevederlo) ma cosa dicono le immagini. Giubbottoni di pelle lunghi, colori fluo su nero, un grande uso del gotico, cappelloni anni ‘40 ma anche inquadrature sghembe e un certo fascino disturbante (specialmente le protesi mettalliche che fanno somigliare i personaggi ad animali respingenti come il ragno) sono tutte spallate agli anni ‘90, gli stessi in cui era pubblicato il fumetto, e a quell’estetica dark. Rodriguez sembra un po’ retrodatare il look di un film per sporcarne il candore. E il mix funziona.Essendoci Cameron dietro Alita è anche un’opera di sofisticatissima computer grafica. La protagonista è interamente animata in motion capture (un’attrice presta sia i movimenti che le espressioni ad un personaggio disegnato in computer grafica) e recita benissimo, le parti migliori del racconto stanno proprio nella maniera in cui lei guarda innamorata le persone e quel sentimento è ciò che determina chi lei sia e che percorso stia attraversando. Tuttavia il vero godimento sta nel frullatone di Rodriguez, capace di infilare in questo film cattivi tagliati esattamente a metà per lungo come in Ken il guerriero, i robottoni malvagi di Horizon Zero Dawn (il quale a sua volta li riprendeva dal fumetto di Alita), trucco punk dei cattivi e ibridi di carne e metallo come in Tetsuo.Alita scoprirà di avere (ovviamente) un ruolo cruciale nell’organizzazione sociale spietata di questo futuro, scoprirà di essere molto importante e poter fare molto (soprattutto nei prossimi eventuali sequel), come si conviene al genere. Non c’è molto da rimanere sorpresi nell’intreccio, quel che semmai è davvero inedito è Christoph Waltz, per la prima volta buono ed immacolato in un film hollywoodiano! Non gli viene richiesto il suo solito repertorio di altera e meschina superiorità e così sfodera un campionario di gesti, modi ed espressioni dolci che ci sono sconosciuti e ci ricordano che gigante sia.Per tutta la prima parte del film (in cui Alita è da lui risvegliata e impara tutto quel che di buono esiste) è proprio lui a reggere il film. Gioca di rimessa, quando ha le battute affonda mentre quando gli altri parlano con i piani d’ascolto dà valore a quel che dicono, imposta i tempi delle interazioni (lenti ma non noiosi perché il tono sia familiare e quieto) e di fatto domina le scene. Tutti i sentimenti che ci sono in ballo li capiamo da come lui guarda Alita o quello che hanno intorno a loro. Poi il resto del film chiaramente sarà molto più d’azione (c’è uno sport mortale trasmesso in televisione che è praticamente Rollerball) con un finale che arriva in tempo in tempo ad evitare la noia, ma quei primi minuti sono un gran momento.

Tag: #Cinema

Altri articoli pubblicati da Wired.it

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Wired.it

Il nuovo metodo taglia lunghi frammenti di dna e promette di essere efficiente, ancora più delle tecniche tradizionali Crispr-Cas9, per le manipolazioni del genoma a lunga distanza. Per la prima volta è stato testato su cellule umane. Ma la tecnica...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Wired.it

Il pianeta che orbita intorno alla stella più vicina al nostro pianeta, potrebbe avere le condizioni adatte per ospitare la vita. A riferirlo è uno studio statunitense secondo cui i raggi Uv sarebbero meno intensi di quelli che riceveva il nostro...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Wired.it

Un gruppo di azionisti chiede di limitare i contratti di Rekognition, il software di riconoscimento facciale sviluppato dal colosso dell ecommerce, bloccando la vendita a governi che potrebbero abusarne. Ma Bezos non vuole far saltare gli appalti. Guerra ...

Pubblicato sabato, 13 aprile 2019 ‐ Wired.it

Perché ci scandalizziamo quando governi e colossi del tech vìolano la nostra privacy? Siamo stati noi, in primis, a permettere a parenti e amici di farlo, con app e software, in nome del diritto di sapere. Dall archivio di Wired, un analisi dell autore ...

Pubblicato sabato, 13 aprile 2019 ‐ Wired.it

Abraham Lincoln è forse il più celebre presidente degli Stati Uniti, ed è anche il più studiato. Ma sulla sua monumentale figura sono nate anche diverse leggende; dalle speculazioni sulla sua sessualità ai complotti governativi per la sua...

Pubblicato mercoledì, 10 aprile 2019 ‐ Wired.it

Fraintesa e sminuita, la depressione è la prima causa di disabilità al mondo, e in Italia colpisce una persona su 20. Per aiutare un depresso si deve guardare in faccia il suo dolore: la storia di chi convive con la più incomunicabile delle sofferenze

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

Non si tratta di prevedere il futuro ma di produrre simultaneamente, attraverso un complesso algoritmo quantistico, tutti i potenziali esiti di una determinata operazione, per poter scegliere al meglio. Un gruppo di fisici è riuscito a realizzare un...

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

È stata analizzata la chiavetta usb della donna arrestata mentre cercava di intrufolarsi nel resort in Florida del presidente degli Stati Uniti: era caricata con un malware autorun. E altri software di attacco sono stati trovati nella sua stanza di...

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

Nel 1999 veniva proposta, per la prima volta, la possibilità di catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera per contrastare l’avanzata del riscaldamento globale. Klaus Lackner, autore di quel primo, seminale, paper ci racconta oggi a...

Pubblicato martedì, 09 aprile 2019 ‐ Wired.it

Secondo una ricerca americana, i nutrienti assunti tramite gli alimenti sarebbero in grado di portare a un minor rischio di morte per tutte le cause, incluso il cancro. Un dato che non è stato però osservato per i nutrienti contenuti negli integratori...

Pubblicato lunedì, 08 aprile 2019 ‐ Wired.it

Una ricerca su animali potrebbe spiegare perché l Mdma - o ecstasy - è risultato efficace nelle persone con disturbo post-traumatico da stress. Il composto riapre particolari finestre temporali, legate alla crescita, in cui gli stimoli esterni...

Pubblicato lunedì, 08 aprile 2019 ‐ Wired.it

Leggendo loro 5 libri al giorno arriveranno alle scuole elementari avendo sentito un milione e mezzo di parole, mentre se non si legge mai ne avranno ascoltate solo 4.600. Un vocabolario più ampio è importante anche per parlare meglio e per imparare a...

Pubblicato sabato, 06 aprile 2019 ‐ Wired.it

Con il fragore di un tuono, si abbatte sui cinema italiani Shazam!, il film più scanzonato e ironico dell universo cinematografico dedicato ai supereroi Dc Comics. Ma chi è Billy Batson? Ecco le saghe per scoprire tutti i retroscena dell eroe teenager

Pubblicato venerdì, 05 aprile 2019 ‐ Wired.it

Lo stop è una forma precauzionale, visto che per ora non è stato provato il nesso causale tra protesi mammarie macro-testurizzate e una rara forma di tumore al sangue. Intanto il ministro della salute ha richiesto un parere del Consiglio superiore di...

Pubblicato venerdì, 05 aprile 2019 ‐ Wired.it

Nei laboratori dell università della Georgia sono venute al mondo le prime lucertole geneticamente modificate. Un passo importante per studiare la genetica dei rettili, ma anche per migliorare il trattamento di malattie legate agli occhi degli esseri...