Alita – L’angelo della battaglia non vuole essere solo la favoletta del futuro

Pubblicato martedì, 12 febbraio 2019 ‐ Wired.it

Erano letteralmente decenni che James Cameron cercava di realizzare Alita - L’angelo della battaglia. Il manga originale gliel’aveva segnalato Guillermo Del Toro e da quel momento era diventato ossessionato all’idea di farne un film, tuttavia tempo, impegni e molti Avatar gli hanno impedito di farlo partire, così ha deciso di prendere la sua sceneggiatura e i suoi soldi e farlo fare a qualcun altro, più o meno come l’avrebbe fatto lui. Robert Rodriguez è stato il prescelto.Il risultato è il frutto dell’incontro delle loro due sensibilità. La trama risente molto di James Cameron (che l’ha scritta), di quella sua semplice regolarità classica, del percorso dell’eroe molto canonico e di una schiettezza nel dar forma a personaggi che incarnano virtù decise (insomma c’è ben poca complessità e molta maestria), invece la realizzazione ha il tono visivo di Robert Rodriguez e la sua grande moltitudine di stimoli, citazioni, echi e rimandi. Non è quindi un film godereccio ed esagerato come Planet Terror o Once Upon a Time in Mexico ma uno che cerca in ogni dove di rimanere uno spettacolo per famiglie con un tono un po’ più adulto della media.Quel che la sceneggiatura di Cameron abbassa, in termini di grettezza, la messa in scena di Rodriguez alza. Così nella storia di questa ragazza con il cervello umano ma un corpo robotico, messa insieme da un dottore del futuro (che fa protesi robotiche) dopo aver ritrovato solo la testa in una discarica, che non ricorda niente di sé e del suo passato ma che scopre subito di avere incredibili doti di guerriero, c’è tantissima violenza che il film manipola per non essere disturbante. Vediamo arti staccati ma sono robotici (niente sangue, solo olio che schizza), vediamo la morte ma sono tutti cattivi, vediamo un clima di ostilità, pericolo e tenebre ma sempre con un risvolto positivo.Il vero lavoro di questo film sta infatti nel design più che nel racconto, non è tanto in quel che succede (facile prevederlo) ma cosa dicono le immagini. Giubbottoni di pelle lunghi, colori fluo su nero, un grande uso del gotico, cappelloni anni ‘40 ma anche inquadrature sghembe e un certo fascino disturbante (specialmente le protesi mettalliche che fanno somigliare i personaggi ad animali respingenti come il ragno) sono tutte spallate agli anni ‘90, gli stessi in cui era pubblicato il fumetto, e a quell’estetica dark. Rodriguez sembra un po’ retrodatare il look di un film per sporcarne il candore. E il mix funziona.Essendoci Cameron dietro Alita è anche un’opera di sofisticatissima computer grafica. La protagonista è interamente animata in motion capture (un’attrice presta sia i movimenti che le espressioni ad un personaggio disegnato in computer grafica) e recita benissimo, le parti migliori del racconto stanno proprio nella maniera in cui lei guarda innamorata le persone e quel sentimento è ciò che determina chi lei sia e che percorso stia attraversando. Tuttavia il vero godimento sta nel frullatone di Rodriguez, capace di infilare in questo film cattivi tagliati esattamente a metà per lungo come in Ken il guerriero, i robottoni malvagi di Horizon Zero Dawn (il quale a sua volta li riprendeva dal fumetto di Alita), trucco punk dei cattivi e ibridi di carne e metallo come in Tetsuo.Alita scoprirà di avere (ovviamente) un ruolo cruciale nell’organizzazione sociale spietata di questo futuro, scoprirà di essere molto importante e poter fare molto (soprattutto nei prossimi eventuali sequel), come si conviene al genere. Non c’è molto da rimanere sorpresi nell’intreccio, quel che semmai è davvero inedito è Christoph Waltz, per la prima volta buono ed immacolato in un film hollywoodiano! Non gli viene richiesto il suo solito repertorio di altera e meschina superiorità e così sfodera un campionario di gesti, modi ed espressioni dolci che ci sono sconosciuti e ci ricordano che gigante sia.Per tutta la prima parte del film (in cui Alita è da lui risvegliata e impara tutto quel che di buono esiste) è proprio lui a reggere il film. Gioca di rimessa, quando ha le battute affonda mentre quando gli altri parlano con i piani d’ascolto dà valore a quel che dicono, imposta i tempi delle interazioni (lenti ma non noiosi perché il tono sia familiare e quieto) e di fatto domina le scene. Tutti i sentimenti che ci sono in ballo li capiamo da come lui guarda Alita o quello che hanno intorno a loro. Poi il resto del film chiaramente sarà molto più d’azione (c’è uno sport mortale trasmesso in televisione che è praticamente Rollerball) con un finale che arriva in tempo in tempo ad evitare la noia, ma quei primi minuti sono un gran momento.

Tag: #Cinema

Altri articoli pubblicati da Wired.it

Pubblicato domenica, 17 febbraio 2019 ‐ Wired.it

La data del calendario in cui si festeggia il gatto è diversa da paese a paese. In Italia cade il 17 febbraio e la ragione è piuttosto curiosa.La giornalista Claudia Angeletti molti anni fa propose un referendum tra i lettori della rivista Tuttogatto...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Wired.it

Aaron Peskin, membro dell’amministrazione comunale di San Francisco, ha un obiettivo ambizioso: bandire dalla sua città la tecnologia per il riconoscimento facciale. Resa possibile dai network neurali alla base dell’intelligenza artificiale, questa...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Wired.it

Pronti per la prossima superluna? L’appuntamento è per il 19 febbraio, e a leggere i numeri sarà di quelle da record. La più grande del 2019, una luna piena a poco meno di 356mila chilometri dalla Terra. Forse, però, è il caso di ammetterlo:...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Wired.it

Il 16 febbraio ha il via il Carnevale di Venezia, uno dei più noti al mondo. La tradizione è cominciata nell'XI secolo, diventando festa pubblica a partire dal 1296. La popolarità dell'evento andò crescendo, e si racconta che il massimo splendore del ...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Wired.it

Una passerella dorata sorretta da due gigantesche mani di pietra, che si affaccia direttamente sulla rigogliosa natura di una vallata. Hanno fatto il giro del mondo le immagini di quello che il Vietnam ha già battezzato Cau Vang, un ponte dorato che si...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Wired.it

Giunto ormai alla sua 11esima edizione, l'ormai famoso contest dell'American Association for the Advancement of Science e Science, Dance Your PhD, in cui gli scienziati di tutto il mondo si sfidano per spiegare le loro ricerche attraverso una...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Wired.it

Il 17 febbraio si celebra la giornata mondiale dei gatti: una ricorrenza informale dedicata ai nostri amici a quattro zampe, che da sempre ci deliziano con fusa, sveglie mattutine e... divani rovinati. Ce ne sono di belli e di brutti, richiedono cure e ...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Wired.it

Ogni singola volta che il cinema americano ha provato ad adattare un manga ha fallito sia commercialmente che nel gradimento del pubblico. Nonostante gli americani siano maestri nell’adattare materiale straniero (e oggi anche più di ieri) tempi e...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Wired.it

Pisa - Il conto alla rovescia è iniziato. Tra un mese circa, tra l'11 e il 14 marzo, è fissato in agenda il voto finale del parlamento europeo sul Cybersecurity act, il provvedimento che imposta una politica comune sulla sicurezza informatica. A quel...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Wired.it

E guerra sia: gli Stati Uniti, con una pervicacia così mai ostentata nel settore della sicurezza digitale, hanno dichiarato di voler ricostruire e quindi annientare una botnet che si sospetta essere legata alla Corea del Nord. Ma cosa c’è di strano...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Wired.it

Durante la 69esima edizione del festival della canzone italiana di Sanremo, abbiamo intervistato all’interno di Casa Siae alcuni artisti che hanno partecipato al Festival. Una delle più grosse sorprese (oltre a Mahmood che è stato il...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Wired.it

ATTENZIONE: possibili spoiler sull'ottava stagione di Game of ThronesManca ancora qualche mese al debutto dell'ottava e ultima stagione di Game of Thrones, che rimane avvolta dalla più completa segretezza. A parte qualche immagine che poco dice sulla...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Wired.it

Luigi Di Maio ha sciolto la riserva. Il Movimento 5 stelle si presenterà alle elezioni europee di maggio in un'alleanza formale con il partito croato anti-sfratti Zivi Zid, coi polacchi di Kukiz 15, i finlandesi di Liike Nyt e i greci di Akkel. Restano...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Wired.it

Quasi a sorpresa e in anticipo — non solo sul Mobile World Congress di Barcellona ma anche sul suo stesso evento Galaxy Unpacked previsto per settimana prossima — Samsung ha deciso di annunciare oggi al mondo l'arrivo del suo prossimo tablet, un...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Wired.it

Quali sono i migliori emulatori per pc Windows, Mac e Linux? Abbiamo selezionato dieci software gratuiti da installare subito per tuffarti a bomba nel mare nella nostalgia con i titoli che hanno scritto la storia del gaming. Dai giochi più arcade ai...