Strasburgo, liberali contro Conte: "Burattino" Premier: offesa a italiani, io libero da lobby

Pubblicato martedì, 12 febbraio 2019 ‐ Tgcom24

"Mi domando per quanto tempo ancora lei sarà il burattino mosso da Salvini e da Di Maio". Lo ha detto il capogruppo dei Liberali al Parlamento europeo, Guy Verhofstadt, rivolgendosi al premier Giuseppe Conte, intervenuto alla plenaria a Strasburgo. Immediata la replica del presidente del Consiglio: "Io burattino non lo sono e non mi sento, forse i burattini sono coloro che rispondono a lobby, gruppi di potere e gruppi di affari".Secondo Verhofstadt, l'Italia "è passata da Paese fondatore a fanalino di coda dell'Unione. Tutto è cominciato non con Conte ma con il malgoverno sotto Berlusconi. Il malgoverno è peggiorato sotto il vostro governo, sotto Salvini e Di Maio, i veri capi di questo governo". Un governo che, secondo Verhofstadt, è "antieuropeo e apertamente odioso verso altri Stati della famiglia europea, un governo che ha impedito all'Ue di essere unita verso Maduro. Per quanto tempo ancora presidente Conte sarà il burattino mosso da Salvini e Di Maio?".

Parole che hanno suscitato immediate reazioni in Aula, tanto che il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, ha preso la parola per ricordare che "il mio partito non appoggia questo governo, ma questo non è un dibattito sul governo italiano bensì sul futuro dell'Europa".

Agli attacchi del capogruppo liberale Conte ha comunque replicato spiegando che "alcuni interventi non andrebbero commentati, perché hanno pensato di offendere non solo il sottoscritto ma l'intero popolo che rappresento". E ha sottolineato che "io burattino non lo sono. Interpreto e sono orgoglioso di rappresentare un intero popolo e di interpretare la voglia di cambiamento del popolo italiano e di sintetizzare una linea politica di un governo che non risponde alle lobby. Forse i burattini sono coloro che rispondono a lobby e comitati d'affari".

Dura anche la risposta del vicepremier e leader Leghista, Matteo Salvini, pure chiamato in causa da Verhofstadt: "Che alcuni burocrati europei, complici del disastro di questi anni, si permettano di insultare il presidente del Consiglio, il governo ed il popolo italiano è davvero vergognoso. Le élite europee contro le scelte dei popoli. Preparate gli scatoloni, il 26 maggio i cittadini finalmente manderanno a casa questa gente".

Tag: #Politica

Altri articoli pubblicati da Tgcom24

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Tgcom24

Paura ad Aurora, in Illinois, per un uomo armato che ha esploso colpi di arma da fuoco all'interno di un'azienda che produce valvole. Sul posto sono giunti la polizia e gli uomini...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Tgcom24

Botte, graffi e morsi. Il corpo della piccola Alice - nome di fantasia - porta i segni della violenza di Federico Zeoli, che ora si trova nel carcere di Velletri con l'accusa di tentato omicidio. Intervistata dal "Messaggero",...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Tgcom24

Paura ad Aurora, in Illinois, per un uomo armato che ha esploso colpi di arma da fuoco all'interno di un'azienda che produce valvole. Sul posto sono giunti la polizia e gli uomini...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Tgcom24

Paura ad Aurora, in Illinois, per un uomo armato che ha esploso colpi di arma da fuoco all'interno di un'azienda che produce valvole. Sul posto sono giunti la polizia e gli uomini...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Tgcom24

Da Bangkok a Singapore, fino agli Stati Uniti e al Sud America: gli studenti più meritevoli della Lombardia sono pronti a partire grazie a un viaggio premio regalato dalla Regione con il progetto Dote Merito 2018-2019. Questa mattina...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Tgcom24

Le fibrillazioni sull'autonomia richiesta da Veneto, Lombardia e Emilia Romagna sembrano aver contagiato anche il Sud. Il governatore campano, Vincenzo De Luca, ha annunciato la richiesta al governo di...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Tgcom24

Almeno 66 persone sono state uccise da un gruppo di uomini armati in Nigeria nello Stato di Kaduna, nel Nord del Paese. A scoprire i cadaveri, alla vigilia delle elezioni presidenziali, è stata la polizia. La notizia è stata confermata dal portavoce...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Tgcom24

Parlando dalla Casa Bianca, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha dichiarato l'emergenza nazionale per poter procedere con la costruzione del muro al confine col Messico....

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Tgcom24

Pochi secondi di un vocale mandato tramite whatsapp. La voce di una donna. Ostenta tranquillità, disinvoltura, ma in realtà sta andando a nascondere il corpo della sua rivale in amore. Proprio la donna che ha appena colpito a martellate in un garage...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Tgcom24

Il Movimento 5 Stelle ha deciso di procedere alla consultazione online, tramite la piattaforma Rousseau, sulla posizione da prendere in merito al voto su Matteo Salvini in Giunta per il...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Tgcom24

"Siamo in una recessione che non è più soltanto tecnica", queste le parole di Silvio Berlusconi in un'intervista a NewsMediaset. "Sono 200 i miliardi di investimenti stranieri che sono andati via dall'Italia, 200 i miliardi persi dalle ...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Tgcom24

E' tornato a Roma l'ambasciatore di Francia, Christian Masset. Lo ha reso noto il ministro per gli Affari europei transalpino, Nathalie Loiseau, spiegando che Mattarella ha telefonato a Macron e i due...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Tgcom24

"Vogliamo solo essere sicuri che stiate bene. Rispettiamo le vostre decisioni in campo religioso, ma voi rendetevi conto del nostro dolore, voi sapete il bene che vi vogliamo, chiamateci". Questo è l’ultimo appello che Grazia Di...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Tgcom24

Sulle strade di Bolzano, in Trentino Alto Adige, sono comparsi dei "paratesta" fucsia intorno ai pali della luce o dei cartelli stradali per proteggere chi cammina guardando il cellulare. Si tratta di una campagna, chiamata #staysmart,...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Tgcom24

Una carta a punti per punire chi non rispetta le regole negli alloggi popolari. È l’idea di cinque comuni del Parmense (Felino, Sala Baganza, Collecchio, Traversetolo e Montechiarugolo), che hanno escogitato questo...