Melegatti riparte: il lievito madre è stato "salvato" da due lavoratori | Sui social: "Facciamoli cavalieri del lavoro"

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Tgcom24

La ricchezza di Melegatti è salva e così l'azienda riavvia la produzione dei suoi pandori e può ritenersi pronta per le Feste. Il lievito madre, infatti, anche nei tempi più bui della chiusura, è stato custodito, curato, coccolato da due lavoratori che ora vengono chiamati "eroi" e per i quali in tanti sui social chiedono l'onorificenza di cavalieri del lavoro. I protagonisti di questa storia da moderno Libro Cuoresono Matteo Peraro e Davide Stupazzoni, in Melegatti rispettivamente dal 2004 e dal 1995. A loro si deve il nuovo "miracolo" produttivo: così da qualche giorno forni riaccesi, profumo di pandoro nell'aria e fila davanti allo spaccio aziendale che non ha alzato ancora le saracinesche. Pioggia di richieste da tutta Italia: il Natale di Melegatti (e della tavole italiane) è salvo, anche grazie a Matteo e Davide."Il lievito va nutrito ogni giorno, altrimenti c’è il rischio che muoia. E stiamo parlando di qualcosa di unico, che ha almeno 124 anni di storia, perché verosimilmente esisteva da prima che venisse fondata la ditta, utilizzato nella prima pasticceria di Domenico Melegatti", ha riferito a Il Corriere del Veneto Giacomo Spezzapria, il nuovo ad, riferendosi ai due addetti-eroi.

Per entrambi, riporta il quotidiano, come per il resto dei loro colleghi storici, la maggior parte degli assunti, rientrare nello stabilimento "è stato come tornare a casa. Ci teniamo tantissimo a questo nome, e speriamo che possa durare nel tempo". Attesa per l'apertura dello store del marchio in centro a Verona.

Tag: #Cronaca

Altri articoli pubblicati da Tgcom24

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

Arriva il decreto sulla Brexit, con le nuove norme che alla vigilia dell'intesa sulla Via della Seta rafforzano la golden power (la norma che consente al governo di intervenire sugli asset delle società che hanno interessi strategici) per il G5. E...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

"I bambini bussavano sui vetri, battevano i pugni, chiedevano aiuto e noi siamo riusciti a tirarli fuori, mentre l'attentatore aveva già rimesso in moto il bus, perché aveva capito che i bambini stavano uscendo". Lo racconta il tenente Valerio Azzone...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

"I bambini bussavano sui vetri, battevano i pugni, chiedevano aiuto e noi siamo riusciti a tirarli fuori, mentre l'attentatore aveva già rimesso in moto il bus, perché aveva capito che i bambini stavano uscendo". Lo racconta il tenente Valerio Azzone...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

Un 47enne di origini senegalesi, Ousseynou Sy, è stato arrestato dopo aver sequestrato e dato fuoco a un autobus di studenti. E' successo a San Donato (Milano). L'uomo, italiano dal 2004 e con precedenti per guida in...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

Non è legato all'Isis e a nessuna organizzazione terroristica di matrice islamica Ousseynou Sy, il 47enne che ha dirottato e dato fuoco a un bus carico di studenti alle porte di Milano. Lo ha spiegato il responsabile dell'antiterrorismo ...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

La signora Rina ha 87 anni e vive a Modena e pochi giorni fa è stata raggirata da una giovane ladra, che, facendo finta di aiutare la signora con la spesa, ha approfittato della situazione e l’ha accompagnata fino a casa. Una volta...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

Nel 2012 - dopo l'attacco Nato contro la Libia - il Tribunale internazionale dell'Aja aveva chiesto e ottenuto alla Guardia di Finanza il sequestro dei beni di Gheddafi in Italia: un patrimonio ...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

Pietro Marrone, il comandante della nave Mare Jonio della Ong Mediterranea, è stato iscritto nel registro degli indagati per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Sono 49 i migranti soccorsi in acque libiche dalla nave che ha deciso di...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

Con il suo avvocato Camillo Mezzacapo, nelle intercettazioni telefoniche, l'ormai ex presidente dell'Assemblea Capitolina Marcello De Vito discuteva su come "distribuirsi i soldi" in riferimento ai...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

L'Unione europea concederà alla Gran Bretagna un'estensione tecnica di breve durata sulla Brexit solo se la prossima settimana a Westminster ci sarà un voto positivo sull'accordo. Lo ha annunciato il presidente del Consiglio Ue,...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

Nuovo botta e risposta via social nell'annosa polemica tra lo scrittore Roberto Saviano e il vicepremier Matteo Salvini. "Sì, confermo la notizia: verrò processato. - scrive Saviano su La Repubblica. - Verrò processato per...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

Ousseynou Sy, il 47enne di origini senegalesi che ha sequestrato e incendiato un autobus a San Donato Milanese, "ha minacciato" gli studenti che si trovavano a bordo del mezzo, "ammanettandoli con fascette da elettricista". A raccontarlo sono gli stessi...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

I disturbi da mancanza di sonno incidono, molto negativamente, sulla guida. Ecco perché, nel “World Sleep Day” che si celebra dal 2008 alla vigilia della primavera, Ford ha voluto promuovere i vantaggi del buon dormire. A...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

I carabinieri hanno arrestato due persone per l'uccisione di Nicoletta Indelicato, 25 anni, la giovane scomparsa domenica a Marsala. La svolta delle indagini dopo il ritrovamento del cadavere in contrada Sant'Onofrio, nelle campagne...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

Venticinque anni dopo il brutale assassinio di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin resta un buco nero. Una voragine che ha inghiottito processi, depistaggi e 17 anni trascorsi in galera da Omar Hassan Hashi, condannato per un delitto mai...