Auto, M5s: "Vietato sia fumare che usare il telefono anche con l'auricolare"

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Tgcom24

Niente più smartphone, neanche con l'auricolare, e niente più fumo per chi è al volante. La proposta di legge che potrebbe modificare il Codice della strada arriva dal Movimento 5 stelle, che l'ha depositata alla Camera. "Ogni anno nel nostro Paese - spiega Emanuele Scagliusi, capogruppo pentastellato in commissione Trasporti - gli incidenti stradali causano oltre 3mila vittime e ci costano 19,3 miliardi. Il maggior numero avviene quando siamo distratti".Sanzioni più severe - "Per questo abbiamo deciso di inasprire le sanzioni per chi usa lo smartphone o altri dispositivi mobili alla guida, fino ad arrivare alla sospensione della patente - continua -. Per limitare distrazioni e incidenti, prevediamo controlli e sanzioni più severe anche per chi guida sotto l'effetto di sostanze stupefacenti o psicotrope e introduciamo il divieto di fumo alla guida. In questo modo, potremo tutelare tutti gli utenti della strada, soprattutto i più vulnerabili, tra cui pedoni e ciclisti, e donare a tutti città e strade più sicure".

Introiti multe, serve più trasparenza - La proposta, firmata anche da Arianna Spessotto, Diego De Lorenzis e Paolo Ficara, introduce poi una misura sulla trasparenza della destinazione degli introiti delle multe da parte dei Comuni, che secondo la legge dovrebbero usarli per il 50% ai fini della sicurezza. La norma, spiegano De Lorenzis e Ficara, "impone ai Comuni la pubblicazione dei dati in un'apposita sezione del sito del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti. La trasparenza nella Pubblica amministrazione è un principio fondamentale da rafforzare oltre che un atto dovuto nei confronti dei cittadini ed un utilissimo strumento per incrementare la sicurezza sulle strade".

Tag: #Politica

Altri articoli pubblicati da Tgcom24

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

"Siamo tutti peccatori ma la differenza la fa come si reagisce". Con queste parole il sottosegretario agli Affari Regionali Stefano Buffagni commenta il caso di Marcello De Vito, l'ormai ex presidente pentastellato...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

Il presidente cinese Xi Jinping arriva a Roma per firmare il memorandum sulla Via della Seta, mentre il premier Giuseppe Conte e il suo governo sono all'opera per evitare tensioni interne e con alleati storici come gli Stati Uniti. Dopo...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

"Siamo tutti peccatori ma la differenza la fa come si reagisce". Con queste parole il sottosegretario agli Affari Regionali Stefano Buffagni commenta il caso di Marcello De Vito, l'ormai ex presidente pentastellato...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

Sul sequestro dell'autobus pieno di ragazzini a Milano ad opera di un senegalese arriva l'ironia di Donald Trump junior, che scrive su Twitter: "Perché un Paese non dovrebbe volere più gente perbene come questa?". Subito dopo il...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

"E' ora che il parlamento decida" sulla Brexit. Lo ha detto la premier britannica Theresa May in una breve dichiarazione rilasciata da Downing Street, nel giorno in cui ha inviato a Bruxelles una richiesta di proroga...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

Arriva il decreto sulla Brexit, con le nuove norme che alla vigilia dell'intesa sulla Via della Seta rafforzano la golden power (la norma che consente al governo di intervenire sugli asset delle società che hanno interessi strategici) per il G5. E...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

"I bambini bussavano sui vetri, battevano i pugni, chiedevano aiuto e noi siamo riusciti a tirarli fuori, mentre l'attentatore aveva già rimesso in moto il bus, perché aveva capito che i bambini stavano uscendo". Lo racconta il tenente Valerio Azzone...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

"I bambini bussavano sui vetri, battevano i pugni, chiedevano aiuto e noi siamo riusciti a tirarli fuori, mentre l'attentatore aveva già rimesso in moto il bus, perché aveva capito che i bambini stavano uscendo". Lo racconta il tenente Valerio Azzone...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

Un 47enne di origini senegalesi, Ousseynou Sy, è stato arrestato dopo aver sequestrato e dato fuoco a un autobus di studenti. E' successo a San Donato (Milano). L'uomo, italiano dal 2004 e con precedenti per guida in...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

Non è legato all'Isis e a nessuna organizzazione terroristica di matrice islamica Ousseynou Sy, il 47enne che ha dirottato e dato fuoco a un bus carico di studenti alle porte di Milano. Lo ha spiegato il responsabile dell'antiterrorismo ...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

La signora Rina ha 87 anni e vive a Modena e pochi giorni fa è stata raggirata da una giovane ladra, che, facendo finta di aiutare la signora con la spesa, ha approfittato della situazione e l’ha accompagnata fino a casa. Una volta...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

Nel 2012 - dopo l'attacco Nato contro la Libia - il Tribunale internazionale dell'Aja aveva chiesto e ottenuto alla Guardia di Finanza il sequestro dei beni di Gheddafi in Italia: un patrimonio ...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

Pietro Marrone, il comandante della nave Mare Jonio della Ong Mediterranea, è stato iscritto nel registro degli indagati per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Sono 49 i migranti soccorsi in acque libiche dalla nave che ha deciso di...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

Con il suo avvocato Camillo Mezzacapo, nelle intercettazioni telefoniche, l'ormai ex presidente dell'Assemblea Capitolina Marcello De Vito discuteva su come "distribuirsi i soldi" in riferimento ai...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Tgcom24

L'Unione europea concederà alla Gran Bretagna un'estensione tecnica di breve durata sulla Brexit solo se la prossima settimana a Westminster ci sarà un voto positivo sull'accordo. Lo ha annunciato il presidente del Consiglio Ue,...