StorySign, una app spalanca ai bambini sordi la magia della lettura

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

La difficoltà delle cose semplici, quelle che da bambini sono necessità urgenti, bisogni quasi primari. Come godersi una favola della buonanotte, coccola messaggera di sogni, chiave d’accesso per altri mondi stupendi. Per i piccoli sordi, l’ovvio tra i loro coetanei è invece un traguardo e un privilegio: in Italia, nel 48 per cento dei casi, hanno genitori che non hanno alcuna conoscenza della lingua dei segni, il loro vocabolario gestuale di parole. Mamme e papà non possono raccontare perché non sanno come fare. E anche se i bambini si sono resi autonomi, devono essere molto pazienti: sono necessari 70 minuti per completare in media una lettura di un libro, rispetto a un piccolo udente a cui basta circa la metà, 38 minuti. «Forse non tutti sanno che imparare a leggere, per un bambino sordo, può essere più difficoltoso rispetto a un bambino udente. La difficoltà sta proprio nella corrispondenza tra i suoni e i grafemi di questi suoni» spiega Pietro Celo, docente di Lis, la lingua dei segni italiana, presso l’università di Bologna.
Un respiro internazionale
Qualsiasi aiuto per rendere l’esperienza dei bambini più semplice e naturale è benvenuto. E la tecnologia si è dimostrata capace di fare la differenza: qualche mese fa Huawei ha presentato StorySign, una app scaricabile gratuitamente dal Play Store di Google e dalla AppGallery del brand. StorySign funziona in 11 diverse lingue dei segni tra Europa Occidentale e Australia. E grazie all’intelligenza artificiale sviluppata dalla casa cinese, trasforma la lettura per i piccoli sordi in un’esperienza fluida, agevole, naturale: basta che inquadrino con il loro smartphone un libro presente nel catalogo del software e, sullo schermo del telefono, vedranno un avatar animato (Star, sviluppato con gli specialisti di Aardman Animation, gli stessi della serie cult Wallace and Gromit) che tradurrà in tempo reale il contenuto della pagina nella lingua dei segni. Come se un genitore, un maestro o un amico, lo stia facendo per loro.
È solo l’inizio
Perché parlarne adesso? La novità è che la biblioteca si sta sempre più ampliando e conta classici come Tre Piccoli Coniglietti di Beatrix Potter, Questo (non) è un leone di Ed Vere, Il Tuo amico Spotty di Eric Hill. Racconti che renderanno l’esperienza non solo intensiva, ma estensiva. «Huawei sta utilizzando la potenza dell’intelligenza artificiale per migliorare la vita dei bambini sordi, offrendo un contributo concreto alle famiglie di tutta Europa attraverso l’applicazione StorySign» ha commentato Mark Wheatley, executive director dell’Unione Europea Sordi. Mentre Isabella Lazzini, marketing & retail director di Huawei CBG Italia, ha promesso che lo sforzo dell’azienda non si fermerà qui: «In Huawei, mettiamo sempre le persone al primo posto e siamo sempre alla ricerca di nuovi utilizzi della nostra tecnologia per rendere il mondo un posto migliore. Ci impegneremo per fare in modo che ogni bambino abbia la possibilità di godersi il momento della storia della buonanotte e continueremo a lavorare con i nostri partner per continuare ad ampliare la biblioteca di StorySign e supportare i bambini non udenti quando si approcciano alla lettura». Nel frattempo, Huawei ha effettuato una donazione di 500 mila dollari all’Unione Europea Sordi, per finanziare numerosi progetti che vedranno vita nel 2019 in tutto il Vecchio Continente.

Tag: #Mytech #Smartphone&Tablet

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Gli ultimi sondaggi di politica sulle intenzioni di voto degli italiani raccontano come la situazione non sia molto cambiata in queste due settimane di festività natalizie. Le Lega torna a crescere, forte a quanto pare ...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Victor Moses è un giocatore dell'Inter. L'ufficialità della trattativa che ha portato l'esterno del Chelsea ai nerazzurri verrà data nelle prossime 24 massimo 48 ore ma tutti i dettagli e gli accordi tra le parti sono ...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Settimana per settimana, i film dai maggiori incassi cinematografici in Italia. Ecco la top ten del botteghino italiano dal 6 al 12 gennaio 2020, secondo dati Cinetel. Tolo Tolo di Checco Zalone scavalca Il re leone di Jon Favreau...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

La guerra è finita, le anticipazioni della seconda puntata I Marchesi Terenzi, proprietari della tenuta agricola abbandonata dove alloggiano i ragazzi, decidono di riprendersi quel posto per trasformarlo in un’azienda agricola. Giulia ...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il 20 gennaio 1920 nasceva a Rimini Federico Fellini, il grande regista, sceneggiatore e fumettista e amato in tutto il mondo. Candidato dodici volte all'Oscar, ha vinto quattro Oscar al miglior film straniero con La strada,...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il nuovo modello 730 è stato approvato dall’Agenzia delle Entrate e prevede importanti novità. Le novità del nuovo 730 A partire da quest’anno i lavoratori dipendenti e pensionati che presentano il...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

La sintesi migliore l'ha fornita proprio Sarri al termine della sfida vinta dalla sua Juventus contro il Parma, che ha certificato la prima fuga (+4 sull'Inter) della stagione. Ronaldo ti crea un...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Tolti gli under 18 e i genitori di figli adolescenti che (realisticamente) ascoltano rap italiano, quanto di voi hanno sentito parlare di Junior Cally fino a una settimana fa? Se volete divertitrvi a fare un esperimento di sociologia...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il terzo processo di impeachment presidenziale al Senato della storia americana che vede sul banco degli imputati Doland Trump, sta per entrare nel vivo. Dopo le cerimonie inaugurali di...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

“Mi piacciono le voci che lasciano il segno, quelle che riconosci dopo pochi secondi perché hanno un timbro e un’intensità inconfondibili”. Si racconta così a Panorama.it, Ivi, 25 anni, austriaca, voce di Andromeda, un...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

da Las Vegas Mentre scarica cascate di drop sul pubblico dell’XS, uno dei club più chic e meglio frequentati di Las Vegas, Kygo indossa un paio di eleganti cuffie bianche. A volte le tiene sulle orecchie per concentrarsi sul...

Pubblicato domenica, 19 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il 20 gennaio del 2020, secondo lo psicologo Cliff Arnall, professore dell’Università di Cardiff, è ufficialmente il "blue monday", il giorno più triste dell’anno, come risultato di una complessa equazione...

Pubblicato domenica, 19 gennaio 2020 ‐ Panorama

Era l’inizio del 2013 quando Google rese disponibile ai suoi sviluppatori gli occhiali smart che si rivelarono poi un clamoroso flop, perché i Glass si rivelarono un prodotto troppo rivoluzionario per l’epoca. La lezione è servita a Big G e agli...

Pubblicato domenica, 19 gennaio 2020 ‐ Panorama

Vent’anni fa in Argentina gli insegnanti universitari lamentavano che gli studenti arrivavano con grandi difficoltà sia di comprensione nella lettura, sia nella capacità di esprimere un'idea attraverso la scrittura.   Purtroppo non sto qui a cercare ...

Pubblicato sabato, 18 gennaio 2020 ‐ Panorama

Una delle maggiori sfide per un artista è quella di evolversi stilisticamente, senza però scontentare troppo i fan della prima ora, catturati da un determinato tipo di sound. Una sfida che risulta particolarmente ostica per i rapper,...