Se un vaccino è necessario lo decide la scienza o la piazza?

Pubblicato venerdì, 10 agosto 2018 ‐ Panorama

Vorrei esprimermi con semplice brutalità. I vaccini sono il progresso, la tutela scientificamente dimostrata della salute universale, e quelli che sono contro l’obbligo di vaccinazione si comportano da negromanti, sono oscurantisti. Punto. 
Ricordo il momento e vagamente il luogo sacro in cui fummo vaccinati per la polio, il Sabin, o il vaiolo: erano riti collettivi di ragazzini, negli anni Cinquanta, verso la fine del decennio, e le conquiste scientifiche avevano un senso perché erano per tutti una liberazione, e accettate e benedette da tutti, non c’erano distinzioni, dubbi, perfino uno scricciolino come me o come mio fratello sentivamo, ne ho un’immagine confusa ma viva, come di un bagno collettivo nel Gange, che si stava celebrando, con la punturina antivaiolo sul braccio e il dischetto che la certificava come avvenuta, o con l’ingestione del Sabin, un momento di solenne e comunitaria solidarietà per la vita, di tipo religioso, nel senso illuministico. 
Però ricordo anche le malattie esantematiche, termine di cui conosco appena il significato. Avevano nomi fantasiosi, nella memoria infantile li associo a Disney, nomi come Morbillo, Scarlattina, Varicella, Orecchioni. 
Sembravano personaggi fissi del panorama dell’infanzia, presenze attese e inevitabili, a volte addirittura passaggi da costruire insieme facendo in modo che addirittura passaggi da costruire insieme facendo in modo che il contagio programmato risolvesse il problema dell’ingresso e dell’uscita sotto cura da quelle fatalità considerate non così gravi, oggetto di attenzione e non di esorcismo positivistico. 
Erano cose normali che non dovevano in certi casi degenerare, dovevano essere tenute sotto controllo, succedeva e si passava oltre, una specie di linea di confine nel processo di maturazione del corpo, non uno psicodramma di un tipo o di un altro. 
Diventando grandicello e poi adulto e poi vecchiotto, leggendo e sperimentando su di me e sui miei amici e parenti la relazione così determinante con la medicina contemporanea, i suoi strumenti, le sue macchine, le sue eccezionali abilità chirurgiche e potenze farmacologiche, ho ingurgitato via via una quantità di nozioni e opinioni, la prima delle quali è che se sono vivo e vivo in modo tollerabile certamente lo devo ai diagnosti che mi hanno esaminato, alla ricerca delle multinazionali, ai chirurghi che mi hanno operato, alle strutture di cura pubbliche e private che mi hanno preservato, e per adesso, uso un eufemismo, certo non mi posso lamentare, i sessant’anni sono a loro modo anche bellissimi, e ogni volta che la barriera protettiva ha ceduto per gente cui volevo e voglio bene, i miei caduti, i miei morti, di fronte alla sofferenza e alla fine, al di là delle considerazioni sull’età giusta, che ovviamente esiste e non esiste, mi dispiaceva che non si potesse andare oltre, sempre più in là, nella custodia della vita e della salute. 
E dunque che cosa vogliono i negromanti? I vaccini si sono certo moltiplicati, sono diventati un obbligo di legge, non dovunque nel mondo, è vero, ma insomma l’idea di evitare quelle malattie dai nomi di fumetto si è trasformata di una prassi consolidata, un obbligo morale comunitario che riguarda tutti, e allora che cosa mi rappresentano gli esagitati, gli scalmanati del no vax? 
Non sono forse una marchiatura a fuoco di tipo ideologico applicata al corpo sociale, il ribellismo di chi non sa, il rifiuto di un dovere civile per l’infanzia, non sono forse il dubbio antiscientifico, l’uso della paura come strumento di potere e di influenza politica e mediatica? 
Sì, lo sono. Però questo trambusto delle anime e della cultura si fonda anche su dubbi che in certi casi sono stati riconosciuti per legittimi: i giornalisti liberal e pro vax americani, molti di loro, hanno indagato sulla peste oppiacea che ha causato un’epidemia di antidolorifici con effetti devastanti su molte migliaia di persone, e nella generalità dei casi hanno concluso che all’origine del disastro c’erano le prescrizioni farmacologiche compiacenti, di massa, orientate a dare una risposta medico-commerciale all’ansia di controllare anche il minimo dolore del corpo e dello spirito, e questo in un Paese in cui se guardi la tv è solo per stordirti con tonnellate di spot sulla salute, una quantità inverosimile di inviti per gli acquisti che hanno una razionalità produttivistica e di profitto molto più evidente della saggezza clinica. 
Chi dice, sull’onda di una presa della parola che è diventata propensione all’insulto e all’anarchia di pensieri incompetenti: i vaccini sono un complotto per vile denaro, costui è un cretinetti, uno stolto, in certi casi, specie quando se la prende con uomini di scienza capaci di argomentare il contrario, una minacciosa carogna. 
Ma in nome di queste sicurezze non si può del tutto eliminare la faccenda della libertà di cura, che è in conflitto con quella che gli esperti definiscono la salute del gregge, eppure è un principio liberale difficile da estinguere con un tratto di irritata disinvoltura, con un semplice diniego. 
Quanto all’escludere dalle scuole o dagli asili bambini che per scelta familiare si sottraggono ad alcuni vaccini, è anche quella una storia complicata, che allude alle relazioni tra la famiglia e lo Stato, il nucleo particolare e la comunità, cose che non si possono affrontare con fanatismo puritano, insignendo la società organizzata di un potere assoluto di esclusione o negando protezione collettiva dalle malattie. Desidero solo che la questione non sia decisa con un clic, a maggioranza o a battimani o a insulti, con il ripiego ciascuno nel proprio, ma da esperti e saggi, scienziati medici giudici politici indipendenti e rappresentativi di un sistema in cui credo, e a quel giudizio mi affido, senza fanatismo e senza cedere alla marmaglia oscurantista o a eccessive certezze scientiste pregiudiziali.
(Questo articolo è stato pubblicato sul numero 34 di Panorama, in edicola il 9 agosto 2018)

Tag: #News #Politica

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Panorama

Dal 2014 è l'incubo delle società europee. Si chiama Fair Play Finanziario ed è lo strumento di cui si è dotata l'Uefa per tenere sotto controllo debiti e bilanci dei club che stavano correndo verso un calcio non più sostenibile dal ...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Panorama

Sono passati due mesi dalla tragedia di ponte Morandi, il crollo del viadotto sul fiume Polcevera che ha ucciso 43 persone e diviso in due Genova. Il disastro ha cambiato anche la vita di tante altre famiglie, quelle che da quel maledetto 14 agosto hanno ...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Panorama

Fotografo, alpinista, appassionato narratore e divulgatore scientifico, Fabiano Ventura - da oltre 10 anni - visita le grandi catene montuose del mondo per raccontare e documentare come esse siano mutate a causa dei cambiamenti...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Panorama

Il 9 maggio 1978 Giovanni Battista Montini, Papa Paolo VI, cadde in ginocchio nella cappella privata raccogliendosi nel dolore e nella preghiera. Aveva appena ricevuto la notizia del ritrovamento del cadavere di Aldo...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Panorama

I nomi di 40 tra tecnici e dirigenti di Autostrade per l'Italia, Spea e Anas, sono stati iscritti in una lista depositata ieri dalla Guardia di Finanza presso la Procura di Genova. Tutti sono coinvolti a vario titolo nei lavori di...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Panorama

Una fra le peculiarità meno note di Houston è il fatto di essere un centro per il commercio del sesso. Poche settimane fa, il governatore dello stato si è lamentato del fatto che la città avesse più case chiuse che caffetterie e,...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Panorama

"Queste manifestazioni hanno certamente un obiettivo commerciale ma anche una valenza culturale. Novegro è il luogo delle passioni: questa è l'attitudine che ci caratterizzza fin dalle origini" spiega l'architetto Gabriele Pagliuzzi, presidente del...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Panorama

Si tinge decisamente di giallo il percorso di approvazione del decreto legge sul condono fiscale, con tanto di accuse di manipolazione da parte del vicepremier Luigi Di Maio che minaccia addirittura di...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Panorama

Un diciottenne è entrato nella scuola in cui studiava armato di fucile e ha sparato contro compagni e docenti. 21 morti e decine di ferite. No, non è l'ennesima orribile strage in un college americano. Non è la replica del Massacro della Columbine ...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Panorama

18 ottobre 2018 Il Canada ha reso legale la vendita e il consumo a scopo ricreativo della marijuana. È il terzo Stato al mondo ad applicare la piena legalizzazione dopo l'Uruguay e la...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Panorama

Un clamoroso colpo di scena (che non vi spoileriamo) rischia di ribaltare completamente le vite dei protagonisti di Non dirlo al mio capo 2, la serie di Rai 1 con Vanessa Incontrada e Lino...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Panorama

Sda Bocconi School of Management has launched the new "Netflix" for career development. An innovative flexible initiative, organized both face-to-face and in distance learning, which is compatible with...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Panorama

Se in campo la nazionale di Mancini sta faticosamente cercando di uscire dall’incubo del fallimento mondiale, fuori dal terreno di gioco la fotografia del calcio italiano (conti alla mano) è più...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Panorama

Le nuove regole non sono scritte ancora nel dettaglio e bisognerà aspettare un po’ per conoscerle. Tuttavia, con la manovra economica del 2019, il governo Lega-5Stelle sembra intenzionato a rendere più agevole il riscatto della...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Panorama

Kindle Paperwhite si è rifatto il trucco. A un anno di distanza dall’uscita del nuovo Oasis, anche l’ereader di fascia media di Amazon si ripresenta al pubblico del più grande marketplace online con una versione...