Se un vaccino è necessario lo decide la scienza o la piazza?

Pubblicato venerdì, 10 agosto 2018 ‐ Panorama

Vorrei esprimermi con semplice brutalità. I vaccini sono il progresso, la tutela scientificamente dimostrata della salute universale, e quelli che sono contro l’obbligo di vaccinazione si comportano da negromanti, sono oscurantisti. Punto. 
Ricordo il momento e vagamente il luogo sacro in cui fummo vaccinati per la polio, il Sabin, o il vaiolo: erano riti collettivi di ragazzini, negli anni Cinquanta, verso la fine del decennio, e le conquiste scientifiche avevano un senso perché erano per tutti una liberazione, e accettate e benedette da tutti, non c’erano distinzioni, dubbi, perfino uno scricciolino come me o come mio fratello sentivamo, ne ho un’immagine confusa ma viva, come di un bagno collettivo nel Gange, che si stava celebrando, con la punturina antivaiolo sul braccio e il dischetto che la certificava come avvenuta, o con l’ingestione del Sabin, un momento di solenne e comunitaria solidarietà per la vita, di tipo religioso, nel senso illuministico. 
Però ricordo anche le malattie esantematiche, termine di cui conosco appena il significato. Avevano nomi fantasiosi, nella memoria infantile li associo a Disney, nomi come Morbillo, Scarlattina, Varicella, Orecchioni. 
Sembravano personaggi fissi del panorama dell’infanzia, presenze attese e inevitabili, a volte addirittura passaggi da costruire insieme facendo in modo che addirittura passaggi da costruire insieme facendo in modo che il contagio programmato risolvesse il problema dell’ingresso e dell’uscita sotto cura da quelle fatalità considerate non così gravi, oggetto di attenzione e non di esorcismo positivistico. 
Erano cose normali che non dovevano in certi casi degenerare, dovevano essere tenute sotto controllo, succedeva e si passava oltre, una specie di linea di confine nel processo di maturazione del corpo, non uno psicodramma di un tipo o di un altro. 
Diventando grandicello e poi adulto e poi vecchiotto, leggendo e sperimentando su di me e sui miei amici e parenti la relazione così determinante con la medicina contemporanea, i suoi strumenti, le sue macchine, le sue eccezionali abilità chirurgiche e potenze farmacologiche, ho ingurgitato via via una quantità di nozioni e opinioni, la prima delle quali è che se sono vivo e vivo in modo tollerabile certamente lo devo ai diagnosti che mi hanno esaminato, alla ricerca delle multinazionali, ai chirurghi che mi hanno operato, alle strutture di cura pubbliche e private che mi hanno preservato, e per adesso, uso un eufemismo, certo non mi posso lamentare, i sessant’anni sono a loro modo anche bellissimi, e ogni volta che la barriera protettiva ha ceduto per gente cui volevo e voglio bene, i miei caduti, i miei morti, di fronte alla sofferenza e alla fine, al di là delle considerazioni sull’età giusta, che ovviamente esiste e non esiste, mi dispiaceva che non si potesse andare oltre, sempre più in là, nella custodia della vita e della salute. 
E dunque che cosa vogliono i negromanti? I vaccini si sono certo moltiplicati, sono diventati un obbligo di legge, non dovunque nel mondo, è vero, ma insomma l’idea di evitare quelle malattie dai nomi di fumetto si è trasformata di una prassi consolidata, un obbligo morale comunitario che riguarda tutti, e allora che cosa mi rappresentano gli esagitati, gli scalmanati del no vax? 
Non sono forse una marchiatura a fuoco di tipo ideologico applicata al corpo sociale, il ribellismo di chi non sa, il rifiuto di un dovere civile per l’infanzia, non sono forse il dubbio antiscientifico, l’uso della paura come strumento di potere e di influenza politica e mediatica? 
Sì, lo sono. Però questo trambusto delle anime e della cultura si fonda anche su dubbi che in certi casi sono stati riconosciuti per legittimi: i giornalisti liberal e pro vax americani, molti di loro, hanno indagato sulla peste oppiacea che ha causato un’epidemia di antidolorifici con effetti devastanti su molte migliaia di persone, e nella generalità dei casi hanno concluso che all’origine del disastro c’erano le prescrizioni farmacologiche compiacenti, di massa, orientate a dare una risposta medico-commerciale all’ansia di controllare anche il minimo dolore del corpo e dello spirito, e questo in un Paese in cui se guardi la tv è solo per stordirti con tonnellate di spot sulla salute, una quantità inverosimile di inviti per gli acquisti che hanno una razionalità produttivistica e di profitto molto più evidente della saggezza clinica. 
Chi dice, sull’onda di una presa della parola che è diventata propensione all’insulto e all’anarchia di pensieri incompetenti: i vaccini sono un complotto per vile denaro, costui è un cretinetti, uno stolto, in certi casi, specie quando se la prende con uomini di scienza capaci di argomentare il contrario, una minacciosa carogna. 
Ma in nome di queste sicurezze non si può del tutto eliminare la faccenda della libertà di cura, che è in conflitto con quella che gli esperti definiscono la salute del gregge, eppure è un principio liberale difficile da estinguere con un tratto di irritata disinvoltura, con un semplice diniego. 
Quanto all’escludere dalle scuole o dagli asili bambini che per scelta familiare si sottraggono ad alcuni vaccini, è anche quella una storia complicata, che allude alle relazioni tra la famiglia e lo Stato, il nucleo particolare e la comunità, cose che non si possono affrontare con fanatismo puritano, insignendo la società organizzata di un potere assoluto di esclusione o negando protezione collettiva dalle malattie. Desidero solo che la questione non sia decisa con un clic, a maggioranza o a battimani o a insulti, con il ripiego ciascuno nel proprio, ma da esperti e saggi, scienziati medici giudici politici indipendenti e rappresentativi di un sistema in cui credo, e a quel giudizio mi affido, senza fanatismo e senza cedere alla marmaglia oscurantista o a eccessive certezze scientiste pregiudiziali.
(Questo articolo è stato pubblicato sul numero 34 di Panorama, in edicola il 9 agosto 2018)

Tag: #News #Politica

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Panorama

Dopo l'eliminazione di Inter e Napoli, sono due le squadre italiane inserite nell'urna di Nyon tra le 16 bellissime per il sorteggio degli ottavi di finale della Champions League: Juventus e Roma. I...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Panorama

Il critico cinematografico del New Yorker Richard Brody ha stilato la sua lista di film migliori del 2018. Ci sono molti film statunitensi, ovviamente, molte voci indipendenti. Ma non mancano film europei, soprattutto...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Panorama

La catena rischia di spezzarsi e non si può portare a termine l'"effetto domino" fino a quando al pronto soccorso arriva una bambina guatemalteca che avrebbe bisogno di una parte di un polmone: grazie a suo padre, i...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Panorama

Venticinque canzoni che sono state la colonna sonora del 2018. Abbiamo scelto queste come le più belle e rappresentative dell'anno in musica. Da Jack White a Childish Gambino. Senza dimenticare i brani cult di...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Panorama

“Tra il 2014 e il 2017 è aumentata la concessione di licenze, eppure gli omicidi legati ad armi legalmente detenute sono diminuiti su scala nazionale mediamente della stessa percentuale”. A dirlo è Paolo De Nardis, ordinario di Sociologia alla...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Panorama

Cesare Battisti è in fuga. Del terrorista dei Pac (Proletari armati per il Comunismo) non si hanno più notizie da almeno una settimana, da quando cioè è stata firmato il documento di estradizione in ...

Pubblicato sabato, 15 dicembre 2018 ‐ Panorama

Secondo noi, finora, il miglior disco del 2018 è Suspiria, la colonna sonora composta da Thom Yorke per il film di Luca Guadagnino. In seconda posizione, American Utopia, il grande ritorno di David Byrne, un ...

Pubblicato venerdì, 14 dicembre 2018 ‐ Panorama

Per i pensionati più ricchi, che guadagnano oltre 4.300 euro netti al mese, è in arrivo una cattiva notizia. Dal primo gennaio, salvo altri cambiamenti in corso d’opera nel testo della manovra, gli assegni Inps più...

Pubblicato venerdì, 14 dicembre 2018 ‐ Panorama

Per i pensionati più ricchi, che guadagnano oltre 4.300 euro netti al mese, è in arrivo una cattiva notizia. Dal primo gennaio, salvo altri cambiamenti in corso d’opera nel testo della manovra, gli assegni Inps più altri verranno...

Pubblicato venerdì, 14 dicembre 2018 ‐ Panorama

Dal coro delle voci bianche del San Carlo di Napoli al secondo posto di X Factor 12. La parabola di Naomi, 26enne napoletana dal background lirico ha qualcosa di unico. Come il suo talento – perché...

Pubblicato venerdì, 14 dicembre 2018 ‐ Panorama

I sondaggi elettoriali parlano chiaro. E' una crescita costante e notevole quella dei consensi della Lega nelle intenzioni di voto degli italiani. Aumenta però il divario con il Movimento 5 Stelle arrivato ormai quasi...

Pubblicato venerdì, 14 dicembre 2018 ‐ Panorama

"Non mi etichettate: sono un libero pensatore". Appena il tempo di trionfare a X Factor 12 e Anastasio – il vincitore più annunciato delle ultime edizioni del talent di Sky Uno – è già costretto...

Pubblicato venerdì, 14 dicembre 2018 ‐ Panorama

Tempo di Natale e in Italia è tempo di sfida eterna tra panettone e pandoro, i due dolci certamente più tradizionali da gustare sotto l’albero. Ebbene, proprio per invogliare ulteriormente le vendite ...

Pubblicato venerdì, 14 dicembre 2018 ‐ Panorama

Più di 42mila euro a Bolzano, meno di 18mila euro in Calabria e Sicilia. Bastano questi due numeri, che indicano il pil per abitante in tre diverse regioni italiane, per capire il divario che ancora esiste, a...

Pubblicato venerdì, 14 dicembre 2018 ‐ Panorama

La tecnica della retromarcia in salsa grillina è più o meno sempre la stessa e vede nel vicepremier Luigi Di Maio il più abile protagonista. Si tratta di non parlare per un po' di un tema caro al...