Samsung vuole portare i selfie nello spazio

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Panorama

Conquistare nuove frontiere è una delle ambizioni più alte delle grandi aziende tech, così dopo aver introdotto gli smartwatch moderni con il lancio del Galaxy Gear nel 2013 e, più recentemente, lanciato i televisori curvi e gli smartphone pieghevoli, Samsung guarda ancora più in alto mettendo nel mirino la conquista dello spazio. Niente competizione con la Nasa né guanti di sfida verso Space X, Virgin Galactic e Blue Origin (società dedite al turismo spaziale fondate da, nell’ordine, Elon Musk, Richard Branson e Jeff Bezos) ma un progetto mirato a offrire alle persone l’opportunità di lasciare un segno nell’universo con un autoscatto ottenuto mediante un particolare Galaxy S10 5G, lo smartphone di punta della casa coreana.
Per quanto in realtà la rete 5G non sia al centro del piano, poiché il segnale non raggiunge altezze così elevate, il programma SpaceSelfie nasce dalla partnership con Flightline Films, azienda di Las Vegas specializzata nella produzione di immagini, video, contenuti in 4K e in realtà virtuale dello spazio, con l’intento di raggiungere la stratosfera per centrare un altro traguardo storico e allungare la lista delle innovazioni firmate nei primi ottantuno anni di attività di Samsung (fondata nel 1938 a Seul da Lee Byung-chul). 
Dopo mesi di preparazione ed esperimenti, la conquista spaziale sarà avviata con un pallone aerostatico ad alta pressione dalle dimensioni di 10,5 x 18 metri, che si solleverà da una rampa di lancio del South Dakota, stato nel Midwest degli Stati Uniti, trasportando un alloggiamento su misura per il Galaxy S10 5G, fino a toccare i 19.700 metri di altezza. L’intero carico è stato progettato al fine di assicurare fotografie di alta qualità, tenendo in considerazione la curvatura del nostro pianeta e i riflessi generati dalla luce solare, la cui energia alimenterà sia lo smartphone, sia il relativo alloggiamento. Gli interessati al selfie spaziale dovranno limitarsi a scattare e caricare un proprio autoscatto su Mission Control.
Per consentire la buona riuscita dell’operazione, Samsung ha sviluppato due applicazioni: la prima per il controllo a terra, utile per inviare e ricevere i selfie tra la piattaforma e il pallone aerostatico, la seconda dedicata al Galaxy S10 per permettere il dialogo tra smartphone e fotocamera fissa dell’attrezzatura, in modo da poter catturare le singole immagini dei selfie visualizzati sullo schermo del device. A completare il processo è la comunicazione tra le due app, con la prima che richiede alla seconda di girare gli autoscatti sulla Terra, così che ognuno dei 65.000 prescelti in maniera causale da Samsung potrà ricevere sul suo smartphone il proprio selfie spaziale.
Al centro del piano c’è dunque il telefono più iconico e gettonato di Samsung, chiamato ad operare in un ambiente unico e condizioni differenti dai consueti standard, come la resistenza a temperature estreme fino a -65 gradi, con il display Amoled di 6,7’’ che evita la formazione di condensa e rotture anche a un'altitudine doppia del monte Everest. Un mix che consentirà di operare laddove finora solo gli astronauti hanno potuto. “Portare i selfie a un nuovo livello è l’esempio di come e quanto stiamo spingendo i limiti di ciò che sia possibile fare con i nostri dispositivi”, ha dichiarato Benjamin Braun, capo del marketing di Samsung Europa.
Per suggellare l’evento, i coreani hanno trovato una madrina d’eccezione come Cara Delevingne (tra gli altri testimonial figura anche Zlatan Ibrahimovic) che, oltre a pubblicizzare il progetto verso i suoi quasi cinquanta milioni di seguaci sparsi tra Instagram (43,5 milioni di followers) e Facebook, si è detta entusiasta del piano: “L’idea di conquistare lo spazio è elettrizzante e sto pensando a come firmare il mio selfie più epico di sempre”. Di certo l’autoscatto spaziale della modella e attrice britannica diventerà un cult sui social e chissà se, oltre a Samsung, riuscirà anche lei a firmare l’impresa e ottenere più like, cuoricini e retweet del più celebre autoscatto della storia: la foto di gruppo scattata da Bradley Cooper durante gli Oscar del 2014 e caricata su Twitter da Ellen DeGeneres.

Tag: #Mytech #Smartphone&Tablet

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Gli ultimi sondaggi di politica sulle intenzioni di voto degli italiani raccontano come la situazione non sia molto cambiata in queste due settimane di festività natalizie. Le Lega torna a crescere, forte a quanto pare ...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Victor Moses è un giocatore dell'Inter. L'ufficialità della trattativa che ha portato l'esterno del Chelsea ai nerazzurri verrà data nelle prossime 24 massimo 48 ore ma tutti i dettagli e gli accordi tra le parti sono ...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Settimana per settimana, i film dai maggiori incassi cinematografici in Italia. Ecco la top ten del botteghino italiano dal 6 al 12 gennaio 2020, secondo dati Cinetel. Tolo Tolo di Checco Zalone scavalca Il re leone di Jon Favreau...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

La guerra è finita, le anticipazioni della seconda puntata I Marchesi Terenzi, proprietari della tenuta agricola abbandonata dove alloggiano i ragazzi, decidono di riprendersi quel posto per trasformarlo in un’azienda agricola. Giulia ...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il 20 gennaio 1920 nasceva a Rimini Federico Fellini, il grande regista, sceneggiatore e fumettista e amato in tutto il mondo. Candidato dodici volte all'Oscar, ha vinto quattro Oscar al miglior film straniero con La strada,...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il nuovo modello 730 è stato approvato dall’Agenzia delle Entrate e prevede importanti novità. Le novità del nuovo 730 A partire da quest’anno i lavoratori dipendenti e pensionati che presentano il...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

La sintesi migliore l'ha fornita proprio Sarri al termine della sfida vinta dalla sua Juventus contro il Parma, che ha certificato la prima fuga (+4 sull'Inter) della stagione. Ronaldo ti crea un...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Tolti gli under 18 e i genitori di figli adolescenti che (realisticamente) ascoltano rap italiano, quanto di voi hanno sentito parlare di Junior Cally fino a una settimana fa? Se volete divertitrvi a fare un esperimento di sociologia...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il terzo processo di impeachment presidenziale al Senato della storia americana che vede sul banco degli imputati Doland Trump, sta per entrare nel vivo. Dopo le cerimonie inaugurali di...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

“Mi piacciono le voci che lasciano il segno, quelle che riconosci dopo pochi secondi perché hanno un timbro e un’intensità inconfondibili”. Si racconta così a Panorama.it, Ivi, 25 anni, austriaca, voce di Andromeda, un...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

da Las Vegas Mentre scarica cascate di drop sul pubblico dell’XS, uno dei club più chic e meglio frequentati di Las Vegas, Kygo indossa un paio di eleganti cuffie bianche. A volte le tiene sulle orecchie per concentrarsi sul...

Pubblicato domenica, 19 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il 20 gennaio del 2020, secondo lo psicologo Cliff Arnall, professore dell’Università di Cardiff, è ufficialmente il "blue monday", il giorno più triste dell’anno, come risultato di una complessa equazione...

Pubblicato domenica, 19 gennaio 2020 ‐ Panorama

Era l’inizio del 2013 quando Google rese disponibile ai suoi sviluppatori gli occhiali smart che si rivelarono poi un clamoroso flop, perché i Glass si rivelarono un prodotto troppo rivoluzionario per l’epoca. La lezione è servita a Big G e agli...

Pubblicato domenica, 19 gennaio 2020 ‐ Panorama

Vent’anni fa in Argentina gli insegnanti universitari lamentavano che gli studenti arrivavano con grandi difficoltà sia di comprensione nella lettura, sia nella capacità di esprimere un'idea attraverso la scrittura.   Purtroppo non sto qui a cercare ...

Pubblicato sabato, 18 gennaio 2020 ‐ Panorama

Una delle maggiori sfide per un artista è quella di evolversi stilisticamente, senza però scontentare troppo i fan della prima ora, catturati da un determinato tipo di sound. Una sfida che risulta particolarmente ostica per i rapper,...