Quale Italia stiamo lasciando ai nostri figli?

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

Alice è tornata a casa. L’abbiamo accolta stasera, nella sua nuova casa, ancora un po’ provvisoria nell’arredamento ma già piena dell’amore che sarà. È tornata con il suo Antonio, dopo un anno a Tolosa: ha deciso di ricominciare a vivere in Italia, rinunciando a più occasioni, più carriera, più opportunità. Rinunciando alle sirene con cui i Paesi stranieri attirano i nostri ragazzi. Da giornalista ne sono orgoglioso. Da padre ne sono spaventato. E mi chiedo: che ne sarà di lei? Che ne sarà di loro?
Alice è mia figlia. Ha 26 anni, una testa da studiosa, una laurea in filosofia, un dottorato vinto, esperienze all’estero già collaudate dalla Sorbona agli Stati Uniti, da Heidelberg a Berlino, da Amburgo all’Università di Tolosa. A lei, nei mesi scorsi, avevo dedicato il mio ultimo libro, L’Italia non è più italiana, perché pensavo che rappresentasse alla perfezione la nuova generazione dei nostri ragazzi, troppo spesso costretti ad andare all’estero per non dover seppellire il loro futuro.
È il vero problema dei nostri tempi. Secondo i dati ufficiali, infatti, c’è un italiano che varca i confini ogni cinque minuti. Cinque minuti sono davvero pochi. Meno del tempo che ci mettete a leggere quest’articolo. Poco più del tempo di un uovo alla coque. Ebbene: ogni cinque minuti c’è un nostro connazionale costretto ad andare all’estero. Nella maggior parte dei casi sono giovani. Spesso laureati. Ed è uno dei grandi sprechi nazionali che spesso passa sotto silenzio. Di cui si parla troppo poco.
Tenete presento questo: per formare un giovane, dal giorno in cui mette piede all’asilo al giorno in cui si laurea, all’incirca spendiamo (fra i costi sostenuti dalla famiglia e quelli sostenuti dallo Stato) l’equivalente di una Ferrari. Ogni giovane laureato che lascia il nostro Paese, dunque, è una Ferrari che noi regaliamo alla Germania, all’Australia, agli Stati Uniti o agli Emirati Arabi. Per altro, spesso compensiamo queste partenze aprendo le porte all’immigrazione incontrollata di manodopera non qualificata. Pensate che scambio intelligente.
Stiamo depauperando il nostro Paese. Lo stiamo impoverendo della risorsa fondamentale che sono i giovani. I nostri talenti. Già in Italia, ormai, nascono pochissimi bambini. E quei pochissimi che nascono, quando crescono, prendono un aereo per trasferirsi altrove. Il risultato è un’Italia in via d’estinzione. Come i dinosauri del Giurassico. Come fermare la corsa verso l’abisso? Mauro Querci, incaricato di Panorama a vigilare sul Grillo Parlante, mi suggeriva di riflettere sul rapporto padri e figli a partire dai casi di cronaca: il piccolo Leonardo ucciso a Novara, il piccolo Memhed ucciso a Milano, il piccolo Giuseppe ucciso a Cardito, l’infanzia rubata con troppa frequenza, magari per colpa di una dose in più (maledetta droga).
Mi dispiace deluderti, caro Mauro. Mi sono messo a riflettere sul rapporto su padri e figli, stasera, secondo tua indicazione. Ma non riuscivo a togliermi dalla testa le lacrime di Alice che ho accolto mentre tornava a vivere in Italia. Ostinatamente. Faticosamente. Ma tornava. Si capisce: è tutto più complicato qui. Il lavoro, il futuro, l’affitto di un casa (con un contratto da precario), i concorsi (troppo spesso farlocchi), la gerontocrazia che opprime le legittime aspirazioni di chi ha energia e voglia di fare. È tutto più difficile.
Ma di questo bisogna parlare. Sinceramente non so cosa dire sui padri che massacrano i figli. Ma ho molto da dire su padri che hanno lasciato ai loro figli un Paese molto peggiore di quello che hanno ricevuto dai genitori. Ho molto da dire su padri che non hanno saputo difendere le loro radici, le loro tradizioni, le loro aziende, le loro ricchezze, che hanno confuso l’apertura alla globalizzazione con una sottomissione ai poteri internazionali, che si sono fatti mangiare, divorare, conquistare senza battere ciglio. I nostri nonni (o i padri dei nostri nonni) si sono fatti ammazzare sul Carso per difendere questo Paese. Noi, invece, abbiamo alzato bandiera bianca in un amen. Travolti dal narcisismo, non abbiamo fatto nulla per fermare il declino. E adesso consegniamo ai nostri figli un Paese ostile. Io un po’ mi vergogno, cara Alice. Sto cercando di rimediare, in ogni modo, perché sono preoccupato. Ma confido che tu e Antonio saprete fare molto meglio di me. Anzi, ne sono convinto. E perciò sono orgoglioso di voi.
© riproduzione riservata

Tag: #News #Politica

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Panorama

Conte al Copasir: perché non si deve mai mischiare politica e intelligence Già il fatto che il Copasir - il Comitato parlamentare di controllo sulla sicurezza della Repubblica - lo abbia audito sul caso «Russiagate», non è una buona notizia per...

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Panorama

Rocco Schiavone 3, le anticipazioni dell'ultima puntata Nell'ultimo episodio della serie tratta dai romanzi di Antonio Manzini, dal titolo Fate il vostro gioco, Rocco Schiavone (Marco...

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Panorama

Giovanni Brusca e Bernardo Provenzano. Bastano questi due nomi per raccontare chi sono i detenuti condannati all'ergastolo in Italia. Parliamo di persone responsabili di centinaia di omicidi, uomini che hanno guidato la Mafia siciliana con il suo giro di ...

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Panorama

La mia parola contro la tua. Rispetto della privacy e della personale morale vietano alla giustizia di sottoporre chi si dichiara gay a test psicologici per verificarne la veridicità. Specie se il...

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Panorama

Un lavoro di gran classe. Stiamo parlando dell’ultima fatica della finlandese Tarja Turunen, In The Raw, un’esplosione di oro, un packaging molto lussuoso, una booklet di immagini studiate che la ritraggono nella Grotta di San...

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Panorama

Viaggiare è spesso un’occasione per scoprire nuovi stimoli e per sperimentare e mettere alla prova i propri limiti. A partire dal cibo. A questo proposito, il noto portale di viaggi Kayak.it ha stilato una classifica...

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Panorama

Gli ermellini hanno atteso che Giuseppe Pignatone andasse in pensione, che lasciasse la carica di procuratore di Roma e, da pensionato, ricoprisse quella di presidente del Tribunale del Vaticano, per cancellare in pochi minuti di lettura della sentenza i ...

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Panorama

Sulla carta, esaltare la vocazione giovanilistica di un telefono è una provetta operazione simpatia: si tenta di intercettare un pubblico di under e, in parallelo, si allarga il campo a chi under non è, ma in fondo ci si sente. Vuole un prodotto poco...

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Panorama

Ieri la Procura di Firenze ha chiuso le indagini a carico dei genitori di Matteo Renzi. I due erano finiti agli arresti nei mesi scorsi, con accuse che andavano dalla bancarotta...

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Panorama

Gli ultimi sondaggi di politica sulle intenzioni di voto degli italiani raccontano che la Lega forte anche della manifestazione di Roma è tornata a volare arrivando vicino al 35% secondo il sondaggio di SWG per il Tg...

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Panorama

A oltre tre anni dal referendum che ha decretato il divorzio da Bruxelles, a Londra l'incertezza regna sovrana. Intanto, il conto alla rovescia procede inesorabilmente. La scadenza della ...

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Panorama

Francesca Manzini è tra le rivelazioni assolute di Amici Celebrities. La prima imitazione, nella sua cameretta, l’ha fatta quando aveva otto anni e da quel momento non si è più fermata. Ha cominciato nei villaggi...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Panorama

Prendete uno di quei racconti di Anton Pavlovic Cechov con al centro oscuri impiegati o bancari truffatori, mescolatelo con la sceneggiatura di un film di Totò (in fondo lo ha già fatto il regista e autore Steno) e otterrete l’onesto racconto del...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Panorama

E' una delle vicende di maggior interesse che unisce politica, economia, Russia, Italia. Una vicenda che secondo molti dovrebbe mettere nei guai la Lega e Matteo Salvini. Parliamo del Russiagate e del'inchiesta con documenti esclusivi cui Panorama dedica ...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Panorama

Conquistare nuove frontiere è una delle ambizioni più alte delle grandi aziende tech, così dopo aver introdotto gli smartwatch moderni con il lancio del Galaxy Gear nel 2013 e, più recentemente, lanciato i televisori curvi e gli...