Perché New York blocca le licenze a Uber e Lyft

Pubblicato venerdì, 10 agosto 2018 ‐ Panorama

Per 12 mesi nessuna nuova licenza verrà concessa alle società che si occupano di noleggio auto con conducente. La decisione, prima della storia nel suo genere, è stata presa dal sindaco di New York Bill De Blasio che vuole studiare come la presenza sulle già caotiche strade newyorchesi di 80.000 veicoli di aziende quali Uber e Lyft (le maggiori del settore) impattino la viabilità urbana e come condizionino il tessuto sociale. 
Uniche eccezioni saranno concesse per nuovi veicoli che possano trasportare disabili o in caso di reale carenza di auto per determinati eventi o situazioni.
Perché bloccare le licenze
L'idea dell'amministrazione comunale è quella di calmierare sì le licenze, ma contestualmente anche di offrire maggiore stabilità ai lavoratori attuali con misure quali l'introduzione del salario minimo orario di 15 dollari e la limitazione delle corse ad aree di influenza migliorando la comunicazione tra società e amministrazione circa il numero di corse e di utenti che utilizzano il servizio. 
Il portavoce del consiglio comunale di New York, Corey Johnson ha commentato con soddisfazione il voto della giunta asserendo: "Stiamo sospendendo l'emissione delle licenze a un'industria alla quale è stato consentito di crescere senza un appropriato controllo e senza appropriate regole".
Il sindaco De Blasio ha poi aggiunto: "Questa azione fermerà l'afflusso di automobili che contribuiscono alla congestione".
La reazione di Uber e Lyft
Uber, Lyft e le altre società del settore hanno preso la notizia con rammarico ritenendo che queste misure non miglioreranno il servizio, anzi. I newyorchesi faticheranno a trovare vetture libere e i prezzi saliranno visto che a incremento della richiesta con corrisponde maggiore offerta. 
In una nota Uber ha fatto sapere: "La pausa di 12 mesi della città sulle nuove licenze dei veicoli minaccerà una delle poche opzioni di trasporto affidabili senza fare nulla per sistemare le metropolitane o ridurre la congestione" e Lyft le ha fatto eco aggiungendo: "Questi tagli radicali ai trasporti riporteranno i newyorkesi indietro ai tempi in cui si litigava per trovare una corsa libera".
La reazione dei tassisti
Gli unici soddisfatti, al momento, sono i tassisti, categoria che sta pagando a caro prezzo la concorrenza con Uber. A fronte di una flotta di 80.000 auto private con conducente noleggiate a New York sulle strade della Grande Mela circola solo un quarto dei taxi.
I tassisti da tempo lamentano una cattiva gestione della concessione delle licenze a Uber e chiedono una maggiore regolamentazione affinché il mercato del trasporto automobilistico a pagamento non venga sbilanciato a favore dei facoltosi clienti delle società private.
Uber, dal canto suo, si dice preoccupata e teme un crollo dei guadagni proprio nell'anno in cui si preparava a entrare in borsa.  

Tag: #Economia

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Panorama

Dopo l'eliminazione di Inter e Napoli, sono due le squadre italiane inserite nell'urna di Nyon tra le 16 bellissime per il sorteggio degli ottavi di finale della Champions League: Juventus e Roma. I...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Panorama

Il critico cinematografico del New Yorker Richard Brody ha stilato la sua lista di film migliori del 2018. Ci sono molti film statunitensi, ovviamente, molte voci indipendenti. Ma non mancano film europei, soprattutto...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Panorama

La catena rischia di spezzarsi e non si può portare a termine l'"effetto domino" fino a quando al pronto soccorso arriva una bambina guatemalteca che avrebbe bisogno di una parte di un polmone: grazie a suo padre, i...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Panorama

Venticinque canzoni che sono state la colonna sonora del 2018. Abbiamo scelto queste come le più belle e rappresentative dell'anno in musica. Da Jack White a Childish Gambino. Senza dimenticare i brani cult di...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Panorama

“Tra il 2014 e il 2017 è aumentata la concessione di licenze, eppure gli omicidi legati ad armi legalmente detenute sono diminuiti su scala nazionale mediamente della stessa percentuale”. A dirlo è Paolo De Nardis, ordinario di Sociologia alla...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Panorama

Cesare Battisti è in fuga. Del terrorista dei Pac (Proletari armati per il Comunismo) non si hanno più notizie da almeno una settimana, da quando cioè è stata firmato il documento di estradizione in ...

Pubblicato sabato, 15 dicembre 2018 ‐ Panorama

Secondo noi, finora, il miglior disco del 2018 è Suspiria, la colonna sonora composta da Thom Yorke per il film di Luca Guadagnino. In seconda posizione, American Utopia, il grande ritorno di David Byrne, un ...

Pubblicato venerdì, 14 dicembre 2018 ‐ Panorama

Per i pensionati più ricchi, che guadagnano oltre 4.300 euro netti al mese, è in arrivo una cattiva notizia. Dal primo gennaio, salvo altri cambiamenti in corso d’opera nel testo della manovra, gli assegni Inps più...

Pubblicato venerdì, 14 dicembre 2018 ‐ Panorama

Per i pensionati più ricchi, che guadagnano oltre 4.300 euro netti al mese, è in arrivo una cattiva notizia. Dal primo gennaio, salvo altri cambiamenti in corso d’opera nel testo della manovra, gli assegni Inps più altri verranno...

Pubblicato venerdì, 14 dicembre 2018 ‐ Panorama

Dal coro delle voci bianche del San Carlo di Napoli al secondo posto di X Factor 12. La parabola di Naomi, 26enne napoletana dal background lirico ha qualcosa di unico. Come il suo talento – perché...

Pubblicato venerdì, 14 dicembre 2018 ‐ Panorama

I sondaggi elettoriali parlano chiaro. E' una crescita costante e notevole quella dei consensi della Lega nelle intenzioni di voto degli italiani. Aumenta però il divario con il Movimento 5 Stelle arrivato ormai quasi...

Pubblicato venerdì, 14 dicembre 2018 ‐ Panorama

"Non mi etichettate: sono un libero pensatore". Appena il tempo di trionfare a X Factor 12 e Anastasio – il vincitore più annunciato delle ultime edizioni del talent di Sky Uno – è già costretto...

Pubblicato venerdì, 14 dicembre 2018 ‐ Panorama

Tempo di Natale e in Italia è tempo di sfida eterna tra panettone e pandoro, i due dolci certamente più tradizionali da gustare sotto l’albero. Ebbene, proprio per invogliare ulteriormente le vendite ...

Pubblicato venerdì, 14 dicembre 2018 ‐ Panorama

Più di 42mila euro a Bolzano, meno di 18mila euro in Calabria e Sicilia. Bastano questi due numeri, che indicano il pil per abitante in tre diverse regioni italiane, per capire il divario che ancora esiste, a...

Pubblicato venerdì, 14 dicembre 2018 ‐ Panorama

La tecnica della retromarcia in salsa grillina è più o meno sempre la stessa e vede nel vicepremier Luigi Di Maio il più abile protagonista. Si tratta di non parlare per un po' di un tema caro al...