Niki Lauda, le stagioni del trionfo (1975-1977-1984)

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Panorama

Ripercorriamo la storia delle tre stagioni vittoriose di Niki Lauda, il leggendario pilota di Formula 1 scomparso all'età di 70 anni.
1975: Ferrari B3-74 e Ferrari 312 T
Erano vent'anni che la Ferrari non vinceva un mondiale costruttori. A rompere il digiuno ci pensò l'allora ventiseienne Niki Lauda al termine di una stagione strepitosa, con le perle indimenticabili come la vittoria di  Montecarlo.
Lauda era alla sua seconda stagione con la scuderia di Maranello, dopo una stagione 1974 caratterizzata dallo scontro con Enzo Ferrari sulla competitività della macchina, situaziona controbilanciata dall'ottimo rapporto con il compagno di squadra Clay Regazzoni, che fu determinante per l'ingaggio dell'austriaco che veniva dal team BRM.
La stagione si concluse con la vittoria di Emerson Fittipaldi, che soffiò il titolo proprio a Regazzoni all'ultima gara. Lauda tuttavia fece intuire le proprie enormi potenzialità eguagliando lo svedese Ronnie Peterson nella conquista di ben 9 pole position.
La svolta della stagione 74/75 avvenne alla terza gara quando Niki Lauda fu al volante della nuova e molto più competitiva monoposto di Maranello, la 312 T.
Il primo successo arriva nel GP di Monaco l'11 maggio 1975. Sotto la pioggia battente, l'austriaco partì in pole position davanti a Tom Pryce su Shadow Ford. Una serie di piccoli incidenti agli inseguitori favoriscono Lauda che si trova davanti a Fittipaldi, mentre altri concorrenti (Carlos Pace e il compagno Regazzoni) saranno costretti al ritiro. L'ultimo brivido lo regala il circuito dell'olio della 312T che ha un improvviso calo di pressione che costrinse Niki a rallentare e a vedere Fittipaldi negli specchi. Poco dopo tagliava il traguardo del suo quarto podio. Seguiranno altri tre successi in Belgio, Svezia e Francia. L'ultima vittoria della stagione sul circuito statunitense di Watkins Glen, quando già Lauda era campione del mondo. Aveva già festeggiato davanti ai suoi tifosi dopo il terzo posto di Monza, che bastò per non essere più raggiunto dagli inseguitori.
1977- Ferrari 312 T2
Niki Lauda iniziò quella stagione trionfale con il volto sfigurato dal terribile incidente al Nurburgring del 1 agosto 1976, dal quale si riprese in soli 42 giorni tornando in pista con determinazione proporzionale al dolore delle ustioni sotto il casco.
L'austriaco ebbe come nuovo compagno di scuderia Carlos Reutemann, che parve eclissare momentaneamente Lauda con i successi delle prime gare. Ma l'astro di Niki riprese a brillare nel Gran Premio del Sud Africa del 5 marzo 1977, purtroppo funestato dall'incidente costato la vita a Tom Pryce. Partito i seconda fila, l'austriaco passava subito secondo. Dopo 7 giri prendeva la testa superando James Hunt al settimo giro e mantenendo la testa della gara sotto la pioggia battente a 187 km/h di media. "Niki era tornato" come aveva pronosticato il grande rivale Hunt. Seguiranno 10 podi (tra cui due vittorie) e la certezza matematica del secondo titolo mondiale al Gp degli Stati Uniti del 2 ottobre 1977. Ancora una volta sotto il diluvio otteneva con il quarto posto dietro a Hunt, Andretti e Scheckter punti necessari senza rischiare nulla. Alla fine della stagione Lauda romperà definitivamente con la Ferrari, che lo sostituirà con la giovane promessa Gilles Villeneuve.
1984 - Mc Laren MP4/2
Dopo una stagione con la Brabham-Alfa Romeo e il ritiro tra il 1979 e il 1981, Niki Lauda approdò alla McLaren. Nella stagione 1984 ebbe come compagno di scuderia il francese Alain Prost.
La McLaren MP4/2 con motore Porsche fu avvantaggiata dai consumi contenuti nella stagione in cui la FIA limitò a 220 litri i serbatoi delle monoposto, senza possibilità di rifornimento. Dopo un avvio rocambolesco, Lauda inanellò la bellezza di 5 podi consecutivi (2 vittorie e 3 seconde posizioni). Lauda trionfò per la prima volta davanti ai tifosi austriaci accorsi all'Osterreichring (oggi Red Bull Ring) davanti a Nelson Piquet e alla Ferrari di Michele Alboreto. Quando i giochi parevano ormai fatti, l'austriaco dovette fare i conti con la rimonta dell'astro nascente del compagno di squadra Alain Prost nella seconda metà della stagione. Il Mondiale si decise al primo gran premio della storia disputato in Portogallo il 21 ottobre 1984. Lauda il veterano è tenace e tiene testa a Mansell prima e Senna poi. Vincerà Alain Prost ma il secondo posto basterà a regalare il terzo titolo a Lauda, accolto ai box dall'affetto semplice di un abbraccio della moglie Marlene che dopo il rogo del Nurburgring aveva sofferto ad ogni giro di ogni gran premio. La signora Lauda dovrà resistere per una sola stagione ancora, fino al ritiro definitivo dell'austriaco volante alla fine del deludente mondiale 1985.

Tag: #Formula1 #Sport

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Gli ultimi sondaggi di politica sulle intenzioni di voto degli italiani raccontano come la situazione non sia molto cambiata in queste due settimane di festività natalizie. Le Lega torna a crescere, forte a quanto pare ...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Victor Moses è un giocatore dell'Inter. L'ufficialità della trattativa che ha portato l'esterno del Chelsea ai nerazzurri verrà data nelle prossime 24 massimo 48 ore ma tutti i dettagli e gli accordi tra le parti sono ...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Settimana per settimana, i film dai maggiori incassi cinematografici in Italia. Ecco la top ten del botteghino italiano dal 6 al 12 gennaio 2020, secondo dati Cinetel. Tolo Tolo di Checco Zalone scavalca Il re leone di Jon Favreau...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

La guerra è finita, le anticipazioni della seconda puntata I Marchesi Terenzi, proprietari della tenuta agricola abbandonata dove alloggiano i ragazzi, decidono di riprendersi quel posto per trasformarlo in un’azienda agricola. Giulia ...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il 20 gennaio 1920 nasceva a Rimini Federico Fellini, il grande regista, sceneggiatore e fumettista e amato in tutto il mondo. Candidato dodici volte all'Oscar, ha vinto quattro Oscar al miglior film straniero con La strada,...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il nuovo modello 730 è stato approvato dall’Agenzia delle Entrate e prevede importanti novità. Le novità del nuovo 730 A partire da quest’anno i lavoratori dipendenti e pensionati che presentano il...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

La sintesi migliore l'ha fornita proprio Sarri al termine della sfida vinta dalla sua Juventus contro il Parma, che ha certificato la prima fuga (+4 sull'Inter) della stagione. Ronaldo ti crea un...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Tolti gli under 18 e i genitori di figli adolescenti che (realisticamente) ascoltano rap italiano, quanto di voi hanno sentito parlare di Junior Cally fino a una settimana fa? Se volete divertitrvi a fare un esperimento di sociologia...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il terzo processo di impeachment presidenziale al Senato della storia americana che vede sul banco degli imputati Doland Trump, sta per entrare nel vivo. Dopo le cerimonie inaugurali di...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

“Mi piacciono le voci che lasciano il segno, quelle che riconosci dopo pochi secondi perché hanno un timbro e un’intensità inconfondibili”. Si racconta così a Panorama.it, Ivi, 25 anni, austriaca, voce di Andromeda, un...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

da Las Vegas Mentre scarica cascate di drop sul pubblico dell’XS, uno dei club più chic e meglio frequentati di Las Vegas, Kygo indossa un paio di eleganti cuffie bianche. A volte le tiene sulle orecchie per concentrarsi sul...

Pubblicato domenica, 19 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il 20 gennaio del 2020, secondo lo psicologo Cliff Arnall, professore dell’Università di Cardiff, è ufficialmente il "blue monday", il giorno più triste dell’anno, come risultato di una complessa equazione...

Pubblicato domenica, 19 gennaio 2020 ‐ Panorama

Era l’inizio del 2013 quando Google rese disponibile ai suoi sviluppatori gli occhiali smart che si rivelarono poi un clamoroso flop, perché i Glass si rivelarono un prodotto troppo rivoluzionario per l’epoca. La lezione è servita a Big G e agli...

Pubblicato domenica, 19 gennaio 2020 ‐ Panorama

Vent’anni fa in Argentina gli insegnanti universitari lamentavano che gli studenti arrivavano con grandi difficoltà sia di comprensione nella lettura, sia nella capacità di esprimere un'idea attraverso la scrittura.   Purtroppo non sto qui a cercare ...

Pubblicato sabato, 18 gennaio 2020 ‐ Panorama

Una delle maggiori sfide per un artista è quella di evolversi stilisticamente, senza però scontentare troppo i fan della prima ora, catturati da un determinato tipo di sound. Una sfida che risulta particolarmente ostica per i rapper,...