Moschee abusive e fondi opachi

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Nel 2019 la corsa ad aprire nuove moschee in tutta Italia è ripartita. Milioni di euro di finanziamenti piovuti dal Golfo Persico e dall’Asia minore attraverso banche, società finanziarie, privati e facilitatori in loco, abilissimi nel trovare strutture adattabili all’uso. Obiettivo non dichiarato è raddoppiare le 1.251 moschee attualmente disseminate su tutto il territorio nazionale, secondo l’ultimo censimento del Viminale, per il controllo delle quali competono Qatar, Turchia e Arabia Saudita. Solo attraverso la Qatar Charity Foundation, tra il 2013 e il 2017 sono arrivati 25 milioni di euro per moltiplicare i centri di preghiera. Che, tuttavia, restano in molti casi illegali. La loro dislocazione geografica non è più concentrata solo nei grandi centri urbani: da alcuni anni, sono soprattutto piccole realtà come Agrigento, Olbia, Lecco, Merano, Andria, Modica, Barcellona Pozzo di Gotto, Mazara del Vallo, Donnafugata, Scicli, Vittoria, Ravenna, Colle Val d’Elsa, Piacenza, Vicenza, Saronno e Mirandola (il primo luogo di culto a riaprire dopo il terremoto del 2012) a registrare la crescita del fenomeno. «Tradizionalmente, il triangolo “pericoloso” rimane la zona compresa tra Milano, Brescia, Bergamo, per storia e dinamiche jihadiste» sostiene Michele Groppi, docente associato all’Accademia della Difesa del Regno Unito. «Tuttavia, centri meno popolosi vanno assumendo sempre più rilevanza. Questo cosa ci insegna? Sebbene i grandi centri e le loro emergenti periferie potenziali stiano crescendo, e restino le principali fucine dell’estremismo, aree meno controllate e fuori dai radar possono essere meglio utilizzate come piattaforme logistiche e/o di reclutamento. In futuro, continueremo ad assistere a un mix delle due». Molte delle associazioni islamiche e scuole coraniche, infatti, sono ricavate in appartamenti privati, negozi, garage e magazzini affittati - talvolta, acquistati - attraverso il sistema della Zakat, la «decima» che ogni buon musulmano deve devolvere alla propria comunità per purificarsi, nonché uno degli istituti più importanti della religione islamica. Quasi sempre i soldi circolano in contanti, dunque non tracciabili, e si perdono tra i rivoli delle donazioni estere, tra ong e associazionismo selvaggio. L’incremento registrato nell’ultimo anno somiglia quasi a una «resistenza islamica» contro la politica del titolare degli Interni, Matteo Salvini, che ha più volte dichiarato di non voler concedere «neanche mezza moschea» fino a quando «l’Islam non farà chiarezza e non ribadirà che gli esseri umani sono tutti uguali davanti a Dio e alla legge». Ma di chiarezza, per il momento, ce n’è davvero poca. Un esempio su tutti, la Grande Moschea di Roma: nonostante le rassicurazioni fornite al precedente ministro degli Interni, Marco Minniti, cui era stato consegnato il piano di risanamento «Centro islamico culturale d’Italia – Piano strategico 2017-2021», persiste una quasi assoluta mancanza di trasparenza nei finanziamenti. L’ultimo disponibile risale al 2015 ed è parziale. Fatto che, secondo più fonti, prelude a un possibile commissariamento della struttura da parte del Viminale. In ogni caso, stando all’ultimo rendiconto, nel 2014 la Grande Moschea ha ricevuto dall’Arabia Saudita finanziamenti per 334 mila euro, e 15 mila dagli Emirati Arabi. Altri 23 mila rientrano nella voce non meglio specificata «iscrizioni ai corsi»; 22 mila dai «contributi Halal» e altri 31 mila da «contributi Ramadan». In totale, le entrate sono pari a 426.345 euro. Nel 2015, invece, i soli contributi presenti nel rendiconto sono quelli del Regno del Marocco, che avrebbe versato nelle casse del centro religioso almeno 211 mila euro. Ciò che più stupisce, è il fatto che non esista un solo documento indicante i nomi dei soci e del cda della moschea capitolina. Se questo è quanto accade, sotto gli occhi delle autorità, nel centro religioso più importante d’Italia, figurarsi la trasparenza delle strutture clandestine. Secondo il segretario della commissione parlamentare Antimafia Gianni Tonelli l’aumento di piccoli centri religiosi legati all’ambiente islamico è determinato da due fattori: «Il primo è un modo di “serrare le fila” di fronte all’atteggiamento maggiormente attento dei nostri uffici di polizia e dei servizi di intelligence, inaugurato dopo l’ultima stagione di attentati, a partire dai fatti di Charlie Hebdo e del Bataclan. Il secondo è di ordine economico: le grandi strutture costano e, se si considera che i flussi di finanziamento nell’ambiente islamico sono meno liberi e maggiormente controllati, si comprende facilmente perché si ricorra allo strumento dell’autofinanziamento, che fornisce più discrezione». Come per la Grande Moschea, oggi guidata da esponenti marocchini ed egiziani, all’interno di tali realtà è sempre l’Islam sunnita a farla da padrona: non solo quello afferente al Maghreb, ma anche alla Turchia, alla corrente indo-pakistana dei Jamaat Tabligh e all’insidiosissimo Islam balcanico, considerato tra i più radicali. A farla da padrona è però ancora la corrente saudita: Riad ha varato una specie di «piano Marshall» per la diffusione dell’Islam in tutto l’Occidente, con conseguente formazione e invio in Europa di imam dai curriculum poco specchiati. Intanto, le concessioni per le moschee vanno avanti, senza una vera e propria strategia nazionale (ne esistono solo di regionali): il Comune di Bologna, per esempio, ha accordato gratuitamente un terreno di 7 mila metri quadri edificabili, mentre a Bergamo si vorrebbe trasformare una chiesa in moschea, e a Sesto Fiorentino è stato addirittura il vescovo ad approvare la vendita di un terreno della Curia per edificare un centro islamico. E, ancora, nella capitale la discussa moschea di Centocelle, da oltre vent’anni in un parcheggio sotterraneo, vorrebbe trasferirsi in un ex mobilificio. Quanto al contrasto del fenomeno terroristico, che si nutre proprio di strutture refrattarie ai controlli e alle leggi dello Stato, le linee operative per questi centri esistono già. Oltre al principio inderogabile di dialogo, prevedono: il rifiuto del salafismo e del wahabismo, le teorie alla base del terrorismo jihadista; l’indicazione alle autorità di sospetti in odore di radicalizzazione; la notifica di tutte le sovvenzioni ricevute dall’estero, specie quelle provenienti da anonimi; l’accettazione del principio che la formazione degli imam sia fatta dove operano, e in lingua italiana. L’intelligence le ha comunicate a ogni governo che si è succeduto, ma la loro applicazione è tutto un altro affare. © riproduzione riservata

Tag: #Cronaca #News

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Panorama

Chi ci ha lasciato nel mese di AGOSTO > Carlo Delle Piane, attore, 83 anni (2 febbraio 1936 - 23 agosto 2019) > Cosimo Cinieri, attore, 81 anni(20 agosto 1938 - 19 agosto...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Panorama

A 83 anni, è morto Carlo Delle Piane, figura iconica del cinema italiano. Aveva esordito come attore nel 1948, a soli 12 anni, quando interpretò Garoffi, il bambino sveglio con il naso a becco nel film Cuore, ...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Panorama

La pagina fb del Movimento 5 Stelle è un vulcano pronto ad esplodere. La trattativa aperta con il Pd per la nascita di un nuovo Governo non piace alla base. Sono infatti migliaia i commenti al post con cui vengono...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Panorama

Con l'apertura della Crisi di Governo diventano sempre più importanti gli ultimi sondaggi della politica che vedono la Lega primo partito del paese ma in forte calo rispetto ai valori raggiunti prima della crisi. La...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Panorama

Il 23 agosto 1989 una catena umana lunga circa 600 chilometri unì le capitali degli Stati Baltici Tallinn, Riga e Vilnius. La manifestazione pacifica, minuziosamente organizzata dai...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Panorama

La tecnologia permette di compiere imprese mirabili, di abbattere barriere che un tempo erano giudicate impensabili. Di spalancare frontiere a tutti, non solo a pochi addestrati eletti. Freniamo subito qualsiasi scatto d’entusiasmo: non stiamo parlando ...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Panorama

Dopo il debutto al Festival di Cannes 2016, finalmente arriva nelle sale italiane Mademoiselle di Park Chan-wook, regista sudcoreano del cult Oldboy, di Lady Vendetta e...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Panorama

Dwayne Johnson, noto come The Rock, si conferma l'attore più pagato al mondo anche nel 2019. E la sua presenza, in un film, garantisce milioni di dollari al botteghino. L'ex wrestler datosi al cinema...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Panorama

“Trattando come sinfonia una canzone giovane giovane, ha portato musica nella canzone italiana, quasi a dire: io che non vivo senza te. Da una casa in cima al mondo ha dato la scalata al cielo muto come se affermasse: il domani è nostro. Poi, il...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Panorama

Premessa da incidere sulla pietra, fondamentale per poter proseguire nella lettura: mai come quest'anno gli ultimi dieci giorni (scarsi) di mercato incideranno sui progetti tecnici delle squadre, sia in testa che in coda alla catena...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Panorama

Con l'apertura della Crisi di Governo diventano sempre più importanti gli ultimi sondaggi della politica che vedono la Lega primo partito del paese ma in forte calo rispetto ai valori raggiunti prima della crisi. La ...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Panorama

Un drone ha ripreso queste immagini dei lavori all'aeroporto di Milano Linate. Lavori che proseguono tutti i giorni 24 ore su 24 come da programma e che, dovrebbero concludersi il 26 ottobre, per permettere poi la riapertura dell’aeroporto cittadino e ...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Panorama

“Continuo a pensare che il Movimento 5 Stelle sia composto da persone che sono incompetenti, incapaci e che ci hanno portato a dove siamo oggi, però io tra trovarmi Salvini premier, per i prossimi 5 anni, che può decidere il prossimo Presidente...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Panorama

Mauro Icardi lo ha scritto in tempi non sospetti: "Ho già espresso all'Inter la volontà di rimanere perché l'Inter è la mia famiglia. Il tempo dirà chi ha detto la verità. Forza Inter, sempre". Era il 17 maggio scorso. Nel ...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Panorama

I dischi imprescindibili non sono quelli che contengono due o tre hit. Sono quegli album che vanno ascoltati nel loro insieme perché non sono una banale somma di canzoni più o meno belle, ma la fotografia dello stato di grazia di una...