Milan, la verità sul rapporto Leonardo-Gazidis

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Panorama

Sgomberiamo il campo dalle ultime voci: al momento Leonardo non ha nessuna intenzione di dimettersi dal Milan (come riportano alcuni quotidiani). E' altrettanto vero però che i problemi con l'ad rossonero Ivan Gazidis esistono e non da oggi.
Problemi di vario tipo. Al dirigente ex Arsenal voluto da Elliott alla guida della società rossonera non sono piaciute certe azioni di Leonardo, soprattutto legate al mercato. Non è un caso che a gennaio quando Ibra era pronto a vestire la maglia rossonera fu proprio Gazidis a fermare il tutto. Non solo per questioni economiche, ma anche per una diversa visione della squadra e del mercato. Ma non si tratta dell'unica bocciatura. 
Il secondo stop è arrivato in queste settimane per la trattativa con il Gremio per Everton, talentino brasiliano, molto spinto da Leonardo ma bloccato per i costi eccessivi del cartellino e delle commissioni da dare ai procuratori.
Ecco, forse la grossa differenza tra i due che rischia di trasformarsi in incompatibilità. Leonardo arriva dalla gestione Psg dove non c'era alcun problema di spesa ed investimenti; il brasiliano poi aveva molto se non totale autonomia decisionale. Il Milan di oggi, di Gazidis invece deve fare i conti con un bilancio da profondo rosso e bisogna quindi operare sul mercato in altra maniera, con nomi magari non di grosso calibro, a prezzo vantaggioso.
E, a proposito di conti e bilanci, i rossoneri devono rientrare da un passivo di 80 milioni e si preparano ad un mercato con grossi nomi in uscita per fare cassa. Nessuno escluso. Piatek ad esempio senza Champions League andrebbe volentieri in Inghilterra. Ma in partenza ci sono due se non tre big tra: Cutrone, Calhanoglu, Suso, Rodriguez.
C'è poi la questione allenatore. Malgrado una apertura data da alcuni giornali oggi il destino di Gattuso sarebbe segnato. E qui, paradossalmente, l'atteggiamento e quindi le idee di Gazidis e Leonardo divergono ancora, ma all'opposto. Il sudafricano vorrebbe un grosso nome e, dopo aver incassato  i No di Wenger e Emery sogna Allegri. Leonardo (e Maldini) preferirebbero invece un "maestro di calcio" perfetto per una squadra giovane e da formare. I nomi? Sarri e Gasperini che però appaiono lontanissimi e complicati.

Tag: #Calciomercato #Sport

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato sabato, 15 giugno 2019 ‐ Panorama

Viaggia in jet privato (a noleggio), sceglie solo alberghi dalle 5 stelle in su e quando deve fare shopping vola a Dubai. Il profilo minimo di Taylor Mega – super influencer friulana da 1,6 milioni di seguaci –...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

I Toronto Raptors non esistevano fino alla stagione 1995-96. Furono formati quando l'NBA, all'inizio degli anni '90, decise di allargare la franchigia oltre i confini degli USA coinvolgendo i team canadesi. A Toronto il...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

Mentre l'inchiesta su quello che inizialmente era il "Caso Palamara" e che ha coinvolto l'Associazione Nazionale Magistrati, poi il Csm, sfiorando anche il Quirinale, diventa...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

Secondo i risultati del TripAdvisor Summer Vacation Destinations Report 2019, sono le isole spagnole e greche le protagoniste dell’estate degli italiani che trascorreranno all’estero le loro...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

Alice è tornata a casa. L’abbiamo accolta stasera, nella sua nuova casa, ancora un po’ provvisoria nell’arredamento ma già piena dell’amore che sarà. È tornata con il suo Antonio, dopo un anno a Tolosa: ha deciso di...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

Vivere al mare è il sogno di tutti? Dopo aver lavorato una vita intera chi non ha mai pensato almeno per una volta di far le valigie e trasferirsi in una località dove sia sempre primavera, dove il costo della vita sia più basso e...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

Manolas alla Juventus? Si può fare. Scambio Higuain-Manolas? Assolutamente no. E' quanto filtra dalla Roma dopo le voci di un clamoroso scambio che porterebbe Kostas...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

L'estate del calciomercato si annuncia caldissima e con molti affari che terrano banco per settimane. Già il valzer delle panchine ha movimentato il mese di giugno, preannunciando autentici tormentoni che riguarderanno tutte le big italiane. Chi per...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

"Ok, sono un alcolizzato, un cocainomane sex addicted, bulimico e in preda allo shopping compulsivo". Si presenta così Rocketman, con un'inquadratura spietata sul momento più drammatico della parabola umana di Elton John. Un...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

Francesco Totti è a un passo dall'addio alla Roma. Il secondo, dopo quello dal campo di due anni fa con giro dell'Olimpico, applausi, lacrime e insulti a chi l'aveva (agli occhi dei tifosi) spinto verso quel passo....

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

Un esperimento riuscito, un disco che spiazza e sorprende piacevolmente. Un incontro tra mondi musicali differenti che si scompongono per crearne uno nuovo, che diventa un ponte tra generi, suoni e concetti. Un altro muro che...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

Meno incidenti, riduzione dello stress in coda, parcheggi in zone dedicate e dunque libere e…più sesso! Queste sono le promesse che porta con sé la guida autonoma. I primi punti sono alquanto risaputi mentre l’ultimo, quello più intrigante, è una ...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

Pensi a Bruce Springsteen e la prima immagine che ti viene in mente è quella di uno stadio pieno e traboccante di entusiasmo per il rocker del New Jersey, celebre per le sue trascinanti maratone musicali di quattro ore. Impossibile non...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

“Io e Justin Bieber abbiamo pubblicato una nuova canzone. Si intitola “I don’t care” e spero che vi piaccia”. Cosi Ed Sheeran ha annunciato, il 10 maggio, il suo nuovo singolo I don’t care, prodotto da Max Martin,...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

La vicenda Huawei può ritorcersi contro gli Stati Uniti. Il blocco imposto dal presidente Donald Trump alle aziende americane, che impedisce loro di fornire beni e servizi al colosso cinese delle telecomunicazioni, potrebbe rivelarsi un autogol, un...