Maserati Indy: “americana” di Modena (1969-75) – Foto

Pubblicato venerdì, 05 luglio 2019 ‐ Panorama

Fu ordinato in Svizzera il primo esemplare della nuova coupé 4 posti del Tridente. Era un esemplare verniciato nel colore oro metallizzato acquistato da un imprenditore elvetico. Era il luglio del 1969 quando fuori dallo stabilimento Maserati di via Ciro Menotti a Modena si udì il ruggito dell'8 cilindri a V di 90° che ribolliva sotto il cofano, pronto ad urlare sull'asfalto dell'autostrada.
La Maserati Indy "America", Gran Turismo che sostituiva la inglesizzante Sebring, strizzava l'occhio ai gusti degli Americani. A partire dal nome, che non omaggiava un vento africano ma un tempio dell'automobilismo d'oltreoceano: il circuito di Indianapolis. La scelta fu anche motivata dalla ricorrenza dei cinquant'anni dalla vittoria sul circuito americano della Maserati 8CTF nella 500 miglia.
Disegnata dalla carrozzeria Vignale, la Indy era una coupé dalle dimensioni e dagli spazi interni generosi, scelta dettata dalle richieste dei clienti che desideravano una sportiva che non trascurasse l'abitabilità ed il confort di marcia. L'aerodinamica era garantita dalla linea filante e dalla tipica coda tronca, che anticipava quella delle successive sportive Alfa Romeo (come l'Alfetta GTV). Il frontale invece, era decisamente di gusto americano. Con i 4 fari retrattili aperti, ricordava molto la contemporanea Chevrolet "Corvette", icona delle muscle car di produzione USA.
La Indy fu anche il primo modello Maserati ad essere prodotto dopo l'acquisizione della maggioranza del pacchetto azionario da parte di Citroen nel marzo 1968. A prima vista risaltavano le ampie superfici vetrate (in particolare del lunotto posteriore) che garantivano al guidatore una visibilità ottimale. I quattro posti, rivestiti in preziosissima pelle cucita a mano, erano ampi e confortevoli grazie anche alle dimensioni della vettura, lunga 4,74 metri.
La prima serie della Indy montava un propulsore da 4.136 cc. da 260 Cv. alimentato da 4 carburatori Weber doppio corpo da 42, che spingevano la Gran Turismo del Tridente, pesante ben 1.500 Kg, alla velocità massima di 250 Km/h. La sicurezza era garantita da un potente impianto frenante  a dischi autoventilati con servocomando. Il cambio era manuale a 5 rapporti di serie ma poteva montare su richiesta del cliente un cambio automatico a 3 rapporti Borg Warner. Tra le innovazioni, la Indy montava per la prima volta un radiatore in alluminio prodotto dalla Contardo di Uboldo (Varese) che permetteva di risparmiare fino al 50% sul peso del pezzo, non saldato ma sigillato con resine epossidiche.
La Maserati Indy, che sarà prodotta limitatamente agli anni di proprietà Citroen (1969-1975) passerà attraverso l'evoluzione di tre serie, le cui differenze sostanziali saranno nel propulsore e negli allestimenti. Nel 1970 infatti la Gran Turismo modenese sarà equipaggiata con un motore da 4.719 cc. da 280 Cv per una velocità di 280 Km/h. L'anno successivo e fino alla fine della produzione, la Indy avrà sotto il cofano un mostro di potenza, un 4.9 litri da 300 cavalli che faceva volare la coupé del Tridente sul filo dei 300 Km/h.
I nuovi accessori completavano una dotazione di serie molto ricca che spaziava dall'antifurto meccanico al volante regolabile, dal lunotto termico ai vetri elettrici ed azzurrati. I fari erano allo iodio e i sedili completamente reclinabili avevano un ampio poggiatesta. L'aria condizionata fu di serie dal 1973, mentre autoradio e servosterzo rimasero opzionali.
Dagli stabilimenti Maserati di Modena uscirono 1.102 esemplari della Indy durante i 6 anni di produzione. Tra i clienti più illustri il fratello dello Scià di Persia Abdorreza Pahlavi, che ne ordinò una con il tettuccio apribile negli ultimi mesi della storia della coupé, nel febbraio 1975. Al momento della commercializzazione nel luglio 1969 il prezzo di listino senza optionals era di 7.100.000 lire. Per una Fiat "500" L bastavano 500.000 lire.

Tag: #Aziende #Economia

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Gli ultimi sondaggi di politica sulle intenzioni di voto degli italiani raccontano come la situazione non sia molto cambiata in queste due settimane di festività natalizie. Le Lega torna a crescere, forte a quanto pare ...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Victor Moses è un giocatore dell'Inter. L'ufficialità della trattativa che ha portato l'esterno del Chelsea ai nerazzurri verrà data nelle prossime 24 massimo 48 ore ma tutti i dettagli e gli accordi tra le parti sono ...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Settimana per settimana, i film dai maggiori incassi cinematografici in Italia. Ecco la top ten del botteghino italiano dal 6 al 12 gennaio 2020, secondo dati Cinetel. Tolo Tolo di Checco Zalone scavalca Il re leone di Jon Favreau...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

La guerra è finita, le anticipazioni della seconda puntata I Marchesi Terenzi, proprietari della tenuta agricola abbandonata dove alloggiano i ragazzi, decidono di riprendersi quel posto per trasformarlo in un’azienda agricola. Giulia ...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il 20 gennaio 1920 nasceva a Rimini Federico Fellini, il grande regista, sceneggiatore e fumettista e amato in tutto il mondo. Candidato dodici volte all'Oscar, ha vinto quattro Oscar al miglior film straniero con La strada,...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il nuovo modello 730 è stato approvato dall’Agenzia delle Entrate e prevede importanti novità. Le novità del nuovo 730 A partire da quest’anno i lavoratori dipendenti e pensionati che presentano il...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

La sintesi migliore l'ha fornita proprio Sarri al termine della sfida vinta dalla sua Juventus contro il Parma, che ha certificato la prima fuga (+4 sull'Inter) della stagione. Ronaldo ti crea un...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Tolti gli under 18 e i genitori di figli adolescenti che (realisticamente) ascoltano rap italiano, quanto di voi hanno sentito parlare di Junior Cally fino a una settimana fa? Se volete divertitrvi a fare un esperimento di sociologia...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il terzo processo di impeachment presidenziale al Senato della storia americana che vede sul banco degli imputati Doland Trump, sta per entrare nel vivo. Dopo le cerimonie inaugurali di...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

“Mi piacciono le voci che lasciano il segno, quelle che riconosci dopo pochi secondi perché hanno un timbro e un’intensità inconfondibili”. Si racconta così a Panorama.it, Ivi, 25 anni, austriaca, voce di Andromeda, un...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

da Las Vegas Mentre scarica cascate di drop sul pubblico dell’XS, uno dei club più chic e meglio frequentati di Las Vegas, Kygo indossa un paio di eleganti cuffie bianche. A volte le tiene sulle orecchie per concentrarsi sul...

Pubblicato domenica, 19 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il 20 gennaio del 2020, secondo lo psicologo Cliff Arnall, professore dell’Università di Cardiff, è ufficialmente il "blue monday", il giorno più triste dell’anno, come risultato di una complessa equazione...

Pubblicato domenica, 19 gennaio 2020 ‐ Panorama

Era l’inizio del 2013 quando Google rese disponibile ai suoi sviluppatori gli occhiali smart che si rivelarono poi un clamoroso flop, perché i Glass si rivelarono un prodotto troppo rivoluzionario per l’epoca. La lezione è servita a Big G e agli...

Pubblicato domenica, 19 gennaio 2020 ‐ Panorama

Vent’anni fa in Argentina gli insegnanti universitari lamentavano che gli studenti arrivavano con grandi difficoltà sia di comprensione nella lettura, sia nella capacità di esprimere un'idea attraverso la scrittura.   Purtroppo non sto qui a cercare ...

Pubblicato sabato, 18 gennaio 2020 ‐ Panorama

Una delle maggiori sfide per un artista è quella di evolversi stilisticamente, senza però scontentare troppo i fan della prima ora, catturati da un determinato tipo di sound. Una sfida che risulta particolarmente ostica per i rapper,...