Mafia Capitale non è Mafia

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Panorama

Gli ermellini hanno atteso che Giuseppe Pignatone andasse in pensione, che lasciasse la carica di procuratore di Roma e, da pensionato, ricoprisse quella di presidente del Tribunale del Vaticano, per cancellare in pochi minuti di lettura della sentenza i frutti del suo lavoro più importante, l’inchiesta del Mondo di Mezzo su Mafia Capitale. La corte di Cassazione ha infatti annullato la sentenza della corte d’Appello di Roma che aveva riconosciuto l’associazione mafiosa per l’ex dominus delle coop rosse di Roma, Salvatore Buzzi, e per l’ex Nar della banda della Magliana Massimo Carminati, detto “er Cecato”.
Due criminali che, ognuno nel suo ambito, avevano condizionato la politica e gli affari della Capitale, attraverso la corruzione, le violenze, il traffico di influenza finalizzate alle turbative d’asta, ad accaparrarsi appalti pubblici, infettando Roma e accelerando - e agevolando – il fallimento delle amministrazioni comunali, da Alemanno a Marino. Gli arresti del 2014 provocarono un terremoto che spianò la strada al Campidoglio al Movimento 5 Stelle, che al grido “onestà, onestà!” lo espugnò.
La tesi della procura di Pignatone, ardita e discussa fin da subito, fu che, oltre lo stretto di Messina, lontano dalle grotte dell’Aspromonte e senza passare dai vicoli partenopei esistesse anche una mafia capitolina, “autonoma, originaria e originale”. Ma in Italia le corti fanno fatica a affibbiare l’aggravante mafiosa prevista dall’articolo 416 bis – nato nel 19982 per contrastare la mafia siciliana – a boss di provenienza diversa (che siano albanesi, cinesi, nigeriani o, in questo caso, romani). E così della mafiosità della suburra ne parleranno solo romanzi e film, perché arte e letteratura sono più lungimiranti e perspicaci dei codicilli. E resteranno negli annali della cronaca giudiziaria alcune delle frasi pronunciate dagli imputati assurte a paradigma. Come quella pronunciata da Salvatore Buzzi che, intercettato, diceva: “Tu c’hai idea de quanto ce guadagno sugli immigrati? Il traffico di droga rende de meno”. O quella di Carminati, che ha dato il nome all’inchiesta del Ros dei carabinieri: “Ci sono i vivi sopra e i morti sotto e noi in mezzo”.
A Roma però la mafia non c’è (resiste invece a Ostia, dove operavano i clan Casamonica e Fasciani). Del resto già un primo verdetto, nel 2017, aveva bocciato la tesi della procura di Roma, riconoscendo le associazioni a delinquere semplici. Un giudizio ribaltato dalla sentenza d’Appello l’anno successivo. Fu la vittoria dei pm Cascini, Ielo e Tescaroli, coordinati appunto da Giuseppe Pignatone. Ma la Sesta sezione penale del Cassazione, presieduta da Giorgio Fidelbo, ha ribaltato il verdetto e rimandato ad un nuovo processo d’appello per rideterminare le pene in virtù della nuova sentenza.
Con Carminati e Buzzi sono da rivedere dunque le condanne, tra gli altri, di Luca Gramazio, ex capogruppo di Fi in Regione Lazio, Franco Panzironi, già capo di Ama, la municipalizzata dei rifiuti. Poco cambia, vista la conferma delle condanne per Mirko Coratti, ex presidente del consiglio comunale di Roma in quota Pd, del consigliere comunale Giordano Tredicine (Fi) e di altri coimputati. Quello che conterà davvero, però, sono le motivazioni della sentenza della Cassazione che molti, non solo a Roma, attendono con apprensione, per le implicazioni che potrebbero avere su decine di inchieste e processi per mafia in tutta Italia, escluse quelle dove operano i mafiosi originali con tanto di coppola. 

Tag: #Cronaca #News

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato venerdì, 22 novembre 2019 ‐ Panorama

Ronaldo non convocato contro l'Atalanta fa notizia ma non rappresenta una novità assoluta per il mondo Juventus. Prima Allegri e poi Sarri hanno imparato a fare di tanto in tanto a meno del fuoriclasse portoghese, se...

Pubblicato venerdì, 22 novembre 2019 ‐ Panorama

C’era una volta lo Stato. E lo Stato aveva una fabbrica. Era una grande fabbrica, a Taranto, che produceva acciaio e purtroppo inquinava. Le persone morivano e nessuno se ne curava. Soprattutto non se ne curava lo Stato. Un giorno la fabbrica venne...

Pubblicato venerdì, 22 novembre 2019 ‐ Panorama

Huawei riparte da Microsoft, prima azienda statunitense che ha ottenuto l’autorizzazione del Governo a stelle e strisce per tornare a vendere il proprio software al colosso cinese delle telecomunicazioni. L’annuncio...

Pubblicato venerdì, 22 novembre 2019 ‐ Panorama

Il cerchio intorno all'assassino di Chiara si stringe ma a un passo dalla verità, un clamoroso colpo di scena rischia di lasciare tutti senza parole. Comincia così la sesta e ultima puntata de L'Isola di...

Pubblicato venerdì, 22 novembre 2019 ‐ Panorama

Quello che vedevano di notte le generazioni prima della nostra era uno spettacolo sublime. Ogni cultura vi aveva dato il suo nome: per i Greci era il “Galaxias Kyklos” (il cerchio di latte), per i Romani la “Via Lactea”, per i cinesi il “Fiume...

Pubblicato venerdì, 22 novembre 2019 ‐ Panorama

"Il Sud è da sempre luogo geografico e luogo dell'anima. Inferno e paradiso, cronaca e favola. Così è questo film". Così presenta il suo Aspromonte, dal 21 novembre al cinema, Mimmo...

Pubblicato venerdì, 22 novembre 2019 ‐ Panorama

«Purtroppo il mondo è sempre più governato dagli affari e nessuno vuole irritare Pechino». È una analisi amara quella che fa Vittorio Emanuele Parsi sull'indifferenza con cui i grandi della terra guardano alle proteste anti-governative di Hong Kong. ...

Pubblicato venerdì, 22 novembre 2019 ‐ Panorama

Dieci miliardi di euro in 40 anni. E' quanto lo Stato italiano ha speso nella storia recente per tentare di salvare, recuperare e ricapitalizzare Alitalia. Alitalia: quanto ci costi! E quando si parla di ...

Pubblicato venerdì, 22 novembre 2019 ‐ Panorama

Dieci miliardi di euro in 40 anni. E' quanto lo Stato italiano ha speso nella storia per tentare di salvare, recuperare e ricapitalizzare Alitalia. Alitalia: quanto ci costi! Dieci miliardi cui vanno...

Pubblicato venerdì, 22 novembre 2019 ‐ Panorama

Oltre a Mentana, c'è un'altra maratoneta a La7. A infrangere il record di permanenza in video sul canale di Urbano Cairo, ci penserà tra qualche giorno Tiziana Panella: Panorama.it è...

Pubblicato venerdì, 22 novembre 2019 ‐ Panorama

Tiziano Ferro, insieme a Laura Pausini ed Eros Ramazzotti, è uno dei nostri cantanti più amati all’estero, specie nei paesi latinoamericani, dove i suoi album vengono distribuiti nella versione speciale in spagnolo. Un successo...

Pubblicato venerdì, 22 novembre 2019 ‐ Panorama

Si condensano nella serata le notizie politiche del giorno che sono dei veri e propri siluri per Di Maio, il Movimento 5 Stelle ed il Governo Conte-Bis. Già l'aria che tira non è delle migliori ma dalle 20 ecco le scosse di terremoto. La prima arriva...

Pubblicato venerdì, 22 novembre 2019 ‐ Panorama

Immaginate che in una gara di Formula 1, ad un certo punto, scenda in pista Giuda Ben-Hur con la sua quadriga trainata da cavalli, pretendendo di partecipare alla corsa. E’ più che scontato che, già dopo la prima curva, il celebre personaggio del ...

Pubblicato venerdì, 22 novembre 2019 ‐ Panorama

Lotta alle fake news, cancellare i troll e stop ai profili falsi che avvelenano il dibattito sui social network. Questo è l’obiettivo di Jimmy Wales, noto al mondo per aver fondato Wikipedia (insieme a Larry Sanger),...

Pubblicato venerdì, 22 novembre 2019 ‐ Panorama

Gli ultimi sondaggi di politica sulle intenzioni di voto degli italiani confermano la situazione di grossa difficoltà del Movimento 5 Stelle che perde ancora proseguendo il calo che va avanti da settimane e sembra...