La storia dei Toronto Raptors, campioni NBA 2019

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

I Toronto Raptors non esistevano fino alla stagione 1995-96. Furono formati quando l'NBA, all'inizio degli anni '90, decise di allargare la franchigia oltre i confini degli USA coinvolgendo i team canadesi. A Toronto il basket professionistico mancava da circa mezzo secolo cioè da quando la prima squadra del dopoguerra, gli Huskies, si limitarono ad una deludentissima stagione nel 1946-47. Gli insuccessi in campo e lo scarsissimo successo di pubblico decretarono la precoce fine della squadra. Ad eccezione delle stagioni 1971-1975, quando i Buffalo Braves giocarono al Maple Leaf Gardens 16 partite, i tifosi della città dell'Ontario rimasero lontani dal grande circo dell'NBA.
L'opportunità di rientrare nell'olimpo della pallacanestro mondiale arriva all'inizio degli anni '90 quando l'NBA invia in Canada i suoi emissari per preparare l'allargamento del franchise al Canada. E'un giovane imprenditore di Toronto attivo nel mondo delle telecomunicazioni, John Bitove, a cogliere, con un'espressione (appropriata allo sport in questione, la "palla al balzo". Assieme a lui partecipa alla nascita della squadra campione 2019 l'ex premier dell'Ontario David Peterson ai quali si unisce l'ex star dei Detroit Pistons Isiah Thomas. Nel 1995 il consorzio PBF (Professional Basketball Franchise Canada) entra a far parte della Eastern Division dell'NBA.
Il nome "Raptors" verrà scelto dai tifosi, negli anni del successo planetario del film di Steven Spielberg "Jurassic Park". I colori societari (rosso, violetto,nero e argento) furono scelti in onore del canadese James Naismith, che nel 1891 inventò  la pallacanestro.
Gli esordi e l'era di Vince Carter (1995-2004)
Sotto la guida del VP Isiah Thomas e del coach Brendan Malone i Raptors partecipano ai "draft NBA" arruolando la promessa Damon Stoudamire, proveniente dalla University of Arizona. La stagione d'esordio sarà soddisfacente, con le vittorie a sorpresa sulle grandi dell'NBA come i Chicago Bulls e i Seattle SuperSonics.
La performance dei Raptors crescerà nelle stagioni successive sotto la guida di Darren Walker, ascesa interrotta dalla crisi della stagione 1997-98 che vedrà l'uscita di Thomas e Stoudamire. Costretti nuovamente ai "draft", gli uomini di Toronto pescano il jolly nella stagione seguente portando a casa la stella della University of North Carolina, lo swingman (guardia-ala) Vince Carter.
A Toronto si apriva la nuova era di successi, che durerà fino alla stagione 2004, con la punta di diamante della stagione 1998-99, ancora imbattuta per numero di vittorie e per lo stato di grazia di Carter e dei suoi, compresi i veterani NBA Oakley e Willis. Durante questa fase nasceva l'astro del giovanissimo cugino di Carter Tracy McGrady arruolato da Toronto quando era ancora studente della high-school. Il primo playoff arriva per i Raptors nel 2000 contro i New York Knicks che avranno ragione sui canadesi in tre games.
I Playoff arriveranno anche nella stagione seguente, dove saranno sconfitti dai Philadelphia 76ers.
Le stagioni dal 2002 al 2004 saranno le più difficili per i Raptors, con la squadra falcidiata dagli infortuni delle star Carter e Davis, terminando la stagione in fondo alla classifica. sarà anche il momento della rescissione del contratto con lo storico General manager Grunwald.
La fase di ricostruzione del post-Carter sarà lunga e delicata, con una pessima partenza sotto la guida del nuovo GM Babcock, presto sostituito l'ex NBA manager of the year Bryan Colangelo. Con lui nel 2006 arriverà dall'Italia uno dei migliori manager della pallacanestro mondiale, Maurizio Gherardini. Proveniente dai successi di Treviso, il forlivese porta a Toronto Andrea Bargnani. Gli anni successivi si caratterizzano per la progressiva ripresa e risalita nella classifica NBA fino ai playoff del 2008 persi contro gli Orlando Magic. Quindi, nelle stagioni successive, un nuovo tracollo che porterà alla partenza sia di Bargnani che di Colangelo.
Il successo tornerà nuovamente sotto la guida del General Manager Masai Ujiri, tra il 2013 e il 2017. L'uomo di punta della sua prima stagione, Andrew Wiggins, è canadese e cresciuto nel mito di Vince Carter. Di nuovo i Raptors allenati dal coach Dwane Casey arriveranno ai playoff venendo sconfitti in ordine cronologico dai Washington Wizards,e dai Cleveland Cavaliers di LeBron James. Ma la consistenza della squadra di Toronto si era resa visibile al mondo con i record nei punteggi individuali e con due giocatori agli All-Star Games (Lowry e DeRozan).
Le ultime due stagioni, inclusa quella trionfale con il primo titolo NBA ad una squadra non statunitense, è nota come la rivoluzione di Ujiri. Una rivoluzione soprattutto culturale dato che il coach Casey è rimasto al suo posto, così come le star Lowry e DeRozan per tutta la stagione 2017-18, rimpiazzati da Kawhi Leonard e Danny Green l'anno successivo. Dopo la vittoria del titolo della Eastern Conference, l'ultimo passo verso il trionfo è lo scontro nelle NBA Finals contro i Golden State Warriors. Il 13 giugno 2019 il tabellone, al termine dell'ultimo game il tabellone segna il punteggio di 114 a 110 per i Raptors, che iscrivono Toronto nella leggenda del basket mondiale.

Tag: #Basket #Sport

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Panorama

Conte al Copasir: perché non si deve mai mischiare politica e intelligence Già il fatto che il Copasir - il Comitato parlamentare di controllo sulla sicurezza della Repubblica - lo abbia audito sul caso «Russiagate», non è una buona notizia per...

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Panorama

Rocco Schiavone 3, le anticipazioni dell'ultima puntata Nell'ultimo episodio della serie tratta dai romanzi di Antonio Manzini, dal titolo Fate il vostro gioco, Rocco Schiavone (Marco...

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Panorama

Giovanni Brusca e Bernardo Provenzano. Bastano questi due nomi per raccontare chi sono i detenuti condannati all'ergastolo in Italia. Parliamo di persone responsabili di centinaia di omicidi, uomini che hanno guidato la Mafia siciliana con il suo giro di ...

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Panorama

La mia parola contro la tua. Rispetto della privacy e della personale morale vietano alla giustizia di sottoporre chi si dichiara gay a test psicologici per verificarne la veridicità. Specie se il...

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Panorama

Un lavoro di gran classe. Stiamo parlando dell’ultima fatica della finlandese Tarja Turunen, In The Raw, un’esplosione di oro, un packaging molto lussuoso, una booklet di immagini studiate che la ritraggono nella Grotta di San...

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Panorama

Viaggiare è spesso un’occasione per scoprire nuovi stimoli e per sperimentare e mettere alla prova i propri limiti. A partire dal cibo. A questo proposito, il noto portale di viaggi Kayak.it ha stilato una classifica...

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Panorama

Gli ermellini hanno atteso che Giuseppe Pignatone andasse in pensione, che lasciasse la carica di procuratore di Roma e, da pensionato, ricoprisse quella di presidente del Tribunale del Vaticano, per cancellare in pochi minuti di lettura della sentenza i ...

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Panorama

Sulla carta, esaltare la vocazione giovanilistica di un telefono è una provetta operazione simpatia: si tenta di intercettare un pubblico di under e, in parallelo, si allarga il campo a chi under non è, ma in fondo ci si sente. Vuole un prodotto poco...

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Panorama

Ieri la Procura di Firenze ha chiuso le indagini a carico dei genitori di Matteo Renzi. I due erano finiti agli arresti nei mesi scorsi, con accuse che andavano dalla bancarotta...

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Panorama

Gli ultimi sondaggi di politica sulle intenzioni di voto degli italiani raccontano che la Lega forte anche della manifestazione di Roma è tornata a volare arrivando vicino al 35% secondo il sondaggio di SWG per il Tg...

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Panorama

A oltre tre anni dal referendum che ha decretato il divorzio da Bruxelles, a Londra l'incertezza regna sovrana. Intanto, il conto alla rovescia procede inesorabilmente. La scadenza della ...

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Panorama

Francesca Manzini è tra le rivelazioni assolute di Amici Celebrities. La prima imitazione, nella sua cameretta, l’ha fatta quando aveva otto anni e da quel momento non si è più fermata. Ha cominciato nei villaggi...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Panorama

Prendete uno di quei racconti di Anton Pavlovic Cechov con al centro oscuri impiegati o bancari truffatori, mescolatelo con la sceneggiatura di un film di Totò (in fondo lo ha già fatto il regista e autore Steno) e otterrete l’onesto racconto del...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Panorama

E' una delle vicende di maggior interesse che unisce politica, economia, Russia, Italia. Una vicenda che secondo molti dovrebbe mettere nei guai la Lega e Matteo Salvini. Parliamo del Russiagate e del'inchiesta con documenti esclusivi cui Panorama dedica ...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Panorama

Conquistare nuove frontiere è una delle ambizioni più alte delle grandi aziende tech, così dopo aver introdotto gli smartwatch moderni con il lancio del Galaxy Gear nel 2013 e, più recentemente, lanciato i televisori curvi e gli...