Inter, come fallire una stagione normale (e qualche domanda su Marotta)

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Panorama

Dopo la Champions League e la Coppa Italia, l'Inter ha visto chiudersi anche la strada dell'Europa League contro un avversario forte ma che non doveva rappresentare un ostacolo insormontabile per i nerazzurri. La stagione si può già considerare un fallimento che rischia di scivolare nella tragedia (sportiva) dovesse essere mancato l'aggancio a una posizione Champions League per il prossimo anno.
La notte di San Siro è stata la sintesi degli ultimi mesi nerazzurri: mediocrità, alibi a tonnellate, la sensazione di un ambiente che si è rassegnato a far scivolare nell'anonimato un'annata che nei progetti e negli investimenti doveva essere quella del consolidamento. L'Inter non era l'anti Juventus che tanti vaticinavano in estate, anche per cercare di tenere vivo un prodotto come il campionato italiano destinato a rapido esaurimento di motivazioni, ma non può nemmeno essere quella cosa priva di consistenza che da gennaio in poi si è dissolta alla velocità della luce.
Mettere in fila i colpevoli di questa situazione è impossibile e anche inutile, visto che da qui alla fine di maggio società, squadra e tifosi hanno il dovere di assestarsi sulla linea del Piave della conferma almeno del quarto posto che vale la Champions prossima con il suo assegno da almeno 50 milioni di euro.
Restare fuori sarebbe il delitto perfetto, un suicidio sportivo in piena regola mai visto nella storia recente del calcio italiano. Tra liti di spogliatoio, uomini impegnati a tutelare se stessi, conduzione del gruppo schizofrenica e scelte avventate, il 2019 nerazzurro ha regalato tutto il repertorio di come sia possibile spararsi nei piedi e (non) vivere serenamente.
Tutto così vero da far sorgere qualche domanda anche sul ruolo di Beppe Marotta, che è uno dei migliori dirigenti italiani in assoluto e che Zhang ha raccolto al volo dopo la chiusura del rapporto con la Juventus. La proprietà cinese ha immaginato di aver completato la costruzione di una grande società cogliendo l'occasione ed è difficile darle torto.
Però oggi si può dire che l'arrivo di un nuovo capo-azienda a metà stagione ha rappresentato più un motivo di destabilizzazione che un fattore positivo. C'è un allenatore entrato in fibrillazione subito, immaginando scenari futuri senza di lui. Il pugno duro verso i casi di spogliatoio ha regalato successi effimeri perché Nainggolan continua a essere incostante e spesso infortunato come prima, Perisic non si vede come in tutta la prima parte della stagione e il tormentone Icardi merita un capitolo a parte.
Le colpe dell'ex capitano e della moglie e agente sono evidenti. L'essersi chiamato fuori così a lungo è professionalmente indifendibile, però un mese dopo la degradazione di Icardi va detto con lucidità che l'Inter ha gestito malissimo la situazione, si è infilata insieme al suo uomo più costoso, forte e rappresentativo in un vicolo cieco nel quale ha solo da perderci. Tornando indietro Marotta rifarebbe la stessa scelta? Con le stesse modalità? Qual è il progetto per uscirne in tempo per evitare altri spettacoli come quello con l'Eintracht, con due ragazzini in campo e l'ex centravanti a casa sul divano?
Che senso ha avuto prendere una decisione così dirompente, anche nei modi, senza avere pronto un piano di gestione delle conseguenze? Intorno a queste domande ruota la valutazione dell'operato nel numero uno e più ci si allontana da quel 13 febbraio che ha terremotato l'Inter, più si acuisce la sensazione di un atto di forza compiuto senza calcolare che i danni collaterali avrebbero potuto essere maggiori dei benefici.
Marotta è il migliore e renderà l'Inter una piccola Juventus, funzionante e perfetta. Magari nel tempo vincente. Oggi, però, serve ristabilire quell'equilibrio che non sarà stato il migliore possibile ma era almeno funzionale a vivere una stagione normale. Come arrivarci è compito di chi dirige la società perché, al netto delle suggestioni, nessuno si può permettere di gettare al vento decine di milioni di una mancata qualificazione Champions o della svalutazione del proprio patrimonio di giocatori.
Gestire l'Inter di oggi come la Juve è stato evidentemente un azzardo che per il momento non ha pagato. Uscirne è l'unica via per avere la forza di fare la rivoluzione e mandare via chi ha dimostrato di non valere quella maglia. Icardi? Anche lui, ma la lista è lunga e la striscia di capi, capetti, fazioni e liti di spogliatoio sta umiliando un club che ha fatto la storia del calcio italiano.

Tag: #Calcio #Sport

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Panorama

Una fetta del governo sostiene la famiglia tradizionale. Un’altra dispensa redditi di cittadinanza ai giovani e ai disoccupati. Entrambe spremono i pensionati. Facendo pure dell’ironia: «Forse neanche l’avaro di Molière si...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Panorama

Circa 10 miliardi di euro. E' quanto costa ogni anno il cosiddetto Bonus 80 euro introdotto nel 2014 da un Matteo Renzi sotto elezioni. Un asso nella manica calato dall'ex leader democratico...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Panorama

«Giornalisti di merda, lasciateli fuori e chiudete la porta». Saluta così i cronisti Barbara Balzerani, l’ex brigatista rossa, invitata a Milano il 18 aprile scorso per presentare il suo ultimo...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Panorama

Persino l’idolo adolescenziale, lo scorbutico cantautore di genio, gli si è rivoltato contro. Il giovane Matteo, nelle lunghe estati in Val Rendena, imbracciava la chitarra. Davanti agli amici delle vacanza, socchiudeva gli occhi prima di attaccare:...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Panorama

Dalla serie tv al cinema. Downton Abbey, la serie tv britannica pluripremiata (3 Golden Globe, 15 Emmy, 69 candidature complessive agli Emmy, Premio speciale ai BAFTA, record nel Guinness dei primati per la serie tv con il miglior voto della...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Panorama

Mena Massoud è un Aladdin dagli occhi luminosi e furbi, la faccia accattivante e pulita, che con una semplice smorfia delle labbra conquista e rallegra. Naomi Scott è principessa Jasmine di bellezza evidente e...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Panorama

Luis Campos è il nome scelto dal Milan per il post-Leonardo. Tutti gli indizi convergono e nelle ultime settimana l'idea che Elliott e Gazidis si possano affidare all'uomo che ha fatto grandi...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Panorama

Pedro Almodóvar con i suoi tormenti da regista, Jim Jarmusch con i suoi morti viventi, Elton John tributato con il biopic Rocketman, Quentin Tarantino e gli echi di Charles Manson... Dal 14 al 25 maggio il 72° Festival di Cannes porta in...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Panorama

La prima regola per rimanere in forma dai quarant’anni in su? Imparare a fermarsi. Riposare. A maggior ragione se si conduce una vita che è uno stressante incastro d’impegni, scadenze e appuntamenti: «È fondamentale quietare la mente,...

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Panorama

A pochi giorni dalle importantissime elezioni europee 2019 Panorama dedica la copertina del numero che troverete in edicola dal 22 maggio a Matteo Salvini, il leader della Lega. Contro di lui nelle ultime settimane si è infatti...

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Panorama

Ripercorriamo la storia delle tre stagioni vittoriose di Niki Lauda, il leggendario pilota di Formula 1 scomparso all'età di 70 anni. 1975: Ferrari B3-74 e Ferrari 312 T Erano vent'anni che la Ferrari non vinceva un mondiale costruttori. A...

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Panorama

Pedro Almodóvar con i suoi tormenti da regista, Jim Jarmusch con i suoi morti viventi, Elton John tributato con il biopic Rocketman, Quentin Tarantino e gli echi di Charles Manson... Dal 14 al 25 maggio il 72° Festival di Cannes porta in...

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Panorama

Ora che il Trono di Spade ha un legittimo occupante, una domanda s’avanza nella mente dei fan e degli addetti ai lavori: chi prenderà il posto del Trono, cioè della serie più vista di tutti i tempi, nella programmazione tv? Ci sarà ...

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Panorama

Sappiamo come va a finire. Oh, se lo sappiamo. Incoraggiati dalla stagione e in un momento di fiducia in noi stessi: 1) acquistiamo il libro con l’ultima dieta infallibile; 2) compriamo le compresse anti-pancia esaltate in rete; 3)...

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Panorama

Pedro Almodóvar con i suoi tormenti da regista, Jim Jarmusch con i suoi morti viventi, Elton John tributato con il biopic Rocketman, Quentin Tarantino e gli echi di Charles Manson... Dal 14 al 25 maggio il 72° Festival di Cannes porta in...