Il piccolo Giuseppe e l’orrore senza fine

Pubblicato martedì, 12 febbraio 2019 ‐ Panorama

Non avrei trovato le parole per l’immenso strazio. Un bimbo di 7 anni ucciso senza pietà soltanto perché gioca, corre, salta. Perché è bimbo. Non avrei trovato le parole per commentare la banalità dell’orrore («L’ho ammazzato perché aveva rotto la sponda del lettino») confessata da quel patrigno bastardo. Non avrei trovato le parole per ricordare la violenza, i pugni, le mazzate, la scopa come arma, la testa fracassata, la sorellina mandata all’ospedale, e il silenzio della madre, che forse non ha nemmeno provato a fermarlo. Non avrei trovato le parole per raccontare il degrado umano, ancor prima che sociale, della tragedia di Cardito, le parole incomprensibili, gli imbarazzi, le cose non dette in cui si è inabissata per giorni la nostra umanità. Non avrei trovato le parole nemmeno per deplorare la pomata Lasonil e l’acqua ossigenata con cui il patrigno e la madre cercavano di curare le ferite mortali del bimbo, anziché portarlo in ospedale. Non sarei nemmeno riuscito a scrivere che quel bimbo, forse, si poteva salvare.
C’è una cosa, però, che mi ha spinto, con il cuore sanguinante, a riaffacciarmi sull’orrore: appena arrivato in carcere, infatti, il patrigno assassino, Tony Essobti Badre, si è messo a piagnucolare, chiedendo perdono. E suo fratello ha immediatamente chiesto: «Quand’è che lo fanno uscire?». Pretendeva i domiciliari. I domiciliari, capite? Uno massacra un bimbo di sette anni a colpi di scopa, anziché portarlo in ospedale lo lascia morire sul divano cospargendolo di Lasonil, e poi davanti al magistrato si mette a piagnucolare come avesse confessato non un atroce delitto ma una marachella. E suo fratello si stupisce perché, per quella marachella, deve restare chiuso in cella: ma insomma, come si permettono? Perché non lo lasciano venire con noi? Stasera dovevamo andare in pizzeria: possibile che per un bimbo massacrato manchiamo l’appuntamento con margherita e quattro stagioni?
Sia chiaro: l’inchiesta farà luce su tutti gli aspetti ancora oscuri di questa vicenda. Sapremo che ruolo ha avuto la mamma dei due piccoli, se c’erano già stati altri episodi di violenza, se qualcuno li ha sottovalutati, che ruolo ha avuto la droga. Ma una cosa è già evidente fin d’ora: nell’inferno di Cardito sono crollati gli ultimi barcollanti pilastri morali di questo Paese. Quando quell’uomo chiede «perdono», come se fosse stato sorpreso a rubare galline; quando suo fratello dice: «Perché non esce?», come se fosse naturale che chi fracassa la testa di un bimbo di 7 anni poi va a dormire nel suo letto; ebbene, vuol dire che si è sprofondati ormai nel nulla etico, nel coma delle coscienze, vuol dire che il Paese ha perso ogni riferimento civile di che cosa significhi la parola «responsabilità».
Abbiamo passato talmente tanti anni a giustificare ogni azione con il contesto sociale; abbiamo perdonato ogni errore individuale facendolo ricadere su colpe collettive; abbiamo allevato generazioni all’insegna del «poverinismo», per cui se prendi due è colpa del professore e se sbagli un gol è colpa dell’allenatore, che oggi si fatica a rintracciare nel Paese uno straccio di consapevolezza di sé, dei propri errori e delle proprie colpe. Non sappiamo più essere responsabili. Mai. Come se la vita fosse diventata un enorme playstation, se sbagli schiacci start e ricominci da capo. «Ma come? Devo davvero pagare?», sembra chiedersi infatti quel padre assassino. Sembra assurdo. Ma a lui forse pare normale: «Non basta che pianga e chieda perdono?». No, non basta piangere. Non basta chiedere perdono. Bisogna anche pagare. E in modo esemplare. Bisogna farlo capire a tutti.
Penso che a molti, come a me, in questi giorni sia venuta in mente la pena di morte. Penso che molti, come me, si siano pentiti di aver avuto pensieri che non condividono. Penso che sia giusto, però, sperare che per un uomo così, che uccide un bimbo in quel modo non ci siano, per i prossimi secoli, né benefici, né riduzioni di pena, né comprensioni, né permessi. Nessuna pietà, per quanto piagnucoli. Nessun reinserimento. Ha fatto una cosa fuori dal mondo e fuori dal mondo deve restare. Per sempre. Non servirà a restituirci quel bimbo. Ma almeno servirà a restituirci un po’ di giustizia. E forse anche un po’ di civiltà.

© riproduzione riservata

Tag: #Cronaca #News

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Panorama

Come si sarebbe concluso l’ultimo verso dell’Inferno di Dante ai giorni nostri? «E quindi uscimmo a riveder le stelle, ma in verità non ne vedemmo molte...». Il sommo poeta e la sua guida avrebbero tutt’al più intravisto qualche astro...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Panorama

Quell'annuncio messo un po' così, tra gli altri mille del sito per i media di Samsung, non gode dell'attenzione che dovrebbe ma tant'è: il Galaxy Fold è stato ufficialmente rimandato. I motivi sono tanti, pochi per togliere dal...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Panorama

Il sarto che cuce addosso ad ogni canzone il vestito giusto: questo è Danger Mouse, all’anagrafe Brian Joseph Burton, 41 anni, il produttore che ha inventato il sound del nuovo millennio. Un genio rivoluzionario (nato ...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Panorama

Gli ultimi sondaggi elettoriali segnalano la ripresa della corsa della Lega. Il partito di Salvini sfiora addirittura il 37% e sembra non pagare le liti nel Governo ed il "Caso Siri". Perde invece il Movimento 5 Stelle mentre si ferma...

Pubblicato lunedì, 22 aprile 2019 ‐ Panorama

Anche in replica Il Commissario Montalbano è imbattibile. Rai 1 continua a proporre le puntate più viste della serie tv con Luca Zingaretti e lunedì 22 aprile va in onda Una faccenda delicata, in assoluto ...

Pubblicato lunedì, 22 aprile 2019 ‐ Panorama

Per rincorrere sé stesso ha partecipato a una maratona nel deserto del Sahara, poi ha attraversato il Mediterraneo e l’Atlantico remando in solitaria per 11 mila chilometri, più di recente è passato al Pacifico: dal Perù fino...

Pubblicato lunedì, 22 aprile 2019 ‐ Panorama

I terroristi che hanno colpito con le bombe uccidendo 290 persone (almeno) e ferendone altre 500 hanno scelto proprio la Messa della Pasqua per il loro attentato. Le cerimonia più sacra, nel "giorno" per eccellenza di ogni cristiano del mondo. Hanno...

Pubblicato lunedì, 22 aprile 2019 ‐ Panorama

Sottosegretario Siri, adesso che la sagra del Def di primavera è finita ci può dire che cosa accadrà, veramente, sulla Flat tax? È molto semplice: si farà. Però la maggior parte degli osservatori economici hanno scritto: è un bluff....

Pubblicato lunedì, 22 aprile 2019 ‐ Panorama

Prigionieri di sé stessi. Iperconnessi e soli. Una gioventù bloccata nel tempo e nello spazio, che si rifiuta di crescere. E si ritira dal mondo. «Sono un hikikomori» dice Marco Brocca, 23 anni, parlando a voce bassa dalla sua casa di Treviso, dove...

Pubblicato lunedì, 22 aprile 2019 ‐ Panorama

Cinque giornate e 450 minuti alla fine della volata. Chi accompagna la Juventus campione d'Italia e il Napoli secondo in classifica nel paradiso della Champions League? La classifica dice Inter, con un...

Pubblicato domenica, 21 aprile 2019 ‐ Panorama

Cedere al piacere di fare previsioni può essere molto pericoloso quando accade sul terreno della lotta politica. Eppure anche in quel campo minato l’essere umano non resiste alla tentazione di immaginare che cosa accadrà domani. Uno studioso tedesco...

Pubblicato domenica, 21 aprile 2019 ‐ Panorama

Alcuni pensano che Matteo Salvini sia fascista e ci porti dritti verso una dittatura. Tra questi c’è Eugenio Scalfari, che lo ha detto di recente durante una puntata di Dimartedì. Anche Giampaolo Pansa lo pensa e lo scrive da...

Pubblicato domenica, 21 aprile 2019 ‐ Panorama

Simona è tornata, Simona is back. Dopo otto anni di assenza, Simona Ventura torna tra le braccia di Mamma Rai e prende le redini di The Voice of Italy 2019, il talent di Rai 2 al via da martedì 23 aprile. Il...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Panorama

La Juventus ha vinto il suo scudetto numero 35, l'ottavo consecutivo di una serie da leggenda che proietta questo ciclo bianconero nella storia del calcio italiano. Lo ha vinto con cinque giornate d'anticipo...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Panorama

Con la conquista dell'ottavo scudetto consecutivo prima di Pasqua, la Juventus non ha solo eguagliato un record di precocità e aggiornato quello di durata (entrambi difficilmente superabili in futuro), ma ha confermato un dominio sul...