Il piccolo Giuseppe e l’orrore senza fine

Pubblicato martedì, 12 febbraio 2019 ‐ Panorama

Non avrei trovato le parole per l’immenso strazio. Un bimbo di 7 anni ucciso senza pietà soltanto perché gioca, corre, salta. Perché è bimbo. Non avrei trovato le parole per commentare la banalità dell’orrore («L’ho ammazzato perché aveva rotto la sponda del lettino») confessata da quel patrigno bastardo. Non avrei trovato le parole per ricordare la violenza, i pugni, le mazzate, la scopa come arma, la testa fracassata, la sorellina mandata all’ospedale, e il silenzio della madre, che forse non ha nemmeno provato a fermarlo. Non avrei trovato le parole per raccontare il degrado umano, ancor prima che sociale, della tragedia di Cardito, le parole incomprensibili, gli imbarazzi, le cose non dette in cui si è inabissata per giorni la nostra umanità. Non avrei trovato le parole nemmeno per deplorare la pomata Lasonil e l’acqua ossigenata con cui il patrigno e la madre cercavano di curare le ferite mortali del bimbo, anziché portarlo in ospedale. Non sarei nemmeno riuscito a scrivere che quel bimbo, forse, si poteva salvare.
C’è una cosa, però, che mi ha spinto, con il cuore sanguinante, a riaffacciarmi sull’orrore: appena arrivato in carcere, infatti, il patrigno assassino, Tony Essobti Badre, si è messo a piagnucolare, chiedendo perdono. E suo fratello ha immediatamente chiesto: «Quand’è che lo fanno uscire?». Pretendeva i domiciliari. I domiciliari, capite? Uno massacra un bimbo di sette anni a colpi di scopa, anziché portarlo in ospedale lo lascia morire sul divano cospargendolo di Lasonil, e poi davanti al magistrato si mette a piagnucolare come avesse confessato non un atroce delitto ma una marachella. E suo fratello si stupisce perché, per quella marachella, deve restare chiuso in cella: ma insomma, come si permettono? Perché non lo lasciano venire con noi? Stasera dovevamo andare in pizzeria: possibile che per un bimbo massacrato manchiamo l’appuntamento con margherita e quattro stagioni?
Sia chiaro: l’inchiesta farà luce su tutti gli aspetti ancora oscuri di questa vicenda. Sapremo che ruolo ha avuto la mamma dei due piccoli, se c’erano già stati altri episodi di violenza, se qualcuno li ha sottovalutati, che ruolo ha avuto la droga. Ma una cosa è già evidente fin d’ora: nell’inferno di Cardito sono crollati gli ultimi barcollanti pilastri morali di questo Paese. Quando quell’uomo chiede «perdono», come se fosse stato sorpreso a rubare galline; quando suo fratello dice: «Perché non esce?», come se fosse naturale che chi fracassa la testa di un bimbo di 7 anni poi va a dormire nel suo letto; ebbene, vuol dire che si è sprofondati ormai nel nulla etico, nel coma delle coscienze, vuol dire che il Paese ha perso ogni riferimento civile di che cosa significhi la parola «responsabilità».
Abbiamo passato talmente tanti anni a giustificare ogni azione con il contesto sociale; abbiamo perdonato ogni errore individuale facendolo ricadere su colpe collettive; abbiamo allevato generazioni all’insegna del «poverinismo», per cui se prendi due è colpa del professore e se sbagli un gol è colpa dell’allenatore, che oggi si fatica a rintracciare nel Paese uno straccio di consapevolezza di sé, dei propri errori e delle proprie colpe. Non sappiamo più essere responsabili. Mai. Come se la vita fosse diventata un enorme playstation, se sbagli schiacci start e ricominci da capo. «Ma come? Devo davvero pagare?», sembra chiedersi infatti quel padre assassino. Sembra assurdo. Ma a lui forse pare normale: «Non basta che pianga e chieda perdono?». No, non basta piangere. Non basta chiedere perdono. Bisogna anche pagare. E in modo esemplare. Bisogna farlo capire a tutti.
Penso che a molti, come a me, in questi giorni sia venuta in mente la pena di morte. Penso che molti, come me, si siano pentiti di aver avuto pensieri che non condividono. Penso che sia giusto, però, sperare che per un uomo così, che uccide un bimbo in quel modo non ci siano, per i prossimi secoli, né benefici, né riduzioni di pena, né comprensioni, né permessi. Nessuna pietà, per quanto piagnucoli. Nessun reinserimento. Ha fatto una cosa fuori dal mondo e fuori dal mondo deve restare. Per sempre. Non servirà a restituirci quel bimbo. Ma almeno servirà a restituirci un po’ di giustizia. E forse anche un po’ di civiltà.

© riproduzione riservata

Tag: #Cronaca #News

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Panorama

Lieto fine o colpo di scena imprevisto, è questo il dilemma che attanaglierà fino all'ultimo minuto Teresa Langella. Tocca infatti alla tronista napoletana aprire Uomini e Donne-La scelta, il primo...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Panorama

«Si rivolga al mio avvocato». Così risponde Silvana Giunta, la preside dell'istituto Fogazzaro di Lugano, in Ticino, quando Panorama la chiama per un'intervista. Ma chi è il suo avvocato? «Non mi interessa» è la sconclusionata risposta...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Panorama

Che lo smartphone sia un oggetto irrinunciabile per gli italiani, non è una notizia. Il 48 per cento dei nostri connazionali, oltre 25 milioni di persone, lo identifica come una necessità primaria. Un elemento indispensabile della...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Panorama

Il peggiore degli incubi si sta materializzando: il no-deal, ossia la Brexit senza accordo con l'Ue, appare come uno scenario sempre più probabile. Ma anziché il 29 marzo, data fissata per l'uscita del ...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Panorama

Quali sono gli schieramenti del Parlamento Europeo che stanno avendo i risultati migliori nei sondaggi? Come sarà composto il Parlamento Europeo? Domande che diventeranno sempre più attuali con l'avvicinarsi delle Elezioni Europee del 26 maggio ...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Panorama

L’Europa da una parte, i giganti del web dall’altra. Dopo mesi, anni se si considera da quando se ne parla, la riforma del copyright per i paesi dell’Unione Europea è molto vicina. Raggiunto un accordo di massima tra i membri, la...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Panorama

I Grammy 2018 sono stati dominati da Bruno Mars, vincitore di sei grammofonini nelle sei categorie in cui era candidato, tra cui le tre più importanti: miglior album dell'anno (24K Magic), Record of the year (24K Magic) e miglior...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Panorama

Ecco la ricostruzione della giornata di San Valentino intorno al caso Icardi, scoppiato ufficialmente con la scelta dell'Inter di togliere all'argentino la fascia di capitano e con il successivo rifiuto dell'attaccante a prendere parte...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Panorama

C'era una volta il contadino. Curvo sul terreno falciato, il viso arso dal sole e dal vento, lo si vedeva in campi dove si erano piegati generazioni di uomini e donne prima di lui. Apparteneva a una specie ormai estinta, mutata...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Panorama

La Lega che sembra inarrestabile, la crisi nei sondaggi (e non solo) del Movimento 5 Stelle, le mosse del Governo nella gestione delle richieste di Autonomia delle regioni del nord e le risposte alle...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Panorama

Sarà svelata stamattina, alle 10.45 in diretta da Maranello la nuova Ferrari di Formula 1 2019 che ha il compito di riportare il Titolo Piloti dopo anni alla scuderia del cavallino. La diretta della...

Pubblicato giovedì, 14 febbraio 2019 ‐ Panorama

Umberto Bossi, il fondatore della Lega Nord, è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale di Varese per un malore che lo ha colto mentre si trovava...

Pubblicato giovedì, 14 febbraio 2019 ‐ Panorama

Umberto Bossi, il fondatore della Lega Nord, è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale di Varese per un malore che lo ha colto mentre si trovava...

Pubblicato giovedì, 14 febbraio 2019 ‐ Panorama

Il numero di follower di Instagram che avevate ieri non corrisponde più a quello di oggi? Bene, non siete i soli. Nelle prime ore del mattino, la piattaforma di proprietà Facebook ha infatti emesso un comunicato, via social ovviamente, ...

Pubblicato giovedì, 14 febbraio 2019 ‐ Panorama

I sondaggi elettoriali segnalano ancora il calo del Movimento 5 Stelle come certificato anche dalla elezioni in Abruzzo. La Lega invece continua la sua crescita e si conferma il primo partito del...