Huawei, perché potrebbe rivelarsi un autogol per gli Usa

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

La vicenda Huawei può ritorcersi contro gli Stati Uniti. Il blocco imposto dal presidente Donald Trump alle aziende americane, che impedisce loro di fornire beni e servizi al colosso cinese delle telecomunicazioni, potrebbe rivelarsi un autogol, un boomerang per la superpotenza Nordamericana: «Non dare accesso al sistema operativo di Google a Huawei, significa accelerarne la migrazione su altre alternative sviluppate in casa. Quelle sì, se davvero ci sono rischi per la sicurezza in ballo, non saranno più controllabili. Il protezionismo sa essere potenzialmente molto controproducente. Chiunque ne viene colpito, non si lascia morire. Si ribella». A dirlo durante un colloquio con Panorama.it è Stephane Klecha, managing partner della società di consulenza finanziaria Klecha & Co. ed esperto di strategie industriali internazionali. Le sue sensazioni sembrano confermate dai fatti: la stessa Huawei non solo sta testando un software alternativo per smartphone più veloce di Android (si chiama HongMeng), ma lo avrebbe passato gratuitamente agli altri colossi cinesi del settore, da Oppo a Xiaomi, perché valutino se adottarlo. E starebbe creando le condizioni per un’alleanza strategica con la Russia, dando vita a un asse contrapposto a quello americano. Manovre da Guerra Fredda tecnologica.
Klecha, Huawei è un simbolo, un agnello sacrificale o un pericolo reale?
Diciamo che è la punta di un iceberg. Un caso che, per quanto impatti sulla nostra vita quotidiana, è minimo rispetto a un insieme più grande. Gli americani vogliono chiaramente rallentare lo sviluppo tecnologico cinese. Con ogni strategia possibile. Sanno che ci troviamo in una fase in cui teoricamente si può ancora fare. È come nel poker: è il momento dell’all’all-in. O adesso o mai più.
Queste manovre avranno reale efficacia?
Creando restrizioni significative sulla vendita di microchip ai produttori di Pechino, gli s’impedisce di proporre dispositivi di ultima generazione. Ciò commercialmente, almeno nel breve periodo, avrà un impatto significativo.
E nel medio?
La situazione tenderà ad assestarsi, ma non sarà priva di effetti. La Cina ne è consapevole, perciò spinge per risolvere in qualche modo la situazione. In questo momento ha una forza propulsiva molto potente, tutto ciò che si frappone come un ostacolo rappresenta un fastidio. Un freno a questa corsa.
Ma lei crede alla questione della sicurezza degli utenti messa a repentaglio da Huawei o è un pretesto?
Qui siamo nel terreno della strategia, non soltanto interna. Gli Stati Uniti devono convincere i loro alleati che, nonostante la loro fermezza, stanno facendo la scelta giusta. Che non ci sono alternative al blocco. Ma non possono convincerli facendo leva sulla dottrina economica: diversamente dalla Guerra Fredda con l’Unione Sovietica, ci sono alleati dal punto di vista militare che hanno relazioni commerciali con la Cina più solide rispetto agli Usa.
Per esempio?
Per esempio la Germania. Che intrattiene legami militari storici con Washington, ospita basi americane sul suo territorio, ma a livello economico se la intende meglio con Pechino. Dunque, per portarla dalla sua parte, Trump deve insistere su un valore intangibile e però sensibile come la sicurezza della popolazione. Specie perché, se si alzassero barriere sostanziali tra Cina e Germania, gli impatti sociali per Berlino sarebbero notevoli.
Transita tutto dalla tecnologia? È diventata così decisiva?
Le infrastrutture digitali che si stanno costruendo oggi rappresentano l’equivalente delle ferrovie del diciannovesimo secolo. Chi completerà le più efficienti, sarà la superpotenza dei prossimi vent’anni.
Il 5G è l’alta velocità, il Frecciarossa di questa ferrovia?
Lo è assieme all’intelligenza artificiale e al cloud. E sono ambiti in cui sarebbe illusorio immaginare una totale collaborazione internazionale. Ognuno spingerà per la sua indipendenza. Quella tecnologica trascina con sé quella militare ed economica.
Abbiamo parlato a lungo della Cina e degli Stati Uniti. L’Europa ha qualche possibilità d’inserirsi in questa diade?
Ne ha moltissime. Basta riprodurre quanto di buono già fatto con la politica agricola comune a livello alimentare. La strategia è rimanere uniti: preso come blocco economico unico, l’Unione europea è il più ricco che c’è al mondo. Deve avere il coraggio e la capacità d’imporsi per imporre uno standard internazionale. Il suo standard.
Però sembra esclusa dalla battaglia dei grandi, almeno a livello privato. Facebook, Google, Apple, Microsoft, Amazon sono colossi americani. E la Cina, da Alibaba ancora a Huawei, è al galoppo.
A rischio di sembrare miope o démodé, voglio insistere su quanto la via europea possa essere promettente. E capace di arginare, innanzitutto, lo strapotere di quei gruppi che ha appena nominato. Pensi alla norma che ha imposto ai giganti di costruire i loro data center sul territorio dell’Unione, affinché i nostri dati non fossero dispersi in giro per il mondo. O il Gdpr, che è stato copiato all’estero per la sua efficacia. Fino alle norme sulla firma digitale, dove l’Italia ha fatto scuola a livello comunitario e vanta i principali operatori nel settore.
Sta sottintendendo che più che dalla Cina, gli Stati Uniti dovrebbero guardarsi dal mansueto Vecchio Continente?
Non occorre leggere tutto nell’ottica di una sfida. Dico solo che noi europei dovremmo crederci un po’ di più. Non è demagogia, ma sensato ottimismo. Figlio però di una consapevolezza: lavoro tutti i giorni con imprenditori fantastici, con storie spettacolari da raccontare, che possono fare scuola ai soliti noti della Silicon Valley californiana.
Cosa ci manca ancora per giocarcela alla pari, anche a livello psicologico?
Un po’ di stabilità. E tonnellate di senso d’appartenenza.

Tag: #Aziende #Economia

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Leonardo sta cercando di strappare il talento di Sandro Tonali dal Brescia e dalla Serie A con un'operazione che ricorda quella fatta nel 2012 con Verratti. L'ex direttore tecnico del Milan, passato direttamente da Milanello alla guida del Psg, ha da...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Spetta al regista Palma d'oro a Cannes nel 2018 aprire la Mostra del cinema di Venezia, edizione 76. La vérité di Kore-eda Hirokazu sarà proiettato in prima mondiale mercoledì 28 agosto...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Sono l'ideale per le famiglie, per gli amanti dei cani che non rinunciano a Fido neppure in vacanza o per le coppiette in cerca di tranquillità. Le case vacanza sono la soluzione sempre più gettonata per coloro che vogliono trovare un...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

La difficoltà delle cose semplici, quelle che da bambini sono necessità urgenti, bisogni quasi primari. Come godersi una favola della buonanotte, coccola messaggera di sogni, chiave d’accesso per altri mondi stupendi. Per i piccoli...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Avrete visto, nelle ultime ore, decine di vostri amici e parenti postare su Facebook i loro selfie in cui si rivedono più anziani, o giovani. Tutto frutto di FaceApp, un'applicazione per smartphone, Android e iOS, che si scarica...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Tutto è più grande e intenso, nel mondo policromo e alienante di Roger Waters, la cui poetica traea linfa dalla costante tensione tra militanza politica e ricerca di una maggiore empatia tra gli esseri umani. Un concerto della geniale...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Nel 2019 la corsa ad aprire nuove moschee in tutta Italia è ripartita. Milioni di euro di finanziamenti piovuti dal Golfo Persico e dall’Asia minore attraverso banche, società finanziarie, privati e facilitatori in loco, abilissimi nel trovare...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Dal 1898 la guida creata dai fratelli Edouard e André Michelin, che offre agli automobilisti indicazioni affidabili per rendere confortevole il viaggio, è stata un riferimento per quelle nate in seguito, anche se diverse per stile, valutazioni e...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Dal suo lancio, avvenuto nel 1989, la Discovery è la vettura di Land Rover sinonimo di avventura, capace di muoversi su terreni estremi, in ogni condizione. Non a caso, negli anni, ha prestato la sua opera in diverse missioni umanitarie ...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

«Poi alla fine qui siamo tutti parenti… alla fine l’università nasce su una base cittadina abbastanza ristretta, una specie di élite culturale della città, perché fino adesso sono sempre quelle le famiglie». In queste...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

di Gian Marco Litrico (da Vancouver) «Quando gli “uomini di ghiaccio” arriveranno, lo faranno in forze». Inizia così il capitolo dedicato all’Artico da Tim Marshall, nel saggio di geopolitica - illuminante e avvincente...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

La Rai continua a raccontare le grandi figure istituzionali che hanno dato un contributo fondamentale alla storia della Repubblica e della società italiana. È il caso di Nilde Iotti, la prima donna eletta Presidente...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

da Taipei Nell’atrio principale del quartier generale di Asus, zona nord di Taipei intasata come ovunque in città di motorini, c’è una copia in scala generosa della Gioconda. Non è una riproduzione del celebre dipinto di Leonardo da...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Tira sempre più aria di crisi di Governo. Una cosa prevista da molti osservatori all'indomani delle elezioni Europee che hanno visto il trionfo della Lega ed il crollo del Movimento 5 Stelle. Ma, se...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

In Italia erano le 22:17:40" di domenica 20 luglio 1969 quando il modulo lunare "Eagle" della missione Nasa Apollo 11 si appoggiava sulla superficie polverosa della...