Huawei – Google, guerra su Android. Cosa succede a chi ha uno smartphone cinese

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Panorama

Al di là delle manovre politiche e delle conseguenze economiche di medio e lungo termine della tempesta che sta investendo Huawei, agli utenti interessa una cosa soltanto: capire cosa succederà ai loro smartphone. Specie ora che Google, su impulso delle direttive del dipartimento del Commercio statunitense, sembra intenzionata a sospendere gli affari con il colosso cinese, con la possibilità di vietargli l’accesso a servizi che fanno parte della quotidianità digitale degli utenti, come Gmail o il negozio di app Google Play. Insomma, i pilastri del sistema operativo Android, il motore che fa funzionare i telefoni Huawei. La risposta più breve è una soltanto: niente panico. Parlando all’agenzia Reuters, un portavoce della stessa Google ha chiarito che quei servizi continueranno a funzionare sui dispositivi attuali. Sia su quelli già acquistati dai consumatori, sia su quelli che si trovano nei negozi o sugli scaffali dei servizi di e-commerce. Insomma, da un giorno all’altro non ci si troverà tagliati fuori dalla posta elettronica, da Maps, dall’hard disk virtuale Drive e da tutto ciò che semplifica la vita. E, contrariamente a quanto emerso in un primo momento, si riceveranno aggiornamenti puntuali. Sia lato sicurezza, sia integrazioni assortite per essere al passo con l’ultima versione. Almeno per ora.
E in futuro?


Qui la questione si complica. Huawei ha diversi dispositivi in rampa di lancio, alcuni già annunciati, come il Mate X, altri che seguono la consueta serialità dell’azienda cinese. Saranno senza Google? Il presidente Trump è deciso a fare la guerra al colosso orientale: ha imposto alle società americane di chiuderle i rubinetti, sia lato hardware che software. Al colosso di Mountain View si sono accodati Intel, Qualcomm e altri produttori di chip, i cuori che fanno funzionare computer e telefoni di Huawei. Che, a quanto è trapelato, avrebbe nei suoi magazzini scorte per andare avanti con la produzione per almeno un anno, dunque avrebbe ampio margine cronologico per risolvere le cose con gli Usa. O eventualmente rivolgersi altrove per approvvigionarsi di materiali. Il vero problema, è evidente, è la galassia Google. Perché se funziona a dovere potremmo anche optare per un telefono con un chip di un’azienda sconosciuta, purché performante, ma senza Gmail, lo scarteremmo a priori. Inutile girarci intorno.
La risposta di Huawei


La replica dell’azienda cinese non si è fatta attendere e suona rassicurante: «Huawei» si legge in una nota ufficiale «ha dato un contributo sostanziale allo sviluppo e alla crescita di Android in tutto il mondo. In qualità di uno dei principali partner globali di Android, abbiamo lavorato a stretto contatto con la loro piattaforma open source per sviluppare un ecosistema che ha avvantaggiato sia gli utenti che l’industria. Huawei continuerà a fornire aggiornamenti di sicurezza e servizi post-vendita a tutti gli smartphone e tablet Huawei e Honor esistenti, inclusi quelli già venduti e i dispositivi ancora a magazzino in tutto il mondo. Continueremo a costruire un ecosistema software sicuro e sostenibile, al fine di fornire la migliore esperienza a tutti gli utenti a livello globale». Insomma, almeno nelle dichiarazioni ufficiali si guarda con fiducia al futuro. Non ci sarebbe un’apocalisse all’orizzonte come tuonato da alcuni analisti. Toni abbastanza concilianti, mentre ad affilare le armi ci pensa Lu Kang, il portavoce del ministero degli Esteri cinese. Che sottolinea come la Cina sosterrà le sue società nel ricorso ad armi legali a difesa dei loro diritti. Perché, prima che economica, quella a cui stiamo assistendo è una guerra politica.  

Tag: #Mytech #Smartphone&Tablet

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Panorama

L'effetto delle Elezioni Europee che hanno visto il grande successo della Lega di Salvini sembra non essersi esaurito anche adesso che ci si allontana dalla data del 26 maggio. La Lega infatti resta ai massimi di sempre (anche nei...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Panorama

Se non lo avete ancora fatto voi, avrete certamente un amico che ha percorso o percorrerà un cammino: è una tendenza che conquista sempre più persone e si inserisce nella trasversale riscoperta contemporanea delle...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Panorama

Youngstown, cittadina dell’Ohio nel cuore della Rust Belt, la «cintura della ruggine» epicentro della crisi dell’industria pesante, era un feudo democratico che non eleggeva un candidato repubblicano da quando Richard Nixon vinse le elezioni del...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Panorama

Dopo aver girato l’Italia da Nord a Sud per raccontare oltre 100 storie di vita notturna, Salvo Sottile sbarca in prima serata con Prima dell’alba-La Rampa, sei speciali al via su Rai 3 da lunedì 17 giugno, per continuare il...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Panorama

“Avanti maistru…fozza susemini”. Anche Fiorello è sceso in campo per sostenere Andrea Camilleri, 93 anni, l’iconico scrittore siciliano ricoverato in gravi condizioni al Santo Spirito di Roma dalla mattinata di...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Panorama

Tra i piani di Giampaolo per il prossimo Milan c'è anche il cambio della fascia sinistra della difesa. Il nome indicato è quello del portoghese Mario Rui, 28enne che nel Napoli non ha vissuto una stagione straordinaria e che Ancelotti e Giuntoli...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Panorama

Settimana per settimana, i film dai maggiori incassi cinematografici in Italia. Ecco la top ten del botteghino italiano dal 10 al 16 giugno 2019, secondo dati Cinetel. 1) Pets 2 - Vita da animali di Chris...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Panorama

Francesco Totti lascia la Roma, questa volta per sempre. Uno strappo che chiude una storia d'amore lunga trent'anni: dal 1989, giorno del suo sbarco nelle giovanili giallorosse, all'annuncio del grande rifiuto di prendersi la direzione...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Panorama

Tecnicamente si chiama "ravvedimento operoso". Si tratta della possibilità di versare l'acconto 2019 di Imu e Tasi oltre la data di scadenza del 17 giugno, il "tax day" che porterà nelle casse dello Stato 32,6 miliardi di euro (dati...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Panorama

Un’alternativa digitale alla banca, che funziona come Netflix: ha diversi piani tariffari – quello standard è gratuito – con caratteristiche sempre più ricche in base a quanto si decide di spendere ogni mese. Una realtà senza sportelli e,...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Panorama

Alle otto devo consegnare la macchina a Salerno perché alle nove chiudono il traffico per far passare la maratona. Mi preparo per uscire dall’albergo alle sei in modo di arrivare da Paestum con calma, fermarmi un po’ a guardare il mare, e per darmi...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Panorama

Il produttore francese Wiko aveva annunciato al Mobile World Congress di Barcellona due nuovi smartphone: Wiko View 3 e Wiko View 3 Pro. Qualche giorno fa sono arrivati in Italia, ufficialmente, a...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Panorama

Quante aspiranti Noa in Olanda e negli altri Paesi del nord Europa si sono messe in fila per chiedere sulla scia della ragazza diciassettenne, il suicidio assistito? Più di settemila nella sola...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Panorama

A parte Forza Italia, che ne ha chiesto lo scioglimento e propone una commissione parlamentare d’inchiesta, lo scandalo che sta rivelando i vergognosi maneggi sul Consiglio superiore della magistratura, per la...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Panorama

Ed Sheeran è forse oggi l'unico artista in grado di mettere d'accordo sia gli adolescenti cresciuti a streaming e smartphone che un pubblico più maturo e consapevole, piacevolmente colpito da questo artista che si presenta sul palco solo con la ...