Huawei – Google, guerra su Android. Cosa succede a chi ha uno smartphone cinese

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Panorama

Al di là delle manovre politiche e delle conseguenze economiche di medio e lungo termine della tempesta che sta investendo Huawei, agli utenti interessa una cosa soltanto: capire cosa succederà ai loro smartphone. Specie ora che Google, su impulso delle direttive del dipartimento del Commercio statunitense, sembra intenzionata a sospendere gli affari con il colosso cinese, con la possibilità di vietargli l’accesso a servizi che fanno parte della quotidianità digitale degli utenti, come Gmail o il negozio di app Google Play. Insomma, i pilastri del sistema operativo Android, il motore che fa funzionare i telefoni Huawei. La risposta più breve è una soltanto: niente panico. Parlando all’agenzia Reuters, un portavoce della stessa Google ha chiarito che quei servizi continueranno a funzionare sui dispositivi attuali. Sia su quelli già acquistati dai consumatori, sia su quelli che si trovano nei negozi o sugli scaffali dei servizi di e-commerce. Insomma, da un giorno all’altro non ci si troverà tagliati fuori dalla posta elettronica, da Maps, dall’hard disk virtuale Drive e da tutto ciò che semplifica la vita. E, contrariamente a quanto emerso in un primo momento, si riceveranno aggiornamenti puntuali. Sia lato sicurezza, sia integrazioni assortite per essere al passo con l’ultima versione. Almeno per ora.
E in futuro?


Qui la questione si complica. Huawei ha diversi dispositivi in rampa di lancio, alcuni già annunciati, come il Mate X, altri che seguono la consueta serialità dell’azienda cinese. Saranno senza Google? Il presidente Trump è deciso a fare la guerra al colosso orientale: ha imposto alle società americane di chiuderle i rubinetti, sia lato hardware che software. Al colosso di Mountain View si sono accodati Intel, Qualcomm e altri produttori di chip, i cuori che fanno funzionare computer e telefoni di Huawei. Che, a quanto è trapelato, avrebbe nei suoi magazzini scorte per andare avanti con la produzione per almeno un anno, dunque avrebbe ampio margine cronologico per risolvere le cose con gli Usa. O eventualmente rivolgersi altrove per approvvigionarsi di materiali. Il vero problema, è evidente, è la galassia Google. Perché se funziona a dovere potremmo anche optare per un telefono con un chip di un’azienda sconosciuta, purché performante, ma senza Gmail, lo scarteremmo a priori. Inutile girarci intorno.
La risposta di Huawei


La replica dell’azienda cinese non si è fatta attendere e suona rassicurante: «Huawei» si legge in una nota ufficiale «ha dato un contributo sostanziale allo sviluppo e alla crescita di Android in tutto il mondo. In qualità di uno dei principali partner globali di Android, abbiamo lavorato a stretto contatto con la loro piattaforma open source per sviluppare un ecosistema che ha avvantaggiato sia gli utenti che l’industria. Huawei continuerà a fornire aggiornamenti di sicurezza e servizi post-vendita a tutti gli smartphone e tablet Huawei e Honor esistenti, inclusi quelli già venduti e i dispositivi ancora a magazzino in tutto il mondo. Continueremo a costruire un ecosistema software sicuro e sostenibile, al fine di fornire la migliore esperienza a tutti gli utenti a livello globale». Insomma, almeno nelle dichiarazioni ufficiali si guarda con fiducia al futuro. Non ci sarebbe un’apocalisse all’orizzonte come tuonato da alcuni analisti. Toni abbastanza concilianti, mentre ad affilare le armi ci pensa Lu Kang, il portavoce del ministero degli Esteri cinese. Che sottolinea come la Cina sosterrà le sue società nel ricorso ad armi legali a difesa dei loro diritti. Perché, prima che economica, quella a cui stiamo assistendo è una guerra politica.  

Tag: #Mytech #Smartphone&Tablet

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

La corsa in Medio Oriente all’acquisto dei droni cinesi, nonostante il leader mondiale nel settore Uav (gli aeromobili a pilotaggio remoto) siano gli americani, si spiega col fatto che i cinesi sono spregiudicati e del tutto incuranti...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

Cinquant’anni dopo la presa del potere di Gheddafi, la Libia è sempre più avvitata in una guerra civile permanente, in queste ore concentrata intorno all’aeroporto di Mitiga e a Murzuq, in pieno deserto, dove le...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

Presentato fuori concorso all'ultima Mostra del cinema di Venezia, Vivere è l'ultima film di Francesca Archibugi. Dal 26 settembre nelle sale, ritrae una famiglia disfunzionale, disordinata, sul filo di...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

Il numero uno di Allianz Oliver Bäte è stato categorico: se i rendimenti dei titoli di Stato tedeschi, i Bund, rimarranno negativi il primo gruppo assicurativo del Paese non ne acquisterà più. Pochi giorni dopo tocca al presidente della Baviera...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

Dopo le retate, la pax mafiosa è finita e i vecchi boss si riprendendo Prato, grazie anche ad alleanze inquietanti. Prendiamo la storia di Lin Cai Wang. Corpulento e alto un metro e 90, si rasava completamente il cranio. Per questo era...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

Ricordate la crisi dei subprime, i mutui erogati a clienti ad alto rischio d’insolvenza la cui «bolla» a partire dalla fine del 2006 devastò gli Stati Uniti e poi contagiò la finanza globale, scatenando la peggiore recessione nella storia...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

All’Angelus il papa libera due colombe di pace. Un gabbiano ne attacca una, la uccide e la divora sotto gli occhi di tutti. I giornali non avevano tutti i torti quando interpretarono questa spiacevole vicenda, accaduta nel Gennaio 2014, in termini di...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

Fate largo ai senatori, lasciate spazio nel calendario per i veterani delle scene. Sarà un autunno di grandi ritorni, un’invasione di mattatori storici che reclameranno d’imperio il posto d’onore sotto i riflettori. A cominciare da Arnold...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

Tante idee, ma pochi soldi. Nonostante i proclami del neonato governo Conte e i progetti più o meno riformisti dell'esecutivo per un momento si è a un nulla di fatto su molti fronti, a partire da quello...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

C'era una volta la sinistra in Italia. Una sola sinistra: prima della scissione di Renzi, del bicameralismo di D'Alema, di Prodi, Fassino e Veltroni c'era LA...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

Il cerchio si stringe attorno a Leonardo, in fuga dopo l'omodicio della poliziotta Nadia Aversa. Comincia così la seconda puntata di Rosy Abate 2, la serie di Canale 5 con Giulia...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

Un derby alla quarta di campionato è, per definizione, un derby quasi buttato via. Arriva troppo presto, disperde parte del suo potenziale anche se poi la storia recente di Milan e Inter racconta di altre stracittadine...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

«Mi si nota di più se dico «negro» o «zingaraccia»? Una domanda che il correttissimo Nanni Moretti non si farebbe mai, ma che, in una fase storico-sociale in cui sembra ci sia tolleranza zero su ogni espressione che offenda anche alla...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

Angela Merkel che telefona al premier perché non gli piace il nostro ministro degli Esteri. Il ministro dell’Economia vidimato Ue (è stato uno dei padri del Fiscal compact,...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

D.O.C. è il titolo del nuovo album di inediti di Zucchero, in uscita venerdì 8 novembre in tutto il mondo. L'album contiene 11 brani (con l'aggunta di 3 bonus track) Il bluesman italiano ha finora venduto 60 milioni...