Huawei Gentle Monster, la prova degli occhiali intelligenti

Pubblicato domenica, 19 gennaio 2020 ‐ Panorama

Era l’inizio del 2013 quando Google rese disponibile ai suoi sviluppatori gli occhiali smart che si rivelarono poi un clamoroso flop, perché i Glass si rivelarono un prodotto troppo rivoluzionario per l’epoca. La lezione è servita a Big G e agli altri produttori per cambiare linea e mirare a prodotti più limitati nelle funzioni ma efficaci, affidabili e belli da vedere, perché quando si parla di occhiali anche lo stile vuole la sua parte. Ingendienti, questi, che rispecchiano gli occhiali da sole Huawei X Gentle Monster, nati dalla collaborazione tra il marchio di ottica coreano e la multinazionale cinese, che abbiamo provato per alcune settimane.
Prestazioni al massimo
Premesso che non si tratta dei primi occhiali da sole con cui godersi i brani prediletti (sul mercato ci sono tanti modelli, come Bose Frames, Zungle Music Viper e Smart Glasses, che peraltro sfruttano tecnologie differenti), la certezza di Huawei X Gentle Monster è che assolvono in maniera impeccabile il proprio compito, perché la musica si sente bene e l’audio durante le chiamate è ottimo in qualsiasi condizione, ammesso che non vogliate dialogare mentre siete sul monopattino o sulla eBike, cioè quando il vento si rivela un ostacolo insuperabile. Ciò non significa che si debba rinunciare a usarli quando si usano tali mezzi, scooter o sci, anche se in queste situazioni è bene non eccedere con il volume per non isolarsi dai rumori ambientali.
Come funzionano
Gli occhiali si presentano all’interno di una custodia in pelle dalle dimensioni generose (non il massimo da portarsi dietro, più per le pochette delle donne che per gli zaini degli uomini), che funziona pure come caricabatterie wireless grazie al modulo incluso da 2.200 mAh; per metterli in carica, quindi, basta riporre gli occhiali nella custodia, anche se, volendo, c’è pure il cavo Usb per la ricarica standard. Huawei X Gentle Monster sono leggeri (45,6 grammi nella versione più pesante, 2,4 grammi in meno nell’altra) ma sfoggiano lenti più grandi della media, con un design che si confà di più a un volto femminile (ma qui siamo nel campo del gusto personale). Per utilizzarli è sufficiente accoppiarli allo smartphone, via Bluetooth, con una procedura che impiega una manciata di secondi (nell’elenco dei dispositivi da associare compare con il nome Eyewear), per poi sfruttarli più di due ore con una singola ricarica. Ma, come detto, per ridargli energia c’è la custodia che li ricarica appena vengono riposti, senza contare che raramente verranno indossati per oltre centoventi minuti con la riproduzione del suono sempre attiva, eccetto, forse, quando ci si stende sul lettino durante una giornata al mare.
Fanno tutto loro
La magia degli occhiali sta nella loro semplicità d’uso, cioè nei sensori integrati che ne controllano il funzionamento: li indossi, ascolti le tracce desiderate, rispondi a una chiamata e torni a sentire la musica senza tentennamenti o lunghe attese, perché fanno tutti da soli, compreso lo stop dell’audio immediato quando si tolgono, e la ripresa del suono, dopo pochi secondi, quando si indossano di nuovo. Un suono che, è bene sottolinearlo, non ha nulla da invidiare a quello degli auricolari (ma non aspettatevi, allo stesso tempo, un’esperienza paragonabile a quella garantita da un paio di cuffie), grazie ai due altoparlanti che direzionano il suono e limitano la dispersione sonora, e ai due microfoni in silicone che consentono l’isolamento dai rumori di fondo. L’accoppiata speaker-microfono è collocata su entrambe le stanghette che, nonostante racchiudano varie componenti, presentano uno spessore più marcato del consueto ma ancora accettabile, mentre polvere e acqua non sono avversari che mettono paura agli Huawei X Gentle Monster (il che non equivale a indossarli durante un bagno al mare, così come non vanno messi in carica se sono bagnati).   
Perfetti con smartphone Andorid, meno con iPhone
Per sfruttare al meglio gli occhiali è importante il tipo di smartphone che si possiede, perché un terminale Android offre piena compatibilità, mentre con iPhone ci sono diversi limiti nelle funzioni abilitate. L’apprezzamento per la facilità d’utilizzo passa, infatti, dal controllo tramite il doppio tocco sulle aste, utile per riprodurre e mettere in pausa ciò che si ascolta, per rispondere a una chiamata e per attivare l’assistente vocale. Funzioni regolarmente disponibili sugli smartphone Android ma non su quelli Apple, dove per l’ascolto e per le chiamate bisogna passare necessariamente dal telefono.
Prezzo
Disponibili in due versioni, Jackbye e Eastmoon, entrambe con montatura e aste in nero, questi occhiali sono ideali per rimpiazzare gli auricolari in molte situazioni (per chi ama camminare e trascorrere molto tempo all’esterno), anche se si deve fare attenzione al volume perché, quando sale il livello, i vicini possono facilmente ascoltare la musica o le parole dell’interlocutore. La tecnologia a bordo e l’ottima qualità del suono si fanno però sentire sul cartellino: gli occhiali Huawei X Gentle Monster costano 399 euro, con la versione Eastmoon, di poco più leggera e più piccola, che è proposta a 349 euro

Tag: #Mytech

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Gli ultimi sondaggi di politica sulle intenzioni di voto degli italiani raccontano come la situazione non sia molto cambiata in queste due settimane di festività natalizie. Le Lega torna a crescere, forte a quanto pare ...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Victor Moses è un giocatore dell'Inter. L'ufficialità della trattativa che ha portato l'esterno del Chelsea ai nerazzurri verrà data nelle prossime 24 massimo 48 ore ma tutti i dettagli e gli accordi tra le parti sono ...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Settimana per settimana, i film dai maggiori incassi cinematografici in Italia. Ecco la top ten del botteghino italiano dal 6 al 12 gennaio 2020, secondo dati Cinetel. Tolo Tolo di Checco Zalone scavalca Il re leone di Jon Favreau...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

La guerra è finita, le anticipazioni della seconda puntata I Marchesi Terenzi, proprietari della tenuta agricola abbandonata dove alloggiano i ragazzi, decidono di riprendersi quel posto per trasformarlo in un’azienda agricola. Giulia ...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il 20 gennaio 1920 nasceva a Rimini Federico Fellini, il grande regista, sceneggiatore e fumettista e amato in tutto il mondo. Candidato dodici volte all'Oscar, ha vinto quattro Oscar al miglior film straniero con La strada,...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il nuovo modello 730 è stato approvato dall’Agenzia delle Entrate e prevede importanti novità. Le novità del nuovo 730 A partire da quest’anno i lavoratori dipendenti e pensionati che presentano il...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

La sintesi migliore l'ha fornita proprio Sarri al termine della sfida vinta dalla sua Juventus contro il Parma, che ha certificato la prima fuga (+4 sull'Inter) della stagione. Ronaldo ti crea un...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Tolti gli under 18 e i genitori di figli adolescenti che (realisticamente) ascoltano rap italiano, quanto di voi hanno sentito parlare di Junior Cally fino a una settimana fa? Se volete divertitrvi a fare un esperimento di sociologia...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il terzo processo di impeachment presidenziale al Senato della storia americana che vede sul banco degli imputati Doland Trump, sta per entrare nel vivo. Dopo le cerimonie inaugurali di...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

“Mi piacciono le voci che lasciano il segno, quelle che riconosci dopo pochi secondi perché hanno un timbro e un’intensità inconfondibili”. Si racconta così a Panorama.it, Ivi, 25 anni, austriaca, voce di Andromeda, un...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

da Las Vegas Mentre scarica cascate di drop sul pubblico dell’XS, uno dei club più chic e meglio frequentati di Las Vegas, Kygo indossa un paio di eleganti cuffie bianche. A volte le tiene sulle orecchie per concentrarsi sul...

Pubblicato domenica, 19 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il 20 gennaio del 2020, secondo lo psicologo Cliff Arnall, professore dell’Università di Cardiff, è ufficialmente il "blue monday", il giorno più triste dell’anno, come risultato di una complessa equazione...

Pubblicato domenica, 19 gennaio 2020 ‐ Panorama

Vent’anni fa in Argentina gli insegnanti universitari lamentavano che gli studenti arrivavano con grandi difficoltà sia di comprensione nella lettura, sia nella capacità di esprimere un'idea attraverso la scrittura.   Purtroppo non sto qui a cercare ...

Pubblicato sabato, 18 gennaio 2020 ‐ Panorama

Una delle maggiori sfide per un artista è quella di evolversi stilisticamente, senza però scontentare troppo i fan della prima ora, catturati da un determinato tipo di sound. Una sfida che risulta particolarmente ostica per i rapper,...

Pubblicato sabato, 18 gennaio 2020 ‐ Panorama

La Cina tira un sospiro di sollievo. La distensione dei toni della guerra commerciale con gli Usa grazie alla firma del protocollo della cosidetta Fase 1 della trade's war ha dato una ventata di ottimismo alle...