Fusione tra Deutsche Bank e Commerzbank: cosa c’è da sapere

Pubblicato giovedì, 14 marzo 2019 ‐ Panorama

Incorporare una banca malata a una sana al fine di salvare quella in crisi ed evitare che a pagare siano i correntisti. In apparenza il possibile via libera alla fusione tra Deutsche Bank e Commerzbank parrebbe essere un'operazione legittima di libero mercato, in realtà le cose sono un po' diverse. Se finalizzata si tratterebbe di un'operazione furba architettata da Berlino per salvare il primo istituto di credito teutonico aggirando quelle norme europee che proprio Angela Merkel aveva dettato agli altri Stati membri.
I fatti
Dopo la conferma da parte del Ministro delle finanze tedesco Olaf Scholz dell'avvio dei colloqui preliminari tra i CdA del colosso bancario di Francoforte e Commerzbank analisti e commentatori in queste ore analizzano scenari e retroscena di quella che potrebbe essere la più grande operazione di fusione bancaria della storia europea.
Sono anni che questo progetto è nell'aria e, a fasi alterne, se ne torna a parlare, ma mai come oggi i tempi per la sua realizzazione paiono essere maturi. 
Deutsche Bank è in crisi da parecchio. Solo nel 2017 ha segnato mezzo miliardo di euro di perdita con bilanci gonfi di derivati e un passivo di 1,6 miliardi iscritto a bilancio. Gran parte del suo male deriva dall'aver investito nei municipal bond americani.
Quella di Deutsche Bank è una crisi profondissima su cui incombe il bail-in ovvero quella norma europea approvata nel 2016 (e fortemente voluta proprio dalla Merkel) che impone a un istituto di credito in crisi di risolvere i propri guai utilizzando esclusivamente le risorse di azionisti, obbligazionisti e correntisti. Ovvero: a pagare per gli errori della banca sarebbero i risparmiatori tedeschi.
La Angela Merkel è ben consapevole delle conseguenze che questo avrebbe sugli umori del proprio elettorato (l'appuntamento di maggio con le elezioni europee è alle porte) e la mossa più furba per aggirare il bail-in e non scontentare gli elettori/risparmiatori sarebbe proprio quella di dare la propria benedizione al progetto di fondere il primo istituto bancario teutonico a una banca che verte in uno stato di salute decisamente migliore, ovvero Commerzbank.
I retroscena
Le implicazioni di questa operazione però sono parecchie e possono essere lette a più livelli. Intanto lo scotto da pagare sarebbe quello della perdita di circa 30.000 posti di lavoro per i dipendenti di DB e questo, già in una fase preliminare, causa un deciso malumore tra i membri del Consiglio di Amministrazione dell'istituto di credito di Francoforte, ma questo su un eventuale tavolo di trattative verrebbe affrontato nei modi e tempi appropriati.
Il vero nodo chiave della questione è che la Repubblica Federale Tedesca è primo azionista di Commerzbank detenendo il 15% dell'intero capitale e quindi se la fusione avvenisse lo Stato diventerebbe socio di riferimento della maggiore banca tedesca e si assisterebbe a una nazionalizzazione del sistema bancario teutonico.
Dalla fusione nascerebbe il secondo maggior istituto dell’Eurozona con asset per 1.900 miliardi di euro, 845 miliardi di euro di depositi, oltre 2.500 filiali e 141.000 addetti (Il primo resterebbe Bnp Paribas).
Proprio il tema della nazionalizzazione delle banche in Europa è sempre stato caro allaMerkel che ha puntato più volte il dito contro gli altri Stati membri (Italia compresa) chiedendo che nessuno ricorresse ad aiuti statali per salvare i propri istituti di credito.
Basti pensare al polverone sollevato dall'UE quando lo Stato italiano spese 5,4 miliardi di euro per il salvataggio di Mps mentre il fatto che il governo tedesco tra il 2008 e il 2017 abbia speso circa 227 miliardi tra salvataggi e ricapitalizzazioni (Commerzbak inclusa, alla quale sono riconducibili 14,6 miliardi di aiuti, tradottisi nella quota del 15% in mano a Berlino) è avvenuto con la benedizione di Bruxelles dimostrando, ancora un volta, i due pesi e le due misure adottate dall'UE.
Critiche e perplessità
Il buon esito dell'operazione, comunque, al momento è tutt'altro che scontato. Financial Times sottolinea come l'Autorità bancaria europea sia già pronta a sollevare dubbi circa la legittimità dell'operazione (ancora una volta in ottica bail-in) e le opposizioni tedesche (Verdi in primis) evidenziano come il rischio della fusione è quello che non avvenga il salvataggio di DB ma il crollo di Commerzbak che potrebbe non reggere ai debiti che si trascina dietro l'istituto di credito di Francoforte.
Lisa Paus, deputata dei Verdi sulle colonne di Handelsblatt ha dichiarato: "Con l'unione di Commerzbank e Deutsche Bank, la Germania crea un nuovo gigante bancario malato che è troppo grande per fallire". Banche troppo grandi per fallire in cui far sparire, come in un fosso senza fondo, i bilanci dello Stato.
C'è poi la questione dei 30.000 posti di lavoro che non va trascurata e che potrebbe portare ulteriore malcontento negli umori tedeschi.
E' la prima volta che il governo federale attua una pressione politica tanto marcata per la realizzazione di un affare squisitamente economico e questo dà la cifra di quali interessi girino intorno alla presunta fusione dei due colossi. 
Berlino punterebbe in questo senso a chiudere la trattativa entro maggio per evitare che in nuovo assetto post elettorale europeo possa ostacolare l'eventuale operazione con nuove regole più difficili da aggirare rispetto al bail-in.

Tag: #Economia

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Panorama

Avere tutto o perdere tutto: era questo l'approccio estremo dei Motley Crue, la band più famosa e oltraggiosa del glam metal che ha dominato le classifiche e le cronache degli anni Ottanta.  Dal 22 marzo su Netflix...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Panorama

È dei giorni scorsi la notizia che Ecofin ha inserito Emirati Arabi nella black list UE delle "giurisdizioni fiscali non cooperative" (i cosiddetti Paradisi Fiscali), insieme ad altri 14 paesi, ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Panorama

La strage evitata (guarda il video) sul pullman dei 51 bambini di una scuola di Crema compiuta da Ousseynou Sy, un senegalese di 47 anni, pone il dovere di dire senza troppi giri di...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Panorama

Suor Angela viene travolta da una crisi che la porta lontano dal convento degli Angeli. Si annuncia ricco di colpi di scena il gran finale di Che Dio ci aiuti 5, la serie di Rai 1 con Elena Sofia...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Panorama

Momenti di trascurabili incassi per il cinema italiano. Mentre il colosso supereroistico americano Captain Marvel, com'era prevedibile, prende il volo, raccogliendo 8.108.883 euro e 1.207.384 spettatori in neanche due settimane (dal 6 marzo...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Panorama

Qual è la terribile verità nascosta dietro la scomparsa di una ragazza avvenuta da moltissimi anni prima e mai ritrovata? È questa la domanda attorno a cui ruota La verità sul caso Harry Quebert, la nuova serie tv...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Panorama

Cinefili in fermento. Il teaser trailer italiano di C'era una volta... a Hollywood (Once Upon A Time in Hollywood), il nono film di Quentin Tarantino, è stato rilasciato. Ed eccoli, Brad Pitt e ...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Panorama

Riuscirà Cagliostro a salvare sua figlia? È questo l'interrogativo attorno a cui ruota l'ultima puntata La porta rossa 2, la serie di Rai 2 con Lino Guanciale e Gabriella Pession, ideata dallo scrittore Carlo Lucarelli. La ...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Panorama

Nicolò Zaniolo ce l'ha fatta e come lui altri nove. Non di più. Dieci su 443 che significa due su cento. Che diventano sei su cento se si allarga il panorama alla Serie B. Sono i calciatori nati nel 1999 che hanno concluso...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Panorama

Era legittimo. Nel 2014 il Fondo Interbancario di tutela dei depositi, il Fitd, aveva tutto il diritto - in quanto ente privato - di tappare i buchi nei conti di Tercas affinchè...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Panorama

Sono probabilmente il gadget più riuscito della storia recente di casa Apple. Chi li ha provati non se ne stupisce, anzi conosce benissimo la ragione: gli AirPods sono gli auricolari senza fili migliori in circolazione per qualità...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Panorama

E' il caso che sta agitando l'Inter e il calcio italiano in questo inizio di 2019. Icardi contro l'Inter dopo la scelta del club di togliergli la fascia di capitano perché sgradito al resto dello spogliatoio. Una bomba...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Panorama

Mauro Icardi torna ad allenarsi con il gruppo, con l'Inter. Stando a quanto raccolto da Panorama non oggi ma domani, 21 marzo l'attaccante nerazzurro rientrerà a lavorare con la squadra ...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Panorama

Il gioielliere Robertino Zancan ha perso un milione di euro. Il tabaccaio Franco Birolo, invece, ha già investito 120 mila euro in spese legali e ora sulla sua testa pende la spada di Damocle di un...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Panorama

La vicenda della Mare Jonio, la nave della Ong italiana Mediterranea attraccata al porto di Lampedusa dove sono sbarcati i 49 migranti recuperati nelle acque del...