Figuraccia Uefa, che caos la finale dell’Europa League a Baku

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Panorama

Comunque vada a finire quella tra Arsenal e Chelsea a Baku sarà una finale su cui riflettere. L'esempio di come scelte poco attente possano causare danni al movimento calcio, mandando in onda uno spettacolo privo di un grande protagonista in campo e di una cornice adeguata sugli spalti.
Benvenuti nell'atto conclusivo dell'Europa League che la Uefa ha spedito nel lontano Azerbiagian, a 4.756 chilometri stradali da Londra (poco meno di 4mila in linea d'aria) da dove partiranno le due sfidanti con il loro carico di sogni e ambizioni. Una finale europea in territorio geograficamente asiatico, noto ai più per il gran premio di Formula Uno che ospita dal 2017 costringendo i bolidi a slalom tra castelli, palazzi e tombini ballerini.


A Baku anche l'Europeo 2020
Qui si disputeranno anche quattro gare dell'Europeo itinerante del 2020 e se tre saranno del girone eliminatorio (quello dell'Italia che, però, resterà a Roma) in un caso si dovranno trasferire dall'altra parte dell'Europa le qualificate a un quarto di finale con garanzia di disagio e polemiche. Basta avere pazienza di attendere per salire sulla giostra per il prossimo giro.
Quello di oggi racconta di una finale d'Europa League che nasce sotto i peggiori auspici e che, oltre a far arrabbiare Arsenal e Chelsea, espone la Uefa a un certo imbarazzo malcelato in comunicati solo all'apparenza rassicuranti. 
"Andare a Baku per una finale è veramente assurdo" ha chiosato il tecnico del Liverpool Klopp quando gli è stato chiesto un parere: "I signori che prendono questa decisione non so cosa abbiano mangiato a colazione. C'è almeno un volo di linea? Queste decisioni vanno prese in maniera ragionevole e invece sono stati degli irresponsabili".
Problemi logistici? Tifosi a casa
Il riferimento dell'allenatore tedesco è all'assurda vicenda dei biglietti per le tifoserie di Arsenal e Chelsea: 6000 tagliandi a testa e stop. Più o meno un quinto della capienza dello Stadio olimpico di Baku che è belissimo, ma che vivrà un'atmosfera abbastanza surreale per una finale dove il colore e calore di chi ha sognato e sofferto una stagione per arrivare fin lì è elemento fondante e non un dettaglio organizzativo secondario.
Invece andrà proprio così, malgrado le proteste dei due club cui la Uefa ha risposto provando a spiegare come la capacità logistica dell'aeroporto della capitale azera fosse al massimo di 15mila persone e non fosse preventivabile una doppia presenza inglese nel momento della scelta. Argomenti che non hanno placato la rabbia di decine di migliaia di abbonati a Gunners e Blues costretti a restare a casa, per non dire dei fortunati possessori dei biglietti costretti a spendere cifre importanti per garantirsi il passaggio aereo.
Mkhitaryan resta a Londra per questioni politiche
Al caos logistico si è aggiunto il problema di opportunità politica che ha costretto l'Arsenal a rinunciare in partenza all'apporto dell'attaccante Mkhitaryan. Non un titolare ma comunque un uomo importante della rosa dell'allenatore spagnolo Emery che, infatti, non l'ha presa benissimo.
La sua colpa? Essere armeno, originario di Yerevan che è la capitale di un Paese che è in rapporti tesi con l'Azerbaigian per l'annosa questione dei territori del Nagorno-Karabakh. Non una novità e anche qui l'Uefa potrà sempre giustificarsi sostenendo che non poteva sapere che un armeno sarebbe arrivato in finale.
Esattamente come da qualche stagione viene prudentemente evitato, però, ogni incrocio tra squadre russe e ucraine allo stesso modo si sarebbe dovuto tenere conto del rischio di assegnare un evento come questo a una federazione problematica. Invece nulla. 
Il governo azero aveva provato a garantire che non ci sarebbero stati guai, l'Arsenal e il giocatore non si sono fidati e hanno preferito tagliare corto rinunciando alla convocazione dell'attaccante con tanto di comunicato in cui non ha mancato di sottolineare il "profondo rincrescimento" per una vicenda che priva il giocatore di un momento unico della sua carriera e il calcio europeo di un briciolo di credibilità.

Tag: #Calcio #Sport

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Panorama

Chi ci ha lasciato nel mese di AGOSTO > Carlo Delle Piane, attore, 83 anni (2 febbraio 1936 - 23 agosto 2019) > Cosimo Cinieri, attore, 81 anni(20 agosto 1938 - 19 agosto...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Panorama

A 83 anni, è morto Carlo Delle Piane, figura iconica del cinema italiano. Aveva esordito come attore nel 1948, a soli 12 anni, quando interpretò Garoffi, il bambino sveglio con il naso a becco nel film Cuore, ...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Panorama

La pagina fb del Movimento 5 Stelle è un vulcano pronto ad esplodere. La trattativa aperta con il Pd per la nascita di un nuovo Governo non piace alla base. Sono infatti migliaia i commenti al post con cui vengono...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Panorama

Con l'apertura della Crisi di Governo diventano sempre più importanti gli ultimi sondaggi della politica che vedono la Lega primo partito del paese ma in forte calo rispetto ai valori raggiunti prima della crisi. La...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Panorama

Il 23 agosto 1989 una catena umana lunga circa 600 chilometri unì le capitali degli Stati Baltici Tallinn, Riga e Vilnius. La manifestazione pacifica, minuziosamente organizzata dai...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Panorama

La tecnologia permette di compiere imprese mirabili, di abbattere barriere che un tempo erano giudicate impensabili. Di spalancare frontiere a tutti, non solo a pochi addestrati eletti. Freniamo subito qualsiasi scatto d’entusiasmo: non stiamo parlando ...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Panorama

Dopo il debutto al Festival di Cannes 2016, finalmente arriva nelle sale italiane Mademoiselle di Park Chan-wook, regista sudcoreano del cult Oldboy, di Lady Vendetta e...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Panorama

Dwayne Johnson, noto come The Rock, si conferma l'attore più pagato al mondo anche nel 2019. E la sua presenza, in un film, garantisce milioni di dollari al botteghino. L'ex wrestler datosi al cinema...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Panorama

“Trattando come sinfonia una canzone giovane giovane, ha portato musica nella canzone italiana, quasi a dire: io che non vivo senza te. Da una casa in cima al mondo ha dato la scalata al cielo muto come se affermasse: il domani è nostro. Poi, il...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Panorama

Premessa da incidere sulla pietra, fondamentale per poter proseguire nella lettura: mai come quest'anno gli ultimi dieci giorni (scarsi) di mercato incideranno sui progetti tecnici delle squadre, sia in testa che in coda alla catena...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Panorama

Con l'apertura della Crisi di Governo diventano sempre più importanti gli ultimi sondaggi della politica che vedono la Lega primo partito del paese ma in forte calo rispetto ai valori raggiunti prima della crisi. La ...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Panorama

Un drone ha ripreso queste immagini dei lavori all'aeroporto di Milano Linate. Lavori che proseguono tutti i giorni 24 ore su 24 come da programma e che, dovrebbero concludersi il 26 ottobre, per permettere poi la riapertura dell’aeroporto cittadino e ...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Panorama

“Continuo a pensare che il Movimento 5 Stelle sia composto da persone che sono incompetenti, incapaci e che ci hanno portato a dove siamo oggi, però io tra trovarmi Salvini premier, per i prossimi 5 anni, che può decidere il prossimo Presidente...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Panorama

Mauro Icardi lo ha scritto in tempi non sospetti: "Ho già espresso all'Inter la volontà di rimanere perché l'Inter è la mia famiglia. Il tempo dirà chi ha detto la verità. Forza Inter, sempre". Era il 17 maggio scorso. Nel ...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Panorama

I dischi imprescindibili non sono quelli che contengono due o tre hit. Sono quegli album che vanno ascoltati nel loro insieme perché non sono una banale somma di canzoni più o meno belle, ma la fotografia dello stato di grazia di una...