Festival di Cannes 2019: film, star, red carpet – Le foto più belle

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Panorama

Pedro Almodóvar con i suoi tormenti da regista, Jim Jarmusch con i suoi morti viventi, Elton John tributato con il biopic Rocketman, Quentin Tarantino e gli echi di Charles Manson... Dal 14 al 25 maggio il 72° Festival di Cannes porta in Costa Azzura 114 film, con il moltiplicarsi di star al seguito. 
Ecco le foto più belle sul red carpet o al photo call. Registi, attori, ospiti... Ed ecco un breve reseconto, giorno per giorno, dalla Croisette.
21 maggio, Huppert e Ardant aspettando Tarantino
Oggi è il giorno più atteso a Cannes: arriva Quentin Tarantino e la sua parata di super star, ovvero Leonardo DiCaprio, Brad Pitt, Margot Robbie. Per il suo film in concorso Once Upon a Time... in Hollywood proiezione nel tardo pomeriggio.
Il regista statunitense intanto sui social invita tutti ad evitare lo spoiler. E in contemporanea con il suo red carpet, arriva il lancio nuovo trailer del film. Eccolo:

Nell'attesa, passerella di grandi dive francesi. Isabelle Huppert è la protagonista del film in corsa per la Palma d'oro Frankie dell'americano Ira Sachs: è una donna che deve comunicare che sta per morire alla sua famiglia allargata, mentre trascorre le vacanze a Sintra, stazione balneare portoghese.
Fanny Ardant invece è in Costa Azzurra per il film fuori concorso La Belle Epoquedi Nicolas Bedos, commedia che ha divertito e sorpreso la platea, che le ha riservato molto applausi. 
70 anni da poco compiuti, la Ardant interpreta una moglie che ha un amante, forse non il solo, e nonostante l'età ha intenzione di vivere pienamente la sua vita.

20 maggio, il giovane terrorista dei fratelli Dardenne
Veterani di vittorie a Cannes, due volte Palma d'oro con Rosetta (1999) e L'Enfant - Una storia d'amore (2005), i fratelli belgi Jean-Pierre e Luc Dardenne tornano in concorso con Le jeune Ahmed, storia di un adolescente che si avvicina all'estremismo islamico e progetta di uccidere l'insegnante.
Film teso che farà parlare, è ambientato nella Vallonia francofona, terra natìa dei due registi e area del Belgio che è stata base della cellulola terroristica degli attacchi di Parigi del novembre 2015.
19 maggio, Alain Delon al di là delle polemiche
Il gran giorno di Alain Delon. La super star francese, icona di bellezza degli anni '60 e '70 , in serata riceve la Palma d'oro alla carriera, riconoscimento già attribuito a Paul Belmondo e Jean-Pierre Léaud. È il suo primo premio a Cannes e sembra una ricompensa tardiva al divo che recitò per registi come Visconti, Antonioni o Melville.
Il premio arriva tra le polemiche: le femministe, infatti, hanno accusato l'attore di essere "razzista, omofobico e misogino", per alcune sue dichiarazioni del passato, e si sono opposte al riconoscimento. Ma... il cinema è il cinema, e il direttore del Festival, Thierry Frémaux, ha più volte affermato che Cannes lo premia per i suoi meriti artistici. Difendendo, tra l'altro, così l'attore: "Alain Delon ha il diritto di pensare quello che pensa".
E lui, il bello del cinema francese, in mattinata ha voluto omaggiare proprio il mondo femminile, nell'incontro con il pubblico: "Senza le donne che ho incontrato non sarei qui, sono loro che mi hanno fatto fare questo mestiere". In serata ha ricevuto il premio dalle mani della figlia Anouchka, commovendosi tra gli applausi, con parole dolciamare: "Stasera più che la fine di una carriera per me è un po' la fine della mia vita. È difficile andarsene e devo andarmene ma prima voglio ringraziare tutti i registi con cui ho girato ma soprattuto il pubblico, perchè è il pubblico che fa le star".
18 maggio, Lelouch, Trintignant e Aimée 53 anni dopo

Un uomo, una donna, più di mezzo secolo dopo. Claude Lelouch porta a Cannes, fuori concorso, Les Plus Belles Années d'une vie, sequel del suo film del 1966 con Jean Louis Trintignant e Anouk Aimée. E i due divi francesi ci sono ancora, oggi 88 anni Trintignant, 87 Aimée, insieme alla nostra Monica Bellucci e a Marianne Denicourt. La  Bellucci interpreta la figlia di Trintignant; sul red carpet ha detto: "È un sogno essere qui e poter condividere il mondo del grande cinema con delle icone magnifiche come loro tre".
Questa è la terza puntata della love story tra e l'ex pilota automobilistico vedovo e l’assistente cinematografica, vedova anche lei. Prima, nel 1985, ci fu Un uomo, una donna oggi.
17 maggio, i dolori del vecchio Pedro
Corre per la Palma d'oro Dolor y Gloria, il film più autobiografico di Pedro Almodóvar, accolto tra applausi e lacrime di commozione. A interpretare Salvador Mallo, regista cinematografico in declino, il suo amico di lunga data Antonio Banderas. Sua madre da giovane, invece, ha il viso di una delle sue muse, Penélope Cruz.
Mallo, che tanto somiglia ad Almodóvar, è un regista chiusosi in casa da quando ha visto spegnersi la sua creatività, tormentato da guai fisici, acufeni, emicrania, fotofobia...
Un film molto intimo che, sulle note tristi di Chavela Vargas, racconta un personalissimo spleen esistenziale, diviso da un quotidiano stanco e da un vivido passato.
16 maggio con Ken Loach ed Elton John


Fuori concorso, ecco Rocketman, biopic su Elton John che mira ad avere lo stesso successo di Bohemian Rhapsody, il film musicale sui Queen. Non a caso alla regia c'è Dexter Fletcher, il regista britannico subentrato alla fine della lavorazione nel film su Freddie Mercury, in seguito alla defezione di Bryan Singer. Con Rocketman non poteva non arrivare a Cannes anche sir Elton John, in tutta la sua effervescente eccentricità. 
Sempre dal Regno Unito ecco anche a Ken Loach, il regista dell'impegno sociale che si conferma con Sorry we missed you, film in concorso, storia di un padre e una madre in difficoltà dopo la crisi finanziaria del 2008. Loach a Cannes ha già vinto la Palma d'oro per Il vento che accarezza l'erba nel 2006 e Io, Daniel Blake nel 2016.
15 maggio, la sorpresa: i miserabili delle banlieue 
La sorpresa della giornata viene dall'opera prima in concorso Les Misérables del regista francese Ladj Ly, trentottenne definito lo Spike Lee francese. "Più di un secolo dopo, la miseria è ancora presente nei luoghi raccontati da Victor Hugo", ha detto.
I miserabili di questo lungometraggio in corsa per la Palma d'oro, molto applaudito, sono i giovani arrabbiati delle banlieue di Parigi, i sobborghi attorno a Clichy-sous-Bois dove vivono molti immigrati poveri e che sono stati set cinematografico e casa di Ladj Ly.

14 maggio, l'apertura con gli zombie

L'apertura del Festival è stata affidata a The Dead Don't Die - I morti non muoiono del regista indipendente statunitense Jim Jarmusch, commedia horror-dark popolata da zombie accolta dagli applausi. Un cast pop: Bill Murray, Iggy Pop, Selena Gomez, Tilda Swinton, Tom Waits e il rapper Rza.
E in seno al film - in concorso - un messaggio ambientalista. Ecco cosa ha detto Jarmusch: "Vedere il declino della natura è terrificante e mi preoccupa molto. La politica non mi interessa, mi interessa la consapevolezza delle persone. La politica è una forma di distruzione, è politica delle multinazionali. La questione è nelle nostre mani, chiunque di noi può scegliere di boicottare certe multinazionali".

Tag: #Cinema

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Gli ultimi sondaggi di politica sulle intenzioni di voto degli italiani raccontano come la situazione non sia molto cambiata in queste due settimane di festività natalizie. Le Lega torna a crescere, forte a quanto pare ...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Victor Moses è un giocatore dell'Inter. L'ufficialità della trattativa che ha portato l'esterno del Chelsea ai nerazzurri verrà data nelle prossime 24 massimo 48 ore ma tutti i dettagli e gli accordi tra le parti sono ...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Settimana per settimana, i film dai maggiori incassi cinematografici in Italia. Ecco la top ten del botteghino italiano dal 6 al 12 gennaio 2020, secondo dati Cinetel. Tolo Tolo di Checco Zalone scavalca Il re leone di Jon Favreau...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

La guerra è finita, le anticipazioni della seconda puntata I Marchesi Terenzi, proprietari della tenuta agricola abbandonata dove alloggiano i ragazzi, decidono di riprendersi quel posto per trasformarlo in un’azienda agricola. Giulia ...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il 20 gennaio 1920 nasceva a Rimini Federico Fellini, il grande regista, sceneggiatore e fumettista e amato in tutto il mondo. Candidato dodici volte all'Oscar, ha vinto quattro Oscar al miglior film straniero con La strada,...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il nuovo modello 730 è stato approvato dall’Agenzia delle Entrate e prevede importanti novità. Le novità del nuovo 730 A partire da quest’anno i lavoratori dipendenti e pensionati che presentano il...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

La sintesi migliore l'ha fornita proprio Sarri al termine della sfida vinta dalla sua Juventus contro il Parma, che ha certificato la prima fuga (+4 sull'Inter) della stagione. Ronaldo ti crea un...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Tolti gli under 18 e i genitori di figli adolescenti che (realisticamente) ascoltano rap italiano, quanto di voi hanno sentito parlare di Junior Cally fino a una settimana fa? Se volete divertitrvi a fare un esperimento di sociologia...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il terzo processo di impeachment presidenziale al Senato della storia americana che vede sul banco degli imputati Doland Trump, sta per entrare nel vivo. Dopo le cerimonie inaugurali di...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

“Mi piacciono le voci che lasciano il segno, quelle che riconosci dopo pochi secondi perché hanno un timbro e un’intensità inconfondibili”. Si racconta così a Panorama.it, Ivi, 25 anni, austriaca, voce di Andromeda, un...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

da Las Vegas Mentre scarica cascate di drop sul pubblico dell’XS, uno dei club più chic e meglio frequentati di Las Vegas, Kygo indossa un paio di eleganti cuffie bianche. A volte le tiene sulle orecchie per concentrarsi sul...

Pubblicato domenica, 19 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il 20 gennaio del 2020, secondo lo psicologo Cliff Arnall, professore dell’Università di Cardiff, è ufficialmente il "blue monday", il giorno più triste dell’anno, come risultato di una complessa equazione...

Pubblicato domenica, 19 gennaio 2020 ‐ Panorama

Era l’inizio del 2013 quando Google rese disponibile ai suoi sviluppatori gli occhiali smart che si rivelarono poi un clamoroso flop, perché i Glass si rivelarono un prodotto troppo rivoluzionario per l’epoca. La lezione è servita a Big G e agli...

Pubblicato domenica, 19 gennaio 2020 ‐ Panorama

Vent’anni fa in Argentina gli insegnanti universitari lamentavano che gli studenti arrivavano con grandi difficoltà sia di comprensione nella lettura, sia nella capacità di esprimere un'idea attraverso la scrittura.   Purtroppo non sto qui a cercare ...

Pubblicato sabato, 18 gennaio 2020 ‐ Panorama

Una delle maggiori sfide per un artista è quella di evolversi stilisticamente, senza però scontentare troppo i fan della prima ora, catturati da un determinato tipo di sound. Una sfida che risulta particolarmente ostica per i rapper,...