Festival di Cannes 2019: film, star, red carpet – Le foto più belle

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Panorama

Pedro Almodóvar con i suoi tormenti da regista, Jim Jarmusch con i suoi morti viventi, Elton John tributato con il biopic Rocketman, Quentin Tarantino e gli echi di Charles Manson... Dal 14 al 25 maggio il 72° Festival di Cannes porta in Costa Azzura 114 film, con il moltiplicarsi di star al seguito. 
Ecco le foto più belle sul red carpet o al photo call. Registi, attori, ospiti... Ed ecco un breve reseconto, giorno per giorno, dalla Croisette.
21 maggio, Huppert e Ardant aspettando Tarantino
Oggi è il giorno più atteso a Cannes: arriva Quentin Tarantino e la sua parata di super star, ovvero Leonardo DiCaprio, Brad Pitt e Margot Robbie. Per il suo film in concorso Once Upon a Time in Hollywood proiezione nel tardo pomeriggio. Il regista statunitense intanto sui social invita tutti ad evitare lo spoiler.
Nell'attesa, intanto, passerella di grandi dive francesi. Isabelle Huppert è la protagonista del film in corsa per la Palma d'oro Frankie dell'americano Ira Sachs: è una donna che deve comunicare che sta per morire alla sua famiglia allargata, mentre trascorre le vacanze a Sintra, stazione balneare portoghese.
Fanny Ardant invece è in Costa Azzurra per il film fuori concorso La Belle Epoquedi Nicolas Bedos, commedia che ha divertito e sorpreso la platea, che le ha riservato molto applausi. 
70 anni da poco compiuti, la Ardant interpreta una moglie che ha un amante, forse non il solo, e nonostante l'età ha intenzione di vivere pienamente la sua vita.

20 maggio, il giovane terrorista dei fratelli Dardenne
Veterani di vittorie a Cannes, due volte Palma d'oro con Rosetta (1999) e L'Enfant - Una storia d'amore (2005), i fratelli belgi Jean-Pierre e Luc Dardenne tornano in concorso con Le jeune Ahmed, storia di un adolescente che si avvicina all'estremismo islamico e progetta di uccidere l'insegnante.
Film teso che farà parlare, è ambientato nella Vallonia francofona, terra natìa dei due registi e area del Belgio che è stata base della cellulola terroristica degli attacchi di Parigi del novembre 2015.
19 maggio, Alain Delon al di là delle polemiche
Il gran giorno di Alain Delon. La super star francese, icona di bellezza degli anni '60 e '70 , in serata riceve la Palma d'oro alla carriera, riconoscimento già attribuito a Paul Belmondo e Jean-Pierre Léaud. È il suo primo premio a Cannes e sembra una ricompensa tardiva al divo che recitò per registi come Visconti, Antonioni o Melville.
Il premio arriva tra le polemiche: le femministe, infatti, hanno accusato l'attore di essere "razzista, omofobico e misogino", per alcune sue dichiarazioni del passato, e si sono opposte al riconoscimento. Ma... il cinema è il cinema, e il direttore del Festival, Thierry Frémaux, ha più volte affermato che Cannes lo premia per i suoi meriti artistici. Difendendo, tra l'altro, così l'attore: "Alain Delon ha il diritto di pensare quello che pensa".
E lui, il bello del cinema francese, in mattinata ha voluto omaggiare proprio il mondo femminile, nell'incontro con il pubblico: "Senza le donne che ho incontrato non sarei qui, sono loro che mi hanno fatto fare questo mestiere". In serata ha ricevuto il premio dalle mani della figlia Anouchka, commovendosi tra gli applausi, con parole dolciamare: "Stasera più che la fine di una carriera per me è un po' la fine della mia vita. È difficile andarsene e devo andarmene ma prima voglio ringraziare tutti i registi con cui ho girato ma soprattuto il pubblico, perchè è il pubblico che fa le star".
18 maggio, Lelouch, Trintignant e Aimée 53 anni dopo

Un uomo, una donna, più di mezzo secolo dopo. Claude Lelouch porta a Cannes, fuori concorso, Les Plus Belles Années d'une vie, sequel del suo film del 1966 con Jean Louis Trintignant e Anouk Aimée. E i due divi francesi ci sono ancora, oggi 88 anni Trintignant, 87 Aimée, insieme alla nostra Monica Bellucci e a Marianne Denicourt. La  Bellucci interpreta la figlia di Trintignant; sul red carpet ha detto: "È un sogno essere qui e poter condividere il mondo del grande cinema con delle icone magnifiche come loro tre".
Questa è la terza puntata della love story tra e l'ex pilota automobilistico vedovo e l’assistente cinematografica, vedova anche lei. Prima, nel 1985, ci fu Un uomo, una donna oggi.
17 maggio, i dolori del vecchio Pedro
Corre per la Palma d'oro Dolor y Gloria, il film più autobiografico di Pedro Almodóvar, accolto tra applausi e lacrime di commozione. A interpretare Salvador Mallo, regista cinematografico in declino, il suo amico di lunga data Antonio Banderas. Sua madre da giovane, invece, ha il viso di una delle sue muse, Penélope Cruz.
Mallo, che tanto somiglia ad Almodóvar, è un regista chiusosi in casa da quando ha visto spegnersi la sua creatività, tormentato da guai fisici, acufeni, emicrania, fotofobia...
Un film molto intimo che, sulle note tristi di Chavela Vargas, racconta un personalissimo spleen esistenziale, diviso da un quotidiano stanco e da un vivido passato.
16 maggio con Ken Loach ed Elton John


Fuori concorso, ecco Rocketman, biopic su Elton John che mira ad avere lo stesso successo di Bohemian Rhapsody, il film musicale sui Queen. Non a caso alla regia c'è Dexter Fletcher, il regista britannico subentrato alla fine della lavorazione nel film su Freddie Mercury, in seguito alla defezione di Bryan Singer. Con Rocketman non poteva non arrivare a Cannes anche sir Elton John, in tutta la sua effervescente eccentricità. 
Sempre dal Regno Unito ecco anche a Ken Loach, il regista dell'impegno sociale che si conferma con Sorry we missed you, film in concorso, storia di un padre e una madre in difficoltà dopo la crisi finanziaria del 2008. Loach a Cannes ha già vinto la Palma d'oro per Il vento che accarezza l'erba nel 2006 e Io, Daniel Blake nel 2016.
15 maggio, la sorpresa: i miserabili delle banlieue 
La sorpresa della giornata viene dall'opera prima in concorso Les Misérables del regista francese Ladj Ly, trentottenne definito lo Spike Lee francese. "Più di un secolo dopo, la miseria è ancora presente nei luoghi raccontati da Victor Hugo", ha detto.
I miserabili di questo lungometraggio in corsa per la Palma d'oro, molto applaudito, sono i giovani arrabbiati delle banlieue di Parigi, i sobborghi attorno a Clichy-sous-Bois dove vivono molti immigrati poveri e che sono stati set cinematografico e casa di Ladj Ly.

14 maggio, l'apertura con gli zombie

L'apertura del Festival è stata affidata a The Dead Don't Die - I morti non muoiono del regista indipendente statunitense Jim Jarmusch, commedia horror-dark popolata da zombie accolta dagli applausi. Un cast pop: Bill Murray, Iggy Pop, Selena Gomez, Tilda Swinton, Tom Waits e il rapper Rza.
E in seno al film - in concorso - un messaggio ambientalista. Ecco cosa ha detto Jarmusch: "Vedere il declino della natura è terrificante e mi preoccupa molto. La politica non mi interessa, mi interessa la consapevolezza delle persone. La politica è una forma di distruzione, è politica delle multinazionali. La questione è nelle nostre mani, chiunque di noi può scegliere di boicottare certe multinazionali".

Tag: #Cinema

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

“Mi rendevo tuttavia conto, e ormai da anni, che lo scarto crescente, divenuto abissale, tra la popolazione e chi parlava in suo nome, politici e giornalisti, era destinato a portare a qualcosa di caotico, violento e...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

Il populismo ingoiato, il sovranismo espulso. Questo in sintesi è accaduto nell’incredibile agosto della Repubblica italiana. Una mossa doppia, conforme alla dominazione europea, che ci allinea ai canoni del politically correct....

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

La corsa in Medio Oriente all’acquisto dei droni cinesi, nonostante il leader mondiale nel settore Uav (gli aeromobili a pilotaggio remoto) siano gli americani, si spiega col fatto che i cinesi sono spregiudicati e del tutto incuranti...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

Cinquant’anni dopo la presa del potere di Gheddafi, la Libia è sempre più avvitata in una guerra civile permanente, in queste ore concentrata intorno all’aeroporto di Mitiga e a Murzuq, in pieno deserto, dove le...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

Presentato fuori concorso all'ultima Mostra del cinema di Venezia, Vivere è l'ultima film di Francesca Archibugi. Dal 26 settembre nelle sale, ritrae una famiglia disfunzionale, disordinata, sul filo di...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

Il numero uno di Allianz Oliver Bäte è stato categorico: se i rendimenti dei titoli di Stato tedeschi, i Bund, rimarranno negativi il primo gruppo assicurativo del Paese non ne acquisterà più. Pochi giorni dopo tocca al presidente della Baviera...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

Dopo le retate, la pax mafiosa è finita e i vecchi boss si riprendendo Prato, grazie anche ad alleanze inquietanti. Prendiamo la storia di Lin Cai Wang. Corpulento e alto un metro e 90, si rasava completamente il cranio. Per questo era...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

Ricordate la crisi dei subprime, i mutui erogati a clienti ad alto rischio d’insolvenza la cui «bolla» a partire dalla fine del 2006 devastò gli Stati Uniti e poi contagiò la finanza globale, scatenando la peggiore recessione nella storia...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

All’Angelus il papa libera due colombe di pace. Un gabbiano ne attacca una, la uccide e la divora sotto gli occhi di tutti. I giornali non avevano tutti i torti quando interpretarono questa spiacevole vicenda, accaduta nel Gennaio 2014, in termini di...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

Fate largo ai senatori, lasciate spazio nel calendario per i veterani delle scene. Sarà un autunno di grandi ritorni, un’invasione di mattatori storici che reclameranno d’imperio il posto d’onore sotto i riflettori. A cominciare da Arnold...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

Tante idee, ma pochi soldi. Nonostante i proclami del neonato governo Conte e i progetti più o meno riformisti dell'esecutivo per un momento si è a un nulla di fatto su molti fronti, a partire da quello...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

C'era una volta la sinistra in Italia. Una sola sinistra: prima della scissione di Renzi, del bicameralismo di D'Alema, di Prodi, Fassino e Veltroni c'era LA...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

Il cerchio si stringe attorno a Leonardo, in fuga dopo l'omodicio della poliziotta Nadia Aversa. Comincia così la seconda puntata di Rosy Abate 2, la serie di Canale 5 con Giulia...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

Un derby alla quarta di campionato è, per definizione, un derby quasi buttato via. Arriva troppo presto, disperde parte del suo potenziale anche se poi la storia recente di Milan e Inter racconta di altre stracittadine...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Panorama

«Mi si nota di più se dico «negro» o «zingaraccia»? Una domanda che il correttissimo Nanni Moretti non si farebbe mai, ma che, in una fase storico-sociale in cui sembra ci sia tolleranza zero su ogni espressione che offenda anche alla...