Come funziona il permesso di soggiorno per omosessualità

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Panorama

La mia parola contro la tua. Rispetto della privacy e della personale morale vietano alla giustizia di sottoporre chi si dichiara gay a test psicologici per verificarne la veridicità.
Specie se il presunto omosessuale è straniero, in cerca di permesso di soggiorno e arriva da Paesi in cui l'omosessualità è un reato.
Sembra che siano sempre più numerosi i casi di immigrati che, dopo essersi visti respinta la richiesta di permesso di soggiorno in quanto non rifugiati, si appellano alla convenzione dei diritti dell'uomo e rivendicano un'omosessualità spesso falsa pur di non dover lasciare il nostro paese. 
Come funziona la legge sul permesso di soggiorno agli omosessualità
L'escamotage viene offerto su un piatto d'argento dalla stessa legge direttamente dagli avvocati d'ufficio che, a spese degli italiani, vengono assegnati ai migranti dopo che le Commissioni territoriali del Ministero dell'Interno respingono le richieste d'asilo in quanto si tratta di emigrazione per motivi economici.
Ad ammetterlo candidamente sono gli stessi migranti che confermano di essere tutt'altro che gay e che riferiscono di essere stati invitati a frequentare le associazioni gay e a prendere tessere d'appartenenza al movimento Lgbt per appellarsi ai protocolli collegati alla Convenzione sui Rifugiati e per l’Italia al decreto legislativo n.251, 2017.
Secondo quanto recita la legge, infatti, lo status di rifugiato non spetta solo a chi scappa da guerre e persecuzioni politiche ma anche a chi si trovi in pericolo di vita a causa del proprio orientamento sessuale.
Solo in Africa ci sono almeno 33 Stati dove l’omosessualità è reato e in 4 di questi (Mauritania, Sudan, Nigeria e Somalia) è prevista la pena di morte; in un terzo del mondo, ancora oggi essere omosessuali è un reato.
Come aggirare la legge
Una volta che il migrante scopre di poter utilizzare la "carta gay" viene consigliato di frequentare ambienti gay per apprendere le migliori risposte da fornire in sede giudiziaria alle eventuali (poche in nome della privacy) domande circa il proprio orientamento sessuale e il proprio passato persecutorio nel paese d'origine.
Corriere della Sera cita le parole riferite da uno dei coordinatori di un'associazione gay di Roma che ammette: "Nel 99,9 % dei casi i migranti che vengono da noi non sono gay, sono qui solo perché hanno bisogno dei documenti. Per ottenerli però devono risultare convincenti di fronte ai giudici e per chi è eterosessuale e proviene da Paesi dove i gay non sono accettati, non è certo facile. Noi proviamo ad aiutarli a combattere la loro omofobia e a sentirsi a loro agio nei panni gay.
Il giudice in questo modo viene di sovente messo con le spalle al muro perché è quasi impossibile verificare l'orientamento sessuale di una persona in maniera non invasiva e rispettosa dei diritti personali e, il più delle volte, passando da una sentenza all'altra, si finisce per firmare il nulla osta alla concessione dello status di rifugiato.

Tag: #Cronaca #News

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Gli ultimi sondaggi di politica sulle intenzioni di voto degli italiani raccontano come la situazione non sia molto cambiata in queste due settimane di festività natalizie. Le Lega torna a crescere, forte a quanto pare ...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Victor Moses è un giocatore dell'Inter. L'ufficialità della trattativa che ha portato l'esterno del Chelsea ai nerazzurri verrà data nelle prossime 24 massimo 48 ore ma tutti i dettagli e gli accordi tra le parti sono ...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Settimana per settimana, i film dai maggiori incassi cinematografici in Italia. Ecco la top ten del botteghino italiano dal 6 al 12 gennaio 2020, secondo dati Cinetel. Tolo Tolo di Checco Zalone scavalca Il re leone di Jon Favreau...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

La guerra è finita, le anticipazioni della seconda puntata I Marchesi Terenzi, proprietari della tenuta agricola abbandonata dove alloggiano i ragazzi, decidono di riprendersi quel posto per trasformarlo in un’azienda agricola. Giulia ...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il 20 gennaio 1920 nasceva a Rimini Federico Fellini, il grande regista, sceneggiatore e fumettista e amato in tutto il mondo. Candidato dodici volte all'Oscar, ha vinto quattro Oscar al miglior film straniero con La strada,...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il nuovo modello 730 è stato approvato dall’Agenzia delle Entrate e prevede importanti novità. Le novità del nuovo 730 A partire da quest’anno i lavoratori dipendenti e pensionati che presentano il...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

La sintesi migliore l'ha fornita proprio Sarri al termine della sfida vinta dalla sua Juventus contro il Parma, che ha certificato la prima fuga (+4 sull'Inter) della stagione. Ronaldo ti crea un...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Tolti gli under 18 e i genitori di figli adolescenti che (realisticamente) ascoltano rap italiano, quanto di voi hanno sentito parlare di Junior Cally fino a una settimana fa? Se volete divertitrvi a fare un esperimento di sociologia...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il terzo processo di impeachment presidenziale al Senato della storia americana che vede sul banco degli imputati Doland Trump, sta per entrare nel vivo. Dopo le cerimonie inaugurali di...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

“Mi piacciono le voci che lasciano il segno, quelle che riconosci dopo pochi secondi perché hanno un timbro e un’intensità inconfondibili”. Si racconta così a Panorama.it, Ivi, 25 anni, austriaca, voce di Andromeda, un...

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Panorama

da Las Vegas Mentre scarica cascate di drop sul pubblico dell’XS, uno dei club più chic e meglio frequentati di Las Vegas, Kygo indossa un paio di eleganti cuffie bianche. A volte le tiene sulle orecchie per concentrarsi sul...

Pubblicato domenica, 19 gennaio 2020 ‐ Panorama

Il 20 gennaio del 2020, secondo lo psicologo Cliff Arnall, professore dell’Università di Cardiff, è ufficialmente il "blue monday", il giorno più triste dell’anno, come risultato di una complessa equazione...

Pubblicato domenica, 19 gennaio 2020 ‐ Panorama

Era l’inizio del 2013 quando Google rese disponibile ai suoi sviluppatori gli occhiali smart che si rivelarono poi un clamoroso flop, perché i Glass si rivelarono un prodotto troppo rivoluzionario per l’epoca. La lezione è servita a Big G e agli...

Pubblicato domenica, 19 gennaio 2020 ‐ Panorama

Vent’anni fa in Argentina gli insegnanti universitari lamentavano che gli studenti arrivavano con grandi difficoltà sia di comprensione nella lettura, sia nella capacità di esprimere un'idea attraverso la scrittura.   Purtroppo non sto qui a cercare ...

Pubblicato sabato, 18 gennaio 2020 ‐ Panorama

Una delle maggiori sfide per un artista è quella di evolversi stilisticamente, senza però scontentare troppo i fan della prima ora, catturati da un determinato tipo di sound. Una sfida che risulta particolarmente ostica per i rapper,...