Cina, ecco come Google prepara il motore di ricerca censurato

Pubblicato venerdì, 10 agosto 2018 ‐ Panorama

In un mondo globalizzato, restano zone d'ombra negli scambi, soprattutto nel web. E' il caso della Cina, dove la forte censura ha impedito finora lo sbarco di social come Facebook o WhatsApp, ma anche di motori di ricerca come Google, che pure aveva provato a inserirsi tra le maglie dei divieti del Dragone, salvo esserne poi bandito. Ora, però, i tempi sembrano maturi di un ritorno di Big G nella potenza asiatica, con un motore di ricerca specifico e "autocensurato".
Le indiscrezioni
Secondo quanto riportato dal magazine statunitense The Intercept, il colosso di Moutain View avrebbe pronto un prodotto che non solo segnerebbe il ritorno nel mercato cinese, appetibile per il numero di potenziali utenti, ma che aggirerebbe anche le severe regole della censura di Pechino. Come? Grazie a filtri in grado di impedire alcuni tipi di ricerche ritenute "proibite" o scomode" dalle autorità cinesi.
Un esempio? Quelle che hanno a che fare proprio con la "libertà di parola".  Il nuovo motore di ricerca avrebbe anche già un nome, che è già un manifesto: Dragonfly.
Le basi del nuovo progetto sono state gettate nel 2017 e il suo funzionamento sarebbe semplice.
Come funzionerebbe Dragonfly
Nonostante il condizionale sia d'obbligo, secondo le indiscrezioni circolare in queste ore Dragonfly potrebbe ottenere il via libera dal governo cinese, perché sarebbe una versione "autocensurata". Nel momento in cui un utente lo usasse per fare una ricerca su un argomento tabù, comparirebbe un disclaimer, un avvertimento con scritto che "alcuni risultati potrebbero essere stati rimossi a causa di requisiti di legge".
Specifici filtri impedirebbero, dunque, di avere accesso a informazioni che Pechino non vuole siano diffusi e che appartengono a una black list, una lista nera che si occupa già oggi di far sì che non si possa navigare su determinati siti. Tra questi, ad esempio, ci sono Wikipedia e BBC News.
Naturalmente lo stesso tipo di "barriera" prevista per le news sarebbe applicata anche alle immagini e al controllo ortografico.
Perché Google vuole tornare in Cina
Google era già sbarcata nel Paese asiatico anni fa, ma nel 2010 ne era uscita, a causa dello stop imposto dalle autorità di Pechino e in particolare del cosiddetto "Great Firewall", il vero e proprio muro imposto dalla censura cinese.
All'epoca Big G aveva accusato esplicitamente la potenza asiatica di attentare alla libertà di quel miliardo e 400 milioni di cittadini cinesi, impendendo loro la libera circolazione di informazioni. Ora pare che la battaglia di principio sui diritti degli abitanti del Paese sia passata in secondo piano, a favore di una più concreta possibilità di tornare nel ricco (e potenzialmente enorme) mercato cinese.
I possibili ricavi che Dragonfly consentirebbe, seppure "dimezzato" nelle potenzialità rispetto alla versione tradizionale di Google, sarebbero tali a far superare l'idea di non poter operare nella totale libertà.
Il concorrente rivale Baidu
Le valutazioni dei vertici californiani di Google sembrano aver convinto, nonostante il precedente poco fortunato, non solo da un punto di vista della censura. Già quando il motore di ricerca era presente in Cina, infatti, non era comunque il leader del mercato.
Secondo Quarz, infatti, Google riusciva a catalizzare soltanto il 30% degli utenti internet cinesi. La restante quota, invece, preferiva rivolgersi a Baidu. I motivi dell'apparente "fallimento" possono essere stati diversi.
In primo luogo si è pensato a qualche forma di interferenza da parte del governo di Pechino e in particolare del potentissimo Partito Comunista, che ha sempre agito in questa direzione nei confronti di tutte le aziende straniere operanti sul proprio suolo.
Ma ciò non spiegherebbe da solo certi numeri. Quando Google agitò i mercati a causa delle rimostranze per i divieti imposti dalle autorità cinesi, proprio queste proteste contribuirono alla sua popolarità anche tra i consumatori cinesi. La ragione del successo di Baidu, piuttosto, sarebbe legata alle strategie messe in campo.
In primo luogo al fatto di essere presente negli internet cafè, cioè proprio i luoghi nei quali la maggior parte degli utenti cinesi ha accesso al web. A differenza degli americani, che prediligono la casa o l'ufficio per navigare (o lo smartphone), i cinesi passerebbero la maggior parte del loro tempo su internet in locali pieni di fumo (e spesso in condizioni che Quarz definisce "sudice"), tra giochi online, chat con gli amici o forum vari.
A fronte del pagamento di una commisisone, le aziende si assicurano la presenza sul desktop dei Pc di questi internet café ed è proprio questo che ha fatto Baidu, diventando il motore di ricerca predefinito della maggior parte dei computer.
Google pare avesse seguito la stessa strada, ma in modo molto più soft, senza arrivare a pagare operatori ad hoc per estromettere i rivali, come raccontato da Steven Levy nel suo libro In the Plex.
Musica gratis in download
Un altro sistema grazie al quale Baidu si è conquistato popolarità è il fatto che ha permesso di scaricare musica gratis. Considerando che gli internet café in Cina sono luoghi soprattutto di intrattenimento, dove è possibile ascoltare musica, ecco che si spiega come il 20% del traffico di Baidu nel 2005 risultasse provenire da mp3.baidu.com.
Il ritorno potrebbe andare meglio?
Nonostante queste considerazioni, un nuovo ingresso di Google in Cina potrebbe questa volta essere accolto con entusiasmo dagli utenti locali. Da tempo i consumatori di lamentano della qualità di Baidu nelle ricerche, così come della sua politica fraudolenta relativa agli annunci.
Robin Li, CEO del motore cinese, in ogni caso ha messo in guardia Google, sostenendo che non c'è motivo di credere che cittadini cinesi abbiano perso interesse nei confronti di Baidu.
Per spaerne di più




  • Censura su internet: cosa sta accadendo in Cina



  • Perché la Cina ha bloccato anche WhatsApp



  • Usa vs Cina: la guerra delle Intelligenze Artificiali è appena cominciata


Tag: #Internet #Mytech

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Panorama

I sondaggi elettoriali segnalano la crescita del Pd, che dopo le primarie e l'elezione del nuovo Segretario, Nicola Zingaretti, supera per la prima volta dopo mesi il Movimento 5 Stelle e diventa così ...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Panorama

Apple ha appena rinnovato due vecchie conoscenze: l’iPad Air da 10,5 pollici e il suo fratello in scala ridotta, il mini da 7,9 pollici. Una coppia di prodotti diversi nelle taglie ma entrambi capaci di parlare a un...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Panorama

Nei primi mesi del 2019 il numero di migranti arrivati in Italia è ai minimi storici. Lo dicono i dati del Ministero dell'Interno resi noti dal Ministro Salvini,...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Panorama

Di canzoni che i genitori-artisti hanno scritto in occasione della nascita dei figli ce ne sono migliaia. Un'infazione incredibile quanto umanamente comprensibile. Noi invece, per celebrare la festa del papà ne...

Piaggio, al via la produzione di Gita, il robot (valigia) che ti segue Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Panorama

Conosciuto in tutto il mondo principalmente per la produzione di scooter, moto e veicoli commerciali – tra cui i famosissimi Vespa e Ape - il Gruppo Piaggio ormai da qualche tempo sta ampliando i propri orizzonti alla ricerca di...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Panorama

Conosciuto in tutto il mondo principalmente per la produzione di scooter, moto e veicoli commerciali – tra cui i famosissimi Vespa e Ape - il Gruppo Piaggio ormai da qualche tempo sta ampliando i propri orizzonti alla ricerca di...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Panorama

E' il caso che sta agitando l'Inter e il calcio italiano in questo inizio di 2019. Icardi contro l'Inter dopo la scelta del club di togliergli la fascia di capitano perché sgradito al resto dello spogliatoio. Una bomba...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Panorama

Ansia e depressione colpiscono sempre più i giovani e i giovanissimi: il 50% dei casi si manifesta tra i 15 ed i 19 anni, e si stima che in modo più o meno grave ne sia colpito il 20 per cento degli...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Panorama

Un ambiente di lavoro sereno a livello piscologico, che favorisce l’equilibrio fra lavoro e vita privata e premia con una promozione chi lo merita davvero, in cui i manager agiscono in modo onesto secondo una solida etica nella loro attività...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Panorama

Quasi sessanta miliardi di euro come paventa il Mef o una cifra che si aggira tra i 12 e i 15 miliardi come sostiene il Governo? Intorno ai costi che dovrebbe sostenere lo Stato per lo sviluppo della seconda fase della...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Panorama

La Uefa ha deciso di aprire un fascicolo disciplinare su Ronaldo e il suo gesto verso i tifosi dell'Atletico Madrid alla fine della partita della grande rimonta Juventus. Un atto prevedibile visto l'impatto a livello di...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Panorama

Ad elencare tutte le invenzioni e le decine di brevetti firmati da Pietro Vassena si rischia di diventare prolissi. Spirito irrequieto e geniale nato sulle rive del lago di Lecco (Malgrate, 21 aprile 1897 - Lecco, 21...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Panorama

Come vi ho già cominciato a raccontare qualche giorno fa, recentemente sono stato a Malta con Marco per una gara internazionale di karate (abbiate ancora un po' di pazienza, non manca molto a che vi dica come è andata) e mentre lui assisteva alle gare...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Panorama

La prima versione beta di Android Q è disponibile. Si tratta di un software non raccomandato per il pubblico ma dedicato agli sviluppatori, utile però per capire dove e in che modo cambierà il sistema operativo più diffuso al mondo ...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Panorama

I sondaggi elettoriali segnalano crescita del Pd, che dopo le primarie e l'elezione del nuovo Segretario, Nicola Zingaretti, supera ormai il 20%. Sembra non fermarsi invece la crisi ed il calo del...