Ci sarà un altro Trono di Spade?

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Panorama

Ora che il Trono di Spade ha un legittimo occupante, una domanda s’avanza nella mente dei fan e degli addetti ai lavori: chi prenderà il posto del Trono, cioè della serie più vista di tutti i tempi, nella programmazione tv? Ci sarà da qui a un anno un’altra serie capace di calamitare così tanto consenso nel mondo? In tempi di guerra per la conquista dello streaming, con tanti nuovi contendenti in campo, da Apple a Disney, la domanda non è affatto peregrina. Tanto che già circolano le prime ipotesi sulla serie che potrebbe conquistare il nostro cuore di spettatori e tenerci incollati alla tv per almeno 8 poderose stagioni. Le ipotesi sono almeno 4.

1. Il Signore degli Anelli.

Morto un fantasy se ne fa un altro. E chi meglio dell’immaginario di Tolkien per attirare gli spettatori orfani del Trono? Amazon ha battuto tutti gli altri streamer per ottenere il privilegio di pagare 250 milioni (duecentocinquanta milioni!) di dollari per adattare Tolkien per la tv. E altri tre quarti di miliardo li spenderà per produrre le altre stagioni, soverchiando il Trono di Spade almeno in quanto budget. Per ora sappiamo che la serie non sarà un remake del materiale trattato nei libri e nei film precedenti, ma piuttosto un prequel di genere, potenzialmente esteso a terre non esplorate da Tolkien.
Perché potrebbe essere il nuovo Trono di Spade: Lo stesso George R.R. Martin ha ammesso di essersi ispirato a Tolkien per le sue storie. Dunque la sostanza c’è.
Perché no: un altro fantasy che rimaneggia il medioevo? Sicuro che gli spettatori non vogliano evadere un po’ dai tempi cupi e bui? E poi, è vero che Tolkien è maestro di maghi, gnomi e guerrieri. Ma il Trono è stato tante altre cose: un mix di sesso, politica, guerre e colpi di scena degni più di un thriller che di un fantasy.
2. The Witcher.
La risposta di Netflix al Trono di Spade è una serie basata sui romanzi dello scrittore polacco Andrzej Sapkowski, che avrà per protagonista il muscoloso Henry Cavill (Superman). Cavill interpreterà Geralt, un cacciatore di mostri che deve proteggere una giovane principessa “magica”.
Perché potrebbe essere il nuovo Trono di Spade: il tocco fantasy c’è. E Netflix non è seconda a nessuno quando si tratta di produrre una bella serie tv.
Perché no: il cast è un po’ ridotto: pochi protagonisti, anche se buoni, riusciranno a non farci rimpiangere la coralità di Game of Thrones?
3. Star Wars.
Per il suo debutto come streamer, Disney + punta su un classico di tiene saldi i diritti: Star Wars, che dovrebbe essere declinato in ben due serie tv. Una, The Mandalorian, ha per protagonista una vecchia conoscenza del Trono di spade, Pedro Pascal, nei panni di un bandito solitario che bazzica i confini dell'universo. Costo: sui 100 milioni di dollari. L'altra, tecnicamente ancora in fase di sviluppo, sarebbe un thriller con l’attore Diego Luna, interprete di Cassian Andor nel film Rogue One. Ma poiché le guerre, come insegna il Trono di Spade, si vincono soprattutto con la strategia, per non avere concorrenza, Disney ha anche assoldato David Benioff and D.B. Weiss, i due padri padroni del Trono di Spade, per il prossimo episodio cinematografico di Star Wars, rubandoli di fatto alla concorrenza.
Perché potrebbe essere il nuovo Trono di Spade: Star Wars è un universo ricchissimo a cui attingere. E può già contare su un vasto seguito di fan nel mondo.
Perché no: ci saranno i colpi di scena? E la politica? E il sesso? Perché il pubblico del Trono vuole anche quelli.
4. Il Trono di Spade.
Morto un trono se ne fa un altro, nel senso di spin-off: è certo che la HBO produrrà una serie figlia di Game of Thrones, scritta dallo stesso George R.R. Martin. Il problema per ora è come farla, per non toppare: "Stiamo discutendo su come continuare brillantemente l'universo di Game of Thrones ", hanno ammesso i big della HBO. "Ma dobbiamo essere davvero ponderati per non uccidere la gallina dalle uova d'oro e non mettere su serie che non sono all'altezza di quel livello di qualità”. Per ora si sa poco, tipo che ci saranno Naomi Watts e Josh Whitehouse (Poldark). E che gli sceneggiatori coinvolti per il pilot sono 5 e di altissimo livello: Max Borenstein ( Kong: Skull Island), Jane Goldman, Brian Helgeland (vincitore del premio Oscar LA Confidential), Carly Wray (Westworld) e Bryan Cogman, uno dei principali scrittori di Game of Thrones. Infine, pare, che la serie dovrebbe essere un prequel, ma non è detto.
Perché potrebbe essere il nuovo Trono di Spade: perché, formalmente, è il nuovo Trono di Spade.
Perché no: mai sentito parlare della maledizione dello spin-off? Se Breaking Bad, si è salvata in corner con Better Call Saul, una bella serie che però non ha neppure un quarto degli spettatori dell’originale, gli spin-off sono quasi sempre andati a finire male: da Friends a Dallas, passando per Baywatch, partire da una serie tv cult non è sempre sinonimo di successo. Ma come si dice in questi casi, chi vivrà, vedrà (in tv).

Tag: #SerieTv #Televisione #TronoDiSpade

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato sabato, 15 giugno 2019 ‐ Panorama

Viaggia in jet privato (a noleggio), sceglie solo alberghi dalle 5 stelle in su e quando deve fare shopping vola a Dubai. Il profilo minimo di Taylor Mega – super influencer friulana da 1,6 milioni di seguaci –...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

I Toronto Raptors non esistevano fino alla stagione 1995-96. Furono formati quando l'NBA, all'inizio degli anni '90, decise di allargare la franchigia oltre i confini degli USA coinvolgendo i team canadesi. A Toronto il...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

Mentre l'inchiesta su quello che inizialmente era il "Caso Palamara" e che ha coinvolto l'Associazione Nazionale Magistrati, poi il Csm, sfiorando anche il Quirinale, diventa...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

Secondo i risultati del TripAdvisor Summer Vacation Destinations Report 2019, sono le isole spagnole e greche le protagoniste dell’estate degli italiani che trascorreranno all’estero le loro...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

Alice è tornata a casa. L’abbiamo accolta stasera, nella sua nuova casa, ancora un po’ provvisoria nell’arredamento ma già piena dell’amore che sarà. È tornata con il suo Antonio, dopo un anno a Tolosa: ha deciso di...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

Vivere al mare è il sogno di tutti? Dopo aver lavorato una vita intera chi non ha mai pensato almeno per una volta di far le valigie e trasferirsi in una località dove sia sempre primavera, dove il costo della vita sia più basso e...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

Manolas alla Juventus? Si può fare. Scambio Higuain-Manolas? Assolutamente no. E' quanto filtra dalla Roma dopo le voci di un clamoroso scambio che porterebbe Kostas...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

L'estate del calciomercato si annuncia caldissima e con molti affari che terrano banco per settimane. Già il valzer delle panchine ha movimentato il mese di giugno, preannunciando autentici tormentoni che riguarderanno tutte le big italiane. Chi per...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

"Ok, sono un alcolizzato, un cocainomane sex addicted, bulimico e in preda allo shopping compulsivo". Si presenta così Rocketman, con un'inquadratura spietata sul momento più drammatico della parabola umana di Elton John. Un...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

Francesco Totti è a un passo dall'addio alla Roma. Il secondo, dopo quello dal campo di due anni fa con giro dell'Olimpico, applausi, lacrime e insulti a chi l'aveva (agli occhi dei tifosi) spinto verso quel passo....

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

Un esperimento riuscito, un disco che spiazza e sorprende piacevolmente. Un incontro tra mondi musicali differenti che si scompongono per crearne uno nuovo, che diventa un ponte tra generi, suoni e concetti. Un altro muro che...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

Meno incidenti, riduzione dello stress in coda, parcheggi in zone dedicate e dunque libere e…più sesso! Queste sono le promesse che porta con sé la guida autonoma. I primi punti sono alquanto risaputi mentre l’ultimo, quello più intrigante, è una ...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

Pensi a Bruce Springsteen e la prima immagine che ti viene in mente è quella di uno stadio pieno e traboccante di entusiasmo per il rocker del New Jersey, celebre per le sue trascinanti maratone musicali di quattro ore. Impossibile non...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

“Io e Justin Bieber abbiamo pubblicato una nuova canzone. Si intitola “I don’t care” e spero che vi piaccia”. Cosi Ed Sheeran ha annunciato, il 10 maggio, il suo nuovo singolo I don’t care, prodotto da Max Martin,...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

La vicenda Huawei può ritorcersi contro gli Stati Uniti. Il blocco imposto dal presidente Donald Trump alle aziende americane, che impedisce loro di fornire beni e servizi al colosso cinese delle telecomunicazioni, potrebbe rivelarsi un autogol, un...