Bruce Springsteen: “Western Stars” è un nuovo e suggestivo viaggio musicale

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Panorama

Pensi a Bruce Springsteen e la prima immagine che ti viene in mente è quella di uno stadio pieno e traboccante di entusiasmo per il rocker del New Jersey, celebre per le sue trascinanti maratone musicali di quattro ore.
Impossibile non lasciarsi coinvolgere dall’energia e dal carisma di questo moderno sciamano del rock, che rappresenta, nelle sua fisicità ancora esplosiva nonostante le 69 primavere, l’eroe americano tratteggiato dalla penna di Whitman.
Il Boss, che a fine maggio era a Roma insieme alla moglie Patti Scialfa per una gara di equitazione a cui ha partecipato la figlia Jessica Rae, ha confermato al quotidiano "La Repubblica" che entrerà in studio con la E Stret Band in autunno, per poi intraprendere insieme un tour mondiale nel 2020 che farà tappa anche a Roma e, probabilmente, anche in qualche altra città italiana.
Prima, però, lo attende la pubblicazione del nuovo, sorprendente Western Stars, che uscirà il 14 giugno per la Columbia Records/Sony Music in cd e doppio vinile, a cinque anni di distanza dall’ultimo album di inediti, in cui il Boss è riuscito a stupirci ancora una volta con un genuino e malinconico soft rock d’autore, evocativo e ricco di archi.
Il diciannovesimo disco della carriera di Springsteen porta la sua musica verso nuove direzioni, prendendo in parte ispirazione dai dischi pop della California del Sud tra la fine degli anni ’60 e l’inizio dei ’70, come hanno rivelato i primi due singoli Hello Sunshine e There Goes My Miracle.
Uno stile musicale che aveva trovato nella Laurel Canyon il suo Eldorado e in Glen Campbell e Jimmy Webb due dei suoi maggiori autori.
«Questo lavoro è un ritorno alle mie registrazioni da solista con le canzoni ispirate a dei personaggi e con arrangiamenti orchestrali cinematici», racconta Springsteen, «è come uno scrigno ricco di gioielli».
Western Stars è stato registrato prevalentemente nello studio casalingo di Springsteen in New Jersey, con l’aggiunta di alcune registrazioni realizzate in California e a New York.
Nei tredici brani di “Western Stars”, tutti scritti dal rocker del New Jersey, troviamo una vasta gamma di temi tipicamente americani: dalle autostrade immense agli spazi desertici, dal sentimento di isolamento a quello opposto di comunità, dalla stabilità di casa alla speranza che non svanisce mai.
Ron Aniello ha prodotto l’album con Springsteen e ha suonato il basso, le tastiere e altri strumenti. Patti Scialfa ha contribuito alle voci e agli arrangiamenti vocali di quattro tracce.
Agli arrangiamenti musicali compresi gli archi, i fiati, la pedal steel hanno contribuito più di una ventina di musicisti tra i quali Jon Brion (che suona la celesta, il Moog e la farfisa) e sono stati ospitati artisti come David Sancious, Charlie Giordano e Soozie Tyrell.
Nessun cantautore americano, dopo Bob Dylan, ha raccontato le strade infinite, le angosce esistenziali e le contraddizioni dell’America degli ultimi quarant’anni come Springsteen.
A lui dobbiamo il merito di aver mantenuto in vita la fiamma del rock and roll, non come mera musica di intrattenimento, ma come strumento universale per prendere posizione e per risvegliare la coscienze assopite di una società ripiegata su se stessa, indifferente e iperconnessa, brandendo la sua chitarra consunta come un'arma benevola.
Il Boss è un artista che ha fatto delle verità e della forza espressiva i punti cardine della sua poetica rock a base di canzoni ricche di vita vissuta, storie di emarginati, corse notturne attraverso le infinite e polverose highways americane, voglia di riscatto, dolorose cadute e inaspettate risalite.
Hitch Hikin' mette subito in chiaro le coordinate sonore di Western Stars: arpeggio di chitarra e voce in primo piano, gli archi ariosi che subentrano prepotentemente nella terza strofa, un testo malinconico ed evocativo sul viaggio (non solo fisico) attraverso le highway americane.
The Wayfarer è un brano notturno, intimo e ricco di calore costruito attraverso il dialogo tra un energico riff di chiatarra e gli archi, con la ripetizione del malinconico verso "Where are you now?", prima che subentri la batteria e gli archi crescano di intensità.
Tucson Train, che inizia e che finisce con una ritmica secca e minimalista, è una canzone che odora di cuoio, polvere, sudore e whisky, in cui la voce piena ed espressiva di Springsteen racconta la febbrile attesa della sua amata alla stazione del treno, in una città dove ha ricostruito faticosamente una nuova vita.
La title track Western Stars ha la sua frase più emblematica nel verso "Stanotte le stelle dell'ovest brilleranno di nuovo", forse un riferimento autobiografico alla depressione appena superata, anche grazie alla catartica esperienza dello spettacolo a Broadway.
Sleepy Joe's Café è una delle canzoni più allegre e uptempo dell'album, in cui è impossibile non battere il piede grazie ai sapienti intrecci di organo elettrico, archi e fiati vagamente mariachi.

Drive fast (the Stuntman) è un emozionante racconto in presa diretta della movimentata e dolente vita di uno stuntman a fine carriera, i cui versi "Drive fast/ fall hard"("Guida veloce/cadi duramente)" portebbero diventare di culto, oltre ad essere uno dei momenti più attesi del nuovo tour.
L'album si chiude con il cortometraggio immaginario di Moonlight Motel, un non-luogo teatro di storie che prendono nuove e inaspettate direzioni, descritte in maniera quasi impressionistica.
Western Stars è un disco suonato e arrangiato in modo impeccabile, dove non sono ammessi computer e stereotipati suoni sintetici.
Nei testi si evidenzia una grande cura nel suono delle parole e la voce di Springsteen, abile narratore di storie urbane, ha acquistato nuovi colori e sfumature, amalgamandosi perfettamente con gli archi che accompagnano tutti i brani.
L'album, siamo certi, farà faville in America, dove costituirà la colonna di lunghi viaggi in macchina, con la Jeep o in camion attraverso le highway che sembrano non finire mai.
In fondo tutta la poetica di Springsteen ruota intorno ai temi dell’identità e del viaggio ed è questo uno dei segreti per capire lo straordinario senso di comunanza che il Boss è risucito a intaurare con il suo fedele pubblico nel corso di oltre quarant'anni di carriera, in cui ha vinto 20 Grammy, un Oscar e un Tony,oltre ad essere stato inserito nella Rock and Roll Hall of Fame, aver ricevuto un Kennedy Center Honor ed essere stato nominato “Person of the Year” da MusiCares nel 2013.
Il cantante non è vissuto come una rockstar lontana e irraggiungibile, ma un working class hero del New Jersey che ce l’ha fatta e che vuole, attraverso la celebrazione sempre nuova di un rito esaltante quanto catartico come quello del concerto dal vivo, che ce la facciamo anche noi a trovare i nostri “glory days”.
Ma non prima di aver attraversato il nostro personale deserto.

Tag: #Musica

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Leonardo sta cercando di strappare il talento di Sandro Tonali dal Brescia e dalla Serie A con un'operazione che ricorda quella fatta nel 2012 con Verratti. L'ex direttore tecnico del Milan, passato direttamente da Milanello alla guida del Psg, ha da...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Spetta al regista Palma d'oro a Cannes nel 2018 aprire la Mostra del cinema di Venezia, edizione 76. La vérité di Kore-eda Hirokazu sarà proiettato in prima mondiale mercoledì 28 agosto...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Sono l'ideale per le famiglie, per gli amanti dei cani che non rinunciano a Fido neppure in vacanza o per le coppiette in cerca di tranquillità. Le case vacanza sono la soluzione sempre più gettonata per coloro che vogliono trovare un...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

La difficoltà delle cose semplici, quelle che da bambini sono necessità urgenti, bisogni quasi primari. Come godersi una favola della buonanotte, coccola messaggera di sogni, chiave d’accesso per altri mondi stupendi. Per i piccoli...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Avrete visto, nelle ultime ore, decine di vostri amici e parenti postare su Facebook i loro selfie in cui si rivedono più anziani, o giovani. Tutto frutto di FaceApp, un'applicazione per smartphone, Android e iOS, che si scarica...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Tutto è più grande e intenso, nel mondo policromo e alienante di Roger Waters, la cui poetica traea linfa dalla costante tensione tra militanza politica e ricerca di una maggiore empatia tra gli esseri umani. Un concerto della geniale...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Nel 2019 la corsa ad aprire nuove moschee in tutta Italia è ripartita. Milioni di euro di finanziamenti piovuti dal Golfo Persico e dall’Asia minore attraverso banche, società finanziarie, privati e facilitatori in loco, abilissimi nel trovare...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Dal 1898 la guida creata dai fratelli Edouard e André Michelin, che offre agli automobilisti indicazioni affidabili per rendere confortevole il viaggio, è stata un riferimento per quelle nate in seguito, anche se diverse per stile, valutazioni e...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Dal suo lancio, avvenuto nel 1989, la Discovery è la vettura di Land Rover sinonimo di avventura, capace di muoversi su terreni estremi, in ogni condizione. Non a caso, negli anni, ha prestato la sua opera in diverse missioni umanitarie ...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

«Poi alla fine qui siamo tutti parenti… alla fine l’università nasce su una base cittadina abbastanza ristretta, una specie di élite culturale della città, perché fino adesso sono sempre quelle le famiglie». In queste...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

di Gian Marco Litrico (da Vancouver) «Quando gli “uomini di ghiaccio” arriveranno, lo faranno in forze». Inizia così il capitolo dedicato all’Artico da Tim Marshall, nel saggio di geopolitica - illuminante e avvincente...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

La Rai continua a raccontare le grandi figure istituzionali che hanno dato un contributo fondamentale alla storia della Repubblica e della società italiana. È il caso di Nilde Iotti, la prima donna eletta Presidente...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

da Taipei Nell’atrio principale del quartier generale di Asus, zona nord di Taipei intasata come ovunque in città di motorini, c’è una copia in scala generosa della Gioconda. Non è una riproduzione del celebre dipinto di Leonardo da...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Tira sempre più aria di crisi di Governo. Una cosa prevista da molti osservatori all'indomani delle elezioni Europee che hanno visto il trionfo della Lega ed il crollo del Movimento 5 Stelle. Ma, se...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

In Italia erano le 22:17:40" di domenica 20 luglio 1969 quando il modulo lunare "Eagle" della missione Nasa Apollo 11 si appoggiava sulla superficie polverosa della...