Brexit, cosa succede se Londra vota alle Europee

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Panorama

Nigel Farage, l’uomo che ha voluto la Brexit, potrebbe tornare ad occupare un seggio al parlamento europeo anche dopo il prossimo voto. E con lui gli altri 73 europarlamentari britannici. L’ipotesi che fino a qualche settimana fa sembrava irreale, potrebbe invece farsi concreta. Con conti e sondaggi da rifare per tutti, Italia in primis. Ma a rimetterci potrebbe essere soprattutto il fronte populista.
Tra Londra e Bruxelles si tratta un rinvio dell’uscita della Gran Bretagna dall’Unione. Londra chiederà con ogni probabilità una proroga dell'articolo 50 fino al 30 di giugno. Ma resta sul tavolo l’ipotesi che sia necessaria un’estensione molto più lunga, anche due anni. In questo caso il Regno Unito dovrà prepararsi a prendere parte alle elezioni europee di fine maggio e l’emiciclo di Strasburgo a cambiare volto.
Come cambia il Parlamento con la Brexit
Con la preannunciata uscita dei deputati britannici, infatti, si era decisa la riduzione dei seggi da 751 a 705. Una scelta anche economica,visto che i 46 seggi lasciati vacanti avrebbe comportato per le casse di Strasburgo un bel risparmio tra stipendi, assistenti e rimborsi spese. Non solo, in caso di Brexit le poltrone rimaste libere sarebbero state destinate a possibili annessioni di altri Paesi, già intenzionati ad entrate nell’Unione europea.
Il progetto prevedeva (prevede) benefici per gli altri paesi. Dei 73 seggi britannici, 27 sarebbero (sono) stati ripartiti tra 14 Paesi, tra cui l’Italia. A beneficiarne maggiormente Francia e Spagna con cinque parlamentari arrivando rispettivamente a 79 e 59. Tre seggi all’Italia (rendendola il terzo paese più rappresentato dopo Francia e Germania con 76 seggi) e all’Olanda.


Cosa succede se anche Londra vota
E se Londra votasse? Con ogni probabilità le poltrone guadagnate sarebbero da restituire. Vantaggi in meno oltre che per Francia, Italia, Spagna e Olanda anche per Polonia, Romania, Svezia, Austria, Danimarca, Slovacchia, Finlandia, Croazia, Estonia e Irlanda.
Poltrone che andrebbero ricalcolate anche nei sondaggi. Con un’incognita in più: per chi voterebbero gli inglesi? Tradizionalmente in Europa hanno sempre portato numeri parlamentari socialisti, ma anche una nutrita rappresentanza nelle fila dei popolari.
Se Londra votasse, quindi, potrebbe ridursi il vantaggio del fronte populista, visto che i seggi in mano a Londra sono tra i più numerosi. Insomma, uno scenario tutto da ricostruire. E che peserà anche nella decisione sul consenso che i 27 dovranno dare o meno a Londra per un rinvio.

Tag: #Esteri #News

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Panorama

Dopo i fasti della Swingin’ London degli anni Sessanta, la piovosa e grigia Manchester è diventata negli anni Ottanta la capitale della musica inglese, grazie a gruppi del calibro di Joy Division, New Order, Stone Roses e Smiths. Questi ultimi devono...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Panorama

Una fetta del governo sostiene la famiglia tradizionale. Un’altra dispensa redditi di cittadinanza ai giovani e ai disoccupati. Entrambe spremono i pensionati. Facendo pure dell’ironia: «Forse neanche l’avaro di Molière si...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Panorama

Circa 10 miliardi di euro. E' quanto costa ogni anno il cosiddetto Bonus 80 euro introdotto nel 2014 da un Matteo Renzi sotto elezioni. Un asso nella manica calato dall'ex leader democratico...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Panorama

«Giornalisti di merda, lasciateli fuori e chiudete la porta». Saluta così i cronisti Barbara Balzerani, l’ex brigatista rossa, invitata a Milano il 18 aprile scorso per presentare il suo ultimo...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Panorama

Persino l’idolo adolescenziale, lo scorbutico cantautore di genio, gli si è rivoltato contro. Il giovane Matteo, nelle lunghe estati in Val Rendena, imbracciava la chitarra. Davanti agli amici delle vacanza, socchiudeva gli occhi prima di attaccare:...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Panorama

Dalla serie tv al cinema. Downton Abbey, la serie tv britannica pluripremiata (3 Golden Globe, 15 Emmy, 69 candidature complessive agli Emmy, Premio speciale ai BAFTA, record nel Guinness dei primati per la serie tv con il miglior voto della...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Panorama

Mena Massoud è un Aladdin dagli occhi luminosi e furbi, la faccia accattivante e pulita, che con una semplice smorfia delle labbra conquista e rallegra. Naomi Scott è principessa Jasmine di bellezza evidente e...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Panorama

Luis Campos è il nome scelto dal Milan per il post-Leonardo. Tutti gli indizi convergono e nelle ultime settimana l'idea che Elliott e Gazidis si possano affidare all'uomo che ha fatto grandi...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Panorama

Pedro Almodóvar con i suoi tormenti da regista, Jim Jarmusch con i suoi morti viventi, Elton John tributato con il biopic Rocketman, Quentin Tarantino e gli echi di Charles Manson... Dal 14 al 25 maggio il 72° Festival di Cannes porta in...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Panorama

La prima regola per rimanere in forma dai quarant’anni in su? Imparare a fermarsi. Riposare. A maggior ragione se si conduce una vita che è uno stressante incastro d’impegni, scadenze e appuntamenti: «È fondamentale quietare la mente,...

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Panorama

A pochi giorni dalle importantissime elezioni europee 2019 Panorama dedica la copertina del numero che troverete in edicola dal 22 maggio a Matteo Salvini, il leader della Lega. Contro di lui nelle ultime settimane si è infatti...

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Panorama

Ripercorriamo la storia delle tre stagioni vittoriose di Niki Lauda, il leggendario pilota di Formula 1 scomparso all'età di 70 anni. 1975: Ferrari B3-74 e Ferrari 312 T Erano vent'anni che la Ferrari non vinceva un mondiale costruttori. A...

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Panorama

Pedro Almodóvar con i suoi tormenti da regista, Jim Jarmusch con i suoi morti viventi, Elton John tributato con il biopic Rocketman, Quentin Tarantino e gli echi di Charles Manson... Dal 14 al 25 maggio il 72° Festival di Cannes porta in...

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Panorama

Ora che il Trono di Spade ha un legittimo occupante, una domanda s’avanza nella mente dei fan e degli addetti ai lavori: chi prenderà il posto del Trono, cioè della serie più vista di tutti i tempi, nella programmazione tv? Ci sarà ...

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Panorama

Sappiamo come va a finire. Oh, se lo sappiamo. Incoraggiati dalla stagione e in un momento di fiducia in noi stessi: 1) acquistiamo il libro con l’ultima dieta infallibile; 2) compriamo le compresse anti-pancia esaltate in rete; 3)...