Brexit, cosa succede se Londra vota alle Europee

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Panorama

Nigel Farage, l’uomo che ha voluto la Brexit, potrebbe tornare ad occupare un seggio al parlamento europeo anche dopo il prossimo voto. E con lui gli altri 73 europarlamentari britannici. L’ipotesi che fino a qualche settimana fa sembrava irreale, potrebbe invece farsi concreta. Con conti e sondaggi da rifare per tutti, Italia in primis. Ma a rimetterci potrebbe essere soprattutto il fronte populista.
Tra Londra e Bruxelles si tratta un rinvio dell’uscita della Gran Bretagna dall’Unione. Londra chiederà con ogni probabilità una proroga dell'articolo 50 fino al 30 di giugno. Ma resta sul tavolo l’ipotesi che sia necessaria un’estensione molto più lunga, anche due anni. In questo caso il Regno Unito dovrà prepararsi a prendere parte alle elezioni europee di fine maggio e l’emiciclo di Strasburgo a cambiare volto.
Come cambia il Parlamento con la Brexit
Con la preannunciata uscita dei deputati britannici, infatti, si era decisa la riduzione dei seggi da 751 a 705. Una scelta anche economica,visto che i 46 seggi lasciati vacanti avrebbe comportato per le casse di Strasburgo un bel risparmio tra stipendi, assistenti e rimborsi spese. Non solo, in caso di Brexit le poltrone rimaste libere sarebbero state destinate a possibili annessioni di altri Paesi, già intenzionati ad entrate nell’Unione europea.
Il progetto prevedeva (prevede) benefici per gli altri paesi. Dei 73 seggi britannici, 27 sarebbero (sono) stati ripartiti tra 14 Paesi, tra cui l’Italia. A beneficiarne maggiormente Francia e Spagna con cinque parlamentari arrivando rispettivamente a 79 e 59. Tre seggi all’Italia (rendendola il terzo paese più rappresentato dopo Francia e Germania con 76 seggi) e all’Olanda.


Cosa succede se anche Londra vota
E se Londra votasse? Con ogni probabilità le poltrone guadagnate sarebbero da restituire. Vantaggi in meno oltre che per Francia, Italia, Spagna e Olanda anche per Polonia, Romania, Svezia, Austria, Danimarca, Slovacchia, Finlandia, Croazia, Estonia e Irlanda.
Poltrone che andrebbero ricalcolate anche nei sondaggi. Con un’incognita in più: per chi voterebbero gli inglesi? Tradizionalmente in Europa hanno sempre portato numeri parlamentari socialisti, ma anche una nutrita rappresentanza nelle fila dei popolari.
Se Londra votasse, quindi, potrebbe ridursi il vantaggio del fronte populista, visto che i seggi in mano a Londra sono tra i più numerosi. Insomma, uno scenario tutto da ricostruire. E che peserà anche nella decisione sul consenso che i 27 dovranno dare o meno a Londra per un rinvio.

Tag: #Esteri #News

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Panorama

Avere tutto o perdere tutto: era questo l'approccio estremo dei Motley Crue, la band più famosa e oltraggiosa del glam metal che ha dominato le classifiche e le cronache degli anni Ottanta.  Dal 22 marzo su Netflix...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Panorama

È dei giorni scorsi la notizia che Ecofin ha inserito Emirati Arabi nella black list UE delle "giurisdizioni fiscali non cooperative" (i cosiddetti Paradisi Fiscali), insieme ad altri 14 paesi, ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Panorama

La strage evitata (guarda il video) sul pullman dei 51 bambini di una scuola di Crema compiuta da Ousseynou Sy, un senegalese di 47 anni, pone il dovere di dire senza troppi giri di...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Panorama

Suor Angela viene travolta da una crisi che la porta lontano dal convento degli Angeli. Si annuncia ricco di colpi di scena il gran finale di Che Dio ci aiuti 5, la serie di Rai 1 con Elena Sofia...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Panorama

Momenti di trascurabili incassi per il cinema italiano. Mentre il colosso supereroistico americano Captain Marvel, com'era prevedibile, prende il volo, raccogliendo 8.108.883 euro e 1.207.384 spettatori in neanche due settimane (dal 6 marzo...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Panorama

Qual è la terribile verità nascosta dietro la scomparsa di una ragazza avvenuta da moltissimi anni prima e mai ritrovata? È questa la domanda attorno a cui ruota La verità sul caso Harry Quebert, la nuova serie tv...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Panorama

Cinefili in fermento. Il teaser trailer italiano di C'era una volta... a Hollywood (Once Upon A Time in Hollywood), il nono film di Quentin Tarantino, è stato rilasciato. Ed eccoli, Brad Pitt e ...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Panorama

Riuscirà Cagliostro a salvare sua figlia? È questo l'interrogativo attorno a cui ruota l'ultima puntata La porta rossa 2, la serie di Rai 2 con Lino Guanciale e Gabriella Pession, ideata dallo scrittore Carlo Lucarelli. La ...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Panorama

Nicolò Zaniolo ce l'ha fatta e come lui altri nove. Non di più. Dieci su 443 che significa due su cento. Che diventano sei su cento se si allarga il panorama alla Serie B. Sono i calciatori nati nel 1999 che hanno concluso...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Panorama

Era legittimo. Nel 2014 il Fondo Interbancario di tutela dei depositi, il Fitd, aveva tutto il diritto - in quanto ente privato - di tappare i buchi nei conti di Tercas affinchè...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Panorama

Sono probabilmente il gadget più riuscito della storia recente di casa Apple. Chi li ha provati non se ne stupisce, anzi conosce benissimo la ragione: gli AirPods sono gli auricolari senza fili migliori in circolazione per qualità...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Panorama

E' il caso che sta agitando l'Inter e il calcio italiano in questo inizio di 2019. Icardi contro l'Inter dopo la scelta del club di togliergli la fascia di capitano perché sgradito al resto dello spogliatoio. Una bomba...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Panorama

Mauro Icardi torna ad allenarsi con il gruppo, con l'Inter. Stando a quanto raccolto da Panorama non oggi ma domani, 21 marzo l'attaccante nerazzurro rientrerà a lavorare con la squadra ...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Panorama

Il gioielliere Robertino Zancan ha perso un milione di euro. Il tabaccaio Franco Birolo, invece, ha già investito 120 mila euro in spese legali e ora sulla sua testa pende la spada di Damocle di un...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Panorama

La vicenda della Mare Jonio, la nave della Ong italiana Mediterranea attraccata al porto di Lampedusa dove sono sbarcati i 49 migranti recuperati nelle acque del...