A volte ritornano: esce il nuovo album dei Rockets, la band cult di fine anni 70

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Panorama

Per chi ha un'età compresa tra i 40 e i 50 anni è impossibile non ricordarli. Erano i francesi con i costumi spaziali, le facce argentate e le teste rasate che si presentavano in concerto tra fumi, laser, e astronavi. Nel loro repertorioclassici cult come il remake di Apache degli Shadows On the Road Again, Electric Delight, Galactica o le strumentali Prophecy e Anastasis.  
I Rockets approdarono in Italia nel 1978, dopo essere stati notati dal produttore Maurizio Cannici, manager della CGD-Messaggerie Musicali. Nel 1979 il picco della loro popolarità con l'album Plasteroid che vendette 1 milione di copie vendute e fu presentato in tour in Italia con oltre 150 concerti.
Travestiti da alieni robot, con le voci filtate dal Vocoder, testi a tema spaziale e sonorità tra rock e disco music, i Rockets sono stati i pionieri del French Touch, della via francese alla dance. Vedi Daft Punk e dintorni... 
Venerdì 24 maggio esce il nuovo album intitolato Wonderlandche loro descrivono come un concept album: "i suoni, le musiche e le voci guidano l’ascoltatore verso un viaggio nel tempo, una contaminazione di oltre 50 anni di stili e sapori musicali: dai 10cc ai Supertramp, da David Bowie a Vangelis, da Bob Marley ai Men At Work fino ad arrivare agli Imagine Dragons" recita il comunicato che presenta il nuovo lavoro.
"«I primi album dei Rockets avevano testi che si ispiravano alla spazio e alle sue dimensioni. Con Wonderland, invece, i Rockets sono molto preoccupati per quanto sta succedendo al nostro pianeta" spiega Fabrice Quagliotti, leader della band, l'unico musicista rimasto della formazione storica.
"La mancanza di rispetto nei suoi confronti, l'inquinamento fuori controllo, le guerre di potere, la mancanza di punti di riferimento e di ideali veri! Confidiamo nella purezza d’animo dei bambini. Solo loro potranno salvare la Terra. Non a caso il colore predominante del nuovo album è il violetto. Migliaia di anni fa, il nostro pianeta aveva un aspetto violaceo dovuto all'esistenza di batteri e microorganismi acidi che intervenivano sul processo della fotosintesi clorofilliana, facendo assumere alla vegetazione una pigmentazione viola. Era un pianeta puro e sano. Sogniamo un pianeta così. Wonderland dovrebbe essere quindi il nostro pianeta, il pianeta delle meraviglie. Ogni tramonto, ogni raggio di sole, ogni fiore, ogni stella, ogni cambiamento di stagione è pura poesia. Cerchiamo quindi di tornare ad essere bambini, per salvare il salvabile e non andare incontro ad una catastrofe. Un messaggio semplice, con un profondo significato". 

Tag: #Musica

Altri articoli pubblicati da Panorama

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Leonardo sta cercando di strappare il talento di Sandro Tonali dal Brescia e dalla Serie A con un'operazione che ricorda quella fatta nel 2012 con Verratti. L'ex direttore tecnico del Milan, passato direttamente da Milanello alla guida del Psg, ha da...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Spetta al regista Palma d'oro a Cannes nel 2018 aprire la Mostra del cinema di Venezia, edizione 76. La vérité di Kore-eda Hirokazu sarà proiettato in prima mondiale mercoledì 28 agosto...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Sono l'ideale per le famiglie, per gli amanti dei cani che non rinunciano a Fido neppure in vacanza o per le coppiette in cerca di tranquillità. Le case vacanza sono la soluzione sempre più gettonata per coloro che vogliono trovare un...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

La difficoltà delle cose semplici, quelle che da bambini sono necessità urgenti, bisogni quasi primari. Come godersi una favola della buonanotte, coccola messaggera di sogni, chiave d’accesso per altri mondi stupendi. Per i piccoli...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Avrete visto, nelle ultime ore, decine di vostri amici e parenti postare su Facebook i loro selfie in cui si rivedono più anziani, o giovani. Tutto frutto di FaceApp, un'applicazione per smartphone, Android e iOS, che si scarica...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Tutto è più grande e intenso, nel mondo policromo e alienante di Roger Waters, la cui poetica traea linfa dalla costante tensione tra militanza politica e ricerca di una maggiore empatia tra gli esseri umani. Un concerto della geniale...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Nel 2019 la corsa ad aprire nuove moschee in tutta Italia è ripartita. Milioni di euro di finanziamenti piovuti dal Golfo Persico e dall’Asia minore attraverso banche, società finanziarie, privati e facilitatori in loco, abilissimi nel trovare...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Dal 1898 la guida creata dai fratelli Edouard e André Michelin, che offre agli automobilisti indicazioni affidabili per rendere confortevole il viaggio, è stata un riferimento per quelle nate in seguito, anche se diverse per stile, valutazioni e...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Dal suo lancio, avvenuto nel 1989, la Discovery è la vettura di Land Rover sinonimo di avventura, capace di muoversi su terreni estremi, in ogni condizione. Non a caso, negli anni, ha prestato la sua opera in diverse missioni umanitarie ...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

«Poi alla fine qui siamo tutti parenti… alla fine l’università nasce su una base cittadina abbastanza ristretta, una specie di élite culturale della città, perché fino adesso sono sempre quelle le famiglie». In queste...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

di Gian Marco Litrico (da Vancouver) «Quando gli “uomini di ghiaccio” arriveranno, lo faranno in forze». Inizia così il capitolo dedicato all’Artico da Tim Marshall, nel saggio di geopolitica - illuminante e avvincente...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

La Rai continua a raccontare le grandi figure istituzionali che hanno dato un contributo fondamentale alla storia della Repubblica e della società italiana. È il caso di Nilde Iotti, la prima donna eletta Presidente...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

da Taipei Nell’atrio principale del quartier generale di Asus, zona nord di Taipei intasata come ovunque in città di motorini, c’è una copia in scala generosa della Gioconda. Non è una riproduzione del celebre dipinto di Leonardo da...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

Tira sempre più aria di crisi di Governo. Una cosa prevista da molti osservatori all'indomani delle elezioni Europee che hanno visto il trionfo della Lega ed il crollo del Movimento 5 Stelle. Ma, se...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Panorama

In Italia erano le 22:17:40" di domenica 20 luglio 1969 quando il modulo lunare "Eagle" della missione Nasa Apollo 11 si appoggiava sulla superficie polverosa della...