Vittorio Feltri: Matteo Salvini e i migranti, la Lega non ha perso nemmeno stavolta

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Libero Quotidiano

Dicono che Salvini sia stato sconfitto, dato che alcuni dei migranti delle famose navi, delle quali si parla da giorni, alla fine sono stati scaricati nel nostro Paese che scoppia di stranieri indesiderati. Respingo la tesi denigratoria. Il ministro dell' Interno in realtà ha ottenuto un parziale successo, visto che solamente quindici sfigati sono sbarcati in Italia, mentre il resto del plotone è stato rifilato ad altri Stati europei i quali, fino a ieri, si rifiutavano di spartirsi gli extracomunitari in arrivo dal Mediterraneo, preferendo affibbiarli in blocco a noi. Per la prima volta la Ue ha accettato il principio che gli invasori africani non dobbiamo sorbirceli solamente noi, bensì vanno equamente divisi tra tutte le nazioni della Comunità. Non mi sembra un risultato irrilevante. Lo dobbiamo alla cocciutaggine del capo della Lega cui siamo grati per non essersi lasciato travolgere dal buonismo acefalo del premier Conte, dai grillini scriteriati e dal Papa predicatori di una accoglienza indiscriminata foriera di guai e problemi a iosa. Indubbiamente sarebbe stato più opportuno negare qualsiasi sbarco, poiché siamo pieni zeppi di forestieri che ci complicano la vita, tuttavia meglio feriti che morti. Onore al merito di Salvini. Che ha tenuto duro sulle sue posizioni di intransigenza ed è riuscito a ridurre al minimo i danni. D' altronde costui non è il padrone del Paese, è costretto dai numeri a governare col Movimento 5 Stelle, notoriamente partito maggioritario della coalizione. Ogni decisione dell' esecutivo va presa collegialmente. Di Maio dispone del 33 per cento dei parlamentari, mentre Matteo del 17, quasi la metà. Ovvio che quest' ultimo sia costretto spesso a calare le brache. Ne è dimostrazione la vicenda svoltasi in mare. Va sottolineato che negli ultimi sei mesi la Lega, lungi dal farsi sovrastare dai cinquestelle, è stata capace di tenere sulla immigrazione la barra dritta, ciò che ha consentito al Carroccio di superare nei sondaggi gli ominicchi pentastellati, uno più inconcludente dell' altro, come si evince dalle loro iniziative: lo schifo del reddito di cittadinanza destinato a chi lavora in nero, il blocco delle grandi opere, il finanziamento delle banche rotte, per tacere del resto. Non ci si può illudere che Alberto da Giussano possa fare di più, stante la sua posizione minoritaria. Ci auguriamo esso conquisti altri consensi e che alle prossime elezioni (non esclusivamente quelle europee) sorpassi i dilettanti allo sbadiglio di Beppe Grillo, il quale cambia opinione ogni venti minuti, cosicché il futuro sia più verde che giallo, e la guida dei palazzi romani sia affidata al milanese e non più al napoletano. di Vittorio Feltri

Tag: #MatteoSalvini #Migranti #SeaWatch #M5s #Lega #LuigiDiMaio #VittorioFeltri

Altri articoli pubblicati da Libero Quotidiano

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Libero Quotidiano

Un vero e proprio "agguato" di Vittorio Sgarbi al Csm finito nella bufera. E nel mirino del critico d'arte ci finiscono Luca Lotti e Cosimo Ferri, due delle persone al centro dell'inchiesta. Su Twitter, Sgarbi diffonde un video, e spiega: "Siamo qua,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Libero Quotidiano

Un colpo bassissimo in prima pagina. Per la precisione sulla prima pagina del numero di Novella 2000 in edicola da mercoledì 19 giugno. A subirlo, questo colpo basso, è Pamela Prati, al centro delle attenzioni da settimane a causa del finto matrimonio...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Libero Quotidiano

Niente gran finale in studio a Live-Non è la D'Urso per la vicenda che ha visto al centro Pamela Prati. La showgirl sarda, infatti, non sarà ospite di Barbara D'Urso per l'attesissimo faccia a faccia neppure nell'ultima puntata della stagione in onda...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Libero Quotidiano

Aria di crisi, eccome, tra Kate Middleton e il principe William. Tutta colpa del presunto tradimento di lui ai danni di lei, con la complicità di Rose Hanbury, ex modella e vicina di casa in campagna. E la Duchessa, sempre più insofferente, secondo i...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Libero Quotidiano

Per Giorgia Meloni l' ultimo mese è stato denso di soddisfazioni: l' exploit alle Europee, Fi sorpassata nei sondaggi, i complimenti di Orbán, le vittorie alle amministrative, la conquista di Cagliari. Altro che piccola Fiamma «Sono molto fiera del...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Libero Quotidiano

Ormai più che Il Fatto Quotidiano è il Dibba Quotidiano. Già, perché sul giornale di Marco Travaglio, ormai ogni giorno, ci sono paginate intere dedicate ad Alessandro Di Battista, il grillino urlatore. L'ultima - dopo le anticipazioni del libro -...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Libero Quotidiano

Maledetto "voto d'impulso", nemico giurato dei sondaggisti. Della questione ne ha parlato Nando Pagnoncelli, ad di Ipsos Italia, nel corso di una tavola rotonda che si è tenuta al convegno nazionale della Società italiana di statistica a Milano oggi,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Libero Quotidiano

Il delirio più spinto, quello vergato da Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano di martedì 18 giugno. Il direttore ultra-grillino, in sintesi, contro Matteo Salvini non sa davvero più cosa inventarsi. Dunque si gioca la carta della fantomatica alleanza...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Libero Quotidiano

Una Giorgia Meloni durissima contro il M5s. L'attacco piove su Twitter, dove la leader di Fratelli d'Italia posta un video in cui spiega quella che definisce "l'ultima vergogna grillina". Un video in cui spiega perché quello di Luigi Di Maio "è...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Libero Quotidiano

Una ventina di giorni alla convention di Giovanni Toti al teatro Brancaccio. Evento di rottura. Evento con cui il governatore della Liguria sfida Forza Italia e il suo leader, Silvio Berlusconi, con cui è in rottura da tempo. Fari dunque puntati sul...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Libero Quotidiano

Piove sul bagnato per Luca Palamara. Il procuratore generale della Cassazione Riccardo Fuzio ha chiesto la sospensione facoltativa dalle funzioni e dallo stipendio dell'ex presidente dell'Associazione nazionale magistrati, indagato a Perugia. La sezione...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Libero Quotidiano

Deutsche Bank sale dell' 1,36 a 6,11 euro dopo una puntata a 6,19 che l' aveva incoronata reginetta del listino di Francoforte. A trainare le quotazioni un' indiscrezione del Financial Times sui piani di ristrutturazione della prima banca tedesca. Il...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Libero Quotidiano

Angelo Panebianco ieri sul Corriere della Sera ha scritto un fondo magistrale per spiegare il successo politico di Matteo Salvini, e desidero pubblicamente dargli atto di aver capito tutto. Vorrei soltanto completare il ragionamento con qualche...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Libero Quotidiano

Avremo una rivincita di Natale? È possibile. Diciassette anni fa nel Natale del 2002, Roberto Benigni uscì col suo Pinocchio. Che doveva essere un trionfo, in Italia (costo, 45 milioni di dollari) e in America dove l' attore- regista dopo il trionfo de ...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Libero Quotidiano

Luigi Di Maio è scampato al rimpasto, ma (forse) non alle elezioni anticipate. È questo il possibile scenario che, secondo Il Giornale, dovrà affrontare il Movimento 5 Stelle, che si è riunito ieri, 17 giugno: "Un incontro per fare squadra e...