Vittorio Feltri: Matteo Salvini e i migranti, la Lega non ha perso nemmeno stavolta

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Libero Quotidiano

Dicono che Salvini sia stato sconfitto, dato che alcuni dei migranti delle famose navi, delle quali si parla da giorni, alla fine sono stati scaricati nel nostro Paese che scoppia di stranieri indesiderati. Respingo la tesi denigratoria. Il ministro dell' Interno in realtà ha ottenuto un parziale successo, visto che solamente quindici sfigati sono sbarcati in Italia, mentre il resto del plotone è stato rifilato ad altri Stati europei i quali, fino a ieri, si rifiutavano di spartirsi gli extracomunitari in arrivo dal Mediterraneo, preferendo affibbiarli in blocco a noi. Per la prima volta la Ue ha accettato il principio che gli invasori africani non dobbiamo sorbirceli solamente noi, bensì vanno equamente divisi tra tutte le nazioni della Comunità. Non mi sembra un risultato irrilevante. Lo dobbiamo alla cocciutaggine del capo della Lega cui siamo grati per non essersi lasciato travolgere dal buonismo acefalo del premier Conte, dai grillini scriteriati e dal Papa predicatori di una accoglienza indiscriminata foriera di guai e problemi a iosa. Indubbiamente sarebbe stato più opportuno negare qualsiasi sbarco, poiché siamo pieni zeppi di forestieri che ci complicano la vita, tuttavia meglio feriti che morti. Onore al merito di Salvini. Che ha tenuto duro sulle sue posizioni di intransigenza ed è riuscito a ridurre al minimo i danni. D' altronde costui non è il padrone del Paese, è costretto dai numeri a governare col Movimento 5 Stelle, notoriamente partito maggioritario della coalizione. Ogni decisione dell' esecutivo va presa collegialmente. Di Maio dispone del 33 per cento dei parlamentari, mentre Matteo del 17, quasi la metà. Ovvio che quest' ultimo sia costretto spesso a calare le brache. Ne è dimostrazione la vicenda svoltasi in mare. Va sottolineato che negli ultimi sei mesi la Lega, lungi dal farsi sovrastare dai cinquestelle, è stata capace di tenere sulla immigrazione la barra dritta, ciò che ha consentito al Carroccio di superare nei sondaggi gli ominicchi pentastellati, uno più inconcludente dell' altro, come si evince dalle loro iniziative: lo schifo del reddito di cittadinanza destinato a chi lavora in nero, il blocco delle grandi opere, il finanziamento delle banche rotte, per tacere del resto. Non ci si può illudere che Alberto da Giussano possa fare di più, stante la sua posizione minoritaria. Ci auguriamo esso conquisti altri consensi e che alle prossime elezioni (non esclusivamente quelle europee) sorpassi i dilettanti allo sbadiglio di Beppe Grillo, il quale cambia opinione ogni venti minuti, cosicché il futuro sia più verde che giallo, e la guida dei palazzi romani sia affidata al milanese e non più al napoletano. di Vittorio Feltri

Tag: #MatteoSalvini #Migranti #SeaWatch #M5s #Lega #LuigiDiMaio #VittorioFeltri

Altri articoli pubblicati da Libero Quotidiano

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Ma che fine ha fatto Alessandro Di Battista? O meglio, che fine farà? Già, perché domenica il grillino è stato avvistato all'Olimpico per seguire Lazio-Parma. Ma il futuro cosa gli riserverà? A dare qualche risposta è il grillino Manlio Di Stefano, ...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Nel giorno del nono compleanno del figlio Nathan Falco, Flavio Briatore si produce in un messaggio dolcissimo. Per Nathan ma soprattutto per la sua ex, Elisabetta Gregoraci. La conduttrice ha infatti pubblicato sui social un video affettuoso in cui...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Della doccia fredda di Albert Park stupiscono i distacchi: 57 secondi e 109 millesimi; 58 secondi e 230 millesimi. Sono i ritardi siderali di Sebastian Vettel e Charles Leclerc nei confronti di Valtteri Bottas, mattatore del Gp d' Australia. Nessuno...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Non usate una povera ragazza morta, di cui nulla v'importa, come cadavere da gettare tra i piedi del vostro nemico politico, antropologico, esistenziale senza del quale neppure esistereste, ma il cui imperdonabile torto è di non decidersi a finire anche ...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Me ne accorgo sin dalla prima riga del romanzo (breve) di Alain Elkann. L'eleganza è lui stesso. Si trasferisce nella prosa, nei sentimenti, nello sguardo sulla donna che ama riamato, con profondità e delicatezza, ma senza decidersi a farne il suo...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

E alla fine piovve anche il consueto sondaggione del lunedì di Enrico Mentana. Piovve in testa ai grillini. Già, perché nel corso del TgLa7 il direttore ha dedicato grande spazio all'ultima, clamorosa, rivelazione. Il verdetto è chiarissimo: M5s...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Ancora una sfida di una Ong all'Italia e alla politica di Matteo Salvini, quella dei porti chiusi. Una nave è partita infatti da Palermo per pattugliare il Mediterraneo: si tratta della Mare Jonio della ong Mediterranea, che non paga ha sfidato anche la ...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Anche Matteo Salvini, in veste di ministro dell'Interno, parla della misteriosa morte di Imane Fadil, la testimone chiave del processo Ruby scomparsa lo scorso primo marzo dopo un mese di agonia. Salvini taglia corto, rispettando il lavoro della procura...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Chi e cosa ha ucciso Imane Fadil? Qualche risposta, forse, arriverà dall'autopsia. Intanto sulla morte della testimone del processo Ruby Ter fa il punto il procuratore capo di Milano, Francesco Greco (si indaga per omicidio). Nel corso di una conferenza ...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Giorni di scandali piccanti, di sesso tra professoresse ed alunni assai più giovani, di 14 anni nell'ultima circostanza. Casi che attirano l'attenzione degli italiani e polarizzano il pensiero: chi pensa sia uno scandalo, chi al contrario ritiene che...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Dodici anni dopo la sua scomparsa, emergono nuovi dettagli sul caso di Maddie McCann, la bimba inglese svanita nel nulla da un residence nell'Algarve, in Portogallo, mentre si trovava in vacanza sui genitori. A riaccendere l'attenzione sul caso un...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Nel mistero della morte di Imane Fadil giocano un ruolo pesantissimo alcune omissioni ed altrettanti ritardi. Nel mirino c'è la procura di Milano, che sapeva benissimo cosa le stava accadendo. Ed è per questo che non si capisce perché i pm, dopo la...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Accadono cose, in Vaticano, che l' occhio e la mente del profano non riescono a decifrare, tanto appaiono incomprensibili, specie se messe in fila l' una dopo l' altra e inquadrate dall' alto, tutte assieme, come una foto scattata col grandangolare. Chi...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Si parla del caso Diciotti e delle parole pronunciate da Matteo Piantedosi, il capo di gabinetto del Viminale nonché prefetto, interrogato dal giudici del tribunale dei ministri di Catania sulla vicenda per la quale vorrebbero processare Matteo Salvini. ...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Sceneggiata democratica. Il protagonista è Luigi Marattin, deputato Pd ed ex consigliere economico di Matteo Renzi prima e Paolo Gentiloni poi, quando i due erano premier. Siamo negli studi de L'aria che tira, il programma di Myrta Merlino su La7, dove...