Pensioni, gli ex dipendenti statali prendono in media mille euro al mese in più dei privati

Pubblicato giovedì, 06 dicembre 2018 ‐ Libero Quotidiano

Gli ex dipendenti pubblici ora in pensione godono di un trattamento decisamente migliore rispetto ai pensionati del settore privato. Le differenze sono considerevoli per tutti i tipi di rendite previdenziali. Se in media l' assegno mensile percepito dall' ex statale è di 2.469,70 euro per i maschi e 1.789,60 euro per le femmine, gli omologhi provenienti da attività del settore privato prendono molto meno: 1.584,80 euro gli uomini e 948,62 euro le donne. Questo in media. Perché se si va a vedere le singole tipologie di rendite le differenze, in taluni casi, sono ancora più marcate. È il caso ad esempio delle pensioni di vecchiaia. Quelle dei dipendenti pubblici in quiescenza, liquidate nel 2017, valgono mensilmente 3.455,94 euro per i maschi e 1.748,12 euro per le femmine. Cifre che si confrontano con i 1.169,96 euro degli ex dipendenti privati e con gli 859,79 euro delle loro colleghe donne. Leggi anche: Pensioni, Giuseppe Conte e l'attentato a Matteo Salvini: platea, finestre e penalizzazioni, lo scenario I numeri sono contenuti nell' ultima edizione del Rendiconto sociale Inps, pubblicato ieri a cura del Consiglio di indirizzo e vigilanza dell' istituto previdenziale e documentano in tutta la sua crudezza una disparità di trattamento molto netta. Che non trova riscontro nel montante contributivo versato dalle due categorie di assicurati, pubblici e privati. Anzi, è vero il contrario: a partire dal primo gennaio 2012, con il varo del super Inps, il governo Monti scaricò sull' Istituto previdenziale dei lavoratori privati il buco dell' Inpdap, l' Istituto nazionale di previdenza e assistenza per i dipendenti dell' amministrazione pubblica. Ben 10,2 miliardi di euro di disavanzo patrimoniale e quasi 5,8 miliardi di passivo per il solo esercizio 2012. Ministeri e amministrazioni pubbliche varie, infatti, non versavano da anni i contributi per i loro dipendenti. Questo non ha impedito a un ente di fatto in dissesto finanziario, di mantenere le prestazioni più elevate a beneficio dei propri assicurati. Anzianità  e anticipate - Se le differenze nelle pensioni di vecchiaia fra le due categorie superano anche il migliaio di euro al mese, pure quelle di anzianità non scherzano. Il dipendente privato maschio andato in quiescenza nel 2017 percepisce un assegno mensile di 2.449,45 euro. L' omologo pubblico di euro ne prende ben 3.091,42. E per le donne la differenza è ancora più netta. Le pensionate del settore pubblico percepiscono dal 2017 un assegno mensile di 2.281,35 euro, mentre quelle che hanno lavorato nel privato si fermano 1.757,92 euro. Se si guarda poi al totale delle pensioni vigenti al 31 dicembre 2017 si capisce quanto pesino le rendite scoperte imputabili a ministeri e amministrazioni pubbliche. Su 2.867.732 pensionati ex Inpdap ben 1.627.866, dunque oltre la metà, sono andati in quiescenza con la pensione di anzianità o anticipata. Appena 385.5452 sono pensionati di vecchiaia. Fra gli ex dipendenti del settore privato, invece, la proporzione si inverte. Oltre 3 milioni si sono ritirati con il massimo dell' età pensionabile, mentre 2 milioni e 729mila hanno maturato la rendita di anzianità. Agli ex lavoratori autonomi, in prevalenza commercianti e artigiani, va ancora peggio. Gli uomini prendono poco più di 1.000 euro al mese, le donne 677. Mentre i pensionati della gestione separata, quasi tutti ex collaboratori, incassano una miseria: 266 euro mensili i maschi e 138,58 le femmine. Invalidità diversa - Vale la pena di notare che perfino gli assegni erogati per l' invalidità hanno due pesi molto diversi. Fra i beneficiari di sesso maschile, i pubblici incassano una indennità mensile di 2.060,72 euro. Quelli privati 879,52 euro. Fra le donne la differenza è addirittura di tre volte, visto che le invalide del settore pubblico prendono 1.729,19 euro mensili, mentre le invalide che hanno lavorato in aziende private non arrivano neppure a 600 euro. Nell' analisi curata dal Consiglio d' indirizzo guidato dall' ex sindacalista Guglielmo Loy, si sottolinea fra l' altro che l' aumento dell' età pensionabile scattato con la riforma Fornero ha penalizzato in particolare le donne. All' interno dell' universo femminile, però, le ex lavoratrici del settore privato sono state le più penalizzate, con un incremento di tre anni e tre mesi per maturare la pensione di vecchiaia. Certo, l' aumento ha riguardato tutti e tutte, ma vale la pena di ricordare che le dipendenti private i contributi li hanno versati per intero durante la vita lavorativa, mentre i datori di lavoro delle loro colleghe del settore pubblico lo hanno fatto in misura sicuramente minore. Un dettaglio non certo trascurabile. E anche se nessuno ne fa una colpa a lavoratrici e lavoratori delle pubbliche amministrazioni - la scelta di non versare i contributi fu politica e non dipese certamente da loro - sotto il profilo strettamente aritmetico l' aumento della loro età pensionabile ha un peso molto diverso rispetto a quello degli ex dipendenti delle imprese private. Fra l' altro, sempre tra il 2012 e il 2017, il totale delle pensioni previdenziali erogate è passato da 17,2 a 16,6 millioni, con una riduzione del 3,9% che vale 664.185 trattamenti in meno. «Concentrata», segnala sempre il documento pubblicato ieri, «sugli ex lavoratori dipendenti privati ed autonomi, che diminuiscono rispettivamente di 601.391 e 165.420 pensioni, mentre sono aumentate quelle degli ex lavoratori dipendenti pubblici di 54.671 unità». In barba alla Fornero, nel medesimo periodo di tempo le rendite di vecchiaia sono 646mila in meno, mentre quelle di anzianità 434mila in più. di Attilio Barbieri

Tag: #Pensioni #DipendentiPubblici

Altri articoli pubblicati da Libero Quotidiano

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Libero Quotidiano

Difficilmente Rocco Commisso potrà dimenticare un esordio così. La Fiorentina cade contro il Napoli alla prima al Franchi del nuovo presidente, ma il 3-4 di Firenze racconta di una partita ricca di gol ed emozioni, con continui ribaltamenti di fronte e ...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Libero Quotidiano

In politica può succedere quasi tutto, ma non proprio tutto, pertanto da qui alla fine della crisi ne vedremo di ogni colore, tuttavia tenderei a escludere ciò che tu scrivi, ossia che la Lega e il M5S trovino un accordo per rimettersi insieme e...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Libero Quotidiano

"Sono preoccupato: come italiano, come leader politico e anche come imprenditore, per la piega assunta dalla crisi di governo". Silvio Berlusconi attacca Matteo Salvini e Luigi Di Maio: "Vedo profilarsi da un lato una coalizione Pd-Cinque Stelle che...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Libero Quotidiano

La conversazione tra Luigi Di Maio e Bruno Tabacci la dice lunga sulla trattativa in corso tra Movimento 5 stelle e Pd. "È uno dei momenti di svolta della politica", dice quest'ultimo, secondo quanto riporta Augusto Minzolini su Il Giornale. Il...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Libero Quotidiano

Aspettando il proprio allenatore in panchina e un possibile nuovo centravanti in attacco, la Juventus riparte dalle certezze che le hanno permesso di vincere in questi anni per iniziare con il piede giusto il campionato 2019/20. Basta infatti una zampata ...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Libero Quotidiano

Tra i leghisti sembra di stare su un'altalena, si passa dal coraggio alla disperazione nella consapevolezza che in questo momento Matteo Salvini si gioca il futuro. Per questo il leader e la Lega "sono pronti a tutto", scrive Augusto Minzolini su Il...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Libero Quotidiano

Aspettiamoci "molte più tasse" e il "governo più a sinistra dalla fine della seconda guerra mondiale". Luca Ricolfi prevede una "manovra catastrofica" per il bilancio del Paese se si farà un esecutivo M5s-Pd, una manovra che peserà dai 40 ai 50...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Libero Quotidiano

"Non rinnego l'esperienza politica con la Lega, ma quella stagione politica è per me chiusa e non si potrà riaprire". Giuseppe Conte parla dopo il suo arrivo a Biarritz per il G7 e sull'ipotesi di un suo nuovo ruolo da presidente del Consiglio di un...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Libero Quotidiano

Per chi ha deciso di concludere questa calda estate a Mondello, in Sicilia, di certo oggi non è stata una splendida giornata, anzi. È stato infatti necessario l'intervento del personale i salvataggio per pulire le acque cristalline da un'imbarazzante...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Libero Quotidiano

Mentre vanno avanti le trattative tra Movimento Cinque stelle e Pd per trovare un'intesa e dar vita a un governo giallo-rosso, è partito il totonomi a Palazzo Chigi. Chi prenderà infatti il posto di Giuseppe Conte? Al momento le chance che Roberto...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Libero Quotidiano

"L'accordo è tutt'altro che scontato" e c'è solo una certezza, dice Bruno Vespa: mercoledì mattina 28 agosto Sergio Mattarella "o conferisce l'incarico a un presidente del Consiglio frutto di un accordo o scioglie le Camere e nomina un governo tecnico ...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Libero Quotidiano

Mamma mia. I dieci-quindici punti del governo giallorosso, che M5S e Pd tentano di far nascere per salvare la poltrona, fanno rabbrividire. Soprattutto le proposte scandite da Luigi Di Maio al Quirinale ci danno un' indicazione di come agirebbe il futuro ...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Libero Quotidiano

Si è registrato il primo morto per la sigaretta elettronica. La vittima è un uomo dell'Illinois, negli Stati Uniti, deceduto per una grave e misteriosa malattia polmonare. Lo hanno reso noto le autorità sanitarie federali, che dalla fine di giugno...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Libero Quotidiano

L'Inter vuole regalare gli ultimi colpi di mercato ad Antonio Conte. In attesa di trovare la spalla ideale di Lukaku (stallo sulla situazione Alexis Sanchez, il Manchester United per il prestito vorrebbe che l'Inter pagasse ben più dei 5 milioni di euro ...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Libero Quotidiano

Parte il campionato ma non c' è stato bisogno di attendere il fischio d' inizio per scoprire come scenderanno vestite in campo le venti sorelle di serie A, ormai la legge del marketing impone di indossare ancora a stagione in corso le prime maglie di...