Pensioni, gli ex dipendenti statali prendono in media mille euro al mese in più dei privati

Pubblicato giovedì, 06 dicembre 2018 ‐ Libero Quotidiano

Gli ex dipendenti pubblici ora in pensione godono di un trattamento decisamente migliore rispetto ai pensionati del settore privato. Le differenze sono considerevoli per tutti i tipi di rendite previdenziali. Se in media l' assegno mensile percepito dall' ex statale è di 2.469,70 euro per i maschi e 1.789,60 euro per le femmine, gli omologhi provenienti da attività del settore privato prendono molto meno: 1.584,80 euro gli uomini e 948,62 euro le donne. Questo in media. Perché se si va a vedere le singole tipologie di rendite le differenze, in taluni casi, sono ancora più marcate. È il caso ad esempio delle pensioni di vecchiaia. Quelle dei dipendenti pubblici in quiescenza, liquidate nel 2017, valgono mensilmente 3.455,94 euro per i maschi e 1.748,12 euro per le femmine. Cifre che si confrontano con i 1.169,96 euro degli ex dipendenti privati e con gli 859,79 euro delle loro colleghe donne. Leggi anche: Pensioni, Giuseppe Conte e l'attentato a Matteo Salvini: platea, finestre e penalizzazioni, lo scenario I numeri sono contenuti nell' ultima edizione del Rendiconto sociale Inps, pubblicato ieri a cura del Consiglio di indirizzo e vigilanza dell' istituto previdenziale e documentano in tutta la sua crudezza una disparità di trattamento molto netta. Che non trova riscontro nel montante contributivo versato dalle due categorie di assicurati, pubblici e privati. Anzi, è vero il contrario: a partire dal primo gennaio 2012, con il varo del super Inps, il governo Monti scaricò sull' Istituto previdenziale dei lavoratori privati il buco dell' Inpdap, l' Istituto nazionale di previdenza e assistenza per i dipendenti dell' amministrazione pubblica. Ben 10,2 miliardi di euro di disavanzo patrimoniale e quasi 5,8 miliardi di passivo per il solo esercizio 2012. Ministeri e amministrazioni pubbliche varie, infatti, non versavano da anni i contributi per i loro dipendenti. Questo non ha impedito a un ente di fatto in dissesto finanziario, di mantenere le prestazioni più elevate a beneficio dei propri assicurati. Anzianità  e anticipate - Se le differenze nelle pensioni di vecchiaia fra le due categorie superano anche il migliaio di euro al mese, pure quelle di anzianità non scherzano. Il dipendente privato maschio andato in quiescenza nel 2017 percepisce un assegno mensile di 2.449,45 euro. L' omologo pubblico di euro ne prende ben 3.091,42. E per le donne la differenza è ancora più netta. Le pensionate del settore pubblico percepiscono dal 2017 un assegno mensile di 2.281,35 euro, mentre quelle che hanno lavorato nel privato si fermano 1.757,92 euro. Se si guarda poi al totale delle pensioni vigenti al 31 dicembre 2017 si capisce quanto pesino le rendite scoperte imputabili a ministeri e amministrazioni pubbliche. Su 2.867.732 pensionati ex Inpdap ben 1.627.866, dunque oltre la metà, sono andati in quiescenza con la pensione di anzianità o anticipata. Appena 385.5452 sono pensionati di vecchiaia. Fra gli ex dipendenti del settore privato, invece, la proporzione si inverte. Oltre 3 milioni si sono ritirati con il massimo dell' età pensionabile, mentre 2 milioni e 729mila hanno maturato la rendita di anzianità. Agli ex lavoratori autonomi, in prevalenza commercianti e artigiani, va ancora peggio. Gli uomini prendono poco più di 1.000 euro al mese, le donne 677. Mentre i pensionati della gestione separata, quasi tutti ex collaboratori, incassano una miseria: 266 euro mensili i maschi e 138,58 le femmine. Invalidità diversa - Vale la pena di notare che perfino gli assegni erogati per l' invalidità hanno due pesi molto diversi. Fra i beneficiari di sesso maschile, i pubblici incassano una indennità mensile di 2.060,72 euro. Quelli privati 879,52 euro. Fra le donne la differenza è addirittura di tre volte, visto che le invalide del settore pubblico prendono 1.729,19 euro mensili, mentre le invalide che hanno lavorato in aziende private non arrivano neppure a 600 euro. Nell' analisi curata dal Consiglio d' indirizzo guidato dall' ex sindacalista Guglielmo Loy, si sottolinea fra l' altro che l' aumento dell' età pensionabile scattato con la riforma Fornero ha penalizzato in particolare le donne. All' interno dell' universo femminile, però, le ex lavoratrici del settore privato sono state le più penalizzate, con un incremento di tre anni e tre mesi per maturare la pensione di vecchiaia. Certo, l' aumento ha riguardato tutti e tutte, ma vale la pena di ricordare che le dipendenti private i contributi li hanno versati per intero durante la vita lavorativa, mentre i datori di lavoro delle loro colleghe del settore pubblico lo hanno fatto in misura sicuramente minore. Un dettaglio non certo trascurabile. E anche se nessuno ne fa una colpa a lavoratrici e lavoratori delle pubbliche amministrazioni - la scelta di non versare i contributi fu politica e non dipese certamente da loro - sotto il profilo strettamente aritmetico l' aumento della loro età pensionabile ha un peso molto diverso rispetto a quello degli ex dipendenti delle imprese private. Fra l' altro, sempre tra il 2012 e il 2017, il totale delle pensioni previdenziali erogate è passato da 17,2 a 16,6 millioni, con una riduzione del 3,9% che vale 664.185 trattamenti in meno. «Concentrata», segnala sempre il documento pubblicato ieri, «sugli ex lavoratori dipendenti privati ed autonomi, che diminuiscono rispettivamente di 601.391 e 165.420 pensioni, mentre sono aumentate quelle degli ex lavoratori dipendenti pubblici di 54.671 unità». In barba alla Fornero, nel medesimo periodo di tempo le rendite di vecchiaia sono 646mila in meno, mentre quelle di anzianità 434mila in più. di Attilio Barbieri

Tag: #Pensioni #DipendentiPubblici

Altri articoli pubblicati da Libero Quotidiano

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Libero Quotidiano

Ci giungono notizie infauste dal carcere di Bollate. Roberto Formigoni, ex governatore della Lombardia, non se la passa affatto bene. Dietro le sbarre da quasi due mesi per scontare una pena di 5 anni e 10 mesi per corruzione, il settantunenne in un...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Libero Quotidiano

"Incredibile a Cellino. Al Bano si riprende la Lecciso. E questa volta convolano a nozze". È il settimanale Nuovo a sganciare la bomba: Al Bano Carrisi e Loredana Lecciso presto sposi. Una decisione inaspettata, rivelata al rotocalco da una fonte che...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Libero Quotidiano

Notre-Dame, ora le indagini entrano nel vivo e a Parigi si inizia a lavorare tra le macerie. "Per fortuna non ci sono vittime, questo significa che possiamo concentrarci subito sulle cause dell' incidente", spiegano fonti investigative. L'ipotesi...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Libero Quotidiano

Troppo stress fa male al cuore, e può aumentare il rischio di infarto ed ictus. Lo stress acuto, doloroso ed emotivamente importante, infatti, mette in pericolo il muscolo cardiaco, scaricando su di lui il malessere legato all' evento improvviso. Leggi...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Libero Quotidiano

Sono uscite le dichiarazioni dei redditi dei politici italiani e al vertice c' è sempre lui: Silvio Berlusconi. Nel 2018 il leader di Forza Italia ha dichiarato un imponibile di 48 milioni di euro. Ma se le finanze del Cav non sono certo una novità, le ...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Libero Quotidiano

Nel giorno dell'indagine sul leghista Armando Siri, una bomba sulla grillina Virginia Raggi. Si parla del caso-rifiuti a Roma, sul punto di esplodere. Le rivelazioni di un'inchieste de L'Espresso sono davvero esplosive: l'ex presidente e ad dell'Ama,...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Libero Quotidiano

In mattinata lo paragona a Benito Mussolini in un'intervista a Repubblica, qualche ora dopo rincara la dose con toni irriferibili. Si parla del sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, e della sua crociata contro Matteo Salvini. Parlando di immigrazione, il...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Libero Quotidiano

È un racconto choc quello che fa Pamela Perricciolo, l'agente di Pamela Prati. La manager fa sapere che la sua assistita soffre molto dopo le rivelazioni di Dagospia riguardo al suo matrimonio e la sua dubbia fondatezza. La Perricciolo ha rivelato a...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Libero Quotidiano

Continua la storia infinita di Gemma Galgar. A far parlare oggi è l'eliminazione del suo nuovo corteggiatore Fabrizio Cilli, aitante quarantaduenne, che aveva già attirato numerose critiche per il suo dichiarato interesse nei confronti della dama quasi ...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Libero Quotidiano

Dolcenera, ospite della puntata del 17 aprile di Vieni da me, si racconta tra vita privata e professionale attraverso le canzoni più importanti della sua vita. Sempre bellissima e in splendida forma, Emanuela Trane, questo il vero nome di Dolcenera,...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Libero Quotidiano

Puntata che scotta, per Mara Venier. Nel prossimo appuntamento di Domenica In, la conduttrice ospita faccia a faccia niente meno che Elisa Isoardi, collega e conduttrice della Prova del cuoco. Lo spiffera in esclusiva Dagospia. E trattandosi di...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Libero Quotidiano

A quasi 50 anni Erik Ten Hag non ha vinto niente da allenatore, ma per un olandese questo non è un problema. D' altronde, questo ex difensore è nato nel 1970, proprio all' inizio del decennio in cui il calcio totale orange, pur perdendo due Mondiali,...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Libero Quotidiano

Il fallimento della Juve è la sconfitta di tutti noi che amiamo il calcio italiano, indipendentemente dal tifo e dalle simpatie. Anzi, una triste presa di coscienza, una disillusione. Ci eravamo sbagliati e ora non ci resta che riaprire gli occhi e...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Libero Quotidiano

Alessandro Di Battista non poteva farsi scappare l'occasione per dare addosso alla Lega e a Matteo Salvini dopo aver scoperto che il sottosegretario Armando Siri è indagato per corruzione dalla procura di Roma. Il Che Guevara della Tuscia puntualissimo...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Libero Quotidiano

L'indagato Armando Siri scatena le forche grilline: il M5s, in massa, spara contro il sottosegretario ai Trasporti leghista, Danilo Toninelli addirittura gli ritira le deleghe. Luigi Di Maio in primis poi tutti i suoi adepti invocano le dimissioni,...