Ecotassa, modello per modello quanto costerebbero in più le auto

Pubblicato venerdì, 07 dicembre 2018 ‐ Libero Quotidiano

La ormai già famigerata Ecotassa contenuta nella Legge fiscale, sulla quale s'è spaccato il governo e che tanto Salvini quanto Di Maio hanno promesso di rivedere in occasione del passaggio al Senato, provocherebbe effetti davvero perversi. Pesanti soprattutto per la classe media e per coloro che già fanno fatica ad acquistare una utilitaria o poco più. Cioè, il massimo dell'assurdo per un governo che ha nel programma il reddito di cittadinanza: della serie "con una mano ti do e con l'altra ti tolgo...". Una esauriente tabella degli aumenti dei prezzi di alcuni modelli di auto la pubblica oggi il quotidiano la Repubblica. Che parte considerando una Volkswagen Golf 1.5 Tsi. il prezzo di listino da Quattroruote, 26.000 euro, aumenterebbe di 150 euro. Una Renault Scenic Dci 120 cv passerebbe salirebbe di 300 euro da 29.000. La Fiat Panda 1.2 benzina da 12.000 aumenterebbe di 400 euro (la più tartassata). Salendo di cilindrata e prezzo, una Jeep Compass 2.0 multijet da 33.000 euro costerebbe 500 euro in più , una Ford Kuga 2.0 Tdci da 30.000 euro di 100 euro. L'incidenza della Ecotassa cala, paradossalmente, per i modelli di lusso o super-sportivi. Così una Audi Q7 5.0 da 70.000 euro aumenterà di appena 1.500 euro , una VW Touareg 3.0 Tdi da 72.000 euro di 2.000 euro, una Mercedes GLC 43 (prezzo di listino 77.000 euro) di 2.500 euro (+..%) e infine una Porsche Cayenne 4.0 Turbo (prezzo 146.000 euro) di 3.000 euro, ovvero appena il 2% in più. Leggi anche: Laura Castelli: "L'ecotassa resta, era nel contratto di governo"

Tag: #Ecotassa

Altri articoli pubblicati da Libero Quotidiano

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Lorenzo Orsetti, 33 anni, fiorentino, ex cameriere, ha pensato un anno e mezzo fa circa di aggregarsi alle truppe curde per combattere contro l' Isis, che notoriamente non è un club di boy-scout. In battaglia ci ha lasciato la pelle. Dispiace a tutti,...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

È furioso Matteo Salvini quando torna a parlare di Ousseynou Sy, il conducente di origini senegalesi che ha dato fuoco all'autobus che aveva dirottato con a bordo 51 ragazzini delle scuole medie vicino San Donato Milanese. Nello studio di Porta a...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Voleva scappare in Senegal prendendo un volo da Linate Ousseynou Sy, l'autista di origini senegalesi che ha dato fuoco a un autobus vicino San Donato Milanese con a bordo 51 ragazzini di scuola media. Davanti ai pm Alberto Nobile e Luca Poniz, il 47enne...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Tra i reduci del Partito democratico si respira un'aria da entusiasmo fuori dai gangheri dopo gli ultimi sondaggi che attestano il partito di Nicola Zingaretti praticamente appaiato al Movimento Cinque Stelle. Il colpo più forte al cuore piddino è...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Nuovo colpo di scena nella strage di Erba che vede Olindo e Rosa in carcere per omicidio. Azouz Marzouk presenterà entro la fine di questa settimana un’istanza di revisione, basata sui presupposti dell’articolo 630 lettera d, che richiama la frode...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Un'indagine condotta dal National Institute of Health (Usa) ha rivelato che gli integratori a base di omega-3 rappresentano un aiuto nella prevenzione di infarti e ictus su pazienti diabetici e cardiopatici anche gravi. Questi acidi grassi, infatti, sono ...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Sono 237 i voti favorevoli alla relazione della Giunta delle immunità del Senato che nega l'autorizzazione a procedere nei confronti del ministro dell'Interno, Matteo Salvini, per il caso Diciotti. Contrari 61 senatori, nessun astenuto. Lo ha...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Si attendono risvolti decisivi sulla morte di Imane Fadil, la testimone chiave del processo Ruby ter deceduta in circostanze sospette il primo marzo scorso all’Humanitas di Milano. Oggi sono stati effettuati i primi prelievi di parte dei tessuti degli...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Una parte del tesoro lasciato da Gheddafi è stato sbloccato dal Comitato di sicurezza finanziaria del ministero del Tesoro a favore della famiglia del rais libico. Dopo l'attacco della Nato in Libia nel 2012, il Tribunale internazionale dell'Aja aveva...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Sola con un cane. Anzi, due. Rosalba Pippa, in arte Arisa, l'aveva detto: "Meglio i cani degli uomini". Single per scelta (di altri), la cantante si gode la compagnia di due cagnolini che lei porta a spasso a bordo di un passeggino gemellare. Invece di...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Matteo Salvini condivide su Facebook la foto  di uno dei bambini nel bus dato fuoco dall'invasato italo-senegalese a San Donato, a Milano. "Ousseynou Sy li ha legati e minacciati urlando: 'Da qui non esce vivo nessuno!'", ha scritto il vicepremier su...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Sul filo della tensione la serata del vincitore di Sanremo Alessandro Mahmood. Il settimanale Diva e Donna ha pubblicato delle foto esclusive in cui il cantante e il suo presunto fidanzato, Lorenzo Tobia, discutono animatamente per strada. Meno agitato...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Dubbi concreti sull'affidabilità della parola data da Luigi Di Maio a Matteo Salvini sul voto al Senato per il caso Diciotti non ce n'erano. Ma quel che ne sarà dell'alleanza tra i due dopo questo ennesimo boccone amaro ingoiato dai grillini, è uno...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Non solo i presunti i fidanzati, ma anche la voce di una possibile gravidanza per Elisa Isoardi. Ecco perché la conduttrice si è spazientita dei continui pettegolezzi e durante la puntata di oggi 20 marzo di La Prova del Cuoco ha smentito ogni voce....

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Libero Quotidiano

Per i giudici francesi, il cardinale Philippe Barbarin è colpevole, ma per Papa Francesco il porporato può e deve restare al suo posto. Il pontefice ha respinto le dimissioni del cardinale, condannato a 6 mesi con la condizionale per aver taciuto sulle ...