Pressioni a un consulente della famiglia Regeni: la procura di Roma apre un’inchiesta 

Pubblicato sabato, 12 gennaio 2019 ‐ La Stampa


La Procura di Roma indaga sulle pressioni ricevute al Cairo dal consulente egiziano della famiglia Regeni da personale della National Security di Nasr City. All’ufficio della National Security appartengono alcuni degli ufficiali indagati dai pm capitolini nell’ambito dell’inchiesta sulla morte del ricercatore italiano. «Un segnale davvero inquietante che non fa che rendermi sempre più certo della scelta fatta nelle scorse settimane di interrompere i rapporti con il Parlamento egiziano -ha commentato il presidente della Camera Roberto Fico- La Procura di Roma ha fatto e sta facendo un lavoro straordinario, e ha il supporto di tutte le istituzioni».
L’inchiesta sarà aperta alla luce dell’esposto presentato dall’avvocato Alessandra Ballerini, legale della famiglia di Giulio Regeni e per prima cosa dovrà valutare la sussistenza della competenza della magistratura italiana considerando che i fatti sono avvenuti all’estero e non coinvolgono direttamente cittadini italiani. L’esposto, in base a quanto si apprende, è stato depositato negli uffici della Digos di Genova e arriverà all’attenzione del pm Sergio Colaiocco nei primi giorni della prossima settimana. Nel documento l’avvocato Ballerini ricostruisce gli eventi delle ultime ore ritenendo «leso il diritto di difesa della famiglia Regeni» e «lo svolgimento dell’attività difensiva nel loro interesse, in particolare in relazione alla situazione processuale, con la recente iscrizione nel registro degli indagati di cinque ufficiali egiziani».
Nell’esposto il legale afferma di avere ricevuto il 10 gennaio «una telefonata dal nostro consulente a Il Cario, Mohamed Lotfy, (presidente dell’Ecrf) il quale riferiva di una telefonata dell’ufficio della National Security di Nasr City. L’interlocutore al telefono - si legge nell’esposto - inizialmente rappresentava che l’oggetto della conversazione sarebbe stata la situazione di Amal Fathy, moglie di Lotfy, attualmente ai domiciliari sotto la sorveglianza della National Security di Giza». Una affermazione che per il penalista appare «non credibile, in quanto l’ufficio della National Security competente per il procedimento a carico della signor Fathy risulta essere quello di Giza e non quello di Nasr City». La conversazione, quindi, «virava ben presto su differente oggetto e l’interlocutore invitava Lotfy a recarsi negli uffici della National Security di Nasr City per riferire sulle indagini che lo stesso Lotfy sta seguendo e che risultano di competenza di tale ufficio» e cioè sul caso del ricercatore rapito, torturato e ucciso nel 2016 al Cairo. Al rifiuto di Lofty da fare da informatore l’interlocutore ha affermato che «questa decisione avrebbe avuto conseguenze contrarie “agli interessi suoi e della sua famiglia”».










Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da La Stampa

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

Detto molto semplice, piove sempre sul bagnato. Chi è già ricco lo diventa sempre di più. E tutti gli altri? Va sempre peggio. Il rapporto Oxfam “Public good or private wealth”, “Bene pubblico o ricchezza...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

Detto molto semplice, piove sempre sul bagnato. Chi è già ricco lo diventa sempre di più. E tutti gli altri? Va sempre peggio. Il rapporto Oxfam “Public good or private wealth”, “Bene pubblico o ricchezza...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

Una neonata di tre giorni è morta la scorsa notte all’ospedale San Bortolo di Vicenza dopo essere stata gettata a terra in casa dalla madre, forse per una crisi depressiva post partum. L’episodio è avvenuto la scorsa notte a ...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

Partenza alle 5. Puntuali. In pullman, destinazione il Sigep , la fiera internazionale del gelato di Rimini. In viaggio con la cinquantina di dipendenti della Pernigotti che hanno deciso di manifestare alla rassegna alimentare dove anche...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

I soccorritori non potranno raggiungere Julen prima di domani. Lo ha spiegato in conferenza stampa Angel Garcia, il coordinatore del gruppo di ricerca che da una settimana scava senza sosta per cerca di salvare il bimbo andaluso di 2 anni precipitato ...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

La discesa in campo in Sardegna dei big nazionali come Di Maio e Toninelli non è servita al Movimento Cinquestelle a riconquistare il seggio di Cagliari alla Camera. Che passa dalla maggioranza del governo gialloverde all’opposizione di...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

L’economia cinese frena ancora nel quarto trimestre 2018 con una crescita del Pil attesa a 6,4% (rispetto al 6,5% del trimestre precedente), in linea con le attese. Nell’intero 2018, secondo i dati dell’Ufficio nazionale di...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

Da un po’ di tempo, la Luna è diventata un po’ smaniosa di protagonismo. Quasi come se volesse apparire ancora più importante, in un anno aperto dalla storica impresa della sonda cinese Chang’e 4, che per la prima...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

In balia del mare per ore e solo in nottata soccorsi da un cargo inviato dalla Libia, dove torneranno. Si è rischiata ieri una nuova strage in quel Mediterraneo che continua ad essere un cimitero dei migranti. In 100 - tra cui venti donne e...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

Ogni volta è Luigi Di Maio a caricarsi la responsabilità della svolta, determinando una maturazione del M5S da movimento di piazza, partorito da un Vaffa, a partito di governo. Così è stato con l’euro, così...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

Stelle cadenti. Roger Federer, 37 anni, e Lindsey Vonn, 34, il Genio e la Divina, una religione per gli appassionati di tennis e sci. Tristi, battuti e «vecchietti». Una lenta passeggiata sul viale del tramonto per due icone che hanno...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

Trovarsela ogni giorno davanti a scuola ad accompagnare i rispettivi figli le era diventato insopportabile. Gorlago è un piccolo centro della bergamasca. Fa appena cinquemila abitanti. Tutti conoscono tutti. Tanti sapevano della storia di...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ La Stampa

L’ospite più sgradito, quello che nessuno avrebbe voluto invitare a Davos, è Sua Infausta Maestà l’Incertezza. Chi trasforma gli umori in grafico sostiene che in questo secolo non è mai stata così...

Pubblicato domenica, 20 gennaio 2019 ‐ La Stampa

«Sembrerà strano: amo la politica ma preferisco farla fuori dalle istituzioni. Non mi candiderò quindi alle Europee. Sto vedendo che si può incidere anche dal di fuori». Così Alessandro Di Battista spiega a...

Pubblicato domenica, 20 gennaio 2019 ‐ La Stampa

Una morte ancora da chiarire da un lato, la polemica politica che continua dall’altro. Non c’è pace a Empoli, dove tre giorni fa Arafet Arfaoui, un 31enne di origine tunisina, è morto durante un fermo di polizia con mani e...