Pressioni a un consulente della famiglia Regeni: la procura di Roma apre un’inchiesta 

Pubblicato sabato, 12 gennaio 2019 ‐ La Stampa


La Procura di Roma indaga sulle pressioni ricevute al Cairo dal consulente egiziano della famiglia Regeni da personale della National Security di Nasr City. All’ufficio della National Security appartengono alcuni degli ufficiali indagati dai pm capitolini nell’ambito dell’inchiesta sulla morte del ricercatore italiano. «Un segnale davvero inquietante che non fa che rendermi sempre più certo della scelta fatta nelle scorse settimane di interrompere i rapporti con il Parlamento egiziano -ha commentato il presidente della Camera Roberto Fico- La Procura di Roma ha fatto e sta facendo un lavoro straordinario, e ha il supporto di tutte le istituzioni».
L’inchiesta sarà aperta alla luce dell’esposto presentato dall’avvocato Alessandra Ballerini, legale della famiglia di Giulio Regeni e per prima cosa dovrà valutare la sussistenza della competenza della magistratura italiana considerando che i fatti sono avvenuti all’estero e non coinvolgono direttamente cittadini italiani. L’esposto, in base a quanto si apprende, è stato depositato negli uffici della Digos di Genova e arriverà all’attenzione del pm Sergio Colaiocco nei primi giorni della prossima settimana. Nel documento l’avvocato Ballerini ricostruisce gli eventi delle ultime ore ritenendo «leso il diritto di difesa della famiglia Regeni» e «lo svolgimento dell’attività difensiva nel loro interesse, in particolare in relazione alla situazione processuale, con la recente iscrizione nel registro degli indagati di cinque ufficiali egiziani».
Nell’esposto il legale afferma di avere ricevuto il 10 gennaio «una telefonata dal nostro consulente a Il Cario, Mohamed Lotfy, (presidente dell’Ecrf) il quale riferiva di una telefonata dell’ufficio della National Security di Nasr City. L’interlocutore al telefono - si legge nell’esposto - inizialmente rappresentava che l’oggetto della conversazione sarebbe stata la situazione di Amal Fathy, moglie di Lotfy, attualmente ai domiciliari sotto la sorveglianza della National Security di Giza». Una affermazione che per il penalista appare «non credibile, in quanto l’ufficio della National Security competente per il procedimento a carico della signor Fathy risulta essere quello di Giza e non quello di Nasr City». La conversazione, quindi, «virava ben presto su differente oggetto e l’interlocutore invitava Lotfy a recarsi negli uffici della National Security di Nasr City per riferire sulle indagini che lo stesso Lotfy sta seguendo e che risultano di competenza di tale ufficio» e cioè sul caso del ricercatore rapito, torturato e ucciso nel 2016 al Cairo. Al rifiuto di Lofty da fare da informatore l’interlocutore ha affermato che «questa decisione avrebbe avuto conseguenze contrarie “agli interessi suoi e della sua famiglia”».










Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da La Stampa

Pubblicato mercoledì, 03 luglio 2019 ‐ La Stampa

Non riesce ad ottenere gli assegni familiari per mantenere i suoi quattro figli e minaccia di darsi fuoco. È successo questa mattina, mercoledì 3 luglio, davanti all’Inps di Torino Nord. Maria Letizia Giustizieri si era presentata ...

Pubblicato mercoledì, 03 luglio 2019 ‐ La Stampa

Hanno venduto online centinaia di false polizze assicurative. Sono 222 in tutto i siti oscurati dalla procura di Milano. Il Nucleo speciale tutela della privacy e frodi tecnologiche della Guardia di finanza, che ha condotto le indagini, sta eseguendo ...

Pubblicato mercoledì, 03 luglio 2019 ‐ La Stampa

In questi giorni al Nord e marginalmente su parte del Centro si sta registrando una moderata tregua dal caldo per effetto di un cedimento della struttura dell’alta pressione africana. Le temperature hanno infatti perso parecchi gradi rispetto...

Pubblicato mercoledì, 03 luglio 2019 ‐ La Stampa

Siamo sempre di meno e se non ci fossero gli immigrati il numero sarebbe ancora più piccolo. Lo dice l’ultimo studio dell’Istat secondo cui il declino demografico in Italia è rallentato dalla crescita dei cittadini...

Pubblicato mercoledì, 03 luglio 2019 ‐ La Stampa

Il presidente iraniano Mohammed Rohani ha annunciato che da domenica 7 luglio l’Iran è pronto ad arricchire l’uranio «a qualsiasi livello che riterrà necessario», quindi anche oltre il limite del 3,67 per cento....

Pubblicato mercoledì, 03 luglio 2019 ‐ La Stampa

Da una parte due studentesse ventenni, vittime giovedì sera di una tentata violenza sessuale a Brescia, dall’altra il presunto responsabile, un senegalese di qualche anno più grande che ieri ha tentato il suicidio. Nel mezzo...

Pubblicato mercoledì, 03 luglio 2019 ‐ La Stampa

Oggi a Strasburgo il Parlamento Europeo, che si è insediato ieri, elegge il suo presidente, il successore di Antonio Tajani per i prossimi due anni e mezzo. I candidati sono due donne, la spagnola Sira Rego della sinistra Gue/Ngl e la verde...

Pubblicato mercoledì, 03 luglio 2019 ‐ La Stampa

In pieno scandalo Csm, un’altra maxi operazione anticorruzione porta in manette un giudice del tribunale di Napoli accusato di corruzione in atti giudiziari. Si tratta di Alberto Capuano, 60 anni, gip presso il tribunale di Napoli nella sezione ...

Pubblicato mercoledì, 03 luglio 2019 ‐ La Stampa

Più che una storia vera, sembra la trama di un film comico. Uno di quelli che mostrano le disavventure di un gruppo di banditi imbranati. Le scorribande della vecchia Anonima sarda con questa storia c’entrano davvero poco o niente. Il...

Pubblicato mercoledì, 03 luglio 2019 ‐ La Stampa

È morto l’uomo che in Ford ha lanciato la leggendaria Mustang. È morto l’uomo che ha salvato Chrysler dalla bancarotta. Lee Iacocca, icona dell’industria dell’auto, è morto all’età di 94 anni. ...

Pubblicato mercoledì, 03 luglio 2019 ‐ La Stampa

Silvia è un’operatrice dell’Ama, la municipalizzata dei rifiuti di Roma, e durante la mattina del 2 luglio mentre fa il suo lavoro di tecnico operativo in una delle sedi territoriali dell’azienda, nel cuore di Trastevere,...

Pubblicato mercoledì, 03 luglio 2019 ‐ La Stampa

Una donna per la prima volta alla guida della Commissione europea. Una donna per la prima volta a capo della Bce. Riparte da qui la nuova legislatura europea: da due volti femminili che segnano una svolta nella storia delle istituzioni Ue, ma che al...

Pubblicato mercoledì, 03 luglio 2019 ‐ La Stampa

Le regine della nera si litigano un assassino. Oppure, la faida dell’estate vede protagoniste le primedonne del noir televisivo. #Leosiners e #chilavisiters di solito alleati nella stima reciproca stavolta scendono in guerra. E’ stato...

Pubblicato mercoledì, 03 luglio 2019 ‐ La Stampa

Almeno 14 marinai sono stati uccisi da un incendio scoppiato a bordo di un sommergibile russo. A 19 anni dalla terribile tragedia del Kursk, un’altra sciagura si è abbattuta su un sottomarino della Marina di Mosca. Ma oggi come allora,...

Pubblicato mercoledì, 03 luglio 2019 ‐ La Stampa

E’ una valanga di discredito che non accenna a fermarsi, lo scandalo sulle nomine al Consiglio superiore della magistratura. Leggendo sui giornali le intercettazioni di imbarazzanti conversazioni tra il procuratore generale della Cassazione,...