Pressioni a un consulente della famiglia Regeni: la procura di Roma apre un’inchiesta 

Pubblicato sabato, 12 gennaio 2019 ‐ La Stampa


La Procura di Roma indaga sulle pressioni ricevute al Cairo dal consulente egiziano della famiglia Regeni da personale della National Security di Nasr City. All’ufficio della National Security appartengono alcuni degli ufficiali indagati dai pm capitolini nell’ambito dell’inchiesta sulla morte del ricercatore italiano. «Un segnale davvero inquietante che non fa che rendermi sempre più certo della scelta fatta nelle scorse settimane di interrompere i rapporti con il Parlamento egiziano -ha commentato il presidente della Camera Roberto Fico- La Procura di Roma ha fatto e sta facendo un lavoro straordinario, e ha il supporto di tutte le istituzioni».
L’inchiesta sarà aperta alla luce dell’esposto presentato dall’avvocato Alessandra Ballerini, legale della famiglia di Giulio Regeni e per prima cosa dovrà valutare la sussistenza della competenza della magistratura italiana considerando che i fatti sono avvenuti all’estero e non coinvolgono direttamente cittadini italiani. L’esposto, in base a quanto si apprende, è stato depositato negli uffici della Digos di Genova e arriverà all’attenzione del pm Sergio Colaiocco nei primi giorni della prossima settimana. Nel documento l’avvocato Ballerini ricostruisce gli eventi delle ultime ore ritenendo «leso il diritto di difesa della famiglia Regeni» e «lo svolgimento dell’attività difensiva nel loro interesse, in particolare in relazione alla situazione processuale, con la recente iscrizione nel registro degli indagati di cinque ufficiali egiziani».
Nell’esposto il legale afferma di avere ricevuto il 10 gennaio «una telefonata dal nostro consulente a Il Cario, Mohamed Lotfy, (presidente dell’Ecrf) il quale riferiva di una telefonata dell’ufficio della National Security di Nasr City. L’interlocutore al telefono - si legge nell’esposto - inizialmente rappresentava che l’oggetto della conversazione sarebbe stata la situazione di Amal Fathy, moglie di Lotfy, attualmente ai domiciliari sotto la sorveglianza della National Security di Giza». Una affermazione che per il penalista appare «non credibile, in quanto l’ufficio della National Security competente per il procedimento a carico della signor Fathy risulta essere quello di Giza e non quello di Nasr City». La conversazione, quindi, «virava ben presto su differente oggetto e l’interlocutore invitava Lotfy a recarsi negli uffici della National Security di Nasr City per riferire sulle indagini che lo stesso Lotfy sta seguendo e che risultano di competenza di tale ufficio» e cioè sul caso del ricercatore rapito, torturato e ucciso nel 2016 al Cairo. Al rifiuto di Lofty da fare da informatore l’interlocutore ha affermato che «questa decisione avrebbe avuto conseguenze contrarie “agli interessi suoi e della sua famiglia”».










Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da La Stampa

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ La Stampa

Dalla fama di pioniere dei cooking-show televisivi al crac. È collasso economico, nel Regno Unito, per la catena italian style di Jamie Oliver, celebrity-chef della tv britannica e affascinante volto noto del nuovo jet set di Londra. Il suo...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ La Stampa

I 100 anni della presenza Fiat in Argentina sono stati festeggiati, a Buenos Aires, con un grande evento, con oltre 400 invitati, nel complesso fieristico La Rural. Alla celebrazione ha partecipato il presidente della Repubblica Argentina, Mauricio...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ La Stampa

Aveva i piedi legati ed era pieno di lividi. Ucciso probabilmente con un forte colpo alla testa. Un bimbo di soli due anni, figlio di una coppia nomade, di origine serbo croata. Ad avvisare gli agenti sarebbe stato il padre, un trentaquattrenne,...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ La Stampa

Un bus turistico è uscito di strada e si è ribaltato questa mattina sulla Siena-Firenze all’altezza di Monteriggioni in direzione sud. Una persona è morta. A bordo una comitiva di turisti russi, tra i quali ci sarebbero...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ La Stampa

Ergastolo per Cesare Battisti. Così ha deciso la Corte d’Assise di Milano che ha messo così la parola fine al capitolo giudiziario sull’esecuzione della pena dell’ex terrorista dei Pac, condannato per quattro omicidi...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ La Stampa

«Il Paese non riparte con lo slancio dovuto, necessario, che è alla nostra portata, che ci meritiamo. Per rimetterci a correre sarà utile liberarci dal peso di parole che inducono alla sfiducia, che evocano negatività, che...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ La Stampa

Aveva i piedi legati ed era pieno di lividi. Ucciso probabilmente con un forte colpo alla testa. Un bimbo di soli due anni, figlio di una coppia nomade, di origine serbo croata. Ad avvisare gli agenti sarebbe stato il padre, un trentaquattrenne,...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ La Stampa

Da +1,3% a +0,3%: l’Istat ha tagliato le stime del Pil per quest’anno. Una «forte revisione» delle previsioni di crescita rispetto ai dati rilasciati a novembre, spiega l’Istituto, sottolineando inoltre il «deciso...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ La Stampa

Gli Stati Uniti sospettano che il regime di Assad abbia nuovamente usato armi chimiche in Siria. E si dicono pronti, insieme agli alleati, a «rispondere rapidamente e in modo appropriato». Un’eventualità che apre per Donald...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ La Stampa

Non si placa il braccio di ferro sul decreto sicurezza bis. Dopo le limature al testo apportate sulla base delle criticità segnalate dal Colle, Matteo Salvini chiede il via libera oggi in Consiglio dei ministri, che però non è...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ La Stampa

L’Antitrust autorizza l’operazione di concentrazione Sky-R2, la società che contiene la piattaforma del digitale terrestre usata da Premium, ma impone a Sky «per 3 anni misure atte a ripristinare la concorrenza nel mercato...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ La Stampa

L’ascesa al Quirinale di un outsider come Sergio Mattarella fu possibile grazie a un colloquio riservato tra due personaggi che non si parlavano da anni e che non si sarebbero più incontrati: Matteo Renzi e Pierluigi Bersani. Lo racconta ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ La Stampa

Dopo l’affaire Huawei, l’amministrazione Usa sta valutando se porre limiti anche a un altro gigante cinese, Hikvision, a cui vuole impedire di comprare tecnologia statunitense utilizzabile per dispositivi di riconoscimento facciale, come...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ La Stampa

Più libri che persone. A detenere questo primato è una città norvegese, Mundal, dove i libri si trovano proprio ovunque, anche alle fermate del bus. Qui le paline sono delle biblioteche a cielo aperto, e ovunque si guardi...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ La Stampa

Il governo cadrà davvero il giorno dopo le elezioni? Il resoconto del Consiglio dei ministri di lunedì notte ci offre una narrazione diversa dalle urla della campagna elettorale: tre nomine cruciali (Inps, Ragioneria, Guardia di...