Pressioni a un consulente della famiglia Regeni: la procura di Roma apre un’inchiesta 

Pubblicato sabato, 12 gennaio 2019 ‐ La Stampa


La Procura di Roma indaga sulle pressioni ricevute al Cairo dal consulente egiziano della famiglia Regeni da personale della National Security di Nasr City. All’ufficio della National Security appartengono alcuni degli ufficiali indagati dai pm capitolini nell’ambito dell’inchiesta sulla morte del ricercatore italiano. «Un segnale davvero inquietante che non fa che rendermi sempre più certo della scelta fatta nelle scorse settimane di interrompere i rapporti con il Parlamento egiziano -ha commentato il presidente della Camera Roberto Fico- La Procura di Roma ha fatto e sta facendo un lavoro straordinario, e ha il supporto di tutte le istituzioni».
L’inchiesta sarà aperta alla luce dell’esposto presentato dall’avvocato Alessandra Ballerini, legale della famiglia di Giulio Regeni e per prima cosa dovrà valutare la sussistenza della competenza della magistratura italiana considerando che i fatti sono avvenuti all’estero e non coinvolgono direttamente cittadini italiani. L’esposto, in base a quanto si apprende, è stato depositato negli uffici della Digos di Genova e arriverà all’attenzione del pm Sergio Colaiocco nei primi giorni della prossima settimana. Nel documento l’avvocato Ballerini ricostruisce gli eventi delle ultime ore ritenendo «leso il diritto di difesa della famiglia Regeni» e «lo svolgimento dell’attività difensiva nel loro interesse, in particolare in relazione alla situazione processuale, con la recente iscrizione nel registro degli indagati di cinque ufficiali egiziani».
Nell’esposto il legale afferma di avere ricevuto il 10 gennaio «una telefonata dal nostro consulente a Il Cario, Mohamed Lotfy, (presidente dell’Ecrf) il quale riferiva di una telefonata dell’ufficio della National Security di Nasr City. L’interlocutore al telefono - si legge nell’esposto - inizialmente rappresentava che l’oggetto della conversazione sarebbe stata la situazione di Amal Fathy, moglie di Lotfy, attualmente ai domiciliari sotto la sorveglianza della National Security di Giza». Una affermazione che per il penalista appare «non credibile, in quanto l’ufficio della National Security competente per il procedimento a carico della signor Fathy risulta essere quello di Giza e non quello di Nasr City». La conversazione, quindi, «virava ben presto su differente oggetto e l’interlocutore invitava Lotfy a recarsi negli uffici della National Security di Nasr City per riferire sulle indagini che lo stesso Lotfy sta seguendo e che risultano di competenza di tale ufficio» e cioè sul caso del ricercatore rapito, torturato e ucciso nel 2016 al Cairo. Al rifiuto di Lofty da fare da informatore l’interlocutore ha affermato che «questa decisione avrebbe avuto conseguenze contrarie “agli interessi suoi e della sua famiglia”».










Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da La Stampa

Pubblicato lunedì, 25 marzo 2019 ‐ La Stampa

Un calciatore di 22 anni, Roger Maria Pizzi, residente a San Giorgio di Piano, nel Bolognese, è morto ieri all’Ospedale Maggiore di Bologna dopo essere stato colto da un malore durante una partita del campionato seconda categoria...

Pubblicato lunedì, 25 marzo 2019 ‐ La Stampa

Come si fa a reinventare l’Europa? Con WeEuropeans, ribattezzata da Make.Org e Civico Europa «la più grande consultazione pubblica di sempre» due milioni di cittadini europei hanno formulato 30mila proposte in tre mesi. Le...

Pubblicato lunedì, 25 marzo 2019 ‐ La Stampa

Caduta dell’indice Nikkei della Borsa di Tokyo che ha chiuso la prima seduta della settimana con un ribasso del 3%, il peggior calo dell’anno. È tornata la paura di un rallentamento dell’economia mondiale, spiegano gli...

Pubblicato lunedì, 25 marzo 2019 ‐ La Stampa

Un razzo lanciato da Gaza ha colpito questa mattina una casa in un sobborgo di Tel Aviv. Sei persone sono rimaste ferite e sono state ricoverate in ospedale. L’ordigno ha sfondato parte del tetto. Il premier Benjamin Netanyahu, in viaggio negli ...

Pubblicato lunedì, 25 marzo 2019 ‐ La Stampa

Abbastanza appartata per scambiarsi un bacio, non troppo lontano dall’ingresso del Life, perché, a notte fonda, il Valentino non è propriamente un posto sicuro. Lo sapeva anche la coppia di ragazzi che l’altra sera ha...

Pubblicato lunedì, 25 marzo 2019 ‐ La Stampa

Il centrodestra si avvia a vincere le elezioni regionali in Basilicata, per la prima volta dopo 24 anni: con lo spoglio delle sezioni al 75%, il candidato governatore Vito Bardi è avanti con oltre il 42% delle preferenze. Il Movimento 5 stelle ...

Pubblicato lunedì, 25 marzo 2019 ‐ La Stampa

Zero polemiche e tanta emozione, dietro le quinte e davanti alle telecamere. Quando Ramy e Adam, i due tredicenni che hanno lanciato l’allarme ed evitato la strage del bus sulla Paullese, entrano nello studio di Che tempo che fa accolti da un...

Pubblicato lunedì, 25 marzo 2019 ‐ La Stampa

Nessun reato di collusione con i russi nelle interferenze sulle elezioni presidenziali del 2016. Porta a un primo proscioglimento di Donald Trump il Russiagate, l’inchiesta conclusa dal procuratore speciale Robert Mueller e i cui atti sono...

Pubblicato lunedì, 25 marzo 2019 ‐ La Stampa

«Cento anni dopo siamo ancora tutti qui, sotto al cielo di Milano», festeggia Gianluca Iannone, 44 anni, leader del gruppo rock Zetazeroalfa, dal palco del capannone di via Toffetti, a sudest del centro. Dovrebbero essere i...

Pubblicato domenica, 24 marzo 2019 ‐ La Stampa

Weekend di sole, ma anche di code in Riviera. Diciotto i chilometri di coda segnalati nel tardo pomeriggio lungo l’Autofiori tra i caselli di Pietra Ligure e Savona, in direzione Genova. La situazione era già cominciata a diventare...

Pubblicato domenica, 24 marzo 2019 ‐ La Stampa

Dopo giorni di piena primavera, sull’Italia è in arrivo una perturbazione proveniente dal Nord Europa, la settima dell’anno e la prima della stagione, che porterà forti venti di burrasca ed un calo delle temperature...

Pubblicato domenica, 24 marzo 2019 ‐ La Stampa

Uber si prepara ad annunciare l’acquisizione della rivale di Dubai Careem Networks FZ. Lo riporta l’agenzia Bloomberg citando alcune fonti, secondo le quali l’operazione ha un valore di 3,1 miliardi di dollari ed è parte in...

Pubblicato domenica, 24 marzo 2019 ‐ La Stampa

La premier romena, Viorica Dancila, ha annunciato lo spostamento dell’ambasciata a Gerusalemme, primo Paese in Europa a seguire l’esempio degli Stati Uniti di Donald Trump. La notizia è stata data durante l’intervento della...

Pubblicato domenica, 24 marzo 2019 ‐ La Stampa

Disagi in vista per chi volerà lunedì 25 marzo a causa dello sciopero nazionale in tutto il settore del trasporto. I lavoratori di Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl Trasporto Aereo si fermeranno dalle 10 alle 14 e, nella stessa...

Pubblicato sabato, 23 marzo 2019 ‐ La Stampa

Minacciata con i vetri di una bottiglia da uno sconosciuto, che l’ha sorpresa a due passi da una discoteca. Lo scopo non era una rapina ma una violenza. È successo nelle prime ore di questa mattina, domenica 24 marzo. «Ero al...